Suhair Atassi per Shaam: ci dimettiamo perché rifiutiamo l’imposizione di Mosca

L’intervista è stata pubblicata sul sito Shaam.org con il titolo سهير الأتاسي لـ شام: استقالتنا رفضاً لخيار الاستسلام المطروح على السوريين دولياً Traduzione dall’arabo di Filomena Annunziata L’annuncio mercoledì scorso delle dimissioni di un certo numero di membri dell’opposizione della Coalizione nazionale siriana, in particolare Suheir al-Atassi, George Sabra e Khalid Khoja, ha suscitato molte…

Siria e questione morale: alcuni attivisti hanno perso la bussola

di Maher Arar, tradotto dall’inglese da Alice Bonfatti. L’articolo è stato originariamente inviato a The Intercept nel gennaio 2017, e poi rifiutato. Nonostante la risposta dell’editor, non è stata fornita nessuna spiegazione valida al rifiuto. L’articolo è comparso infine su Hummus For Thought. Foto in evidenza: John Lehmann/Globe and Mail *** So cosa stai pensando:…

Comunicato stampa – WE EXIST

Sono disponibili portavoce che parlano in inglese, tedesco, francese, italiano e arabo (biografie e contatti in allegato o a questo link: https://goo.gl/ZKVCJf) Lunedì 23 aprile – con preghiera di immediata diffusione La coalizione “ We exist! ” chiede all’ONU e all’UE di non abbandonare la società civile siriana. La pace è possibile solo se le…

Lettere a Samira (9)

Traduzione dall’inglese di Giovanna De Luca, revisione di Filomena Annunziata 3 aprile 2018 Sei cosciente di quello che succede intorno a te, Sammour? Sicuramente senti i bombardamenti, e forse ti sembrerà, da come si comportano i tuoi carcerieri, che questa volta le cose siano diverse. Lo sono e molto, Sammour. Sembra che l’emirato di Jaysh…

Intervento in Siria, parla Shiyam Galyon

(1) Il dibattito sull’opportunità di un intervento in Siria è fuorviante. Molte nazioni sono già intervenute in Siria. Gli Stati Uniti sono arrivati nel paese nel 2014 attraverso la Coalizione anti-ISIS a guida statunitense e nel contesto di una più ampia guerra al terrore che ha ucciso circa 6.000 civili nel raggiungere lo scopo (fonte: Airwars)….

Quali opportunità per una transizione democratica in Siria?

Articolo della redazione di Enab Baladi Traduzione di Filomena Annunzita e Sara di Iorio Sono trascorsi sette anni dal primo grido di libertà in Siria, che ha assunto la forma di una protesta popolare che mirava a voltare pagina rispetto ai decenni di repressione e censura. Oggi, i siriani si trovano di fronte a un…

L’opposizione siriana dovrebbe supportare l’autonomia curda

Articolo scritto da Robin-Yassin Kassab per The New Arab Tradotto da Filomena Annunziata Nato marxista-leninista, il Partito dei Lavoratori Curdi, o PKK, si è trasformato in una milizia di partito separatista di impostazione autoritario-anarchica (sì, è un ossimoro) dedito ad una guerra a intermittenza con lo stato turco. Il Partito dell’Unione Democratica, o PYD, è…

Sedici anni nelle prigioni di Assad hanno fatto di me uno scrittore

Questo articolo è disponibile in originale sulla pagina Facebook dello scrittore. Traduzione dall’arabo di Nurah EL Assouad Revisione di Sami Haddad Intervista di Mustafa Can, noto scrittore svedese, originario del Kurdistan turco allo scrittore siriano Yassin Al Haj Saleh. “Ringrazio di cuore Tina Abzakh, Abd Al Haj, Firas Al Haqqi e Sameh Khalaf, per le…

Razan Zaytouneh e i suoi compagni: la cultura della libertà

di Elias Khoury, pubblicato su Al-Quds Al-Araby (17 dicembre 2017)  رزان زيتونة ورفاقها: ثقافة الحرية Traduzione dall’originale arabo di Marianna Barberio Il rapimento di Razan Zaytouneh, Samira Khalil, Wael Hamada e Nazem Hamady1 a Douma, nel Rif di Damasco, dove a prevalere è il Jaysh al-Islam2 (o Esercito dell’Islam), suscita interrogativi profondi non solo sul…

Dichiarazione congiunta delle organizzazioni della società civile siriana: la conferenza di Sochi minaccia il processo di pace (gennaio 2018)

All’inizio di quest’anno 133 organizzazioni rappresentati della società civile siriana hanno sottoscritto questa dichiarazione congiunta condannando il ruolo della Russia, attualmente l’attore principale sul terreno riguardo la situazione militare, come principale sponsor della conferenza. La Dichiarazione vuole mettere in guardia i membri della comunità internazionale, e in particolare l’ONU sull’opportunità di prendere parte a dei…

Aleppo, un anno dopo

di Flavia Fusco Ad un anno dalla caduta dell’enclave ribelle di Aleppo, la tragedia umanitaria e politica che si è consumata tra le strade di quella che era la città più popolosa della Siria, stenta a perdere attualità. Per l’importanza strategica della città, il disastroso esito della battaglia di Aleppo, non ha significato semplicemente una…