Omicidi in aumento: Daraa sta tornando al punto di partenza?

-A cura di Marina Centonze e Giovanna De Luca. Abbiamo deciso di proporre una serie di articoli che descrivono la situazione a Daara e più in generale nella zona sud della Siria, ad un anno del reinsediamento del regime di Bashar al Assad. Nella zona sono ricomparsi i graffiti contro il regime, alla fine dell’articolo ve ne proponiamo qualcuno.

 

Articolo di Walid Al Nofal. Pubblicato il 24 luglio 2019  in Syria Direct

BF30AC15-E1E0-4478-8022-2496CD7D38B8Un bus militare colpito da una bomba nella campagna ad est di Daraa(17-07-19 attivisti locali)

AMMAN – Il bombardamento di un autobus militare siriano nel governatorato di Daraa da parte di un gruppo sconosciuto il 17 giugno ha esemplificato l’intensificarsi della violenza che sta inghiottendo la Siria meridionale mentre una moltitudine di gruppi competono per predominare sulla scia della riconquista delle forze siriane e russe nell’area nel Luglio 2018.

Nell’ultimo anno, la violenza, in generale, è diventata di nuovo la normalità nel sud della Siria.  Tuttavia, l’esplosione che ha colpito un autobus militare della Quarta divisione corazzata, sulla strada tra la città di Daraa e la città di al-Yadudah, è stata unica per le sue dimensioni e il numero di ufficiali e soldati morti e feriti.

Un ufficiale di polizia siriano ha detto a Sputnik, in un comunicato stampa del governo russo, che l’esplosione “ha ucciso cinque soldati siriani e ne ha ferito altri 14”. SANA, l’agenzia di stampa del governo siriano ha anche riferito che “i terroristi hanno preso di mira un veicolo militare sulla strada per la città di  al-Yadudah, a ovest della città di Daraa la mattina del 17 luglio,” senza menzionare il numero di morti e feriti.

Tuttavia, una fonte vicina alla Quarta Divisione ha riferito a Syria Direct che l’incidente ha provocato “la morte di cinque ufficiali di diversi gradi e ferito anche altri, la maggior parte dei quali ha subito amputazioni degli arti”.

Lo stesso giorno, un generale della direzione dell’intelligence dell’aeronautica militare è stato ucciso ad ovest di Daraa da un’autobomba.  Anche i membri della sua famiglia sono rimasti feriti nell’esplosione, secondo informazioni pro-regime.

Solo poche ore prima di questi due attentati, Mohammad al-Banat, un predicatore islamico, è riuscito a sfuggire a un tentativo di omicidio nella città di Muzayrib, nella parte occidentale di Daraa.  Gli aggressori non sono stati identificati.

Sulle moto hanno aperto il fuoco, ferendolo lievemente. Al-Banat è membro del Comitato Centrale di Daraa, comitato formatosi dopo che le forze governative siriane hanno preso il controllo del governatorato lo scorso anno, al fine di completare i negoziati tra l’opposizione e il governo per raggiungere la “riconciliazione” tra le due parti.

C’è stato anche un tentativo di assassinio di un ex leader militare dell’opposizione nella città di Daraa.  Una bomba lungo la strada è esplosa vicino alla sua auto la sera del 20 luglio, ferendo leggermente lui e molti altri.  Nessuno ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

Lo stesso giorno, una carica esplosiva è scoppiata in un’auto appartenente a un primo luogotenente del ramo della sicurezza militare nella città di Nawa, nella campagna occidentale di Daraa.  Il tenente è stato ferito e portato in ospedale per cure, secondo fonti locali.

Il governatorato di Daraa ha visto un “aumento degli attacchi fisici, sociali e politici contro alcuni individui che erano attivisti civili e contro militari durante la rivoluzione siriana”, ha detto in forma anonima a Syria Direct un membro del comitato per le negoziazioni nella città di Daraa. Hanno anche osservato che “attualmente militari e attivisti civili che sono a favore del regime sono anch’essi presi di mira”.

La violenza è “sistematica” ed è perpetrata da “una parte”, secondo il membro del comitato per le negoziazioni.  “Il suo obiettivo è quello di confondere la situazione nel sud della Siria per creare un grande vuoto e mettere in atto l’agenda politica degli Stati circostanti.”

Sebbene la fonte non abbia specificato di quali stati si parlasse, è confermato che questo stato “funziona sotto la copertura della Quarta Divisione”.

La Quarta Divisione Corazzata è comandata da Maher al-Assad, il fratello minore di Bashar al-Assad. È una delle unità militari siriane più efficaci ed è conosciuta per la brutale repressione dei manifestanti, specialmente a Daraa. Ha inoltre incorporato ex combattenti dell’opposizione del Governatorato di Daraa dopo gli accordi di riconciliazione del luglio 2018.

D’altra parte, una fonte vicina alla Quarta Divisione ha accusato Damasco di essere dietro i bombardamenti.  Riferendosi al bombardamento del 17 luglio, hanno detto a Syria Direct: “Guardando la gravità del danno dall’interno del bus”, è probabile che a loro avviso “il dispositivo esplosivo sia stato piazzato all’interno del bus”.

Secondo loro, “attraverso questi attacchi, il regime vuole costringere i nuovi membri delle forze governative che si sono arruolati nell’esercito a seguito degli accordi di riconciliazione, in particolare i membri della Quarta Divisione nella campagna occidentale, a ritirarsi  alla caserma militare della città di Izraa e dal settore centrale, area centrale del Governatorato di Daraa.”

Sebbene non vi sia alcuna certezza che il governo sia coinvolto in questi attacchi, un possibile motivo per tale attacco potrebbe essere la diffidenza di Damasco nei confronti degli ex combattenti dell’opposizione che erano stati incorporati nella Quarta Divisione. Si parla di combattenti che detengono lealtà all’Iran o alla Russia, cosa che irriterebbe Damasco.

Bloccato nel fuoco incrociato della rivalità tra i servizi di sicurezza.

Un anno dopo la riconquista del governo della Siria meridionale, la regione è ancora “divisa” lungo i “confini nascosti” imposti dagli accordi di riconciliazione e di insediamento, che hanno creato aree di influenza incoerenti e talvolta contrastanti.

In alcune parti del governatorato di Daraa, le ex milizie dell’opposizione mantengono la loro influenza, qualcosa rafforzato dalla loro resistenza alle forze governative prima di accettare un accordo di riconciliazione.  Al contrario, in altre parti del governatorato, dove le milizie si sono arrese incondizionatamente, il controllo del governo è assoluto.

Un ex coordinatore politico del Fronte meridionale, un’organizzazione ombrello della maggior parte dei gruppi armati dell’opposizione a Daraa e Quneitra che si sciolse con l’ingresso delle forze governative nel sud, ha detto a Syria Direct, sotto condizione di anonimato che “colpire l’opposizione e le persone affiliate sono un passo verso l’eliminazione di qualsiasi persona che possa impedire l’espansione del regime e il controllo iraniano nella regione”.

Allo stesso modo, il targeting dei checkpoint militari, secondo loro, “è puramente un pretesto che il regime e le sue milizie usano per giustificare le loro operazioni a sorpresa e le ricerche per trovare armi e persone ricercate dal regime nel sud della Siria.”

Inoltre, il tipo di omicidi compiuti nel sud assomiglia ricorda i metodi utilizzati in passato dai servizi di sicurezza, compresi quelli che prendono di mira i funzionari militari del governo.

“In passato sono stati utilizzati assassini per risolvere le controversie tra i rami del governo”, secondo il membro del comitato di negoziazione della città di Daraa.

Tuttavia, non c’è probabilmente solo un attore dietro la recente ondata di violenza. Un ex leader militare dell’opposizione ha confermato a Syria Direct che gli incentivi per alcune delle operazioni sono “ritorsioni e vendette, a seguito della guerra contro IS [ISIS], che ha ucciso molte persone di entrambe le parti [opposizione e IS]”.

Hanno aggiunto che “alcuni dei criminali [sia membri IS sia criminali comuni] perseguiti sia dal tribunale affiliato all’opposizione (Dar Al Adl) sia dalle fazioni dell’opposizione, stanno intraprendendo operazioni di rappresaglia contro i leader dell’opposizione.  Il governo sta fornendo loro un sostegno clandestino per eseguire queste operazioni”.

Tuttavia, secondo l’ex leader militare, “alcune delle operazioni che prendono di mira i checkpoint militari [governativi] sono il risultato delle restrizioni imposte da questi checkpoint, oltre all’esercito che sfrutta i residenti locali per estorcere tangenti”.

La confusione sulle parti responsabili dell’escalation della violenza e dei “metodi di sicurezza seguiti dalle milizie settarie e dalle agenzie di sicurezza” potrebbe portare, come ha avvertito il negoziatore, Daraa a “tornare al punto di partenza, creando una scusa per la ripresa delle armi nel sud come ritorsione da parte dei suoi residenti”.

La soluzione all’attuale instabilità nella loro opinione è quella di “attuare secondo le esigenze delle persone e cambiare il comportamento e i metodi dei servizi di sicurezza nei confronti dei residenti e delle loro richieste, oltre a trattare tutti in conformità con la legge e  rispettare i loro diritti di cittadini”.

Prendere di mira soldati russi

Mentre gli attacchi contro il governo e le figure e le entità affiliate all’opposizione sono diffusi nel sud, è stato fatto esplodere un ordigno sotto un veicolo della polizia militare russa il 13 luglio mentre stava andando dalla città di al-Sahoah a Bassora al-Sham nell’est di Daraa. Un fatto eccezionale. Tuttavia, non vi furono danni nè al veicolo nè ai soldati.

Il direttore della base aerea russa Khmeimim, il maggiore Alexi Bakeen, hanno accusato le organizzazioni terroristiche illegali “che lavorano in modo disperso nel sud della Siria” di essere responsabili dell’esplosione “che mirava a complicare la situazione in questa regione”.

Tuttavia, “la compagnia meridionale” (Saraya al-Janoob), un gruppo di opposizione che in passato ha effettuato operazioni contro le forze governative, ha rapidamente negato la responsabilità dell’attacco.  Invece, il gruppo ha accusato le “milizie iraniane” di essere dietro l’attacco.

Una fonte del 5 ° Corpo di Bassora al-Sham, un gruppo militare  russo, ha detto a Syria Direct che le indagini sulle circostanze dell’attacco sono ancora in corso.  L’ex coordinatore politico con il Fronte meridionale ha anche affermato che “tutte le operazioni che colpiscono individui dell’opposizione hanno un legame con i russi, aumentando la probabilità del coinvolgimento iraniano nell’operazione”.

Il negoziatore della città di Daraa ha anche affermato che gli iraniani sono dietro l’attacco, affermando che l’incidente “fa parte del conflitto tra i servizi di sicurezza e Russia e Iran”.

“Reazione” alla mancanza di riconciliazione

Nel settembre 2018 è stata annunciata la formazione di un gruppo chiamato “Resistenza popolare”. Le informazioni sul gruppo sono limitate, ma sin dalla sua formazione, ha rivendicato la responsabilità di numerosi attacchi a colpi di arma da fuoco contro funzionari e posti del governo e della sicurezza, incluso il bombardamento di edifici di Mukhabarat nel governatorato di Daraa.

Dopo aver preso di mira un ufficio del partito Baath nella città di Umm Walad, nella parte orientale di Daraa, nel febbraio 2019, la compagnia meridionale ha rivendicato la responsabilità dell’operazione.  Il gruppo ha quindi emesso quello che chiamava un “avvertimento finale” affermando che avrebbe presto preso di mira altre strutture governative nel sud.

L’obiettivo di tali attacchi è “inviare un messaggio” al governo siriano affinché “stia alla larga dai civili”, secondo un portavoce del gruppo che ha parlato anonimamente con Syria Direct nel marzo del 2019.

Nonostante non vi sia alcuna relazione esplicita tra la Resistenza popolare e la Compagnia meridionale, i due gruppi condividono l’obiettivo di “rovesciare il regime”, secondo il portavoce della Compagnia meridionale. Il portavoce ha anche confermato che “il gruppo non ha rivendicato la responsabilità di tutti gli attacchi”.

Ci sono diverse cause per le reazioni violente al governo siriano e agli ex leader dell’opposizione, secondo l’ex coordinatore politico del Fronte meridionale. Il principale tra questi è che i giovani e alcuni leader della comunità sono “insoddisfatti degli accordi di riconciliazione”.

Fino ad ora, gli articoli dell’accordo di insediamento non sono stati attuati e non esiste ancora alcuna soluzione al problema dei disertori militari o di qualsiasi dichiarazione relativa a coloro che sono stati arrestati.  Ciò si aggiunge al rafforzamento della stretta di sicurezza degli apparati e alla repressione dei civili attraverso metodi come il servizio militare obbligatorio, nonché l’aumento dei prezzi, la mancanza di servizi e posti di lavoro e l’aumento della presenza iraniana e la diffusione dello sciismo iraniano”.

Di conseguenza, Mohammad Abdul Haq (pseudonimo), un giornalista indipendente che vive nelle campagne della Daraa orientale, ha dichiarato a Syria Direct che “l’opposizione siriana può ripristinare la propria forza se le tensioni si ripresentano, soprattutto perché l’accordo di riconciliazione sponsorizzato dalla Russia ha specificato solo la resa di armi pesanti.  I combattenti hanno mantenuto le loro armi medie e leggere in rifugi segreti, il che è ciò che dà all’opposizione armata la capacità di combattere nel caso in cui la situazione si riaccenda”.

Il nostro articolo anteriore sulla situazione a Daara

F0ABB939-1FC6-4BDA-8542-192A06952B1D

La Resistenza Popolare, Daara 24 novembre 2018

 

ECA48E01-02B0-44E4-A4FC-939AEB2D4C7B

È il tuo turno dottore

Daara, 16 ottobre 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...