Un anno dopo la riconciliazione, perché i residenti della Siria meridionale pagano di tasca propria per i servizi pubblici?

-A cura di Marina Centonze e Giovanna De Luca. Abbiamo deciso di proporre una serie di articoli che descrivono la situazione a Daara e più in generale nella zona sud della Siria, ad un anno del reinsediamento del regime di Bashar al Assad. Nella zona sono ricomparsi i graffiti contro il regime, alla fine dell’articolo ve ne proponiamo qualcuno.

 

Articolo di Walid Al Nofal, pubblicato il 20 giugno 2019 su Syria Direct

3BF84345-8312-40AA-8678-D294AE2F91D7

I residenti hanno installato un trasformatore per un pozzo d’acqua a Buser al-Harir, nel sud di Dara. Fonte: The Local Daara Administration

 

I residenti di una città della Siria meridionale riescono ad aver elettricità nelle proprie case perché pagano di tasca propria per installare linee elettriche e sono loro stessi a mettere insieme i soldi per i materiali e gli stipendi degli addetti alla manutenzione.

“Lo stato non ha la capacità di fornire questi servizi”, ha affermato Abu Mohammed, un venditore di ortaggi di 27 anni residente a Inkhil, nella campagna settentrionale della provincia siriana di Daraa.

“Siamo noi a pagare per tutto…acquistiamo le linee elettriche, paghiamo i pali dell’elettricità che trasportano la corrente dall’impianto principale al quartiere e da lì alle nostre case”.

Nel marzo 2019, il comune di Inkhil ha detto ai residenti che non poteva fornire elettricità ai quartieri della città, trasferendo tale onere sugli stessi abitanti, un onere elevato considerando l’economia decimata di Inkhil.

Abu Mohammed ha recentemente speso 40.000 lire siriane (circa $ 70) di tasca propria per ripristinare l’elettricità a casa sua.  Riceve un salario giornaliero di sole 2.000 lire siriane ($ 2,45) e dice che ha bisogno di quattro volte quella somma per riuscire ad alimentare la sua  famiglia.

“Il mio stipendio non è abbastanza”, ha detto Abu Mohammed a Syria Direct.  “Mi affido ai parenti che vivono fuori dal paese affinché mi aiutino ad affrontare il resto delle spese.”

La situazione a Inkhil ricorda quella delle città vicine.  Già sofferente per i problemi economici tra cui il crollo della lira siriana, la perdita di risorse naturali dovuta alle forze democratiche siriane a guida curda e l’ipoteca delle istituzioni statali, chiave per gli alleati Russia e Iran, Damasco si è dimostrato incapace di fornire servizi essenziali nei territori che ha riguadagnato nel sud della Siria a metà del 2018.

Un residente della città di Daraa, Issa Mohammed, ha confermato il resoconto di Abu Mohammed: “ogni persona dipende da sé stessa e paga di tasca propria per riparare la sua casa e per assicurarsi servizi come l’elettricità e poter comprare acqua dai camion.”

Quando il governo siriano ha ristabilito il controllo sulla Siria meridionale nell’estate del 2018, le ONG che operavano nell’area sono state costrette a chiudere, il che ha lasciato decine di migliaia di cittadini che erano venuti ad usufruire dei loro servizi senza alcun supporto.

Nella città di al-Tiba lungo il confine giordano, il servizio di telefonia fissa non è stato ancora ripristinato e l’elettricità è disponibile solo per due ore al giorno.  Le carenze nella fornitura di servizi si estendono al settore dell’istruzione, i residenti infatti hanno adottato metodi non tradizionali per assicurarsi che i loro figli possano studiare.

All’inizio dell’anno accademico 2019, le scuole della zona non sono state in grado di aprire a causa della mancanza di fondi, quindi i funzionari locali si sono rivolti a un gruppo comunale e hanno chiesto donazioni ai residenti attraverso WhatsApp.

Abu Khaled, ex funzionario del governo ad interim della Siria a Daara guidato dall’opposizione, ha parlato con Syria Direct utilizzando uno pseudonimo per motivi di sicurezza.  “I siriani, dentro e fuori il paese, hanno partecipato al programma di donazione.  Molti siriani della diaspora erano ansiosi di contribuire ”.

Tuttavia, Abu Khaled ha affermato che all’inizio del 2019 era stata raccolta solo una piccola quantità di denaro attraverso il gruppo WhatsApp, quantità che sarebbe servita a “pagare gli stipendi del personale di sorveglianza della scuola, acquistare forniture di base come carta e matite, e pagare la stampa degli esami “.

Un dipendente di un’organizzazione umanitaria con sede ad Amman, che in precedenza aveva lavorato per fornire servizi nel sud della Siria, ha affermato che il finanziamento dei servizi municipali attraverso donazioni di crowdsourcing era insostenibile.

“È vero che le donazioni soddisferanno le esigenze basiche e, ad esempio permetteranno di comprare carta e matite – per il momento – ma cosa accadrà per quanto riguarda la riparazione e la riapertura degli ospedali e il pagamento degli stipendi dei dipendenti?”, Ha detto il lavoratore della ONG, che ha parlato con Syria Direct mantenendo l’anonimato.  “Gli ospedali di Daara sono in crisi in questo momento.”

“Quanto è sostenibile questo modello, chiedere ai residenti locali di donare per mantenere attivi i servizi?”

Una fonte del governo siriano che lavora nel settore dei servizi municipali nel nord di Daara ha dichiarato a Syria Direct che la mancanza di servizi è il risultato della” scarsità di materiali e attrezzature nelle istituzioni statali attualmente”. Ha osservato che c’erano “molte sfide”  sulla via del ritorno alla vita normale nel sud della Siria.

Oltre a pagare per i propri servizi municipali, sui residenti grava un deterioramento dell’economia, l’aumento del tasso di disoccupazione ed il costo della ricostruzione delle loro case.

La Russia rimane concentrata sulla sicurezza

La Russia, che ha negoziato una resa con ribelli locali per conto del governo nel 2018, non è stata all’altezza delle promesse fatte ai suoi partner di negoziazione dell’opposizione nell’aiutare Damasco a fornire servizi municipali.

Nel luglio del 2018, il governo siriano e le sue milizie alleate hanno lanciato un’offensiva per strappare il controllo della Siria meridionale dall’opposizione.

Gli osservatori si aspettavano una lunga battaglia per quella che era una delle ultime roccaforti dell’opposizione rimaste nel paese, ma i combattimenti finirono in poche settimane. I gruppi ribelli firmarono una serie di accordi di pace localizzati con il governo siriano attraverso la mediazione russa, accordi in base ai quali i ribelli  consegnavano le loro aree a Damasco e deponevano  le armi.

In base agli accordi di pace, i ribelli rimasti erano ufficialmente esonerati dai crimini commessi mentre combattevano le forze del governo. Coloro che rifiutavano i termini degli accordi sono stati deportati, su autobus forniti dal governo ad Idlib o Aleppo, zone controllate dall’opposizione.

Durante i negoziati, la Russia ha cercato di convincere i negoziatori e le organizzazioni della società civile a non lasciare la zona, secondo quanto finti locali hanno riferito a Syria Direct.

Un medico che opera a Daara ha parlato con Syria Direct mantenendo l’anonimato, dicendo: “La leadership russa ha fatto un riconoscimento delle strutture mediche nella zona e ha incontrato il nostro staff, me compreso. Ci hanno consigliato di non partire per Idlib, assicurandoci che saremmo stati d’accordo con la conclusione dell’accordo di pace. ”

“L’ufficiale militare russo ci ha detto senza mezzi termini: ‘Nessuno va a Idlib. Chiunque partecipi volontariamente all’accordo di pace vedrà  soddisfatte le proprie  condizioni, non ti preoccupare. “Ma stiamo ancora aspettando che i russi mantengano le promesse fatte”.

I russi hanno promesso che avrebbero protetto e fornito le strutture mediche, ha detto il dottore, “ma la situazione rimane difficile per le cliniche e gli ospedali qui, e il regime non ha alcuna intenzione di migliorare la situazione”.

F46402C7-B2F6-4764-8195-E9E59A8B41C2

Un’équipe medica fornisce cure e medicine ai pazienti di al-Shaykh Maskin, una città nella campagna di Daara. Fonte: The Local Daara Administration

Abu Khaled, ex funzionario del governo ad interim della Siria, ha detto a Syria Direct che l’ospedale nel suo villaggio di al-Tiba funziona a malapena – mancano medici, servizi medici e medicine ”.

“Occasionalmente il governo invia un’auto dalla Mezzaluna rossa che si ferma in un’area pubblica per fornire cure, ma non fornisce servizi per i malati”.

Una persona che ha preso parte alle negoziazioni in Tafas,  ha parlato con Syria Direct rimanendo anonima, ed ha affermato che i russi “ascoltano le lamentele e le esigenze della gente, senza fare nulla per risolverle”.

“I russi ci hanno tenuto al corrente di tutto ciò che stava accadendo nell’area, ma non potevano fare nulla per la situazione in cui ci troviamo … Non possono procurarci un sacco di farina nemmeno se ci provano.” A Daara, i negoziatori  hanno presentato alle delegazioni russe un elenco di denunce relative alla mancanza di servizi, ma “ciò non ha cambiato nulla”.

Dall’inizio degli accordi di riconciliazione, la presenza della Russia nell’area si è limitata a inviare pattuglie di polizia militare per proteggere i civili dalle violazioni commesse da gruppi armati.  La polizia militare interviene anche per risolvere le controversie su richiesta dei residenti locali.

Abd al-Atheem al-Saary, residente nella campagna orientale della provincia di Daara, ha raccontato di un incidente avvenuto nel febbraio 2019: una famiglia con stretti legami con un ufficiale della dodicesima brigata dell’esercito siriano ha rivelato dove si trovava la casa di un ex comandante dell’esercito siriano libero, che si chiama Abu Hani, nel villaggio di Izraa.

Abu Hani “non è stato in grado di farli partire perché erano sotto la protezione della 12a brigata – erano ex agenti della brigata – quindi i russi sono intervenuti dopo che Abu Hani si è lamentato con loro.  Si sono scontrati con i soldati della dodicesima brigata e poi gli hanno restituito la casa circa due mesi fa “, ha detto al-Saary.

“Non c’è presenza di polizia russa nel mio villaggio, ma se qualcuno si lamenta con i russi, gli renderanno giustizia”, ​​ha aggiunto.

Il portavoce del Centro per la riconciliazione, il generale Igor Federov, ha confermato a febbraio che i residenti della Siria meridionale sono venuti dalla polizia militare russa in cerca di mediazione in numerose occasioni.  I problemi che è stato loro chiesto di risolvere riguardano: il ritrovamento di parenti scomparsi, risolvere controversie in materia di alloggi e proprietà immobiliari e problemi di residenza.

La disparità nei servizi pubblici è evidente

 Le condizioni di vita e lo stato dei servizi municipali differiscono da città a città nel sud della Siria.  In parte, questo è dovuto agli accordi di pace i cui termini sono stati scritti ad hoc per ogni città – e alcuni di essi non sono ancora stati definiti del tutto.  Inoltre, fonti locali hanno riferito a Syria Direct che il governo sembra trascurare la fornitura di servizi in alcune aree strategiche al fine di incoraggiare i residenti ad andarsene.

Una di queste aree è il bacino di Yarmouk.  Nel luglio del 2018, le forze governative siriane, in collaborazione con l’esercito libero siriano, hanno condotto un’operazione militare per eliminare l’IS dalla fertile striscia di territorio situata vicino alle alture del Golan occupato.

Il bacino di Yarmouk era stato sotto il controllo dell’esercito di Khalid bin Walid, un affiliato dell’IS che ha imposto la rigida legge della Sharia nell’area dal maggio 2016 fino alla sua cattura nell’estate 2018. Oggi, il Bacino di Yarmouk ha una qualità di vita persino inferiore rispetto alle zone vicine.

Un ex ufficiale militare del FSA della vicina città di Tafas ha descritto la situazione nel bacino di Yarmouk come “vergognosa”.

“Non ci sono scuole, né acqua potabile, né elettricità, né servizi sanitari”, ha detto l’ufficiale.  “Tutto quello che hanno sono alcuni piccoli forni che non funzionano nemmeno molto bene.”

Molti residenti della zona, in particolare quelli con bambini, sono fuggiti nelle città circostanti a causa del peggioramento della qualità della vita, alla ricerca di migliori condizioni di vita.

“Inoltre, l’esercito ha espropriato un certo numero di case nella zona per uso proprio”, ha aggiunto l’ufficiale

Sameer al-Saady, un giornalista della città siriana di Tasil nella provincia di Daraa, che ora risiede ad Amman, in Giordania, ha accusato il governo siriano di “aver deliberatamente trascurato il bacino di Yarmouk privandolo di servizi essenziali”.

“Il regime sta limitando i servizi disponibili per i residenti dell’area al fine di espellerli senza agire direttamente contro di loro”, ha detto a Syria Direct.

Al-Saady ha osservato che ci sono stati tentativi da parte di “milizie sostenute dall’Iran di entrare nell’area del bacino di Yarmouk per controllarla”, cosa che Siria Direct non è stata in grado di confermare in modo indipendente.

Consegna di servizi in mano ai ribelli al governo

Durante il governo dell’opposizione, il governo ad interim della Siria, vi furono numerosi progetti di lavori pubblici avviati all’interno delle aree di opposizione.  Ad esempio, il governo ad interim della Siria ha tentato di creare una nuova centrale elettrica per generare elettricità ad al-Ajami, ad ovest di Daara, e ha implementato un nuovo progetto, chiamato “la rivoluzione”, per migliorare la fornitura di acqua potabile e di irrigazione.

“I progetti che riguardano i servizi e le istituzioni avviati durante il governo dell’Esercito siriano libero sono stati consegnati al governo siriano dopo che è entrato nell’area”, secondo una persona di Daraa che ha preso alle negoziazioni e che vuole però mantenere l’anonimato.

“Questi progetti sono ancora operativi”, ha aggiunto, osservando che il credito per alcuni dei servizi esistenti nel sud dovrebbe essere attribuito alle istituzioni e ai donatori che operavano nell’area prima che il governo ne prendesse il controllo.

Con la reintroduzione delle istituzioni governative nell’area, una serie di problemi amministrativi, comprese le reti di patrocinio, hanno ripreso a emergere.  Questi problemi hanno spinto le brigate ribelli riconciliate a riattivare le vecchie istituzioni dell’opposizione per integrare gli sforzi di fornitura di servizi, secondo il negoziatore.

“Ci sono stati alcuni problemi con la distribuzione del pane sotto la guida del governo a Tafas, quindi abbiamo parzialmente riconquistato il vecchio consiglio locale dell’opposizione per sostenere il comune.  Di conseguenza, la distribuzione del pane è tornata al suo stato precedente. “

“Supervisioniamo la distribuzione di gas e aiuti d’emergenza inviati dalla Mezzaluna rossa – quando raggiunge l’area”.

“Il regime non sta facendo nulla per noi”, ha concluso il negoziatore di Daara.  “Prima che il governo entrasse nell’area, le persone erano riuscite ad ottenere aiuti di emergenza da ONG locali e internazionali, ma ora non esiste tale aiuto”.

In concomitanza con l’incapacità del governo e della Russia di fornire servizi municipali nel sud della Siria, l’area sta anche assistendo a una serie di omicidi contro i comandanti ribelli che si sono riconciliati con Damasco.  Il conseguente senso di incertezza e caos fa pensare  all’ex leader ribelle di Tafas che il futuro del Sud sarà difficile.

“Vivremo momenti difficili”, ha detto.

“So cosa c’è in serbo per il Sud: l’area assisterà a un bagno di sangue”.

 

93287067-C194-4ABF-8DAF-7741746A230C

Daara, 2018.  “La Rivoluzione Continua”

 

BA8EDB3B-2C4E-4A31-9BCC-C968B3B71893

Daara, Febbraio 2019 “Cade Bashar”

 

 

E4077B16-527C-4CA4-8905-80C9E76B360D

Daara, Gennaio 2019 “Dai rivoluzionari della provincia di Daara al rivoluzionari di Idlib”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...