L’OMS premia il regime siriano per le sue atrocità

il

Un posto al tavolo sbagliato

Articolo di Mohamad Katoub, pubblicato il 18 giugno 2021 su Syria Untold

(Traduzione di Giovanna De Luca)

Il mese scorso, la Siria è stata eletta nel comitato esecutivo dell’OMS.  Il corpo ha scelto un regime che è riuscito a distruggere il sistema sanitario di una nazione, spostando i suoi praticanti, indebolendo la sua capacità di risposta e manipolando le sue risorse fino a che il sistema è tornato indietro di decenni nel giro di pochi anni.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato alla fine del mese scorso che la Siria era stata eletta a far parte nel suo comitato esecutivo.  Secondo il suo sito web, Hassan Ghabash, ministro della salute siriano dal 2020 ed ex capo del sindacato dei medici siriani, rappresenterà il paese.  I regolamenti interni dell’OMS consentono a Ghabash di nominare rappresentanti e consiglieri per sostenerlo durante la sua missione.  È importante notare che Ghabash è stato inserito nell’elenco delle persone sanzionate del Regno Unito dal marzo 2021 e nell’elenco dell’UE dal 2020.

Il Comitato Esecutivo sovrintende all’attuazione delle politiche dell’OMS ed è responsabile di dare seguito all’esecuzione delle risoluzioni prese dall’Assemblea Mondiale della Sanità.  Questa struttura conferisce al Comitato Esecutivo ampi poteri, poiché è incaricato di attuare le politiche e ha il potere di rispondere alle emergenze, creare fondi per tali risposte e decidere il budget che il Direttore Generale presenterà all’Assemblea Mondiale della Sanità.  Composto da rappresentanti di 34 paesi, il comitato esecutivo raccomanda anche un direttore generale e decide l’ora e il luogo delle sessioni, tra gli altri compiti.  Le nazioni rappresentate nel consiglio sono distribuite in modo da garantire l’equilibrio regionale tra i 194 Stati membri delle Nazioni Unite.  Ognuno di loro ha un mandato di tre anni nel consiglio.

La lunga storia di corruzione del governo siriano

Lo stato siriano ha una lunga storia di corruzione, sfruttamento delle agenzie delle Nazioni Unite e politicizzazione degli aiuti.  Tutto inizia con la valutazione dei bisogni, la pianificazione, l’assegnazione dei fondi, l’assunzione di subappaltatori e personale, l’approvvigionamento e l’attuazione.  La corruzione e lo sfruttamento si estendono ai processi di supervisione e valutazione.

Damasco ha ripetutamente utilizzato le agenzie delle Nazioni Unite per aggirare le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’UE a figure siriane vicine al regime.  I contratti sono redatti a beneficio di coloro che sono vicini al regime.  Ad esempio, il valore dei contratti tra le Nazioni Unite e Syriatel, una società di telecomunicazioni di proprietà del cugino di Bashar al-Assad, Rami Makhlouf, ammonta a 700.000 dollari.  Le agenzie delle Nazioni Unite hanno speso più di 12 milioni di dollari solo tra il 2014 e il 2015 al Four Seasons, un hotel di Damasco.  Il Ministero del Turismo siriano, infatti, possiede un terzo delle azioni del Four Seasons.  A ciò si aggiungono le dozzine di contratti per organizzazioni finanziarie che si nascondono dietro un umanitarismo di facciata, come Al Bustan Association di Makhlouf e Syria Trust for Development di Asma al-Assad.

Le agenzie delle Nazioni Unite e i ministeri del governo siriano sono stati pesantemente criticati per aver interferito nei processi occupazionali.  Nel 2016, l’OMS è stata condannata per aver assunto Shukria Mekdad, la moglie del viceministro degli esteri siriano Faisal Mekdad.  Stava negoziando con le Nazioni Unite per approvare il piano annuale di risposta umanitaria per la Siria.

Nel 2013, il governo siriano ha lanciato il Comitato di alto soccorso, che comprendeva i ministri del lavoro, degli affari sociali e della sanità.  Ghabash, il ministro della salute, è ora nel comitato esecutivo dell’OMS, in rappresentanza ufficiale della Siria.  Il Comitato è stato coinvolto nella progettazione e nell’attuazione di programmi umanitari, compresa la consegna di convogli di aiuti umanitari.

È importante notare che solo il 10% degli aiuti in Siria è stato consegnato nel 2015, mentre il governo siriano ha ignorato il 75% delle richieste e ha respinto il 15%.  Il restante 10% che ce l’ha fatta davvero non è stato risparmiato dall’ingerenza del regime.  Le forniture di aiuti sono state ripetutamente rimosse dai pacchi, mentre altri articoli hanno raggiunto alcune aree dopo la loro scadenza e alcuni pacchi hanno raggiunto le aree sbagliate.  L’ingerenza del governo siriano inizia presso l’ufficio del ministro degli esteri e termina con l’ufficiale di sicurezza più giovane seduto ai posti di blocco che le forniture devono attraversare.

Il documento mostrato sopra è della fine del 2017. Mostra una richiesta presentata al Comitato di alto soccorso per facilitare il movimento di un camion che trasporta aiuti finanziati dall’OMS.  Il documento è firmato e sigillato dal ministro della salute e dalla Mezzaluna Rossa.  Le forniture dovrebbero essere consegnate a un ufficiale militare che rimuoverà poi alcuni prodotti dal camion nonostante il ministro della salute abbia acconsentito alla consegna.  Sembra che tutte le forniture rimosse fossero prodotti medici che non possono essere utilizzati per fabbricare nulla di pericoloso.

Nel terzo mese del 2018, un convoglio di aiuti ha raggiunto la Ghouta orientale, all’epoca sotto assedio e bombardamento da parte delle forze del regime.  Dopo che i lavoratori hanno scaricato il materiale dai veicoli, un ufficiale che rappresenta l’esercito russo ha chiamato e ha ordinato loro di partire entro poche ore.  E questo è quello che è successo.  Sebbene guidato da Ali al-Zaatari, il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite in Siria, il più alto funzionario delle Nazioni Unite nel paese, il convoglio è partito prima di scaricare tutti e nove i camion.

Ci sono dozzine di esempi di corruzione e politicizzazione riguardo allá distribuzione degli aiuti delle Nazioni Unite in Siria.  Ricordo un’intervista con un operatore sanitario a Damasco.  Diceva che il finanziamento stanziato dall’OMS era destinato a ripristinare le strutture sanitarie distrutte dai bombardamenti.  L’assegnazione dei fondi si è basata su una valutazione che includeva diverse aree bonificate dal regime come Aleppo orientale e Ghouta orientale, ma le approvazioni governative per l’attuazione non sono mai arrivate in tempo, prima della scadenza degli accordi di finanziamento.  L’OMS ha anche seguito le istruzioni del Ministero della Salute siriano, che ha reindirizzato il sostegno agli ospedali di Homs e Hama, aree che sono state la spina dorsale dell’attacco del regime a Idlib in mano ai ribelli nel 2019. I finanziamenti hanno persino raggiunto una struttura medica sul  confine libanese che è stato utilizzato per il triage prima di trasferire i combattenti di Hezbollah feriti in Libano.  Inoltre, l’OMS ha donato più di $ 5 milioni a una banca del sangue affiliata al Ministero della Difesa, non al Ministero della Salute.

Delitti contro il diritto alla salute

In termini di responsabilità penale, il governo siriano insieme al suo alleato russo è responsabile di oltre il 90% degli attacchi contro le strutture sanitarie in Siria, con circa 599 attacchi.  L’attacco più recente, alla fine di marzo, ha colpito l’ospedale chirurgico Al-Atareb nelle campagne dell’ovest di Aleppo.  Nel corso di un decennio, più di 930 persone che lavorav esano nel settore sanitario sono state uccise in Siria, di cui 185 sono morte per tortura nelle carceri del regime siriano.

Le organizzazioni umanitarie hanno provato a fare pressioni sul regime siriano e sui suoi alleati per ridurre gli attacchi agli ospedali.  Sono stati pubblicati numerosi rapporti su tali scioperi e sui modi in cui gli operatori sanitari hanno protetto le loro strutture, come la costruzione di strutture sotterranee e sistemi di allarme per mettere in guardia contro i raid aerei.  Hanno persino provato a proteggersi dai raid aerei condividendo le loro coordinate come parte del “meccanismo di deconflitto umanitario” delle Nazioni Unite, condiviso con le parti in guerra.  Tuttavia, il regime siriano ha continuato a sviluppare la sua macchina per uccidere, prendendo di mira anche le strutture mediche.  Le forze del regime hanno persino usato ripetutamente armi chimiche quando hanno bombardato gli ospedali.  Ricordo le immagini del dottor Ali Darwish, che è stato ucciso nel 2017 quando le forze del regime hanno sganciato bombe cariche di cloro sul suo ospedale nelle zone rurali di Hama.

Oltre a tutto ciò, il regime siriano ha influenzato la distribuzione degli aiuti umanitari durante la guerra, usando la sua influenza e il suo potere per impedire agli aiuti di raggiungere aree specifiche e reindirizzarli verso altre.  Centinaia di persone sono morte quando ad alcune aree controllate dall’opposizione sono stati negati gli aiuti umanitari.  Nella sola città di Madaya, in sei mesi di assedio sono morte 86 persone.

Le politiche del governo siriano drenano e politicizzano il sistema sanitario

Il sistema sanitario in Siria è stato travolto dalla corruzione anche prima del 2011, sebbene le risorse umane e i farmaci locali siano riusciti a compensare e coprire il 95% dei bisogni.  Eppure più del 70% dei medici ha lasciato la Siria.  L’orario medio di lavoro degli operatori sanitari ha raggiunto le 80 ore settimanali, soprattutto per le specializzazioni rare.  C’è un medico ogni 10.000 persone e l’aspettativa di vita media in Siria è scesa dai 70 anni del 2010 ai 55 anni di oggi.

Anche la disponibilità di farmaci nelle farmacie è diminuita drasticamente, poiché le aziende farmaceutiche funzionano al 5% delle loro capacità.  Solo il 64% degli ospedali siriani e il 52% dei centri di assistenza sanitaria di base sono funzionanti.  Gli altri sono stati sospesi, o perché distrutti o perché non hanno più fondi.  In molte aree, come East Ghouta e Aleppo orientale, una volta che il regime ha ripreso il controllo, ha bloccato l’ingresso alle organizzazioni umanitarie e non ha fornito servizi pubblici.  Anni dopo che il regime ha riconquistato la città di Douma nella Ghouta orientale, l’area rimane, ad oggi,  senza accesso all’assistenza sanitaria pubblica.

Il ministero della Salute siriano ha anche privatizzato i principali ospedali, che dal 2012 applicano tasse per l’assistenza sanitaria.  Questo ha lasciato la capitale, Damasco, e i suoi circa 4 milioni di residenti con un solo ospedale pubblico, l’ospedale Ibn Al Nafees.

Risposta al Covid-19

All’inizio del 2021, il Sindacato dei medici siriani ha dichiarato che 130 medici sono morti di COVID-19.  Tuttavia, una serie di rapporti ha dimostrato che il regime siriano ha usato il COVID-19 come un modo per insabbiare gli omicidi di medici sotto tortura.  Questo numero è molto preoccupante e rivela la mancanza di protezione nei confronti dei medici in Siria.

È anche possibile che i siriani paghino poche centinaia di dollari per ottenere un test Covid-19 negativo, al fine di viaggiare o organizzare pratiche burocratiche che richiedono un risultato negativo del test.  Il governo siriano si è intromesso per quanto riguarda i numeri dei casi in Siria, ha lasciato il suo popolo ad affrontare da solo la pandemia e ha negato l’entità del disastro.  Damasco ha affrontato la pandemia come se fosse un problema di sicurezza, adottando le stesse vecchie strategie che usa per risolvere tutti gli altri problemi.

Nel corso di un decennio, il governo siriano ha dimostrato di essere in grado di sfruttare qualsiasi cosa.  Gli aiuti umanitari, la vita degli operatori sanitari, la salute del popolo siriano, il sistema sanitario, le infrastrutture e la logistica del Paese sono prima di tutto strumenti del regime per ottenere la vittoria militare e politica.  Sono anche strumenti a beneficio della mafia strettamente legata al capo del regime Assad, e alla sua famiglia.

L’OMS ha permesso all’attuale ministro della salute siriano di occupare un seggio nel suo consiglio di amministrazione.  Non ha quindi espresso alcuna resistenza alla corruzione, alla politicizzazione e alla militarizzazione degli aiuti.  In tal modo, l’OMS sta fornendo un modello per altri paesi che vogliono intervenire negli aiuti.  Invece di sanzionare tale comportamento con il più semplice degli strumenti, il boicottaggio, l’organizzazione concede loro un seggioi.

L’Assemblea Mondiale della Sanità non solo ha scelto un governo criminale, ma ha anche scelto un regime che è riuscito a distruggere il sistema sanitario di una nazione, spostando i suoi praticanti, indebolendo la sua capacità di rispondere e manipolando le sue risorse fino a spostare  il sistema  indietro di decenni in una questione di appena  qualche anno.  Questo stesso regime è ora in una posizione di leadership presso l’OMS, che è responsabile delle politiche sanitarie globali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...