Tra le rovine di Gaza, i siriani vedono le proprie

Pubblicato il 20 maggio 2021 su Aljumhuriya

Di Yassin Swehat (Traduzione di Giovanna De Luca)

DIASPORA

Il recente sostegno alla Palestina espresso dai rivoluzionari siriani non è una sorpresa, e certamente non è alcun tipo di contraddizione, scrive Yassin Swehat, caporedattore di Al-Jumhuriya.

Vedere dei sostenitori della rivoluzione siriana che manifestano in solidarietà con i palestinesi in varie città della diaspora e che esprimono questa solidarietà sulla stampa e sui social media, ci mostra un nuovo tipo di linguaggio ed espressione; uno che porta l’ultimo decennio della Siria al centro della scena.

“Queste macerie sembrano le nostre macerie”, sembra dire. “Questi jet da combattimento sembrano quelli che ci uccidono. Gli apologeti idioti di questo massacro assomigliano molto a coloro che giustificano i crimini di Assad con i loro sofismi, le false equivalenze e gli argomenti. Conosciamo queste immagini dei primi soccorritori nei momenti successivi agli attacchi aerei; i loro schiamazzi dolorosi mentre sollevano i detriti; i volti insanguinati dei bambini; le notizie di persone care e amici uccisi. Tutto questo lo abbiamo vissuto nelle nostre ossa. Sappiamo di chi è la vita superflua, perché le nostre vite sono superflue. Sappiamo che aspetto hanno gli assassini. “

La vista dei giovani uomini e donne che sventolano le bandiere della rivoluzione siriana, dichiarando la loro presenza e solidarietà con i palestinesi nelle piazze delle capitali del loro comune esilio, ci invita a riflettere sulle radici di questa solidarietà e su cosa significa per noi stessi e per gli altri .

Una fonte rivoluzionaria

Si sente spesso un particolare tipo di sciocchezze – geopoliticamente opportunista e privo di valori – che denigra il sostegno siriano alla causa palestinese come un mero “residuo dell’indottrinamento del regime di Assad”; “Politicamente improduttivo;” o anche “oggettivamente alleato” al campo pro-regime. Sebbene non sia intenzione di questo articolo rispondere a queste affermazioni ricorrenti, vale la pena notare che lo spettacolo dei rivoluzionari siriani che sostengono la causa palestinese in realtà suggerisce l’esatto opposto dell ‘”indottrinamento del regime di Assad”. Il fatto che l’esperienza vissuta dai siriani sia al centro della loro posizione nei confronti della Palestina significa che la rivoluzione contro Assad è diventata il loro punto di partenza etico per l’azione politica e il loro meccanismo per simpatizzare, identificare ed esprimere solidarietà in un modo che differisce notevolmente dal precedente coinvolgimento siriano con la causa palestinese.

La solidarietà dei rivoluzionari siriani con i palestinesi, che stiamo vedendo attualmente, non nega solo il regime ei suoi fan pseudo-antimperialisti, e le loro parole vuote sulla Palestina – che è certamente uno sviluppo desiderabile, necessario ed eccellente.  Va anche oltre la definizione limitata della questione come una “questione nazionale” siriana nei confronti dell’occupazione israeliana del Golan siriano, e anche nei confronti della stessa Palestina.  Queste sono domande che incidono in profondità nella storia, nel presente e nel futuro della Siria, indipendentemente da chi la governa.  Dovrebbero essere risolti da una prospettiva di opposizione radicale, al di là della particolare disputa con il regime di Assad, i suoi alleati regionali e internazionali, e le loro bugie e contraddizioni.

Ribellarsi al “realismo”

C’è un certo argomento riduzionista, che si definisce “realista”, che afferma che le cause siriana e palestinese si oppongono alle trincee geopolitiche.  In quest’ottica, il regime di Assad fa parte di un “Asse della Resistenza” guidato dall’Iran, che affronta una rivolta sostenuta dai vari oppositori di questo Asse altrove nella regione.  Questa nozione – che ha sostenitori tra la stessa opposizione siriana, che disprezzano le critiche a Israele, con cui preferirebbero allearsi contro il regime – è ulteriormente alimentata dalle deplorevoli posizioni prese da varie fazioni armate e movimenti politici palestinesi nei confronti  la causa siriana, siano essi l’OLP, Hamas o la Jihad islamica.  Il sostegno offerto da questi gruppi ad Assad – sia verbale che pratico – è stato esso stesso un prodotto di questa stessa logica opportunistica, sia come conseguenza della loro diretta subordinazione al regime;  o preoccupazione per le loro relazioni con l’Iran;  o varie malsane contorsioni ideologiche;  o ragioni che anche i loro stessi sostenitori non riescono a capire.

Quindi la visione cinica non offre risposte logiche.  Anche se si cerca di seguire l’idea di “realismo” dei suoi sostenitori, non si riesce a spiegare il passato e il presente criminale del regime di Assad nei confronti dei palestinesi in Libano e Siria, per esempio.  Né può spiegare perché gli stessi regimi arabi che sono così desiderosi di costruire alleanze con Israele – e con Benjamin Netanyahu in particolare – sono anche quelli più desiderosi di porre fine all’isolamento diplomatico del regime di Assad, e persino di sostenerlo finanziariamente,  se non gli fosse stato impedito di farlo dalle sanzioni del Caesar Act.

Tuttavia il significato della solidarietà rivoluzionaria siriana con i palestinesi non è che fornisca un’analisi migliore di queste letture ciniche della situazione geopolitica, ma piuttosto si ribella a tali astratte equazioni geopolitiche.  Ci opponiamo al cinismo non solo perché è analiticamente impreciso, ma soprattutto perché rifiutiamo i suoi valori.  Non può esserci confusione tra chi bombarda e chi viene bombardato sotto le macerie: questo è il punto di partenza di ogni ulteriore discussione.  Certe evasioni retoriche possono essere trovate concentrandosi sulla critica di Hamas e denigrando la sua condotta – entrambe indiscutibilmente legittime – ma si tratta di evasioni a breve termine, che ricordano lo pseudo-intellettualismo degli apologeti del regime di Assad che non sono in grado di opporsi con decisione alla criminalità di Assad  , e così ricorrere alla denuncia delle fazioni dell’opposizione.  Non si tratta di vacillare tra due contraddizioni a somma zero.  L’esperienza vissuta in Siria è straordinariamente ricca di posizioni così “complicate”, se vogliamo presumere che la causa palestinese sia “complicata” per cominciare, e che la “semplicità” sia una condizione necessaria per la solidarietà.

Immagini di un sé liberato

Le immagini della solidarietà rivoluzionaria siriana con la Palestina sono state ampiamente utilizzate nelle discussioni degli ultimi giorni, specialmente nei circoli che si aggrappano al simbolismo della sinistra e l’antimperialismo, al fine di confutare l’accusa che i rivoluzionari siriani fossero “agenti” di forze reazionarie, imperialiste e / o anti-palestinesi. Questi dibattiti possono avere il loro significato in certi ambienti, ma il significato maggiore delle immagini non risiede in ciò che viene visto dagli altri – palestinesi, arabi, occidentali o chiunque altro – ma piuttosto in ciò che noi stessi vediamo; noi, i siriani, ci siamo opposti radicalmente al regime di Assad; quando ci guardiamo allo specchio delle nostre posizioni.

È sempre stato possibile che le orribili esperienze dei siriani, mescolate a sentimenti di abbandono e di prolungata sconfitta, portassero ad una prigionia interiore; un ritiro nel vittimismo; un’incapacità di identificarsi o entrare in empatia con gli altri; e il rifiuto di qualsiasi interazione con altre catastrofi. Ciò può in effetti ancora accadere; anzi, è probabile che succeda nelle circostanze attualmente prevalenti in molte comunità siriane. Può essere una sensazione transitoria provata dalla maggior parte di noi ad un certo punto con questo o quello (e specialmente con la causa palestinese, poiché, come recita il proverbio arabo, “la generosità va prima ai parenti”). In alternativa, potrebbe manifestarsi in una mentalità cinica e solipsistica che spiega il sé e il mondo secondo le gerarchie del vittimismo, portando i suoi sostenitori ad adottare la summenzionata visione “realista”. Il fatto che un gran numero di siriani sia stato in grado di superare questo problema e di trasformare le loro terribili esperienze in forze di solidarietà e identificazione con i palestinesi, senza lasciare che le “complessità” si intromettessero, è la prova di una maturità cognitiva e politica che suggerisce una capacità di produrre un elevato significato a una terribile sofferenza, e di utilizzare quest’ultimo per formulare un discorso e un’efficacia politica.

Per ora, questa efficacia rimane stagionale e confinata al regno della reazione, ma ci invita comunque a lavorare per consolidarla e cristallizzarla all’interno di un sé siriano liberato; uno creato dalla generazione post-2011.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...