I partiti filo assadisti fanno pressione sui rifugiati siriani in Libano affinchè legittimino le prossime elezioni presidenziali

il
Un cartellone che invita le persone a partecipare alle elezioni presidenziali siriane – 12 maggio 2021 (Enab Baladi – Orwah al-Mundhir)

Di Amal Rantisi, pubblicato il 20 maggio 2021 su Enab Baladi

(Traduzione di Giovanna De Luca)

Nel tentativo di legittimare le elezioni presidenziali che si terranno il 26 maggio, il regime siriano sta usando le sue armi politiche in Libano per fare pressione sui rifugiati siriani, minacciandoli di votare entro il 20 maggio presso l’ambasciata siriana in Libano

I siriani in Libano vengono spinti a partecipare alle prossime elezioni e la questione è stata sollevata di recente dopo che il quotidiano libanese L’Orient-Le Jour ha pubblicato il 30 aprile un rapporto in cui menzionava che gli organismi politici libanesi avevano iniziato a fare pressione su centinaia di migliaia di rifugiati siriani alle urne.

Il giornale ha affermato che “organizzazioni siriane allineate con il governo di Bashar al-Assad e partiti politici libanesi pro-Assad hanno cercato di persuadere e – secondo alcuni – minacciato i siriani di registrare i loro nomi nelle liste degli elettori e di andare a i sondaggi. “

Secondo il quotidiano, l’Associazione dei lavoratori siriani in Libano, un gruppo pro-Assad che lavora in coordinamento con l’ambasciata siriana, ha rilasciato una dichiarazione in cui esortava i siriani in Libano a votare alle elezioni, che ha definito una “tappa importante nel storia contemporanea della Siria, che ha sconfitto il terrorismo, l’assedio e le sanzioni “.

Il 3 maggio, un gruppo di lealisti di al-Assad ha marciato per le strade del quartiere di Jabal Mohsen a Tripoli e ha cantato slogan a sostegno di al-Assad, come “Dio, Siria e Bashar!” Gli attivisti indignati hanno descritto la manifestazione di sostegno al regime come una “manifestazione di teppisti”.

(Traduzione approssimativa del Tweet: #Libano Questa sera una marcia di tashbih a Jabal Mohsen # Tripoli a sostegno del criminale Bashar Al-Assad alle prossime elezioni presidenziali. Ebbene, non sei andato da Abu Hafez, nella maledetta Siria? Cosa ci fai un Líbano?)

Minacce contro gli attivisti profughi siriani in Libano


Tra i timori di parlare con la stampa, soprattutto nelle zone sotto l’influenza degli alleati del regime siriano, Enab Baladi ha parlato con quattro attivisti siriani che hanno confermato minacce e tentativi di pressione contro i siriani in Libano, mentre un attivista ha negato minacce di questo tipo.

Walid Mohammed, un attivista per i diritti umani nell’area di Baalbek, ha parlato con Enab Baladi sotto uno pseudonimo per motivi di sicurezza e ha detto che da metà aprile circa, entità del regime filo-siriano hanno iniziato a fare pressione sui rifugiati siriani in Libano affinché votassero; tra loro Hezbollah, il movimento Amal, il Partito social nazionalista siriano (SSNP), il partito Baath, l’Associazione dei lavoratori siriani in Libano e altri.

La pressione esercitata dalle suddette parti è stata esercitata mediante istigazione e intimidazione. I campi profughi sono stati testimoni di campagne di distribuzione di aiuti con appelli e slogan che incoraggiavano a votare la gente, mentre individui attivi e illustri conosciuti sul terreno e di fiducia dei rifugiati hanno anche contribuito a spingere le persone a votare. Altre volte, i partiti pro-Assad hanno intimidito i rifugiati minacciando di bruciare i loro campi o di sfrattarli, rapirli o infliggere loro danni fisici.

Gli attivisti nei campi profughi vengono contattati e viene detto loro di distribuire moduli che devono essere compilati dagli abitanti dei campi siriani in Libano, ha detto Mohammed. Gli attivisti vengono scelti per questo compito perché sono autorizzati a muoversi liberamente tra i campi, sia per distribuire aiuti che per fornire sessioni di sensibilizzazione su qualsiasi argomento, come la pandemia di coronavirus (COVID-19), per passare moduli di voto attraverso le sessioni.

“Mi hanno dato un modulo da compilare, ma ho rifiutato e poi hanno iniziato a minacciarmi al telefono. Adesso ho paura di uscire dalla mia zona, ma non cambio la mia posizione “, ha detto l’attivista a Enab Baladi.

L’indifferenza dell’UNHCR agli appelli degli attivisti


Mohammed ha informato l’ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) delle minacce ricevute al telefono e gli impiegati gli hanno detto di provare a cambiare il suo numero.

Enab Baladi ha contattato un altro attivista nella regione di Beqaa, che lavora come volontario con organizzazioni internazionali, e ha detto di essere stato intimidito il 19 aprile.

L’attivista ha documentato l’incidente in una lettera e l’ha presentata all’ufficio dell’UNHCR. Enab Baladi ha visto la lettera in cui l’attivista menzionava di aver ricevuto una chiamata da un numero sconosciuto che lo ha sorpreso con informazioni personali su se stesso, sul suo lavoro e sul suo luogo di residenza. Colui che lo aveva chiamato gli ha dato una settimana per scrivere i nomi dei rifugiati siriani nella regione, di coloro che possono votare alle prossime elezioni presidenziali.

Una settimana dopo la prima chiamata, la stessa persona ha chiamato di nuovo l’attivista, lo ha insultato e minacciato per non aver compilato il modulo con i nomi degli elettori. L’attivista ha detto a Enab Baladi: “Ho iniziato a temere per la sicurezza della mia famiglia e di me stesso dopo le minacce. Ho bloccato il telefono per due giorni e non sono uscito di casa. “

L’attivista ha chiamato ripetutamente l’ufficio dell’UNHCR nella città di Zahle per informarli dell’incidente, ma l’UNHCR non ha risposto alla sua lettera fino a una settimana dopo, chiedendogli di cambiare numero di telefono e indirizzo dell’alloggio.

Da parte sua, Mohammed ha affermato che l’UNHCR non è in grado di proteggere i rifugiati siriani in Libano, dati i suoi poteri limitati nell’attuale situazione del paese e la divisione del potere tra le parti influenti. Tuttavia, Mohammed pensa che l’UNHCR possa far trasferire le persone minacciate al di fuori del Libano o coordinarsi con il governo libanese per garantire la loro protezione nel paese.

Le ONG per i diritti umani si muovono


Il direttore esecutivo del Centro di accesso per i diritti umani, Mohammed Hassan, ha affermato che il centro ha documentato numerosi tentativi di fare pressione sui rifugiati siriani affinché partecipino alle elezioni presidenziali in Siria.

Secondo Hassan, questo tipo di abuso contro i rifugiati viene eseguito da partiti politici anti-rifugiati allineati con il regime siriano. Le minacce di deportazione o di arresto sono dirette ai rifugiati siriani che non vogliono votare alle prossime elezioni.

Gli individui affiliati ai partiti politici fanno pressione sui rifugiati siriani che vivono nei campi con sede in Libano affinché vengano coinvolti nelle elezioni, sfruttando la loro posizione di debolezza. Anche i gestori del campo sono soggetti a intimidazioni per lo stesso motivo.

Il centro riteneva le autorità libanesi pienamente responsabili nel caso in cui qualcuno dei rifugiati avesse subito abusi diretti o indiretti. Ha chiesto alle autorità libanesi di intervenire con urgenza e all’UNHCR di garantire che i rifugiati siano consapevoli della loro libertà di fare le proprie scelte e proteggerli dalle minacce.

Un tentativo di legittimazione e promozione mediatica


Aron Lund, uno specialista sulla Siria presso l’Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa, ha detto a L’Orient-Le Jour che “l’affluenza alle elezioni è importante per le autorità siriane perché una grande affluenza sarebbe vista come una prova visibile del potere di Assad anche dopo tutti questi anni di guerra.”

Lund ha detto che “il gran numero di diplomatici e giornalisti stranieri in Libano rende questi spettacoli più visibili che all’interno della Siria. Le immagini di grandi folle di rifugiati riunite per votare presso l’ambasciata nel 2014 sono state preziose per il governo siriano perché hanno dimostrato che Assad conservava autentico sostegno e, cosa più importante, che molti siriani ritenevano ancora che il conflitto fosse aperto e non erano disposti, o in grado, di tagliare i rapporti con le autorità in patria ”, secondo il giornale.

L’ottica elettorale potrebbe informare le future discussioni sul ritorno dei rifugiati, ha detto Lund al quotidiano.

Rifiuto internazionale delle elezioni presidenziali siriane del 2021


Mentre gli alleati del regime siriano, in particolare Russia e Iran, sostengono le imminenti elezioni presidenziali siriane, la comunità internazionale ha annunciato il suo rifiuto delle elezioni e dei suoi risultati.

Il 21 aprile, Stephane Dujarric, portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha dichiarato in una conferenza stampa che le Nazioni Unite (ONU) non sono coinvolte nelle elezioni presidenziali siriane, sottolineando l’importanza di raggiungere una soluzione politica ai sensi della risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza dell’ONU .

“Le elezioni presidenziali siriane sono state indette sotto gli auspici dell’attuale costituzione e non fanno parte del processo politico stabilito dalla risoluzione 2254. L’ONU non è coinvolta nelle imminenti elezioni siriane e non ha alcun mandato”, ha detto Dujarric.

Il funzionario delle Nazioni Unite ha sottolineato l’importanza di raggiungere una soluzione politica negoziata al conflitto in Siria prima di qualsiasi elezione.

All’inizio di quest’anno, gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno espresso il loro rifiuto delle elezioni presidenziali siriane e si sono impegnati a chiederne conto al regime.

In un’intervista di marzo, l’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza e il Vicepresidente della Commissione, Josep Borrell, hanno detto a Enab Baladi che “se vogliamo elezioni che contribuiscano alla risoluzione del conflitto, devono tenersi in conformità con la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sotto la supervisione delle Nazioni Unite, e cercare di soddisfare i più elevati standard internazionali “.

Ha aggiunto, “devono essere liberi ed equi, a tutti deve essere consentito di presentarse e fare campagna liberamente, c’è bisogno di trasparenza e responsabilità e, ultimo ma non meno importante, tutti i siriani, compresi i membri della diaspora, devono essere in grado di partecipare.”

Borrell ha sottolineato che “le elezioni del regime entro la fine dell’anno non possono soddisfare questi criteri; pertanto, non possono portare alla normalizzazione internazionale con Damasco “.

Intimidazioni in Libano durante le elezioni presidenziali siriane del 2014


Nel 2014, la Fondazione Heinrich Böll ha pubblicato un articolo intitolato “Il presidente siriano è fatto in Libano? Voci e elezioni presidenziali siriane in Libano ”, dal consigliere senior del British Research Centre, Chatham House, Haid Haid.

Secondo l’articolo, “le elezioni presidenziali siriane del 2014 sono state un evento di particolare importanza sia per i siriani che per i libanesi, poiché tenere queste elezioni ha comportato il prolungamento della crisi umanitaria e politica sofferta dai siriani e dalle società e dagli stati che li ospitano”.

L’articolo menzionava che alcuni dei partecipanti alle elezioni erano motivati da un “desiderio genuino”, mentre altri avevano paura delle conseguenze per non voler prendere parte alle elezioni, con voci che circolavano, che esortavano le persone a essere coinvolte e le minacciavano con terribili conseguenze, compresa la revoca della cittadinanza siriana o impedendo loro di entrare in Siria nel caso si fossero astenuti dal voto.

L’articolo elenca i fattori e le circostanze che circondano le elezioni presidenziali del 2014, compreso il timore di revoca della propria nazionalità, innescato da leggi che hanno contribuito a una forte spinta alle voci che sollecitano la partecipazione alle elezioni.

All’epoca, alcuni rifugiati sussurravano che uomini di corporatura massiccia, che guidavano auto con i finestrini oscurati, erano improvvisamente apparsi nei campi e chiedevano di vedere i loro documenti di identità per poter affermare che i rifugiati siriani in Libano erano ancora dalla parte del regime di al-Assad.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...