Le prove del presidente siriano Bashar Assad e il legato di crimini di guerra del suo regime

Episodio del programma “60 minutes” andato in onda il 21 febbraio 2021 sulla catena televisiva statunitense CBS News(, ⬅️ il documentario che trovate qui, in inglese, si intitola Ammanettato alla Verità)

(Traduzione di Giovanna De Luca)

Se hai bambini che guardano 60 Minutes stasera, di solito è una buona cosa, ma questa storia non è per loro. Le immagini che stai per vedere sono l’onesta prova dei più grandi crimini di guerra del 21 ° secolo. Il presidente Biden e il suo team di sicurezza nazionale dovranno presto affrontare un orrore scoppiato un decennio fa, quando molti di loro erano nell’amministrazione Obama. Marzo segnerà il decimo anniversario della rivolta popolare che ha dato inizio alla guerra civile in Siria. Il dittatore siriano, Bashar al-Assad, ha gassato degli innocenti, bombardato ospedali e scuole e fatto sparire migliaia di persone. Le prove sono difficili da guardare ma dovrebbero essere viste. Molti hanno rischiato la vita per raccontare questa storia in modo che – anche se Assad non verrà mai arrestato – sarà, per sempre, ammanettato alla verità.

Lo ha fatto il presidente siriano Bashar al-Assad. Questi sono civili di un sobborgo di Damasco chiamato Ghouta. Nel 2013, Al Ghouta è stata detenuta dai ribelli, quindi l’esercito siriano ha bombardato il quartiere con gas nervino vietato a livello internazionale. 1.400 uomini, donne e bambini sono stati sterminati. Assad aveva scelto di affrontare la rivolta popolare contro di lui non con la diplomazia, non con la guerra tra soldati, ma con il terrorismo senza freni.

Stephen Rapp:” Abbiamo l’omicidio, lo sterminio, la tortura, lo stupro.
Stephen Rapp sta aiutando a ricostruire casi contro Assad e il suo regime. Rapp ha perseguito crimini di guerra in Ruanda e Sierra Leone ed è stato ambasciatore degli Stati Uniti per le questioni relative ai crimini di guerra per sei anni, fino al 2015.”

Scott Pelley:” Ci sarà giustizia per quello che è successo in Siria?”

Stephen Rapp:” Sono un americano ottimista. Ho visto altre situazioni che pensavamo fossero piuttosto disperate, in cui nessuno pensava che ci sarebbe mai stata giustizia ma siamo riusciti. Le possibilità ci sono e uno dei modi in cui lavoriamo è ottenere le prove concrete ora.

Molte di quelle che lui chiama prove concrete sono state abbandonate nelle zone di guerra. Più di 900.000 documenti governativi sono stati contrabbandati e archiviati dalla Commissione indipendente per la giustizia e la responsabilità internazionale. La commissione è finanziata, in parte, dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea. Stephen Rapp è il presidente della commissione.”

Scott Pelley:” I documenti raccolti finora portano fino al presidente Assad?”

Stephen Rapp:” Non c’è dubbio che conducano fino al presidente Assad. Voglio dire, questo è uno sforzo organizzato dall’alto verso il basso. Ci sono documenti con il suo nome sopra. Chiaramente è lui che organizza questa strategia. Ci sono gli ordini nel sistema di prelevare le persone. Vari report. Resoconti in merito, abbiamo un vero problema qui, ci sono troppi cadaveri che si accumulano.”


Tra i cadaveri c’è Ahmad al-Musalmani, un quattordicenne visto per l’ultima volta su un autobus diretto al funerale di sua madre. La sua famiglia ha detto all’Osservatorio per i diritti umani che l’esercito di Assad ha fermato l’autobus e ha trovato una canzone di protesta sul telefono di Ahmad. La sua famiglia è riuscita a vedere la sua faccia solo due anni dopo, quando un’immagine del suo corpo torturato è stata portata fuori dalla Siria di nascosto dall’uomo nascosto nella giacca a vento blu.

Caesar: “Il nostro lavoro era diventato esclusivamente quello di scattare fotografie dei corpi degli esseri umani morti che erano stati torturati a morte o uccisi nei diversi rami dell’intelligence.”

Lo pseudonimo del fotografo è “Caesar”.

Scott Pelley: “Era nell’esercito?”

Abbiamo parlato con lui con l’aiuto della traduzione di Mouaz Moustafa, della Syrian Emergency Task Force, che lavora per proteggere i civili. Caesar era fotografo militare da 13 anni. Nel 2011 gli è stato ordinato di fotografare negli obitori che ricevevano i morti dalle prigioni segrete di Assad. Abbiamo offuscato alcune immagini perché alcune sono troppo orribili per la televisione. Ciò che ha visto ha rotto la fedeltà di Caesar al regime. Per proteggere l’identità di Caesar, parla attraverso la voce di Moustafa.

Caesar: “Era molto chiaro che fossero stati torturati, non torturati per uno o due giorni, torturati per molti, molti lunghi mesi. Erano corpi emaciati, ridotti a scheletri. Alla maggior parte delle persone erano stati cavati gli occhi. C’erano corpi che erano stati elettrocutato, si poteva dedurre dalle macchie scure sul loro corpo proprio dove avevano ricevuto le scosse. Anche coltelli e grossi cavi e cinghie venivano usati per batterli. E così, abbiamo potuto vedere ogni tipo di tortura sui corpi di questi individui.”

“Ogni tipo di tortura”, ma la depravazione degli occhi cavati lascia dedurre come la mutilazione avvenisse per estorcere informazioni. Nel 2013, i corpi gli obitori traboccabano di corpi e venivano riversati in un parcheggio di un ospedale militare.

Caesar:” Quando scattavo fotografie, pensavo, come può questo governo essere in grado di fare questo al suo stesso popolo? Ho anche sentimenti di tristezza e rabbia per quello che ho visto. E, allo stesso tempo, una sensazione di paura, che in ogni singolo momento, non c’è motivo per cui non dovrei affrontare la stessa tortura ed essere poi fotografato.”

Scott Pelley:” Come hai portato fuori le fotografie?”

Caesar:” Ogni singolo giorno, accedevo al computer, usavo una chiavetta per prendere tutte le fotografie che erano state scattate quel giorno, le caricavo sulla chiavetta e poi in modo segreto e rischioso uscivo dal lavoro e raggiungevo un mio caro amico, Sami, che avrebbe quindi preso l’unità flash e l’ avrebbe caricata quotidianamente sul suo personal computer.”

Questo è l’amico di Caesar, Sami, anche il suo è uno pseudonimo. Per più di due anni ha caricato la chiavetta giornaliera contrabbandata da Caesar. Abbiamo intervistato Sami, ancora una volta, con l’aiuto di Mouaz Moustafa.

Sami: “Era una responsabilità che gravava su di noi, su Caesar e su di me, una responsabilità verso il popolo siriano essere in grado di … dimostrare loro, far loro sapere qual è stato il destino dei loro cari. Ricordo che avevo una vicina e suo figlio era un mio amico. Stavo guardando la sua fotografia in una delle unità flash che Caesar mi aveva portato quel giorno. E ricordo ogni singolo giorno che la madre tornava al ramo dell’intelligence chiedendo di suo figlio, chiedendo qualsiasi informazione su di lui. E non potevo nemmeno dirle la verità perché non volevamo essere smascherati mentre stavamo facendo questa documentazione.

” Scott Pelley:” Questa è la vittima 9.700….”

Sami:” Esatto”

Mouaz Moustafa

Sami ha sottolineato l’ironia della burocrazia dello stato di polizia. Numeri arabi che un giorno potrebbero essere un tesoro per i pubblici ministeri. Abbiamo offuscato i numeri per proteggere le famiglie dei morti.

Sami: “Su di ogni corpo, di solito ci sono tre numeri ad esso associati scritti su diverse parti del corpo stesso. Il primo è il numero che corrisponde al detenuto, il secondo è il numero del ramo dell’intelligence che ha torturato a morte quell’individuo. E il terzo numero è stato dato dal dottore, era un numero sequenziale che indicava il numero del cadavere.

“Scott Pelley:” Penseresti che il regime vorrebbe nascondere tutte queste cose.

” Stephen Rapp:” Le persone fondamentalmente si coprono il sedere, seguendo le procedure. E le persone seguiranno queste procedure rischiando di mettersi nei guai. Ma nel farlo, stanno creando alcune delle prove più forti che chiunque di noi che ha perseguito crimini qui o altrove abbia mai visto.

” Scott Pelley:” Come facciamo a sapere che le fotografie di Caesar sono autentiche e mostrano effettivamente ciò che pretendono di mostrare?

” Stephen Rapp:” Il nostro FBI ha verificato i metadati e determinato che tutto era solido come una roccia, che l’intero gruppo di foto rappresentava, persone reali ed eventi reali.” L’FBI ha analizzato le immagini di Caesar. Nelle 242 immagini che ha revisionato , l’FBI afferma che “i file delle immagini non mostrano artefatti o incongruenze”. Un prigioniero che Caesar non ha fotografato è quest’uomo che prende lo pseudonimo, Ali. È stato imprigionato a causa del luogo in cui è nato.Scott Pelley:” Dove sei nato?”

Ali: “A Columbus, Ohio.”

Scott Pelley: “Ma ti sei trasferito in Siria da bambino?”

Ali: “corretto.”

Nel 2012, durante un viaggio dagli Stati Uniti, Ali è volato a Damasco. Era il secondo anno di guerra. Non è mai uscito dall’aeroporto. Il suo passaporto statunitense era un biglietto per una prigione sotterranea.

Ali: Uno degli ufficiali dell’intelligence di alto rango mi ha detto:” non ci interessa se sei americano. Possiamo ucciderti. Possiamo tenerti detenuto per sempre.”

Tre settimane di interrogatorio sembrarono un’eternità. Ci ha detto che i suoi piedi ricevevano colpi con tubi di plastica fino a quando non riusciva a stare più in piedi. Altre persone, ha detto, sono state appese al muro con le manette e bagnati con acqua bollente. Ma la cosa peggiore per lui ha riguardato un prigioniero che non aveva mai visto. Ali ha ascoltato un interrogatorio: un ragazzo, a giudicare dalle urla.

Ali: Ho sentito un bambino tra i 12 ei 13 anni urlare: “Mamma. Per favore aiutami a uscire dall’inferno”. Quando ha urlato, subito dopo che gli avevano versato l’acqua sono riuscito a sentire le frustate e dei colpi dati con un tubo di plastica o qualcosa del genere.

Per quanto capricciosamente sia stato preso, Ali è stato rilasciato dalla sua famiglia che non sapeva nulla di lui da 23 giorni perché non si era mai presentato al ritiro bagagli.

La tortura è uno dei tanti crimini di guerra commessi dal regime di Bashar al-Assad. Nel 2017 abbiamo visitato un ospedale bombardato. Migliaia di strutture mediche, scuole e quartieri sono stati rasi al suolo da Assad e dal suo alleato, la Russia. Assad ha utilizzato armi chimiche vietate, più di 300 volte secondo un’indagine del Global Public Policy Institute. In tutto, circa 250.000 civili sono morti. 11 milioni di persone sono state costrette a lasciare le loro case. Anche l’opposizione di Assad ha commesso atrocità, ma il livello non può essere paragonato.Caesar: “Ho fatto tutto questo. Ho rischiato la mia vita e quella della mia famiglia, per mostrare ed esporre al mondo intero il vero volto di questa dittatura del regime di Assad.”

Stephen Rapp:” Abbiamo prove migliori – contro Assad e la sua cricca – di quelle che avevamo contro Milosevic in Jugoslavia, o in uno qualsiasi dei tribunali per crimini di guerra in cui sono coinvolto, in qualche misura, anche migliori di ciò che abbiamo avuto contro i nazisti a Norimberga, perché i nazisti in realtà non hanno scattato immagini individuali di ciascuna delle loro vittime con informazioni identificative su di loro.”

Scott Pelley: Ti piacerebbe andare in tribunale …

Stephen Rapp:” Oh, mi piacerebbe, sì. Questo sarebbe un grande processo contro lo stesso Assad.

Il problema è che Assad ha quasi vinto la guerra. Gli Stati Uniti e altri hanno imposto sanzioni, ma la maggior parte dei criminali sarà al sicuro in Siria. L’ONU ha cercato di deferire la Siria al tribunale penale internazionale, ma Russia e Cina hanno posto il veto.

Scott Pelley: “Se Assad riuscisse a farla franca impunemente, cosa avrebbe perso il mondo?” Stephen Rapp: “La questione è che puoi commettere quei crimini, e che puoi farla franca, e questo è il modo in cui reprimi una rivolta popolare, allora gli altri faranno la stessa cosa. Il futuro sarà molto più pericoloso del passato e molto di ciò che abbiamo costruito verrà distrutto.

” Già distrutto è ciò che i siriani hanno costruito nel corso di migliaia di anni. Assad è condannato a essere il monarca di tutti i controlli. Il suo processo può essere distante ma i testimoni sono pazienti. Testimoni ciechi, che sfidano il mondo a vedere, giovani testimoni per i quali il tempo non conta più. Aspetteranno perché un crimine sepolto senza giustizia non viene mai messo a tacere.

Prodotto da Nicole Young. Produttore Associato Katie Kerbstat. Trasmissione Associata, Ian Flickinger. Edito da Jorge J. García.

Scott Pelley, corrispondente di 60 Minuti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...