Come il Regime Siriano ha Finanziato lo Stato Islamico

 

1-530-300-1
Bashar al-Assad, Hussam al-Katerji, Abu Bakr al-Baghdadi

SCRITTO DA KYLE ORTON, tradotto da Caterina Coppola
Reuters ha riferito l’11 ottobre che Hussam al-Katerji, membro del regime siriano di Bashar al-Assad, è stato impegnato nella commercializzazione del grano con lo Stato Islamico (IS), contribuendo a fornire ai terroristi risorse per gestire il loro “Stato” e minacciare la sicurezza degli stati vicini alla Siria e delresto del mondo. Questa schema di comportamenti del regime di Assad, che si afferma come partner contro il terrorismo, mentre sostiene le organizzazioni terroristiche, è ben consolidato e ha origine nella strategia di sopravvivenza del regime: distruggere tutte le forze di opposizione accettabili e rendere la guerra siriana una competizione binaria tra la dittatura e i terroristi.

 

LA RELAZIONE DI REUTERS

Reuters ha parlato con cinque agricoltori locali e due amministratori delle “Forze Democratiche Siriane” (SDF), l’assetto politico attraverso il quale il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) opera in Siria, che sta disperdendo IS nel nord-est del Paese con l’assistenza della coalizione a guida USA. Inoltre, il direttore dell’ufficio di al-Katerji, Mohammed Kassab, ha confermato che il Gruppo Katerji aveva spostato il grano dalle aree sotto il controllo dell’ISIS a zone sotto il regime. Kassab ha insistito sul fatto che questo scambio non ha comportato alcuna collusione con l’IS, benché, oltre a dire che non fosse “facile”, non offriva alcuna spiegazione su come ciò fosse possibile. Il Ministro per il Commercio Interno e la Protezione dei Consumatori, nel Gabinetto di Assad, Abdullah al-Gharbi, afferma che il regime importa il suo frumento dai russi.

Dalla relazione di Reuters:

Cinque agricoltori di Raqqa hanno descritto come hanno venduto il grano ai commercianti di Katerji durante la dominazione dello Stato islamico, in interviste presso l’edificio che ospita il Consiglio Civile di Raqqa [SDF / PKK], formatosi una volta che la città è stata ripresa.

 “L’operazione è stata organizzata”, ha dichiarato Mahmoud al-Hadi, che possiede terreni agricoli vicino a Raqqa e che, come gli altri agricoltori, era venuto negli uffici del consiglio per cercare aiuto. 

“Vendevo ai piccoli commercianti che hanno inviato il grano a grossisti, che lo hanno trasmesso a Katerji e il regime attraverso altri due o tre commercianti”, ha dichiarato.

 Lui e gli altri agricoltori hanno detto che tutti dovevano pagare allo Stato islamico una tassa del 10%, o zakat, e vendevano tutte le raccolte della loro stagione ai commercianti di Katerji sotto uno schema multistrato. 

I funzionari locali hanno detto che i commercianti di Katerji hanno acquistato il grano da Raqqa e Deir Ezzor e hanno dato allo Stato islamico il 20 per cento. 

Ali [Un funzionario del consiglio direttivo di SDF / PKK di Tabqa, Awas] ha dichiarato che ha saputo dei dettagli dell’accordo con Katerji parlando con i prigionieri dello Stato Islamico e con altri che hanno lavorato nella raccolta di tasse per il gruppo e nei sistemi di pedaggio stradale. 

Ai conducenti di camion è stato anche permesso di fumare sigarette mentre passavano attraverso i checkpoints, qualcosa che la polizia dello Stato Islamico punisce altrove con frustate, hanno dichiarato Ali e diverse altre fonti. 

 “Vendevo i raccolti di una stagione intera ai commercianti di Katerji”, ha dichiarato il contadino Ali Shanaan. 

“Sono commercianti noti. I controlli hanno fermato i camion e Daesh prendeva una percentuale, per poi lasciarli passare”, ha detto. 

Il grano è stato trasportato attraverso il “Ponte Nuovo” sul fiume Eufrate ad una strada che porta fuori da Raqqa, hanno dichiarato gli agricoltori e i funzionari locali.

Non appena l’ISIS cade, il controllo del ponte e queste risorse in generale sono state perse, ma è durato nella maggior parte della stagione commerciale di maggio-agosto di quest’anno. Oltre ad Assad che ha trasferito tranche di denaro ai jihadisti IS in cambio del grano, i camion del regime hanno portato provisioni come cibo e medicine che hanno aiutato il califfato a mantenere il controllo sul popolo.

Il commercio tra Assad e IS sarà talvolta spiegato in termini di “economia di guerra”, e in questo caso è superficialmente plausibile. Il regime di Assad necessita di 1,5 milioni di tonnellate di grano per creare prodotti di base che permettono di esercitare il controllo della popolazione della Siria occidentale e Hasaka, Raqqa e Deir Ezzor contengono settanta per cento delle aree produttrici di frumento. Ciò che questo teorema  ignora è il ruolo che il regime aveva nel plasmare chi controlla queste zone.

Assad ha imprigionato e massacrato dimostranti disarmati e ha raso al suolo ogni zona che è caduta in mano ribelle, mentre ha liberato prigionieri jihadisti non aprendo il fuoco nello Stato Islamico per un intero anno, mentre ISIS costruiva il suo califfato. Il regime ha scelto chi avrebbe dovuto pagare per avere l’accesso a queste risorse.

IL REGIME DI ASSAD HA A LUNGO FINANZIATO LO STATO ISLAMICO

Mentre Hussam al-Katerji non è un nome familiare nel Occidente, nel mondo arabo e soprattutto in Siria, è molto conosciuto come l’intermediario di Assad per il commercio con i gruppi terroristici che il regime ha facilitato per il preso di controllo delle aree del Paese, vale a dire IS e il PKK. Ad esempio, i giornalisti locali di Deir Ezzor 24 e Watan FM hanno rivelato gli elementi essenziali della precedente storia di Reuters a marzo. Al-Katerji è tutt’altro che l’unico intermediario tra Assad e IS. Un altro caso notevole è Suhayl al-Hassan, ma il ruolo di Al-Katerji è stato particolarmente saliente dato che George Haswani è stato messo fuori gioco.

Alla fine del 2015, Haswani è stato sanzionato dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, come la sua HESCO Engineering and Construction Company, per aver agito come “intermediario per gli acquisti di petrolio” tra Assad e IS. Haswani era già stato sanzionato dall’Unione Europea nel marzo 2015 per lo stesso motivo. Nel raccontare, Haswani, il suo funzionamento del settore energetico della Siria come un joint venture con l’IS è stato un tentativo patriottico di fornire “elettricità a tutto lo spettro del popolo siriano”.

Era ampiamente calcolato di includere i jihadisti in quello spettro. Una visione diversa è stata espressa dal segretario di Stato britannico Phillip Hammond. “Questa dichiarazione”, ha detto Hammond, “dà ancora un’altra indicazione che la “guerra” di Assad contro è fasulla e che li supporta finanziariamente”. Tra le cose interessanti di Haswani era che era di religione cristiana e un doppio nazionale di Siria e Russia. Haswani aveva importanti interessi commerciali legati al governo russo, e Mosca forniva per lungo tempo gran parte del tessuto connettivo tra gli staterelli di Assad e IS. C’era pertanto una grande proiezione nell’accusa della coalizione pro-Assad riguardo il fatto che la Turchia stesse finanziando IS attraverso petrolio e altri traffici.

Da gennaio 2017, dopo un inizio disastroso della campagna guidata dagli Usa con la conquista da parte di IS di Ramadi e Palmyra, la coalizione e le sue “forze partner” stavano scacciando l’IS e avevano preso qualcosa che si avvicina alla metà del suo territorio. Le città di Tikrit, Tel Abyad, Hasaka, al-Hawl, Ramadi, Shadadi, Falluja, Minbij, Qayyara e Shirqat erano cadute dalle mani dell’ IS e l’offensiva contro Mosul era in corso. In quel momento, il regime di Assad era la più grande fonte individuale di fondi per l’IS.

Gli esperti europei del contro-terrorismo hanno valutato che Assad stava utilizzando il potere a Damasco generato negli stabilimenti IS-tenuti intorno a Palmyra come l’impianto di gas naturale Al-Akram. A sua volta il regime di Assad stava fornendo denaro allo Stato Islamico. L’aumento degli scambi tra Assad e l’IS è apparentemente in parte determinato da una riduzione temporanea dell’offerta di energia a basso costo ad Assad da parte dell’Iran e della Russia (alla fine del 2016), nonostante stesse continuando per almeno altri mesi.

I soldi del regime di Assad hanno contribuito a contrastare la convenuta campagna statunitense contro le reti finanziarie dei jihadisti, un programma iniziato non più tardi del maggio 2015. Le forze speciali statunitensi hanno fatto incursione a Deir Ezzor, uccidendo il capo della “Divisione delle Antichità”, Fathi al-Tunisi (Abu Sayyaf al-Iraqi) e costringendo la riassegnazione dell’emiro provinciale Ali al-Jiburi (Abu Ayman al-Iraqi).

Fonti locali definirono al-Katerji come facilitatore di questi accordi tra il regime di Assad e IS. Sembra che almeno un percorso per il petrolio sia stato fatto dalle mani di IS ad est di Homs fino a Qamishli, dove al regime di Assad era permesso di gestire infrastrutture di sicurezza chiave, nell’area gestita altrimenti dall’SDF / PKK e poi ad Aleppo. I ribelli siriani hanno intercettato alcune di queste spedizioni tra il regime e i gruppi terroristici jihadisti.

Nella primavera del 2017, il regime di Assad, avvertendo che aveva sconfitto l’opposizione principale, ha iniziato – con il sostegno della coalizione – una campagna sostenuta nelle aree di IS. Prima di questo, le forze pro-Assad avrebbero utilizzato incidenti politici come l’offensiva di Palmyra ei loro diversi scontri con l’IS come prova che hanno sempre combattuto tutti i ”combattenti santi”. Ma la realtà è che esattamente in questi punti della collaborazione più stretta, alcuni degli episodi più violenti tra Assad e l’IS si sono verificati durante i lunghi anni in cui hanno osservato un patto di non aggressione.

L’8 gennaio 2017, per esempio, l’esplosione di un impianto a gas del regime provocata dall’ISIS,  è stato un messaggio per il regime poiché rimase indietro sui pagamenti. “Uccidi e combatti per influenzare l’affare, ma l’affare non si conclude” come ha spiegato un funzionario del settore del petrolio del regime siriano.

VERSO IL FUTURO

Con l’IS cacciato dall’aperto controllo delle sue capitali gemelle e con il regime di Assad garantito per l’immediato futuro da parte dell’Iran e della Russia, c’è stata come la sensazione che la guerra in Siria stesse giungendo al termine.

Si parla di fondi di “ricostruzione” inviati in Siria, in particolare dall’Unione Europea. Talvolta presentati come mezzo per esercitare una leva politica per costringere Assad a dimettersi, questa non è altro che una fantasia: il regime si è sopravvissuta a questa guerra distruggendo il Paese e mezzo milione di persone; non si arrenderà ora in cambio di qualche milioni di dollari.

La realtà è che l’EU vuole spegnere il flusso di rifugiati, che ha destabilizzato la politica sul continente e ha dato l’occasione a far entrare terroristi clandestinamente in Europa. Alcuni Stati EU  sono disposti a pagare Assad per farlo.

Dovrebbe essere ovvio che né Assad né i suoi alleati possano farlo. La maggior parte dei profughi siriani è fuggita da Assad e non può tornare mentre lui è al potere. Oltre a questo, l’attenzione su IS manca l’obiettivo.

La sopravvivenza del regime, sostenuta dall’Iran, fornisce un riserva di legittimità politica per l’IS e altri attori radicali, assicurando instabilità in Siria e anche al di fuori. Non c’è niente da guadagnare pagando la coalizione pro-Assad per difenderci da una minaccia terroristica della quale è sostanzialmente responsabile, e c’è qualcosa di osceno nel sostegno retrospettivo di una strage di questa scala.

Originale: http://henryjacksonsociety.org/2017/10/28/the-syrian-regimes-funding-of-the-islamic-state/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...