Uccidere la Verità 4a parte: Anatomia di una campagna di disinformazione

COME INSABBIARE I CRIMINI DI GUERRA

Le diffamazioni contro i Caschi Bianchi e i tentativi di negare i crimini di guerra che essi portano alla luce coinvolgono una serie di individui e istituzioni: accademici, politici, blogger, celebrità, think tank e organizzazioni mediche fasulli.

ANATOMIA2.PNGQuesti soggetti si sono attivati in modo lampante in occasione dell’attacco chimico con il gas sarin, avvenuto il 4 aprile 2017 su Khan Sheikhoun, che ha ucciso 91 persone.

Non dovrebbe sorprendere che i responsabili dell’attacco abbiano cercato immediatamente di creare confusione online. E ci sono riusciti. In pochi giorni, la discussione online su uno degli attacchi più dolorosi della guerra in Siria è stata dominata da una notizia falsa.

Nel giorno dell’attacco, il sito web pro-Assad Al-Masdar News ha affermato che l’attacco era “un’operazione  sotto falsa bandiera, inscenata dai Caschi Bianchi e da altri attori per scatenare una risposta in linea con l’attacco missilistico statunitense avvenuto effettivamente due giorni dopo.  La storia è stata ripresa dai siti filorussi, tra cui l’ospite radiofonico americano e il teorico della cospirazione Alex Jones – con oltre 700.000 follower su Twitter – che hanno riferito sul sito di cospirazioni Infowars.com che i Caschi Bianchi avevano messo in scena l’attacco. L’articolo, condiviso più di 25.000 volte, cominciava così: “I Caschi Bianchi, un gruppo affiliato ad al-Qaeda finanziato da George Soros e dal governo britannico, secondo quanto riferito, hanno messo in scena un altro attacco con armi chimiche contro i civili nella città siriana di Khan Shaykhun per incolpare il governo siriano.”

Sarah Abdallah (vedi pagina 33) è stata una delle prime a condividere la teoria della cospirazione da Al-Masdar News su Twitter. Paul Watson, l’editor di InfoWars, è uno dei suoi follower.

Nei cinque giorni successivi all’attacco, gli account Twitter affiliati alla Russia e alla Siria hanno dominato il dibattito, insieme ai resoconti di esponenti conservatori degli Stati Uniti. Tutti critici verso i Caschi Bianchi.

Di questo gruppo ha fatto parte Vanessa Beeley (vedi pagina 22). Il 4 aprile ha twittato un’immagine dei volontari dei Caschi Bianchi che stavano curando i bambini dopo l’attacco scrivendo: “Il porno di guerra dei #WhiteHelmet colpisce ancora. Lo sfruttamento minorile ha raggiunto il limite massimo, un’indagine immediata sul luogo di provenienza di questi bambini” e “SIRIA: un’altra falsa bandiera sulle armi chimiche alla vigilia dei colloqui di pace a Bruxelles” che rimanda a un articolo sul sito web 21st Century Wire che dichiara che “terroristi” affiliati ai Caschi Bianchi hanno messo in scena l’attacco chimico.

Lo stesso giorno, 24 ore dopo l’attacco chimico di Khan Sheikhoun, la Beeley ha presentato una serie di false accuse contro i Caschi Bianchi a una conferenza organizzata dal Centro Europeo per lo Studio dell’Estremismo (vedi EUROCSE a pagina 32) a Westminster, coinvolgendo l’ex arcivescovo di Canterbury e membri della House of Lords britannica.

Mentre ripeteva specifiche teorie cospirative sull’attacco di Khan Sheikhoun, sosteneva che i Caschi Bianchi sono strettamente affiliati a gruppi estremisti e che hanno messo in scena filmati di salvataggio finti, inclusi quelli di un altro attacco chimico del marzo 2015. Ha parlato insieme al dott. Marcus Papadopoulos, un contributore frequente presso i canali di propaganda dello Stato russo e presso i ministri del governo siriano, Bishr Riyad Yaziji e Ali Haidar, entrambi colpiti dalle sanzioni occidentali per il loro ruolo nelle atrocità in corso, tramite collegamento video.

ANATOMIA3Il giorno seguente, #SyriaHoax è stato l’argomento di tendenza numero uno su Twitter negli Stati Uniti, potenziato da un esercito di account che lo ha twittato centinaia di volte in poche ore.

Il giorno seguente, #SyriaHoax è stato l’argomento di tendenza numero uno su Twitter negli Stati Uniti, potenziato da un esercito di account che lo ha twittato centinaia di volte in poche ore. J.M. Berger del Centro internazionale per l’antiterrorismo dell’Aia, che studia tecniche di analisi della propaganda e dei social media, ha dichiarato all’emittente televisivo statunitense ABC che #SyriaHoax è “un chiaro esempio di campagna di influenza russa”.

ANATOMIA4.PNGDubbi sull’attacco chimico sono stati ripresi dal senatore dello Stato della Virginia, Richard Black, che ha svolto un tour della Siria e avuto un incontro con Assad nell’aprile 2016. Durante il viaggio, Black si è impegnato a diventare “la voce della Siria” nella sfera politica statunitense.  Un’altra voce a sostegno della cospirazione è stata fornita dal membro del Congresso del partito Democratico Tulsi Gabbard che ha visitato la Siria come membro di una “missione d’inchiesta segreta“ all’inizio del 2017: “Ci sono un certo numero di teorie su quello che è successo esattamente quel giorno”, ha detto alla CNN.

Le dichiarazioni di Tulsi sono state riprese dall’ambasciatore russo nel Regno Unito sul quotidiano Telegraph: “Esistono alcune versioni. A mano a mano che le informazioni vengono accumulate, ci sono sempre più motivi per pensare che i terroristi che controllano quest’area abbiano fatto esplodere sul terreno munizioni di sarin costruite artigianalmente, causando vittime civili. I “Caschi Bianchi” hanno agito troppo frettolosamente per suscitare l’indignazione pubblica e hanno pubblicato materiali preconfezionati su internet. Tuttavia, hanno commesso alcuni errori clamorosi che indicano la natura di una messa in scena di quei materiali”. L’articolo dell’ambasciatore continua dicendo: “Lasciate che richiami la vostra attenzione sull’analisi dei contenuti dei social media sull’incidente di Khan Sheikhoun fornito dalla ONG Swedish Doctors for Human Rights” – si tratta di un’organizzazione sconosciuta in Svezia sia agli operatori dei diritti umani sia a professionisti del settore medico (vedi pagina 30).

La teoria della cospirazione ha continuato ad echeggiare online, ricevendo supporto da Carla Ortiz (vedi pagina 34), ex Baywatch e star di CSI Miami, che è stata prolifica nella sua amplificazione delle diffamazioni contro i Caschi Bianchi. Il giorno dell’attacco chimico ha twittato un link a un articolo sui Caschi Bianchi dicendo: “Non so quanti  $ [ci vogliono] per dire una bugia come questa! Ma Dio sta guardando! Tutto questo è ingannevole, basso e triste #WH sono #alqaeda @VanessaBeeley “.

Un mese dopo l’attacco al sarin, la Russia ha portato le diffamazioni di Beeley al più alto livello. Peter Illichev, vice ambasciatore della Russia presso le Nazioni Unite, ha presentato il documento informativo di Beeley e le diapositive di presentazione dalla conferenza EUROSCE di Londra al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e all’Assemblea Generale come prova contro il gruppo.

La lettera di accompagnamento diceva: “Ho l’onore di trasmettere qui le informazioni sul lavoro dei “Caschi Bianchi” in Siria … Le sarei grato se volesse far circolare queste informazioni come documento del Consiglio di Sicurezza e dell’attuale sessione dell’Assemblea Generale.”

La richiesta spinse Canada, Stati Uniti, Danimarca, Regno Unito, Francia, Germania, Nuova Zelanda ed i Paesi Bassi a scrivere una lettera all’ONU che respingeva con fermezza le accuse.

SWEDHR

“Swedish Doctors for Human Rights” (SWEDHR, Medici svedesi per i diritti umani), che sembra essere stato formato nel 2015, è ripetutamente indicato come fonte anti-Caschi Bianchi dai canali ufficiali russi.

Il 16 marzo 2017 il Direttore del dipartimento di Informazione e stampa presso il Ministero degli Affari Esteri russo, Maria Zakharova, ha informato la stampa che le “prove” del SWEDHR dimostrano che i Caschi Bianchi non solo creano video falsi ma uccidono anche bambini.

Zakharova ha fatto riferimento all’analisi del SWEDHR su un video dei Caschi Bianchi, in cui, sostiene,

si può vedere “un bambino che viene portato dentro e [che] viene praticamente assassinato sotto le luci della cinepresa”.

Secondo Coda Story, un sito dedicato al giornalismo d’inchiesta, le accuse fatte dal SWEDHR sono state ampiamente riprese dai media russi, tra cui “RT, Sputnik, Rossiskaya Gazeta, Pravda, Zvezda TV, Ren TV e dozzine di altri media controllati dal Cremlino”. Una ricerca di Sputnik News mostra più di una dozzina di storie che fanno riferimento alle affermazioni del SWEDHR, con titoli come “Bugie Bianche: ‘Caschi Bianchi’ ripresi nell’atto di falsificare soccorsi e curare bambini morti”, “Caschi Bianchi hanno inventato la storia dell’attacco del gas siriano come parte della campagna per la “No-fly Zone”, e “Caschi Bianchi” usati come propaganda dalla NATO per ulteriori interventi in Siria”.

Qualche settimana dopo, il 13 aprile, l’ambasciatore siriano all’ONU, Bashar Jaafari, ha fatto riferimento al rapporto del gruppo SWEDHR al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che confermerebbe “l’ambiguità dei cosiddetti Caschi Bianchi”.

Ma chi sono i “Medici svedesi per i diritti umani” (SWEDHR)? Secondo il quotidiano nazionale svedese Dagens Nyheter, il gruppo è una “truffa”, un’organizzazione “quasi completamente sconosciuta”.

Il capo svedese di Human Rights Watch, Mans Molender, ha dichiarato al giornale: “Lavoro nel settore dei diritti umani dal 2003, lavorando alla Corte di Giustizia Europea, a Ginevra e al Ministero degli affari esteri. E non ne ho mai sentito parlare prima.”

Elin Karsson, presidente del Consiglio per l’Etica e la Responsabilità dell’Associazione Medica Svedese, ha dichiarato: “Non conosco questa organizzazione, ma muovono accuse molto serie e, per quanto ne so, senza alcuna ragione obiettiva.”

Il rapporto originale del SWEDHR, che accusa i Caschi Bianchi di falsificare le cure mediche e mettere in pericolo i bambini, riporta molte delle stesse diffamazioni delle altre cospirazioni su Internet. L’articolo, pubblicato il 6 marzo su The Indicter, il loro blog di notizie online, termina con il riconoscimento: “L’autore desidera ringraziare la giornalista indipendente Vanessa Beeley per un feedback inestimabile.”

EVA BARTLETT

ANATOMIA5La blogger canadese Eva Bartlett si presenta allo stesso modo come una “scrittrice indipendente” e una “attivista per i diritti”, ma è stata fotografata con un braccialetto “I love Bashar” in omaggio al dittatore siriano.

Bartlett è una cara amica di Beeley. Il suo principale contributo al dibattito in Siria è stato uno spezzone di video di un discorso tenuto nel 2016 a un evento del governo siriano presso l’ONU, sostenendo che i Caschi Bianchi mettono in scena i salvataggi e “riciclano” i bambini nei loro filmati falsi – una storia già smentita da un’indagine della britannica Channel 4 News.

Il video pubblicato da Bartlett la raffigura mentre parla con il logo delle Nazioni Unite dietro di sé, dando la falsa impressione di indipendenza e autorità. È stata invitata dal governo siriano a sostenere la loro tesi.

Centinaia di versioni dello spezzone di video sono apparse su YouTube in pochi giorni e sono state diffuse attraverso il canale “/The_Donald” su Reddit, canale dei sostenitori di Donald Trump sul sito. Le versioni del videoclip sono state promosse dal Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, dal consigliere senior del presidente Trump, A.J. Delgado, da personalità di estrema destra come Mike Cernovich e Katie Hopkins, e anche da organi di stampa dei media russi, nonché dall’estremità opposta dello spettro politico su piattaforme marginali come il quotidiano comunista britannico, il Morning Star.

Ad eccezione di pochi, quasi tutti i video originali in questione, ricercati per questo rapporto, sono stati rimossi da YouTube, coerentemente con il blocco e la chiusura degli account Google collegati alla disinformazione russa.

Tuttavia, una versione promossa dal sito web russo dei video, In the Now, è ancora online ed è stata vista più di 4 milioni di volte su Facebook. Porta la didascalia: “Giornalista canadese schiaccia totalmente l’inviato dei Mainstream Media su ciò che sta succedendo in Siria”.

Diversi mesi dopo, il governo siriano ha annunciato che Omran Daqneesh, il  bambino che è stato fotografato seduto da solo sul retro di un’ambulanza ad Aleppo e presente in innumerevoli pagine di giornali in tutto il mondo, era vivo e vegeto. In quello che il New York Times ha descritto come parte di “una campagna di pubbliche relazioni calcolata dal governo siriano”, è stata Eva Bartlett ad essere invitata a fare una delle prime interviste al padre del bambino, che è stata debitamente trasmessa attraverso i canali dei media sostenuti dalla Russia.

ANATOMIA6EUROCSE
Il Centro Europeo per lo studio dell’Estremismo (EUROCSE) è stato fondato da Makram Khoury-Machool, ex consulente per la comunicazione dell’ambasciatore di Assad a Londra, e dal dott. Salah Al-Bandar, ex consigliere dei liberal-democratici e consigliere per la sicurezza nazionale del governo del Bahrain.

I relatori apparsi al fianco della Beeley alla conferenza di aprile includono:

  • Peter Ford, ex ambasciatore britannico in Siria che ora lavora come direttore della British Syria Society;
  • Lord Hylton, britannico che ha relazioni commerciali con membri della famiglia di Bashar Al-Assad;
  • La baronessa Cox, che ha visitato Assad a Damasco nell’autunno 2016 ed è nota per le sue idee politiche di estrema destra e filorusse.

Nella polemica che circonda la conferenza di EUROCSE, Lord Kinnock, ex leader laburista, ha detto di aver “ritirato ogni legame” con il Centro. L’Università di Cambridge ha dichiarato al giornale dell’università “EuroCSE non è in alcun modo collegato all’Università di Cambridge”.

Il National Liberal Club si è scusato per aver ospitato l’incontro a causa dei suoi chiari legami con il regime di Assad e ha donato i fondi raccolti dalla conferenza alle organizzazioni di beneficenza per i rifugiati siriani.

SARAH ABDALLAH

L’account Twitter con la più grande portata e influenza tra i detrattori dei Caschi Bianchi, secondo Graphika, è Sarah Abdallah o @sahouraxo.

Nonostante abbia un seguito altamente credibile di politici, esperti e giornalisti della Siria, è una personalità online di cui sappiamo molto poco.

Il lavoro di ricerca per il presente rapporto non ha trovato alcuna prova di suoi scritti pubblicati su nessun giornale – nazionale o internazionale – ma lei sostiene di essere una “commentatrice geopolitica libanese indipendente” e i suoi tweet ottengono regolarmente centinaia di retweet, molti dei quali condivisi migliaia di volte.

Alla data di stesura del presente rapporto, il suo account ha 108.000 follower su Twitter, tra cui più di 600 followers verificati (spunta blu), tra cui:

  • oltre 250 giornalisti (da BBC, CNN, Washington Post, Buzzfeed, Times of India, LA Times,

USA Today, Reuters, Bloomberg, Al Jazeera, Fox News, Yahoo News, NBC, Telegraph, Toronto Sun, The Australian, AFP, CNBC, CBC, Der Spiegel, Globe & Mail, Daily Beast);

  • ex membri dell’amministrazione Trump, incluso Sebastian Gorka, il generale Mike Flynn e Anthony Scaramucci;
  • oltre 60 politici da tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Canada, Venezuela,

India e Australia;

  • personaggi chiave dell’Alt-Right negli Stati Uniti, tra cui Paul Watson, Richard Spencer e Mike Cernovic.

Prima della rivolta siriana, Abdallah twittava scrivendo sotto il nome  @jnoubiyeh. Una versione archiviata del suo blog Jnoubiyeh.com reca un’intestazione in bianco e nero con un’immagine del Sud del Libano e la frase “La nostra resistenza è per sempre eterna”.

Ora pubblica un gran numero di contenuti filorussi, inclusi pezzi che glorificano Putin. Si è scoperto che oltre 1.500 dei suoi follower sono collegati ad almeno un’altra campagna di disinformazione russa. E la posizione che Abdallah palesa quando intervistata sui media mainstream, il conflitto in Siria e il malessere delle democrazie occidentali è coerente con i contenuti degli organi di stampa finanziati dallo Stato russo.

Un plauso così aperto a Putin suggerisce che probabilmente non è un account gestito dalla Russia. Come un ex dipendente della famigerata fabbrica dei troll russi, l’Agenzia di Ricerca su Internet, ha affermato “[ci è stato] proibito di promuovere qualsiasi cosa riguardasse la Russia o Putin”.

Tuttavia lo stesso potrebbe non essere vero per i suoi follower. L’esperto di social media di Graphika ha detto: “I seguaci di Sarah assomigliano più all’allineamento standard dei “sock puppets” (burattini) in una campagna russa di disinformazione, piuttosto che una rete di persone che seguono un vero esperto del Medio Oriente di qualsiasi stampo politico”.

Un’indagine più approfondita sulla sua identità e sulle sue motivazioni è chiaramente necessaria, ma è impressionante come questo individuo, senza un background professionale, si sia affermato come un commentatore così influente in questo dibattito.

ANATOMIA 7CARLA ORTIZ

L’attrice Carla Ortiz – ex star di Baywatch e CSI Miami – è diventata “reporter” all’apice delle violenze del conflitto siriano quando ha visitato la prima linea dei combattimenti di Homs e Aleppo. Ha anche incontrato il Ministro dell’Informazione di Bashar Al-Assad, Omran al-Zoubi, a Damasco nel maggio 2016 – un uomo colpito dalle sanzioni occidentali per il suo ruolo nelle violazioni dei diritti umani.

Nei post su Facebook, Ortiz può essere vista sventolare una bandiera del governo siriano a sostegno del regime di Assad mentre è in visita in Corea del Nord con l’attivista australiano pro-Assad, Tim Anderson, professore all’Università di Sydney e commentatore frequente su Russia Today.

Su Facebook ha pubblicato: “Quando chiedi dei “Caschi Bianchi” loro [la gente di Aleppo est] non hanno idea di chi sono … e poi dicono: ‘Oh, Al Nusra Front’ (un gruppo terroristico).”

Le reti televisive statunitensi CNN e Fox News hanno entrambe fatto interviste amichevoli con Ortiz, in cui lei offre “spunti di testimoni oculari” del tempo che ha passato ad Aleppo e parla del suo prossimo film Voice of Syria, che promette di concentrarsi su “rivelazioni interessanti sui Caschi Bianchi”.

Russia Today ha citato Ortiz dicendo che l’intera guerra siriana “è stata deliberatamente e meticolosamente messa in scena” e che le atrocità russe ad Aleppo sono finte. I media statali siriani la citano anche per i loro scopi di propaganda, compreso il suo appello di revocare le sanzioni occidentali contro il governo di Assad.

SWISS PRESS CLUB

Fornire una piattaforma per la propaganda

Il primo giorno del round di colloqui di pace a Ginevra del novembre 2017, Guy Mettan, direttore del Swiss Press Club, ha tenuto una conferenza stampa intitolata “Non si preoccupano di noi. A proposito della vera agenda dei Caschi Bianchi”. Il titolo della conferenza era identico a un programma sull’emittente statale russo RT trasmesso il 22 settembre 2017 che mirava anche a diffamare i Caschi Bianchi. Mettan ha proiettato parte del film per aprire la conferenza, incoraggiando i partecipanti a vedere il film completo online.

ANATOMIA8Quando è stato contattato da The Syria Campaign, che gli ha chiesto chi stava organizzando la conferenza che vedeva Vanessa Beeley [vedi pagina 22] e il capo dei Medici Svedesi per i Diritti Umani [vedi pagina 30], Mettan ha risposto che “non è sponsorizzato da nessuno” ma ha rifiutato di dire chi aveva organizzato la conferenza.

In una dura lettera inviata a Mettan in vista della conferenza, Reporters Sans Frontières ha dichiarato: “Ci  dissociamo totalmente da questo evento e non vogliamo essere associati in alcun modo a una conferenza che accoglie una cosiddetta “giornalista”, Vanessa Beeley.”

Nel commento di follow-up al quotidiano nazionale svizzero Le Temps, il presidente di Reporters Sans Frontières svizzera, Gerard Tschopp, ha dichiarato: “Swiss Press Club  non può offrire una tale piattaforma ai propagandisti. Che siano filo-russi o filo-americani, non importa”.

Reporters Sans Frontières deciderà se continuare o no a rimanere membro di Swiss Press Club.

L’autore di questo rapporto è The Syria Campaign, con ricerca ed analisi da Graphika, agenize di ricerca ed analisi di social media intelligence e dal giornalista freelance e ricercatrice Shilpa Jindia. Tradotto in italiano da Giovanna De Luca e Mary Rizzo. Impaginazione da Al-Masri. Un ringraziamento a Samantha Falcitori.

SCARICARE IL PDF QUI

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...