Meccanismo internazionale per affrontare la crisi della detenzione e delle sparizioni forzate in Siria

il

Pubblicato il 26 luglio su Medium

(Traduzione G.De Luca)

Il documento di presa di posizione è stato preparato da dieci associazioni e organizzazioni che rappresentano le famiglie delle vittime e dei sopravvissuti alla detenzione e alla sparizione forzata in Siria, vale a dire: Caesar Families Association, Families for Freedom, the Coalition of Families of Persons Kidnapped by ISIS-Daesh (Massar), Ta’afi Initiative, Hevdesti (Synergy) Association for Victims, the Association of Deteinees and the Missing in Sednaya Prison (ADMSP), Adra Detainees Association, Families of Truth and Justice, Release Me, e infine l’Unione Generale dei Detenuti. Questo documento riflette il culmine di un tour di advocacy in corso che queste organizzazioni hanno intrapreso dal 2021.

La detenzione arbitraria e la sparizione forzata sono componenti intrinseche nell’uso della repressione e dell’intimidazione da parte del regime siriano e di altre parti in conflitto in tutto il paese. Inoltre, costituiscono una delle principali cause di asilo e sfollamento, nonché un ostacolo al ritorno sicuro, dignitoso e volontario dei siriani in patria. In ogni conflitto, la sparizione forzata è uno dei più importanti ostacoli alla pace e una sfida per una vera giustizia di transizione. Affrontare questa crisi in Siria contribuirebbe quindi a risolvere uno dei problemi più urgenti e intrattabili del Paese, che continua a infliggere sofferenze inimmaginabili ai siriani sia in patria che all’estero.

Questo documento mira a riassumere la nostra posizione come organizzazioni di sopravvissuti e famiglie di vittime e affrontare la crisi delle sparizioni forzate in Siria istituendo un meccanismo umanitario internazionale indipendente incaricato di rivelare il destino delle persone scomparse con la forza e detenute da varie parti in conflitto nel nazione.

Background

La detenzione arbitraria e la sparizione forzata stanno definendo le caratteristiche del conflitto in corso in Siria. Secondo la Rete siriana per i diritti umani (SNHR), il numero di civili scomparsi con la forza in Siria ha superato i 100.000 dall’inizio del conflitto nel 2011. Sebbene tutte le parti in conflitto abbiano fatto ricorso alla detenzione e alla sparizione forzata come principale strumento di repressione nelle rispettive aree di controllo, il regime siriano rimane responsabile della stragrande maggioranza dei reati di sparizione forzata. Secondo i rapporti di SNHR, non meno di 102.287 persone sono state fatte sparire con la forza tra marzo 2011 e agosto 2021, inclusi 2.405 bambini e 5.801 donne. Il regime siriano è responsabile dell’84,8% di tutte le sparizioni forzate in quel periodo, mentre l’ISIS e Hay’at Tahrir a-Sham sono responsabili rispettivamente dell’8,4% e del 2%. Nel frattempo, dal rapporto di SNHR risulta che altre fazioni armate dell’ opposizione sono responsabili del 2,5% delle sparizioni, mentre le forze democratiche siriane (SDF) sono responsabili del 2,2%.[1]

In questo contesto, è fondamentale creare uno speciale meccanismo internazionale per scoprire il destino di coloro che sono scomparsi con la forza in Siria, scoprire dove si trovano i sopravvissuti prima di ottenere il loro rilascio, trovare le sepolture delle vittime decedute, identificare i loro resti e consegnarli alle loro famiglie con dignità. Questi passi dovrebbero essere intrapresi parallelamente a tutti gli altri sforzi volti a portare la pace, porre fine al conflitto e riconoscere la responsabili degli autori.

Sforzi internazionali relativi alla detenzione e alla sparizione forzata in Siria

Per quasi 10 anni, gli sforzi internazionali per affrontare la detenzione e le sparizioni forzate in Siria non sono riusciti a trovare soluzioni.

A livello internazionale, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha cercato di sviluppare una tabella di marcia per la risoluzione del conflitto in Siria attraverso il cosiddetto processo di Ginevra e le risoluzioni del Consiglio di sicurezza come la risoluzione 2139 (2014) e la risoluzione 2254 (2015).[2]

Sin dai primi anni del conflitto, le iniziative internazionali hanno incluso richieste chiare per il rilascio dei detenuti e la divulgazione del destino dei dispersi e degli scomparsi – ad esempio, il paragrafo quattro del piano di pace siriano in sei punti di Kofi Annan metteva l’accento sulla necessità di rilasciare immediatamente i detenuti, far sapere quali sono tutti i centri di detenzione e garantire una comunicazione e un accesso tempestivi riguardo a tali detenuti.[3]

Anche i primi tentativi degli attori regionali non hanno prodotto risultati. A livello arabo, la Lega degli Stati Arabi ha inviato una delegazione di osservatori arabi per monitorare la situazione in Siria e conoscere la realtà dei detenuti in Siria dal 2011. La delegazione ha quindi presentato una relazione tecnica alla Lega Araba, che ha risposto pubblicando una risoluzione che delinea un’iniziativa per risolvere la crisi in Siria, che include appelli a rilasciare i detenuti e rivelare il destino delle persone scomparse con la forza.[4]

Nel 2017 Russia, Iran e Turchia hanno istituito il processo di Astana, sulla base del quale è stato istituito un gruppo di lavoro per i dispersi e i detenuti.[5]

La comunità internazionale ha anche compiuto sforzi per stabilire la responsabilità degli autori di gravi crimini in Siria. L’arresto arbitrario e la sparizione forzata sono innegabilmente reati gravi che devono essere perseguiti ei loro autori ritenuti responsabili. Ad esempio, nel 2016, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato l’istituzione di un meccanismo internazionale, imparziale e indipendente, per assistere nelle indagini e nel perseguimento delle persone responsabili dei crimini più gravi classificati ai sensi del diritto internazionale commessi nella Repubblica araba siriana dal marzo 2011. [6]

Per 10 anni, le organizzazioni della società civile hanno compiuto enormi sforzi per denunciare il crimine di sparizione forzata in Siria, lavorando per rivelare il destino dei dispersi, rilasciare i detenuti e ritenere responsabili gli autori di tali crimini, anche attraverso sforzi di responsabilità basati sulla giurisdizione universale in alcuni paesi europei – in parallelo con gli sforzi instancabili del Comitato internazionale della Croce Rossa e della Commissione internazionale per le persone scomparse.

Tuttavia, questi sforzi non sono riusciti ad affrontare, per non dire ad arrestare, le pratiche endemiche di detenzione arbitraria, sparizione forzata e tortura.

La necessità di un meccanismo internazionale

Chiaramente, è tempo di un approccio diverso. Questo mancato raggiungimento dei risultati, nonostante gli sforzi di lunga data a livello locale, regionale e internazionale, dimostra che è necessario cercare nuove soluzioni; gli approcci attuali hanno già dimostrato i loro limiti!

Noi, quindi, come associazioni che rappresentano vittime e sopravvissuti suggeriamo la creazione di un meccanismo internazionale indipendente di natura umanitaria per affrontare la crisi della detenzione e delle sparizioni forzate in Siria. Questo meccanismo mirerebbe a trovare soluzioni dove altre iniziative hanno fallito smascherando il destino dei detenuti e scomparsi con la forza utilizzando molteplici metodologie per raccogliere informazioni; liberare i superstiti o, in caso di morte, ritrovare e recuperare le loro spoglie; confermare l’identità del defunto e quindi garantire la consegna di questi resti alle famiglie delle vittime.

Rilasciare i detenuti, rivelare il destino delle persone scomparse con la forza e consegnare i resti del defunto alle famiglie costituirebbe un primo passo verso il raggiungimento della giustizia per le vittime, rafforzando il loro diritto alla verità e alla conoscenza e contribuendo al consolidamento degli sforzi di pace in Siria.

La portata del problema è vasta. La dimensione media approssimativa della famiglia in Siria è di cinque persone,[7] il che significa che per ogni persona scomparsa con la forza in Siria ci sono almeno 12 parenti di primo grado (padre, madre, due fratelli, una moglie e due figli) affetti da tortura quotidiana dovuta dal fatto di non conoscere il destino della persona cara detenuta o scomparsa, secondo il gruppo di lavoro sulle sparizioni forzate o involontarie. Ciò corrobora l’articolo (1) della Dichiarazione sulla protezione di tutte le persone vittime di sparizioni forzate, dove si afferma che “l’angoscia e il dolore” delle famiglie per conoscere la verità sul destino e sul luogo in cui si trovano gli scomparsi raggiunge la soglia della tortura per coloro che vivono in tali incertezze.[8] Pertanto, stimiamo che il numero delle vittime dirette di sparizioni forzate includa gli scomparsi ma anche le loro famiglie, il che significa che il flagello della detenzione e delle sparizioni in Siria ha avuto un impatto diretto su almeno 1,2 milioni di siriani, superando di gran lunga le magre stime prudenti che di solito rappresentano solo i 100.000 civili scomparsi dal 2011.

Scoprire il destino delle persone vittime di sparizione forzata significa fermare il dolore di migliaia di famiglie siriane e consentire loro di passare da uno stato di attesa sconosciuta a uno stato di naturale attesa, dolore e lamento.

Affrontare una delle sfide più ardue della Siria rappresenterebbe un passo coraggioso verso una potenziale pace più sostenibile nel paese. Allo stesso modo, l’esistenza di un meccanismo per rivelare il destino dei dispersi e delle persone scomparse con la forza garantirebbe il non ripetersi del reato di sparizione forzata — oltre a rivelare il destino dei detenuti e delle persone scomparse con la forza, il meccanismo andrebbe anche oltre precedenti iniziative per documentare l’orribile crimine di sparizione forzata in Siria e dare priorità allo smantellamento dell’intero sistema di detenzione come prerequisito per la risoluzione del conflitto. Radicare i crimini di detenzione e sparizione forzata nella memoria collettiva del conflitto siriano aiuterebbe anche a prevenirne il ripetersi in futuro.

Come funzionerebbe il meccanismo proposto

Il meccanismo internazionale indipendente proposto dovrebbe essere di natura umanitaria, con un mandato globale per lavorare alla scoperta del destino delle persone scomparse con la forza, scoprire dove si trovano e consegnare i loro resti.

Il meccanismo dovrebbe essere internazionale per motivi sia pratici che legali. Affrontare il problema delle sparizioni forzate è una responsabilità fondamentale dello Stato, ma è anche responsabilità della comunità internazionale. Pertanto, la comunità internazionale ha adottato una serie di misure per vietare le sparizioni forzate.

Il 18 dicembre 1992, la risoluzione 47/133 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la Dichiarazione universale per la protezione di tutte le persone dalle sparizioni forzate. La dichiarazione sosteneva che le sparizioni forzate minano lo stato di diritto e violano i valori più profondi dei diritti umani, mentre descriveva la sparizione forzata come un crimine contro la dignità umana nonché una violazione delle carte delle Nazioni Unite che gli stati non possono commettere per nessun motivo. [9] La sparizione forzata è considerata un crimine nel diritto internazionale, che stabilisce che una persona ha il diritto intrinseco di essere riconosciuta come persona davanti alla legge. La comunità internazionale ha successivamente proseguito con i suoi sforzi per combattere le sparizioni forzate. Il 20 dicembre 2006, le Nazioni Unite hanno approvato la versione finale della Convenzione internazionale per la protezione di tutte le persone dalle sparizioni forzate. Fino al 2019, 98 paesi avevano firmato e 62 paesi ratificato la convenzione.[10] La risoluzione 2474 sulle persone scomparse a seguito di conflitti armati ha aggiunto un altro strumento giuridico internazionale relativo al reato di sparizione forzata.[11]

Anche con questi strumenti in atto, il processo di rivelazione del destino dei dispersi e degli scomparsi sarà lungo e complesso, soprattutto nei casi in cui gli autori hanno utilizzato mezzi avanzati per nascondere le tracce del loro crimine distruggendo i corpi delle persone scomparse e complicando le indagini (ad esempio bruciando cadaveri, usando calce o gettando cadaveri fatti a pezzi in fosse come la fossa di Al-Hota usata dall’ISIS).[12]

Ciò, pertanto, richiede l’uso di molteplici tecniche e metodologie e sforzi concertati da parte di tutte le organizzazioni internazionali e locali disponibili per contribuire a questo lavoro all’interno di un quadro internazionale unificato. Inoltre, date le dimensioni e la complessità della crisi in Siria, è impossibile per una singola parte, indipendentemente dalle sue capacità, rispondere adeguatamente alla situazione. Ciò conferma la necessità di un meccanismo internazionale sotto l’egida delle Nazioni Unite.

Il meccanismo contribuirebbe noltre a intensificare gli sforzi esistenti per scoprire il destino degli scomparsi in Siria, evitando al contempo la perdita di informazioni cruciali. Un punto di riferimento centralizzato per rivelare il destino degli scomparsi allevierà la sofferenza delle famiglie dei dispersi e degli scomparsi, molti dei quali hanno perso il conto delle molteplici iniziative decentrate già in atto, per non parlare delle diverse metodologie e approcci in uso. Questo meccanismo fornirebbe quindi un “luogo unico” in cui le famiglie possano presentare e dare seguito alle loro richieste.

Ci auguriamo che l’istituzione di un nuovo meccanismo possa ricostruire la fiducia delle persone nei meccanismi e nelle istituzioni esistenti. È importante chiarire qui che i siriani non hanno attualmente un’autorità unificata o chiara specializzata sulla questione, a cui fare riferimento quando denunciano la scomparsa dei loro parenti. Ci sono quattro diversi attori che possono fornire supporto per quanto riguarda la Siria, vale a dire:

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa;

La Commissione internazionale per le persone scomparse;

Il gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria;

E il gruppo di lavoro sulle sparizioni forzate o involontarie.

Tuttavia, nessuna di queste istituzioni è in grado di affrontare da sola la questione degli scomparsi, il che ribadisce la necessità di un meccanismo internazionale che riunisca tutti gli sforzi sotto un unico ombrello. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, la signora Michelle Bachelet, ha sottolineato questo punto nella sua dichiarazione del marzo 2021 parlando della necessità di istituire un meccanismo internazionale per rivelare il destino delle persone scomparse in Siria. [13]

Considerando i livelli di polarizzazione politica in Siria, il meccanismo deve essere anche di natura umanitaria. L’indipendenza di questo meccanismo e la sua competenza globale gli forniranno la capacità di guadagnare fiducia e anche di raccogliere competenze e risorse in un unico quadro, guidato da attori internazionali che non hanno sufficientemente coordinato gli sforzi in anticipo. Faciliterà inoltre il processo di condivisione dei dati e consentirà la comunicazione con tutti i funzionari pubblici e le autorità di fatto, in modo indipendente o ufficiale, per fornire e raccogliere informazioni sulle persone scomparse con l’obiettivo di rivelare il loro destino.

Lasso di tempo

È fondamentale istituire questo meccanismo il prima possibile.

Il meccanismo deve funzionare per rivelare il destino delle persone scomparse con la forza mentre sono ancora in vita. La ricerca dei corpi dei defunti, l’identificazione dei resti e la loro consegna alle famiglie diventerà solo più difficile con il tempo a causa della difficoltà nella raccolta dei dati pre-mortem a seguito della decomposizione dei corpi e/o della deliberata o manipolazione involontaria dei luoghi di sepoltura. Allo stesso tempo, però, la necessità di indagare sul destino degli scomparsi e il diritto alla conoscenza del destino delle vittime non diminuiranno con il tempo, anzi, al contrario. I conflitti passati hanno dimostrato che ignorare del tutto questa domanda in realtà perpetua il conflitto. Nel frattempo, il processo di ricerca e scoperta del destino degli scomparsi dipenderà fortemente dai certificati e dalla memoria – entrambi con le proprie date di scadenza temporale – indicando ancora una volta l’urgenza della questione così com’è ora.

In passato, il destino degli scomparsi e il diritto delle vittime di sapere sono stati ignorati o messi da parte una volta terminato un conflitto, con le vittime invece ricompensate con alcune responsabilità formali e risarcimenti e programmi di commemorazione sulla base del presupposto che la ripresa economica e sociale e la transizione verso la pace sono di fondamentale importanza per i contesti postbellici. La storia ha dimostrato che questo è stato un fallimento, dato che il destino di molti in tutto il mondo è ancora sconosciuto fino ad ora. Tuttavia, creando un meccanismo internazionale con competenza globale, il destino degli scomparsi e il diritto alla conoscenza rimangono questioni protette anche dopo la firma di un accordo di pace a causa della disponibilità di risorse e strategie. Questo a sua volta garantisce una pace sostenibile molto tempo dopo la fine di un conflitto.

Sfide e opportunità per il meccanismo date le attuali realtà politiche

Un meccanismo può, ovviamente, sviluppare piani e strategie, esaminare e determinare le posizioni note e potenziali dei luoghi di detenzione utilizzati da tutte le parti in conflitto, trovare posizioni, mappe, immagini satellitari, individui identificati e non riconosciuti e luoghi di sepoltura collettiva e raccogliere , confrontare e analizzare dati, prove e testimonianze con l’obiettivo di svelarne il destino.

La maggior parte dei dati raccolti in Siria sono stati utilizzati per identificare gli autori e ritenerli responsabili; le informazioni non sono mai state elaborate e non sono mai state poste domande che avrebbero potuto aiutare a rivelare il destino degli scomparsi. Ad esempio, il famoso testimone del processo di Coblenza, noto come “il becchino”, è stato interrogato ai fini di determinarne la responsabilità per identificare i crimini e i loro autori, mentre non è stato fatto alcuno sforzo per ottenere informazioni in suo possesso riguardanti l’ubicazione delle fosse comuni, le loro dimensioni e altri dettagli post mortem cruciali per identificare i resti. Inoltre, i membri dell’ ISIS in custodia delle SDF o quelli rimpatriati nei paesi di origine non sono mai stati interrogati per fornire informazioni che avrebbero potuto rivelare la sorte di coloro che sono scomparsi per mano dell’ISIS.

Si spera che con un’adeguata pressione su tutti gli attori in Siria, attraverso questo meccanismo si possa ottenere l’accesso a tutte le fosse comuni e ai centri di detenzione noti e segreti utilizzati da tutte le parti in conflitto, al fine di rivelare il destino di quelle persone scomparse che sono ancora in vita e identificare anche i resti dei defunti e consegnarli alle loro famiglie.

Anche se questo meccanismo non è in grado di operare direttamente sul territorio siriano, potrà comunque operare dall’esterno del Paese e dare delle risposte alle famiglie degli scomparsi. L’esistenza del meccanismo di per sé sarà strumento di pressione sulle diverse parti che partecipano al processo politico concedendo al meccanismo l’accesso al territorio siriano come e quando ciò sarà possibile. Ma forse la cosa più importante è che garantirebbe il diritto alla conoscenza e alla verità delle vittime siriane e assicurerebbe che questo diritto non venga dimenticato o messo da parte quando il conflitto finirebbe.

AAdra Detainees Association

Association of Detainees and the Missing in Sednaya Prison (ADMSP)

Caesar Families Association

Coalition of Families of Persons Kidnapped by ISIS-Daesh (Massar)

Families for Freedom

General Union of Detainees

Hevdesti (Synergy) Association for VictimsRelease

Ta’afi Initiative

Il testo intero del manifesto nel link che trovate all’inizio del testo.

1] SNHR, ‘The Tenth Annual Report on Enforced Disappearance in Syria on the International Day of the Victims of Enforced Disappearances’‘ 30 August 2021.

[2] UN, ‘Security Council Adopts First-Ever Resolution on Persons Reported Missing during Armed Conflict, as Speakers Call for Greater Political Will to Address Problem’, 11 June 2019.

[3] For more information, see: UN Security Council, ‘Resolution 2042 (2012) adopted by the Security Council at its 6,751st meeting, on April 14, 2012’.

[4] For more information, see: UN Secretary-General, ‘Letter dated 24 January 2012 from the Secretary-General addressed to the President of the Security Council’, 2012.

[5] Arabi21, ‘Astana 8 concludes with the formation of two working groups for “the detainees and the missing”’ (Arabic), 22 December 2017.

[6] UN, ‘International, Impartial and Independent Mechanism to Assist in the Investigation and Prosecution of Persons Responsible for the Most Serious Crimes under International Law Committed in the Syrian Arab Republic since March 2011’, undated.

[7] The League of Arab States & the Syrian Arab Republic, ‘Family Health Survey in the Syrian Arab Republic — 2009’ (Arabic), 2011.

[8] Para. 4 in UN Human Rights Council, ‘General Comment on the Right to the Truth in relation to Enforced Disappearances’ in ‘Report of the Working Group on Enforced or Involuntary Disappearances’, 26 January 2011, A/HRC/16/48, p.4.

[9] UN General Assembly resolution 47/133, ‘Declaration on the Protection of All Persons from Enforced Disappearance’, 18 December 1992.

[10] UN General Assembly, ‘International Convention for the Protection of All Persons from Enforced Disappearance’, 20 December 2006.

[11] UN, ‘Security Council Adopts First-Ever Resolution on Persons Reported Missing during Armed Conflict, as Speakers Call for Greater Political Will to Address Problem’, 11 June 2019.

[12] Human Rights Warch; ISIS Dumped Bodies in Gorge’, 4 May 2020.

[13] UN Human Rights Council, ‘Syria: Truth and justice needed more than ever after 10 years of conflict — Bachelet’, 11 March 2021.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...