Resi nulli i decreti di amnistia emessi dal regime siriano tra marzo 2011 e ottobre 2022

il

In base a tali decreti, 7.531 detenuti sono stati rilasciati, ma circa 135.253 sono ancora detenuti o risultano vittime di sparizione forzata.

(L’introduzione ed il report del Sryan Network for Human Rights-SNHR- a questo link).

Traduzione G.De Luca

Comunicato stampa:

Parigi – La Rete siriana per i diritti umani (SNHR) ha pubblicato oggi il suo ultimo rapporto, “Abbattuti i decreti di amnistia emessi dal regime siriano tra marzo 2011 e ottobre 2022”, osservando che sebbene un totale di 7.531 detenuti arrestati arbitrariamente siano stati  rilasciati in base ai decreti emanati dal regime siriano, circa 135.253 sono ancora detenuti e/o vittime di sparizione forzata .

Il rapporto 47 rileva che gli arresti arbitrari sono stati tra le violazioni più importanti e diffuse perpetrate dal regime siriano contro i partecipanti alla rivolta popolare da quando questa ha avuto inizio nel marzo 2011. Centinaia di migliaia di siriani sono stati vittime della macchina di arresto del regime siriano,  i loro casi erano privi di accuse o prove evidenti.  Sono stati arrestati per motivi politici, radicati nella battaglia del regime siriano per la sopravvivenza senza dover apportare cambiamenti politici significativi.  Pertanto, si tratta di arresti arbitrari illegali che violano il diritto internazionale dei diritti umani, nonché la costituzione siriana e le leggi nazionali.  Il rapporto si basa sul monitoraggio quotidiano e continuo della Rete Siriana per i Diritti Umani(SNHR),  di arresti arbitrari, sparizioni forzate e torture, avvenute a partire dal 2011.
Il rapporto delinea i risultati dell’analisi condotta dal team del SNHR sui decreti di amnistia legislativa relativi alla grazia di detenuti precedentemente detenuti nei centri di detenzione del regime siriano, con tutto il materiale attentamente confrontato con l’archivio costantemente mantenuto del SNHR su arresti arbitrari, sparizioni forzate  e torture che si estendono fino ad oggi; dal marzo 2011 all’ottobre 2022. Il rapporto riguarda esclusivamente gli arresti da noi documentati che hanno coinciso con i decreti di amnistia e i rilasci relativi a questi arresti come documentato nel database di SNHR, e non riguarda altri rilasci non correlati  ai decreti di sanatoria.
Il rapporto si basa su interviste che abbiamo condotto con ex detenuti che sono stati rilasciati a seguito dei decreti di amnistia e con detenuti che sono ancora incarcerati nelle carceri civili in tutta la Siria, in particolare la prigione centrale di Hama, la prigione centrale di Homs e la prigione centrale di Suwayda,  nonché con i familiari dei detenuti e delle persone vittime di sparizione forzata e di operazioni fraudolente legate ai decreti di sanatoria.  Il rapporto contiene otto resoconti di prima mano provenienti da tutta la Siria.
Fadel Abdul Ghany, direttore di SNHR, afferma:
“Abbiamo lavorato instancabilmente per mesi per fornire un quadro completo dei decreti di amnistia emessi dal regime siriano.  Abbiamo spiegato il contesto e l’effetto di ogni decreto monitorando i rilasci successivi.  Presentiamo questo rapporto come un documento davanti  agli organi delle Nazioni Unite per dimostrare che i casi di arresto arbitrario o sparizione forzata di cui è responsabile il regime siriano sono infinitamente più numerosi dei casi in cui i detenuti sono stati rilasciati.  Questo rapporto dimostra anche che il regime siriano utilizza i detenuti come ostaggi, poiché i nostri database mostrano un numero straziante di quasi 136.000 cittadini siriani che sono ancora in arresto o scomparsi, i quali devono essere tutti rilasciati”.

Il rapporto rileva che dal marzo 2011 il regime siriano ha emesso un totale di 21 decreti di amnistia. La maggior parte di questi decreti ha annullato la totalità, la metà o un quarto delle condanne dei graziati per i vari crimini e reati in questione.  Queste amnistie riguardavano particolari articoli e condanne relativi a persone che erano state detenute per aver espresso opinioni politiche o aver preso parte alla rivolta popolare.  Tra le persone graziate erano inclusi anche militari che avevano disertato e sono stati graziati a condizione che si consegnassero entro un certo periodo specificato da ciascun decreto, che di solito durava diversi mesi dal momento in cui il decreto era stato emesso.  Alcuni decreti erano estensioni di decreti precedenti, in particolare quelli riguardanti militari o civili che imbracciavano le armi, in modo da consentire loro di arrendersi.
Il rapporto mette anche in luce la significativa differenza tra i condoni generali ei condoni speciali.  A tal fine, il rapporto chiarisce che l’emissione di amnistie generali è una rarità, poiché queste minano le politiche penali dello Stato e la capacità di combattere i crimini.  Sembrerebbe che questa sia stata una politica deliberata del regime siriano che ha rilasciato alcuni detenuti criminali per incorporare molti di essi alle milizie locali fondate dal regime stesso per difendersi.

Il rapporto delinea i decreti di amnistia emessi dal regime siriano tra marzo 2011 e ottobre 2022. Come mostra il rapporto, questi sono divisi per caso in amnistie generali e parziali (11 decreti di amnistia) e decreti di amnistia speciale per reati militari che avevano come obiettivi principali quelli militari (10 decreti di amnistia).
Il rapporto sottolinea che tutti i decreti sono stati emessi dal Presidente della Repubblica, che presiede l’autorità esecutiva, in violazione del codice penale siriano.  L’Assemblea del popolo, cioè il potere legislativo preposto allo studio e all’approvazione dei decreti di sanatoria generale, non ha mai emanato leggi di sanatoria.  Questa è solo una delle tante manifestazioni dell’autorità esecutiva in Siria che coopta l’autorità legislativa.  Il SNHR sospetta che Bashar al-Assad abbia emesso un numero così elevato di amnistie per presentarsi come un dittatore uomo forte con potere assoluto sulla vita del popolo siriano.  Lui, e solo lui, può decidere chi è perdonato, ogni volta che vuole, come vuole.  Quei decreti sono semplicemente un’affermazione del governo dispotico che gli conferisce il potere assoluto di revocare la costituzione e ignorare la legge costituzionale e lo spirito stesso della legge di fare ciò che vuole.

Come rivela il rapporto, un totale di 7.531 persone arrestate arbitrariamente (6.086 civili e 1.265 militari) sono state rilasciate dalle varie prigioni civili e militari del regime e dai rami della sicurezza in tutta la Siria in conformità con 21 decreti di amnistia emessi tra marzo 2011 e ottobre 2022. Dei 6.086 civili rilasciati, 349 erano donne, mentre 159 erano bambini al momento dell’arresto.  Il rapporto rileva che nel 2012 è stato rilasciato il maggior numero di civili, attraverso il decreto n. 10/2012, seguito dal 2014 attraverso il decreto n. 22/2014, e poi dal 2013 con decreto n. 23/2013 Nel frattempo, il numero più alto di militari rilasciati è stato registrato nel 2015 con il Decreto n. 32/2015, seguito dal 2013 con il Decreto n. 70/2013, e poi dal 2012 con il Decreto n. 30/2012

Il rapporto sottolinea che il regime siriano sta ancora effettuando arresti arbitrari e facendo sparire persone con la forza indipendentemente dai decreti di amnistia, che si traducono solo in un numero molto limitato di rilasci, mentre gli arresti arbitrari continuano in modo diffuso.  Il rapporto delinea il gran numero di arresti arbitrari ogni due decreti di amnistia.  Sotto questo aspetto, durante il periodo intercorrente tra il decreto legislativo n. 10, emanato nel gennaio 2012, e il decreto n. 71, emanato il 23 ottobre 2012, è stato documentato il maggior numero di arresti arbitrari.  Nel rapporto vengono messi a confronto anche i rilasci risultanti dai 21 decreti di amnistia e le persone che sono ancora in stato di arresto o sparizione forzata in concomitanza o dopo l’emanazione di tali decreti tra marzo 2011 e ottobre 2022. Il rapporto rileva che il numero di persone arrestate o  scomparse per mano delle forze del regime siriano in seguito all’emissione di decreti di amnistia è 17 volte superiore al numero rilasciato in conformità con i 21 decreti.
Secondo il rapporto, non meno di 135.253 persone, tra cui 3.684 bambini, e 8.469 donne (donne adulte), sono ancora in stato di arresto o sparizione forzata.  Di questi, 95.696 persone, tra cui 2.316 bambini, e 5.734 donne (donne adulte) sono state fatte sparire con la forza per mano del regime siriano tra marzo 2011 e agosto 2022 nonostante i 21 decreti di amnistia.  È importante notare che il numero più alto di persone detenute o scomparse con la forza nei centri di detenzione del regime siriano è stato documentato nel 2012, seguito dal 2013, 2011 e poi dal 2014;  questi sono stati anche gli anni durante i quali c’è stato il maggior numero di decreti di sanatoria, 10 in totale, ovvero quasi la metà di tutti i decreti di sanatoria emessi fino ad oggi dal 2011.  In quanto tale, è chiaro che i decreti di amnistia vengono solitamente emessi parallelamente alle crescenti campagne di arresti arbitrari.
Come rivela ulteriormente il rapporto, la maggior parte dei decreti di amnistia insisteva sul fatto che qualsiasi ricercato/fuggitivo doveva arrendersi come precondizione per essere incluso nell’amnistia, in particolare per i decreti di amnistia speciale per crimini militari.  Tuttavia, sono stati emanati alcuni decreti speciali per i latitanti come il decreto n. 15/2016 che concedeva la grazia a chiunque fosse sfuggito alla “giustizia” per aver imbracciato le armi.  Tra le terribili condizioni di vita che devono affrontare i siriani alla luce dello sfollamento, della persecuzione, dell’impossibilità di lavorare o di viaggiare e di altri problemi, centinaia hanno scelto di arrendersi nella speranza di essere perdonati.  Tuttavia, molti di loro sono stati detenuti per mesi o anni e un’ampia percentuale è stata sottoposta a tortura e sparizione forzata, con la maggior parte deferita a tribunali straordinari, violando di fatto i decreti di amnistia emessi dallo stesso regime siriano.  Riguardo il tema, il rapporto registra che delle 1.867 persone che si sono consegnate al regime in linea con i decreti di sanatoria emanati tra marzo 2011 e ottobre 2022 – di cui 1.013 militari e i restanti 854 civili – in totale 1.833 sono andate  sono stati classificati come scomparsi con la forza, mentre non meno di 34 sono morti a causa di torture o negligenza medica, o hanno ricevuto condanne a morte presso il tribunale militare del regime.  La maggior parte di tali soggetti si è consegnata a seguito dell’emanazione del D.Lgs. 15/2016;  Decreto Legislativo n. 22, emanato il 9 giugno 2014;  Decreto Legislativo n. 18, emanato il 9 ottobre 2018;  e D.Lgs. n. 20, emanato il 14 settembre 2019, e dopo che la maggior parte di loro aveva provveduto a sanare la propria situazione di sicurezza.

Il rapporto richiama inoltre l’attenzione sulle reti di estorsioni e frodi sponsorizzate dallo stesso apparato di sicurezza del regime, per non parlare di altre reti composte da individui che sono truffatori professionisti e hanno legami con i servizi di sicurezza del regime.  Tali reti di solito vedono un aumento significativo dell’attività sulla scia di ogni decreto di amnistia e utilizzano vari mezzi, come la loro capacità di accedere alle informazioni sui detenuti o sulle persone scomparse con la forza, sia attraverso i loro legami con i servizi di sicurezza o accedendo ai dati disponibili tramite  fonti aperte.  Queste reti criminali, che utilizzano queste informazioni per ingannare ed estorcere denaro alle famiglie dei detenuti, includono ufficiali, avvocati, giudici e civili influenti che hanno acquisito una grande esperienza negli ultimi 12 anni nell’individuare e valutare le reazioni delle famiglie che cadono nelle loro trappole.  D’altra parte, alcune famiglie contattano tali reti, pur essendo pienamente consapevoli che fanno parte di un’operazione di truffa fraudolenta, nella flebile speranza di ottenere alcune informazioni sui propri cari.  In questo contesto, il rapporto ha registrato non meno di 1.574 episodi di estorsioni e frodi dall’emanazione del decreto di amnistia n.  parenti e persino estorto certificati ufficiali di morte dalle autorità competenti, ma che erano ancora attirati e ingannati sotto un tremendo fardello di dolore disperato e incertezza.
Secondo il rapporto, tali estorsioni e frodi non si sono limitate alle famiglie delle persone scomparse con la forza, ma hanno anche preso di mira i detenuti nelle carceri civili e nei rami della sicurezza in tutta la Siria, compresi i detenuti inclusi nei decreti di amnistia, a causa del ministero della Giustizia  mancata pubblicazione degli elenchi dei nominativi inseriti nei decreti di sanatoria.  Invece il ministero adotta una linea poco chiara.  modo fuorviante e dolorosamente lento nell’attuazione dei decreti, con incertezza accresciuta dal fatto che le decisioni di rilascio sono in ultima analisi nelle mani dei servizi di sicurezza, piuttosto che essere basate su considerazioni sullo status giuridico dei detenuti.  A causa di questi punti, i detenuti nelle carceri centrali spesso scelgono di trattare con truffatori e reti corrotte, e con individui con legami con i giudici nella speranza che ciò possa garantire una revisione dei loro casi, farli includere in un’amnistia o accelerare il processo  del loro rilascio.

Il rapporto aggiunge che la stragrande maggioranza delle condanne emesse dalla Corte antiterrorismo e dalla Corte militare da campo comprendeva il sequestro dei beni mobili e immobili dei detenuti e la privazione dei diritti civili come pena aggiuntiva alla reclusione. Come rivela il rapporto, centinaia di coloro che sono stati rilasciati a causa di decreti di sanatoria non hanno potuto recuperare le loro proprietà sequestrate. Da un lato, le leggi sull’amnistia sono state ambigue su questo tema e non hanno chiarito le decisioni di sequestro o congelamento dei beni, mentre dall’altro, le persone rilasciate hanno scelto di evitare di tentare di recuperare le loro proprietà per paura di essere nuovamente perseguitate dalla sicurezza rami. Il rapporto sottolinea che, almeno teoricamente, i beni mobili e immobili dell’imputato e le relative entrate, o più in particolare i beni posseduti dall’imputato prima della commissione del reato di cui è accusato e che non sono stati utilizzati nella commissione del reato , non erano disposti ad essere utilizzati nella commissione del reato, e che erano estranei al reato, non devono essere sequestrati e devono essere restituiti alle persone amnistiate. In realtà, tuttavia, l’autorità esecutiva (governo, ministero delle finanze e altri organi del regime) ritarda qualsiasi ripristino di proprietà e fondi, con un individuo liberato che deve ricorrere al tribunale civile o amministrativo per revocare il sequestro, che è un processo che viene fornito con le proprie procedure estenuanti, ritardi e costi in contenziosi e spese legali. Il rapporto sottolinea che non esistono basi legali per criminalizzare i detenuti politici e formulare accuse penali contro di loro. Né la legge antiterrorismo fornisce tali motivi, soprattutto considerando la sua formulazione vaga che contraddice completamente ciò che dovrebbe essere un sano testo legislativo penale, e nemmeno il codice penale pubblico. Tali accuse si basano solitamente su “confessioni” estorte sotto tortura e coercizione, specialmente nei casi dei tribunali militari sul campo. Questi “tribunali” non sono veri e propri tribunali in alcun senso legale e giudiziario riconosciuto, ma sono entità militari affiliate all’apparato di sicurezza del regime, come risulta chiaro dal fatto che negano agli imputati le garanzie più elementari di un giusto e giusto processo legale, come il diritto ad un avvocato, al processo pubblico e all’appello. Il rapporto mette in guardia il Consiglio di sicurezza e le Nazioni Unite dal farsi ingannare dai decreti di amnistia del regime siriano, che, sottolinea, mancano di qualsiasi senso di credibilità o plausibilità, sia nella struttura che nell’attuazione. Il rapporto invita inoltre il Consiglio di sicurezza e le Nazioni Unite a chiedere che i detenuti ingiustamente incarcerati vengano rilasciati poiché sono stati arrestati senza prove, solo perché hanno rivendicato i loro diritti al cambiamento politico e alla libertà di espressione. Inoltre, il rapporto invita l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani a rilasciare una dichiarazione che condanni il regime siriano che gioca con la questione dei detenuti politici e la sua continua detenzione di decine di migliaia di cittadini siriani senza un giusto processo o prove effettive, oltre a formulare una serie di altre raccomandazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...