Ricordando il mio amico Bassel Shehadeh

Bassel è stato ucciso dal regime siriano nel 2012. Ho completato il film che aveva iniziato

La famiglia e gli amici di Bassel mi hanno affidato una grande responsabilità quando mi hanno chiesto di completare il suo film, una responsabilità che continuerà a rimanere con me, come una montagna sulle mie spalle. Rimarrà lì fino alla fine della mia vita.

Pubblicato il 28 maggio 20121 su Syria Untold.

Articolo di Dellair Youssef (Dellair Youssef è un giornalista, scrittore e regista siriano. Ha diretto diversi film, tra cui Il principie delle api, Exile, Banyas: The Beginnings e Clothesline. È anche autore di Tales of this Time, pubblicato nel 2014, e Good Morning Lovelies, pubblicato nel 2020. Youssef vive a Berlino.)

(Traduzione di Giovanna De Luca)

Basel Shehadeh

Conoscevo Bassel Shehadeh da molti anni. L’ho incontrato per la prima volta nel 2006 o 2007, quando eravamo entrambi volontari nella Syrian Environment Association. Il gruppo svolgeva attività di volontariato nelle scuole e nelle strade di Damasco. Lavoravamo piantando alberi anche in altre città, anche se abbiamo concentrato la nostra attenzione principalmente sulla capitale. Andavamo insieme alle scuole elementari e lavoravamo con i bambini o, per esempio, facevamo campagne di pulizia sul fiume Barada, piantavamo alberi in vari parchi, ripulivamo le strade e organizzavamo campagne di sensibilizzazione per i bambini nei parchi pubblici. Pensavamo di cambiare il mondo con i nostri piccoli atti di volontariato.

Qualche anno dopo, forse nel 2009 o nel 2010, mi sono offerto volontario con un gruppo di giovani donne e uomini, alcuni dei quali sono diventati miei amici, per una campagna giovanile non registrata per istruire gli sfollati della Siria orientale. Avevano allestito tende intorno alle grandi città, come Homs, Damasco e Aleppo, dopo aver lasciato le case a causa della siccità che ha colpito nel 2005. Il governo non ha offerto piani reali per risolvere i problemi causati dalla siccità, nonostante le aree colpite fossero dipendessero dall’agricoltura.

Fu così che centinaia di migliaia di siriani furono sfollati, vivevano in tende che sistemarono frettolosamente vicino alle grandi città, in modo che potessero trovare qualsiasi tipo di lavoro a cambio di qualche pezzo di pane.

Avevamo scelto due campi situati tra Damasco e Quneitra, in un’area chiamata Rasm al-Taheen. Ci andavamo almeno una volta alla settimana per giocare con i bambini, insegnare aritmetica e portare loro dei giochi. Avevamo anche portato i giornalisti affinchè mostrassero la loro situazione di vita, nonostante il personale di sicurezza avesse vietato tale copertura.

Un veicolo dell’intelligence veniva e ci interrogava ogni volta che visitavamo i campi, dopo tanto tempo conoscevano i nostri nomi e tutte le nostre risposte, anche prima che le dicessimo.

Bassel Shahadeh faceva parte del gruppo di aiuto che avrebbe visitato i due campi. Se ricordo bene, non ha preso parte alle attività educative, ma portato regali per i bambini per le vacanze, oppure ha portava vestiti e altre cose di cui le persone che vivono nelle tende avevano bisogno.

Ho incontrato di nuovo Bassel durante una manifestazione che aveva contribuito a organizzare davanti all’ambasciata egiziana nel febbraio 2011, a sostegno della rivoluzione egiziana. Questo era prima che iniziasse la rivoluzione siriana. Lo ricordo lì, e ricordo che uno degli ufficiali lo portò via per chiedergli delle sue attività, dato che era uno degli organizzatori. Bassel è stato via per circa 10 minuti, poi è tornato con un sorriso sul volto. Il suo volto non tradiva mai alcuna paura; la speranza era l’unica cosa che avresti visto nei suoi occhi.

Non siamo diventati amici intimi. Ma abbiamo condiviso conoscenza, rispetto e molte attività e amici comuni. Ci siamo incontrati spesso per questo. C’erano il giardino comune, l’ufficio della Syrian Environment Association, i campi profughi e i cinema – e qui intendo specificamente il cinema al-Kindi e il festival del documentario Dox Box. Ci vedevamo ai concerti del Jazz Festival presso la Cittadella di Damasco, o nel Parco Qishleh nella Città Vecchia, quando una band si esibiva come parte di un programma che ricordo si chiamava “Music on the Road”. L’ho incontrato durante le marce organizzate dal sacerdote gesuita Frans van der Lugt; ce ne fu una che ricordo in particolare e che attraversò Wadi al-Nasara (“Valle dei cristiani” in arabo), una zona rurale di Homs.

Penso che due cose mi legheranno a Bassel per tutta la vita: il film e il giorno del suo omicidio, che coincide con il mio compleanno.

C’era un’altra coincidenza che mi legava a Bassel, anche se triste. Nove anni fa oggi, nel giorno del mio compleanno, il regime di Assad ha bombardato Homs, uccidendo Bassel Shahadeh. È così che il mio compleanno è stato associato alla morte di Bassel, creando un legame incrollabile.

La mia relazione con Bassel non si è conclusa con la sua morte.

Bassel ha girato un film nel 2012, anche se la sua morte gli ha impedito di completarlo. Il film racconta la partecipazione degli alawiti alla rivoluzione siriana, attraverso incontri con attivisti appartengo alla setta. Raccontano della loro esperienza di detenzione, protesta e attivismo contro il regime di Assad.

Alla fine del 2012, uno dei miei amici, che possedeva i materiali ei diritti per il film, mi ha chiesto di completare il lavoro. Ho contattato gli amici, la famiglia e tutti coloro che avevano una relazione con il film di Bassel. Poi ho lavorato per completarlo e finalmente ha visto la luce nel 2013. Il film è stato proiettato solo in tre mostre: a Istanbul, a New York e a Parigi. Dopo di che abbiamo smesso di proiettarlo, nonostante Al Arabiya avesse espresso la volontà di mandare in onda il film – avevamo anche fatto un accordo e avevano annunciato che lo avrebbero mandato in onda. Uno dei personaggi del film, che era ancora in Siria, ci ha avvertito che sarebbe stato in pericolo se avessimo continuato a proiettare il film. Quindi ci siamo fermati e non siamo stati ancora in grado di proiettarlo fino ad oggi.

Il giorno in cui abbiamo proiettato il film al Syrian Cinema Club di Parigi, la sala era quasi piena. Prima di iniziare la proiezione, uno degli amici di Bassel ha detto alcune parole di presentazione. Non ha potuto dire nulla su Bassel in mia presenza, ci ha detto, perché qui stavo portando l’eredità di Bassel con questo film. Queste parole mi pesavano. Chi sono io per portare l’eredità di qualcuno, soprattutto se questa persona è Bassel Shahadeh, un’icona della rivoluzione siriana?

La famiglia e gli amici di Bassel mi hanno affidato una grande responsabilità quando mi hanno chiesto di completare il suo film, una responsabilità che continuerà a rimanere con me, come una montagna sulle mie spalle. Rimarrà lì fino alla fine della mia vita.

Queste due cose mi legheranno a Bassel per tutta la vita: il film e il giorno del suo omicidio, che coincide con il mio compleanno. Ma ciò che mi collega a lui ancora di più è una profonda fede nella libertà, nell’arte, nella dignità umana e nella giustizia, e in una fede che non può essere persa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...