Stomaci vuoti per la Siria.

 

Articolo di Musab al-Numayri pubblicato il 10 luglio 2019 su  Al-Jumhuriya

(Nella foto principale l’attivista e poetessa italiana Francesca Scalinci)

Traduzione di Giovanna De Luca, revisione a cura di Marina Centonze

Oltre sessanta attivisti dalla Siria e non solo stanno attualmente portando avanti uno sciopero della fame collettivo, soprannominato la campagna “Stomaci vuoti”, che chiede la fine del bombardamento di Idlib.

Per i siriani, ogni giorno che passa sembra essere peggiore di quello precedente. Più le forze regionali e internazionali plasmano gli affari nel paese, più gli stessi siriani si sentono impotenti. Siamo tutti indifesi e quasi del tutto incapaci di influenzare la situazione che corre così chiaramente a nostro svantaggio. Non siamo in grado di fermare il numero sempre crescente di vittime; incapaci di fornire un minimo di dignità agli affamati, di occuparci di coloro che dormono sotto tende che una tempesta potrebbe far volare via; incapaci di fermare l’assurdo meccanismo di distruzione; incapaci di unire nuovamente i pezzi triturati della mappa; incapaci di salvare i giovani uomini e donne dalle frustate nelle celle delle prigioni.

Di fronte a questo spettacolo, molti siriani cadono nella disperazione e si allontanano. Ora, tuttavia, un gruppo di attivisti ha scelto di non sottomettersi più a questa ingiustizia, e di provare a usare la propria tristezza e la propria disperazione per contribuire a cambiare qualcosa e trasformare la propria debolezza in una forza attiva nella battaglia.

Più di sessanta attivisti in tutto il mondo partecipano a uno sciopero della fame collettivo, in una campagna soprannominata “Stomaci vuoti”, per chiedere la fine dell’attuale bombardamento di Idlib da parte del regime di Assad e delle forze russe, che ha causato (la fine di) centinaia di vite civili negli ultimi mesi.

576377D9-09D7-4B01-ACB6-D4DCD988C07B

 

Lo sciopero della fame è iniziato con l’ingegnere Brita Hagi Hasan, ex capo dell’organo di governo del Free Aleppo Council, con l’obiettivo di far pressione sui leader politici del mondo per intervenire affincgé si fermi la campagna militare e salvare vite siriane. Dozzine di altri attivisti si sono uniti a Hasan, dopo che la sua situazione sanitaria si è deteriorata davanti all’ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, portando al suo ricovero in ospedale. Un hashtag, #BritYouAreNotAlone, diffuso sui social media.

343F44B8-B62F-4FD7-881B-F0D97A650BC4

La campagna, che ora è cresciuta fino a raggiungere sessanta scioperanti della fame, spera di attirare l’attenzione su ciò che sta accadendo in Siria in generale, e Idlib in particolare. In una dichiarazione, gli scioperanti hanno invitato i leader mondiali ad “assumersi la responsabilità per l’unica e orrenda catastrofe sperimentata dal popolo siriano, e svolgere un ruolo commisurato alle dimensioni di questa responsabilità storica, morale e legale”, indicando che “il Il disastro siriano sta entrando nel suo nono anno, ed anche i crimini esorbitanti commessi dal regime e dai suoi alleati russi e iraniani, contro il silenzio della comunità internazionale, che rivela impotenza o approvazione “.

“Se non ora, quando?”

Nei giorni scorsi, il Syrian Response Coordination Group ha pubblicato dati secondo cui oltre 680 persone sono state uccise a Idlib e nelle province di Hama e Aleppo tra febbraio e giugno di quest’anno, tra cui oltre 200 bambini. Il numero totale di sfollati interni nel nord della Siria supera ora i 600.000, ha aggiunto il gruppo. I dati hanno inoltre indicato che i raid aerei hanno preso di mira infrastrutture vitali come ospedali, campi profughi, scuole e moschee, sottolineando la spaventosa situazione umanitaria e la scarsità di aiuti per gli sfollati.

“Se non io, allora chi? E se non ora, quando? “, Ha detto Nasrine Trabulsi, la portavoce per gli Empty Stomachs, quando le è stato chiesto da Al-Jumhuriya perché si era unita alla campagna. Inizialmente non era stato pianificato come uno sciopero della fame collettivo, dice la Trabulsi, ma cominciò piuttosto con Hasan, fino a quando altri si unirono di loro spontanea volontà dopo il deterioramento della sua salute, che suscitò simpatia per la causa.

“È diventato come una staffetta, ognuno di noi ha consegnato il testimone all’altro. Brita si stancherà, e noi in questa campagna non vogliamo far sopportare a nessuno più di quanto possa sopportare, né vogliamo aumentare il numero delle vittime siriane “, ha detto la Trabulsi.

“Per anni, i siriani hanno sentito la disperazione continua a causa delle perdite accumulate, della distruzione delle loro città e dell’incessante massacro. Questi sentimenti accumulati, che si sono ulteriormente aggravati dopo l’uccisione di Abd al-Basit Sarout, e il conseguente dolore collettivo, ci hanno spinto a chiederci: per quanto ancora durerà questa terribile situazione? Come può essere usato questo dolore sotto forma di protesta e azione per fermare il crimine?”

“A migliaia, i siriani sono stati sfollati a bordo degli autobus verdi del regime da tutti gli angoli del paese verso Idlib. La domanda che viene posta urgentemente ai responsabili delle decisioni in questi giorni è dove saranno i milioni di siriani di Idlib dopo queste campagne militari? Dove andranno i Green Buses, se quest’area sarà demolita come tutte le altre prima? ”

L’aggiunta al problema, ha detto la Trabulsi, è la quasi totale assenza di copertura siriana nei media internazionali oggi.

“Lo notiamo con le persone che ci parlano nel sit-in che teniamo a Londra; tutti si avvicinano e chiedono di ISIS quando vedono la parola “Siria”. Ciò è dovuto ai media, che si focalizzano su una parte e ignorano l’altra. Per molti anni la situazione siriana è andata di male in peggio; i civili sono ancora bombardati e vivono nelle tende o nei centri di detenzione, indipendentemente dal fatto che l’ISIS sia lì
o no “.

Lo scopo principale della campagna, ha continuato la Trabulsi, è proteggere i civili della Siria e risparmiare loro le conseguenze del conflitto militare. Inoltre, ha citato le migliaia di detenuti e scomparsi forzatamente, il cui destino gli attivisti cercano di scoprire. “Il nostro calvario è enorme; abbastanza da rendere bianchi i capelli di un bambino. E il mondo è cieco a ciò che sta accadendo “, ha detto con voce tremante di dolore e stanchezza.

Anche i non-siriani hanno aderito alla campagna, tra cui l’attivista americana Cory Strachan e la poetessa italiana Francesca Scalinci. Quest’ultima ha raccontato ad Al-Jumhuriya di aver seguito per anni gli eventi in Siria, ed è membro di un’organizzazione chiamata “Siria libera e democratica”, fondata da italiani e siriani.

“Nasrine mi ha chiesto di aiutare a pubblicizzare le attività degli ‘Stomaci Vuoti’, e ho ritenuto che non fosse giusto per me semplicemente applaudire ciò che stavano facendo, o dire che li sostenevo pubblicizzando la loro causa. Così ho deciso di prendere parte allo sciopero della fame con loro “, ha detto la Scalinci.

“Quello che vogliamo in questa campagna è attirare l’attenzione sulle sofferenze in corso dei civili siriani. Il mondo percepisce che Assad ha raggiunto la pace. Questo è tutto tranne la pace. Le persone vengono ancora bombardate, ancora fatte sparire, ancora sono in pericolo. I siriani sono stati deportati dal Libano senza che nessuno se ne preoccupi, nonostante i rischi per la loro vita. So che il mio sciopero della fame alla fine non cambierà nulla, ma è un’espressione di solidarietà con i siriani e un modo per dire loro che non sono soli “.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...