Al Sarout, il guardiano della Rivoluzione

Traduzione e sottotitoli di Sami Haddad, N. El Assouad e Marina Centonze

“Mi chiamo Abdel Baset Al Sarout, sono figlio di questo popolo e come tale ho il dovere di rimanere al suo fianco e di lottare contro l’oppressione, l’ingiustizia , per la dignità e la libertà.” Così si definiva Al Sarout , icona della rivolta siriana contro il regime criminale di Bashar Al Assad.
Per la sua Siria Al Sarout sacrifica tutto, e dopo essersi salvato da diversi tentativi di omicidio, perde la vita in un combattimento l’ 8 giugno 2019.
Nella sua ultima canzone il cantante della rivoluzione dice: “Accoglimi oh madre , ti ho raggiunto in nuove vesti، sono tornato da te martire, e il paradiso sarà la mia nuova dimora”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...