Un benvenuto letale attende i rifugiati di ritorno in Siria

Articolo di Anchar Vhora, pubblicato il 6 febbraio 2019 su Foreign Policy

Traduzione di Marina Centonze e Giovanna De Luca

Mentre la guerra in Siria perde intensità , la tortura e il maltrattamento dei rimpatriati stanno aumentando.

Mentre la guerra siriana volge al termine ed i barili bomba cessano di terrorizzare il paese, i siriani vengono incoraggiati a tornare a casa dai paesi verso i quali sono fuggiti. Coloro che lo fanno, tuttavia, stanno constatando che la persecuzione che li ha indotti a fuggire non è cessata. Alcuni siriani che sono rientrati sono scomparsi nel famigerato sistema carcerario del paese, un duro ricordo dei pericoli che gli ex rifugiati del paese devono affrontare.

Foreign Policy ha parlato con i parenti di due di questi siriani, e gli attivisti affermano che ce ne sono molti di più. Molti altri, nel frattempo, sono stati radunati e arruolati nell’esercito.

La situazione nel paese

In Siria c’era e continua ad esserci uno stato di polizia con lo stesso governo e lo stesso apparato di sicurezza in vigore, che è accusato di migliaia di detenzioni motivate politicamente. Ma i governi che ospitano un gran numero di rifugiati, tra cui il Libano e la Germania, sono sotto pressione politica interna perché diano incentivi ai rifugiati affinché tornino a casa. L’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha messo in guardia i governi contro i rimpatri forzati, che sarebbero in contrasto con il diritto internazionale. I paesi ospitanti sembrano conformarsi a queste istruzioni. Tuttavia, continuando a progettare politiche che producono risultati del tutto contrari, vi è un crescente allarme sia a parte dei rifugiati che degli attivisti.

La storia di Asser

Un giovane, Asser, aveva scelto di tornare a casa dalla Germania dopo che non era stato in grado di superare gli ostacoli burocratici che gli impedivano di avere la sua fidanzata siriana con sé. Un ulteriore incentivo offerto dal governo tedesco, con una sovvenzione di 1.200 euro (circa 1.300 dollari) per aiutarlo a tornare in Siria, e il crescente sentimento anti-rifugiati nel suo nuovo paese hanno fatto il resto.

Due settimane dopo essere tornato a Damasco, è stato chiamato per un interrogatorio alla sezione locale dell’intelligence. Aveva telefonato alla sua famiglia dicendogli che sarebbe tornato a casa presto. Da allora non si hanno più notizie di lui. I suoi genitori, i cui nomi rimangono anonimi per proteggerli dalle rappresaglie del regime, hanno pagato un mediatore, che è venuto a sapere che Asser era stato arrestato. Tali intermediari sono ampiamente utilizzati per raccogliere informazioni su scomparsi e imprigionati perché ufficialmente nessuna informazione di questo tipo è resa disponibile dal governo.

Il cugino di Asser, ancora residente in Germania, ha raccontato a FP la sua storia, in condizione di anonimato. “Ha provato diverse volte a chiedere il ricongiungimento [con la sua fidanzata], ma non ha potuto”, ha detto. “Gli mancava e cominciava a sentirsi stanco e depresso. Questa è stata la ragione principale del suo ritorno. ”

Il governo tedesco mette in funzione per i rifugiati siriani uno schema noto come Starthilfe, che si traduce vagamente come ”aiuti per cominciare”. D’altra parte la Germania ha stanziato 43 milioni di dollari per un programma, apparentemente per alleviare la pressione finanziaria delle persone che hanno già deciso di ritornare a casa. I critici dicono, tuttavia, che il programma rappresenta un fattore che spinge i rifugiati a prendersi il rischio di tornare a casa.

La storia di Yasim

Anche Yasim, un altro siriano che aveva lasciato la Germania in circostanze simili, è scomparso. Suo cugino Mohammad, che vive ancora in Germania, ha detto che Yasim non è riuscito a ottenere i documenti necessari per consentire alla moglie di unirsi a lui. Tutti i loro documenti erano stati distrutti a Yarmouk, il campo di rifugiati palestinesi a sud di Damasco dove avevano vissuto, e dove c’erano stati scontri tra governo e ribelli.

“Ha lasciato la Germania ed è stato detenuto vicino al confine libano-siriano. Non sappiamo più nulla di lui”, ha detto Mohammad, aggiungendo che senza sua moglie Yasim aveva avuto difficoltà ad adattarsi alla vita in Germania, e ad una cultura  così diversa dalla sua. “Non avrebbe potuto farcela.”

La politica tedesca

Nessuno sta accusando la Germania di agire illegalmente nei casi di Asser e Yasim. Entrambi avevano deciso volontariamente di tornare. Ma il contraccolpo della politica della “porta aperta” della Cancelliera  Angela Merkel  nei confronti dei rifugiati nel 2015,  ha fatto sì che il governo mettesse in pratica  politiche che alla fine pongono i rifugiati siriani nello stesso pericolo da cui erano fuggiti. Questa dinamica solleva una questione: i governi hanno il dovere di prendersi cura dei rifugiati che ritornano, al di là di ciò che dice la legge?

Migliaia di cittadini siriani sono semplicemente scomparsi nel sistema carcerario del regime, senza lasciare alcuna traccia del loro destino o della loro ubicazione, dall’inizio della guerra, ed un rifugiato che rientra è particolarmente vulnerabile ad un trattamento così duro. Alcuni di quelli che ora vivono come rifugiati hanno preso parte a proteste o sono sospettati di essere ribelli. Alcuni hanno parenti che erano oppositori, anche se loro non lo erano. Il regime ha anche indicato che l’atto stesso di lasciare il paese è motivo di sospetto.

Bellinda Bartolucci, consulente di politica legale per l’organizzazione tedesca Pro Asyl, per i diritti dei rifugiati, ha detto che la decisione di Berlino di limitare il ricongiungimento familiare potrebbe costringere le persone che sono scappate dalla guerra e dalla tortura a fare scelte drammatiche, incluso il ritorno in un paese dove possono essere “perseguitati, uccisi o vivere in condizioni disumane “. Bartolucci ha affermato che il governo tedesco sembra non comprendere appieno l’impatto delle sue politiche. Ha detto che,  oltre al fatto di non violare la legge internazionale, rimanevano delle domande di carattere etico volte a stabilire se il governo stesse contribuendo alla decisione delle persone di ritornare; persone che ancora rischiavano di essere perseguitate. “Uno dovrebbe chiedersi se questa è la comprensione dei diritti umani che dovrebbe essere promossa”, ha detto.

Bill Frelick di Human Rights Watch ha affermato che una combinazione di fattori  potrebbe equivalere al respingimento o al ritorno forzato, anche in assenza di una politica formale. “Sotto il concetto di ‘respingimento costruttivo’, l’effetto cumulativo delle condizioni nel paese ospitante, nessuna delle quali da sola viola il principio di non respingimento, potrebbe effettivamente costringere un rifugiato a tornare: ci sarebbe allora una violazione del consueto diritto internazionale”, ha detto.

Ahmad Hosain, l’amministratore delegato del Gruppo d’azione britannico per i palestinesi della Siria, ha monitorato specificamente il ritorno dei profughi palestinesi siriani. Sia Asser che Yasim erano palestinesi siriani. Ha detto che nel dicembre 2018, le forze governative siriane hanno arrestato diversi rifugiati palestinesi che sono tornati in Siria da un paese europeo dopo che i loro appelli per il ricongiungimento familiare erano stati respinti. “Il gruppo di rifugiati è stato arrestato dopo che la polizia all’aeroporto di Damasco li ha convocati per interrogarli presso la “Sezione Palestina”, ha detto Hosain. “Le loro condizioni e la loro ubicazione sono avvolte nel mistero”.

Anche Yousef Wehbe, un attivista siriano residente in Germania, aveva sentito parlare di questi casi di arresto. Crede che ora ci siano abbastanza testimonianze per sollevare domande sulla politica tedesca. “I tedeschi non li costringono a tornare indietro, ma se qualcuno vuole tornare,  li lasciano andare”, ha detto. “Eticamente, ci sono problemi. Credo che stiano conducendo una campagna per incoraggiare le persone a tornare indietro. In una situazione ideale, gli attivisti direbbero che non è ancora sicuro tornare , ma la politica tedesca non sta permettendo loro di farlo. ”

Hosain ha detto che almeno tre persone che tornavano in Siria dal Libano sono scomparse. Il governo libanese sostiene che 110.000 siriani sono tornati volontariamente in Siria nell’ultimo anno – la cifra ufficiale dell’UNHCR è di 17.000. Elena Hodges, ricercatrice con il Sawa per lo sviluppo e l’aiuto a Beirut, ha detto che i numeri rilasciati dall’agenzia governativa libanese sono stati gonfiati e la loro affermazione secondo cui le persone sono andate via volontariamente è stata una questione controversa. “Quello che è in discussione qui è dove tracciare la linea tra ‘forzato’ e ‘volontario'”, ha detto.

Fin dall’inizio della guerra siriana, il Libano ha reso difficile ad oltre un milione i rifugiati siriani rimanere nel paese. Ha imposto restrizioni nell’ambito del lavoro e ha reso difficile e costoso acquisire la residenza legale. Molti rifugiati si sono trovati con debiti in aumento e scarsità di cibo. Ora migliaia di bambini sono stati costretti a matrimoni precoci o a mendicare per le strade. La maggior parte dei siriani in Libano pensano ancora che non sia sicuro tornare indietro, chi invece sceglie si farlo sostiene che è impossibile vivere nelle condizioni miserabili loro concesse.

“Il governo del Libano afferma che tutti i ritorni sono volontari e che quindi rispetta il ​​principio del non respingimento”, ha affermato Hodges. “I difensori dei diritti e le organizzazioni della società civile sostengono che la crescente pressione sui profughi per il rimpatrio unita al deterioramento delle condizioni nei paesi ospitanti e ai rischi di protezione in Siria si aggiungono a un contesto in cui i rimpatri saranno involontari di default”.

La Convenzione sui rifugiati delle Nazioni Unite del 1951 afferma chiaramente che i ritorni obbligatori sono vietati se “la vita o la libertà sono minacciate a causa della razza, religione, nazionalità, appartenenza a un particolare gruppo sociale o opinione politica”. È tranquillo, tuttavia, sulla responsabilità dei paesi ospitanti verso i rifugiati che ritornano volontariamente. Gli attivisti chiedono ora che i rappresentanti dell’UNHCR siano presenti ogni volta che un file siriano viene restituito, in modo che possa ricevere una consulenza accurata sulla sicurezza in loco, tenendo conto delle circostanze personali. Sebbene le detenzioni possano essere casuali, quelle legate alle proteste anti-governative devono affrontare una minaccia più grave.

È vero che il presidente siriano Bashar al-Assad e i suoi alleati per il momento non stanno più lanciando bombe sulle aree che hanno recuperato. Tuttavia, il suo apparato di sicurezza, accusato di aver ordinato torture, migliaia di detenzioni illegali e uccisioni extragiudiziali, è ancora in vigore. L’estate scorsa, forse involontariamente, il governo siriano ha rinnovato l’attenzione sul suo passato di violazioni dei diritti umani quando ha iniziato a rilasciare certificati di morte di centinaia di persone che sono decedute durante la detenzione. Human Rights Watch dice che continuano anche le detenzioni di coloro che sono rimasti nelle zone ribelli che sono poi state riconquistate dal regime, come nella provincia di Daraa, che si è arresa alle forze governative nel luglio 2018.

Sulla base delle informazioni condivise dalle famiglie con gli attivisti, il numero di rimpatriati perseguitati è ancora relativamente piccolo. C’è ancora tempo per proteggerli. Ma le nazioni ospitanti, desiderose di soddisfare le richieste dei loro elettori, sembrano non rendersi conto dei pericoli che rimangono.

(Immagine: poster della campagna elettorale con ritratto del presidente Bashar al-Assad a Damasco il 18 maggio 2014.) (Louai Bashara / AFP / Getty Images)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...