“L’archivio del male” che inchioda Assad

ghouta childrenUna vasta quantità di documenti fatta uscire clandestinamente dalla Siria mostra come gli ordini di tortura e omicidio arrivino direttamente dal presidente Assad

Di Christina Lamb, Corrispondente degli esteri per The Sunday Times, tradotto da Mary Rizzo

Le montagne di 265 scatole di cartone marrone, tutte identiche tra loro, che sono depositate sugli scaffali metallici sembrano innocue. Ma sono custodiate in un caveau chiuso a chiave, controllato da telecamere di sicurezza in un luogo segreto in una città europea e il loro contenuto è agghiacciante.

Contengono un milione di pagine di documenti, compresi i briefing d’intelligence segreti, che descrivono dettagliatamente la tortura sistematica e l’omicidio degli oppositori. Sulla maggior parte di queste pagine è impresso  il falco in rilievo, simbolo del regime siriano, e alcuni portano la firma del presidente Bashar al-Assad in persona.

È la più grande e più incriminante raccolta di documenti mai raccolti su una guerra ancora in corso.

Con Assad ora sul punto di riprendere il controllo quasi completo del Paese, questo stupefacente archivio del male ha mostrato come ha raggiunto la sua vittoria. E, mentre la guerra si avvia alla fine, solleva la domanda se ci saranno processi al termine.

L’archivio mostra un regime che lancia bombe a barile e bombardamenti aerei su aree residenziali e persino sugli ospedali in una guerra che ha visto circa mezzo milione di siriani uccisi e 5 milioni di persone che sono fuggite.

Il progetto segreto per raccogliere prove sui crimini di guerra di Assad è nato da un’idea di Bill Wiley, 54 anni, ex-soldato canadese e investigatore di crimini di guerra, che nel suo lavoro, si sentiva frustrato dai tribunali penali internazionali, che secondo lui sono troppo lenti e costosi.

Wiley ha detto che ciò che ha raccolto dimostra “centinaia di volte che Assad ha il controllo assoluto di tutto ciò che accade nel regime ed è personalmente responsabile di molte più uccisioni di quelle compiute dall’Isis.

Ha aggiunto: “Oh Dio, ci sono prove schiaccianti contro di lui”.

I documenti sono stati raccolti e portati via in modo clandestino dai siriani all’interno del Paese. Alcuni hanno pagato con le loro vite e due sono stati detenuti dal regime.

Nell’anonimo quartier generale di Wiley senza targa sulla porta o telefoni sulla scrivania, ogni pagina che hanno portato fuori è stata scannerizzata per poter creare un archivio digitale, assegnato un codice a barre e un numero ad ognuna, e sono state conservate nelle scatole.

Il progetto è iniziato nel 2011 – il primo anno del conflitto – con finanziamenti britannici. Lavorando con l’Esercito Libero Siriano, Wiley ha addestrato 60 volontari. “La cosa importante su cui volevamo che si concentrassero era la documentazione generata dal regime, poiché ciò di cui avevamo bisogno era la la prova della colpevolezza”, ha spiegato.

Non c’era carenza di materiale. Come i nazisti, il regime di Assad documenta meticolosamente i suoi sforzi. In genere, gli alti funzionari firmano ogni documento che passi per le loro scrivanie, spesso con timbri che identificano il firmatario.

E’ la prima volta che qualcuno ha messo insieme la catena di comando che mostra “cosa sia successo ai vertici”, ha detto Wiley. “Ora abbiamo un quadro estremamente chiaro di come funziona il regime siriano”.

I documenti hanno rivelato che nei primi giorni delle proteste nel marzo 2011 Assad ha istituito una cellula centrale di gestione delle crisi (CCMC) come una sorta di gabinetto di guerra. Questo gruppo si incontrava quasi ogni notte in un ufficio al primo piano del comando regionale del partito Ba’ath nel centro di Damasco e discuteva le strategie per schiacciare il dissenso.

Per fare ciò, erano necessarie informazioni dettagliate su ciascuna protesta, quindi la cellula richiedeva rapporti da parte di comitati per la sicurezza e agenti dell’intelligence in ogni provincia. I documenti nelle scatole contengono entrambi questi rapporti che arrivano, quelli sugli ordini che vengono dati e quelli che contengono dettagli su come sia andata la repressione.

“La domanda è chi controlla il CCMC e la prova del fatto che si tratti di Assad è schiacciante”, ha detto Wiley. “Anche se non si è seduto alle riunioni, sappiamo che ha ricevuto i verbali e ha firmato le raccomandazioni.”

Contrariamente ai primi rapporti, secondo i quali il potere reale era nelle mani di suo fratello Maher, comandante della Guardia Repubblicana, i documenti hanno rivelato che “Assad non detiene un potere di facciata, ha un’autorità de facto e de iure e la sta esercitando”, ha detto Wiley. “Tutti parlano di Maher ma non abbiamo trovato assolutamente niente su di lui. Al contrario, abbiamo così tanto su [Bashar] Assad, è come l’accusa a Milosevic [Slobodan], che era troppo ingombrante “.

Uno dei colleghi di Wiley ha recentemente dichiarato di avere più materiale rispetto ai processi di Norimberga. Wiley conosce bene questi documenti, dopo averli esaminati per il dottorato in diritto penale internazionale all’Università di York a Toronto, che lo ha avviato in questa carriera. “Per Norimberga il materiale raccolto era moltissimo perché lo stato [tedesco] era collassato, ma con la tecnologia moderna siamo in grado di creare un database migliore”, ha affermato. “Non ho mai visto una base documentaria per un caso così forte come questo”.

Originale: https://www.thetimes.co.uk/article/archive-of-evil-damns-syrias-president-assad-fpvs8cn2l

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...