Il Trionfo del Politicidio – Intervista con Yassin al-Haj Saleh

il

impossible rev

SCRITTO DA MICHAEL YOUNG, tradotto da Mary Rizzo

In un’intervista, Yassin al-Haj Saleh descrive come la sofferenza dei siriani sia stata svuotata da qualsiasi significato.

Yassin al-Haj Saleh è un intellettuale siriano che ha appena pubblicato La Rivoluzione Impossibile: Per Capire la Tragedia Siriana, una traduzione in inglese di un libro precedente scritto in arabo. Nel 1980, all’età di 19 anni, è stato arrestato mentre era uno studente di medicina all’Università di Aleppo a causa della sua adesione al Partito Comunista-Comitato Politico, fondato dal dissidente siriano Riad al-Turk. Saleh ha trascorso in carcere 16 anni, uno dei quali nella famigerata prigione di Palmyra che una volta ha descritto come “un posto che letteralmente mangia gli uomini”.

Il destino ha colpito ancora dopo la rivolta siriana nel 2011, quando Saleh e sua moglie, Samira Khalil, anch’essa ex detenuta politica, sono fuggiti da Damasco a Douma, nel Ghouta Est, vicino alla capitale. Nel dicembre del 2013, Khalil è stata rapita insieme agli altri attivisti Razan Zeitouneh, Wael Hamadeh e Nazem Hamadeh. Si ​​sospetta che il rapimento fosse opera del Fronte Islamico, contrario, così come erano le persone rapite, al regime di Bashar al-Assad. All’epoca Saleh era già partito per la sua città natale Raqqa, prima che fosse costretto a trasferirsi in Turchia, aspettando un’occasione per ritrovarsi con la moglie. Oggi Saleh vive ad Istanbul e continua a scrivere e pubblicare. Diwan gli ha parlato a metà agosto, in occasione della pubblicazione del suo libro in Inghilterra e gli Stati Uniti.

Michael Young: Congratulazioni per il suo nuovo libro. Puoi dirci quali siano le idee principali che ha cercato di trasmettere ai lettori?

Yassin al-Haj Saleh: Grazie. La maggior parte dei contenuti del libro sono stati scritti in Siria tra il 2011 e il 2013. Gli articoli erano originariamente scritti in arabo e non erano destinati pensati per essere inseriti in un libro. Scriverli mentre vivevo nel nascondiglio a Damasco era il mio modo di partecipare alla nostra lotta. Ciò vale in particolare per due articoli del libro scritto a Douma e a Raqqa, dove mi sono nascosto nell’estate 2013. Ho cercato di spiegare ciò che stava succedendo e di immaginare i contorni di una causa che fosse etica e politicamente progressista contro il regime di Assad.

Analizzando la struttura sociale della rivolta, l’ascesa del nichilismo incarnato dalle shabbiha (militari pro-regime) o lo jihadismo – entrambi esempi del fascismo siriano – la formazione sociale di quattro diverse varianti siriane nella lotta e la frammentazione del nostro Paese, speravo che il libro sarebbe stato visto come una difesa della nostra autonomia epistemologica, che è negata in Occidente anche più della nostra autonomia politica (anch’essa negata). L’ultimo articolo, il più lungo, sul sultano moderno è stato scritto ad Istanbul con l’intento di fornire ai lettori un’analisi approfondita della struttura del regime di Assad e del ruolo del settarismo nella sua formazione.

MY: che cosa è ndato storto nella rivolta in Siria? A che punto ha preso una direzione che l’ha fatta cominciare a preoccupare?

YHS: La rivolta non è una persona o una partita. Si tratta di uno sforzo collettivo di possedere la politica. Tale sforzo è direzionato a recuperare l’indipendenza della Siria dalla famiglia Assad, che ha alienato la popolazione etichettando il paese come “la Siria di Assad”. L’impegno e lo sforzo profusi aspiravano ad ottenere emancipazioni  basilari come il diritto di discutere di questioni pubbliche o di potersi riunire in spazi pubblici. Nel corso di questo sforzo per la libertà, degno d’Ercole, i siriani fin dall’inizio hanno dovuto resistere alla forza brutale. Bashar al-Assad ha ricorso alla guerra, usando l’esercito, il suo esteso apparato di sicurezza e gli shabbiha contro il suo popolo per potere schiacciare la sua volontà di resistere al regime.

Ciò ha portato alla militarizzazione della rivolta. I manifestanti  si trovarono a dover spezzare il monopolio brutale e prepotente della giunta settaria utilizzando mezzi violenti per tentare di riacquistare la loro dimensione politica. Tuttavia, questa reazione giustificata ha innescato dinamiche incontrollabili nella radicalizzazione, nell’islamizzazione e nella settarizzazione, che hanno causato una rottura nell’impostazione nazionale della lotta e ha portato alla partecipazione di vagabondi jihadisti globali nonché ad interventi  regionali e internazionali.

La Siria, non dimentichiamo, è un paese del Medio Oriente, che subisce un’egemonia crudele dell’ordine internazionale, fondato sulla supremazia israeliana e sulla schiavitù politica dei governati, sotto il patrocinio delle potenze occidentali e ora della Russia. Il nostro errore, come siriani, è stato che non eravamo abbastanza potenti in questa giungla. Due generazioni di siriani stanno pagando il prezzo di essere esclusi dalla vita politica di questa regione, le cui élite dominanti godono, come il padrone israeliano, pieno indulto dal diritto internazionale.

yasin-haj-saleh in roomMY: Nel dicembre 2013 sua moglie Samira è stata rapita a Douma, apparentemente dal Fronte Islamico. Cinque mesi prima che il suo fratello Feras fosse stato rapito dallo Stato Islamico a Raqqa. Sa che fine hanno fatto?

YHS: È stato l’anno ignobile, l’anno dei criminali malvagi. Prima Daesh o lo Stato Islamico, apparve quasi allo stesso tempo in cui Hezbollah combatteva in Al-Qusair contro i ribelli siriani. Da quel momento, le dinamiche della radicalizzazione, della militarizzazione e dell’islamizzazione sono diventate irreversibili e siamo entrati nella seconda fase della lotta siriana, quella delle guerre tra i sunniti e gli sciiti. All’inizio di luglio Abdel-Fattah al-Sisi ha compiuto il suo colpo di stato in Egitto, appoggiandosi a molte persone oneste che protestavano contro la politica dei Fratelli Musulmani, appoggi che al- Sisi avrebbe ben presto abbandonato. Dopo di che è arrivato l’efferato attacco di armi chimiche a Ghouta Est il 21 agosto, che ha portato alla morte di 1.466 persone, seguita dall’ancora più efferato accordo chimico tra i russi e gli americani, un accordo di ispirazione israeliana. Questo ha salvato il regime criminale e ha rafforzato i nihilisti Salafi-jihadisti più intransigenti ovunque nel Paese.

Lo Stato Islamico che ha rapito mio fratello e i miei amici e il Fronte Islamico che ha rapito mia moglie e altri amici hanno capitalizzato questi avvenimenti, abilitando  le dimensioni criminali del loro carattere, mentre noi ne siamo usciti indeboliti. I rapimenti di Samira e Feras e la loro “scomparsa” da allora, sono per me collegati a tre fattori disumani: il fascismo del regime di Assad, le organizzazioni islamiche nichiliste e l’ordine mondiale oligarchico. La libertà dei miei cari e il futuro del mondo sono interconnessi. Dobbiamo domare o umanizzare i mostri dello Stato, della religione e del mondo se vogliamo avere un futuro meno crudele.

MY: Appare oggi che il regime di Bashar al-Assad sopravviverà. Cosa significa questo per i siriani come te che cercavano una Siria più democratica?

YHS: Significa svuotare la nostra sofferenza da qualsiasi significato, negando le nostre perdite e la nostra lotta per la libertà. Ciò significa che mezzo milione di vittime non sono nulla e la loro uccisione non porterà al cambiamento politico, mentre la vita di coloro che sono ancora vivi non è protetta. Potrebbero anche essere uccisi senza aspettarsi alcuna protesta da coloro che si sono assegnati il ruolo di protettori delle leggi internazionali. Naturalmente, quando la nostra morte è priva di significato, la nostra vita è anche priva di significato. Per me questo significa che dobbiamo essere promotori di un cambiamento globale per recuperare qualsiasi significato per la nostra vita e per i nostri sacrifici. Questa è l’espressione necessaria dell’essere un rivoluzionario nel nostro tempo attuale.

Per quanto riguarda l’opportunità di una Siria più democratica, sarà perso per sempre. La democrazia è in crisi in tutto il mondo e la Siria è vittima di questa crisi. Il futuro del mondo non è sicuro nelle mani di coloro che rinnovano il mandato di un criminale indicibile come Bashar al-Assad, imprigionandoci in una situazione stabile, immutabile e immodificabile. Pensano di garantirsi una condizione siriana per loro sicurezza, ma in realtà il mondo si sta sirianizzando sotto la loro leadership. Loro sono solo versioni di Bashar. Questo mondo deve cambiare, il suo cambiamento è una questione di autodifesa per miliardi di persone.

MY: Una volta mi ha detto che la libertà e il Medio Oriente sono così incompatibili come la salute e la malattia. Crede ancora che sia vero?

YHS: Il Medio Oriente non è un’espressione geografica. È un sistema regionale caratterizzato dal monopolio della violenza tra Stati da parte di Israele, dall’immunità dagli imperativi del diritto internazionale, dal monopolio della violenza da parte dei regimi arabi all’interno dei loro confini e dalla negazione dei diritti politici ai loro soggetti.

Il Medio Oriente è la terra del “politicidio”, espressione che prendo in prestito dal titolo del libro del sociologo israeliano Baruch Kimmerling. Ha inventato il termine per concettualizzare la situazione dei palestinesi e ha identificato il primo ministro israeliano Ariel Sharon come l’antagonista del suo racconto. Il destino dei palestinesi incarna il destino delle popolazioni del Medio Oriente. Se resistono al sistema del politicidio, affronteranno veri e propri genocidi, come avviene in Siria. Ecco come spiego l’eccezione negativa della democrazia degli arabi o dei musulmani. Non è despotismo orientale, è un sistema di politicidio mediorientale e di genocidio. Saremo distrutti a meno di una alleanza per rovesciare questo sistema omicida di schiavitù le cui chiavi sono a Washington, Mosca e Tel Aviv.

MY: Ora vive in ​​esilio in Turchia. Cosa significa per qualcuno come lei che ha avuto speranze di cambiamenti fondamentali in Siria?

YHS: È una continuazione della mia vita in Siria sotto il regime di Assad. Anche lì sono stato esiliato; sono ancora senza un passaporto. Tuttavia, penso di avere maggiori conoscenze e esperienze sugli Stati in generale. Essi in sostanza non sono diversi da quelli di proprietà della famiglia di sgherri che commanda in Siria. Ecco perché sono stati in grado di identificarsi con questa famiglia più di quanto fossero con i siriani che le resistevano. Allo stesso tempo, sono ora parte di una rete ampia che lotta per la giustizia e la libertà con aderenti di molti Paesi. Ottengo molto sostegno da loro.

MY: C’è un proverbio cinese che dice “se aspetti lungo il fiume per abbastanza tempo, i corpi dei tuoi nemici galleggeranno davanti a te”. Ciò accadrà in Siria?

YHS: Non perdo mai la speranza. Sto lavorando e cambiando i miei strumenti di lavoro in modo da mantenere viva la speranza. Vengo da una cultura che assegna un valore altissimo alla pazienza. Le mie esperienze personali nell’arco di due generazioni e due grandi lotte in Siria mi hanno insegnato ad investire in cambiamenti a più lungo termine. Il fiume della storia è ora controllato dai nostri nemici imprudenti. Hanno fatto del loro meglio per possedere il nostro cambiamento, per privarci della proprietà del nostro cambiamento e della nostra storia. Ma facendo così, hanno unificato il nostro fiume con loro fiume ei loro corpi galleggeranno presto in questo unico, grande fiume. Sono pieno di speranza.

Originale in inglese: http://carnegie-mec.org/diwan/72850

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...