Il triangolo ucraino-siriano-russo e il mondo

il

Articolo di Yassin Al Haj Saleh pubblicato il 25 marzo 2022 su Aljumhuriya (Traduzione di G.De Luca).

Fino a poco tempo fa, sembrava che molte persone in Occidente pensassero che la guerra russa in Ucraina fosse qualitativamente diversa da quella che si sta conducendo da sei anni e mezzo in Siria. Mentre si assiste all’indignazione internazionale per l’invasione russa dell’Ucraina, e i paesi europei stanno già armando gli ucraini contro gli invasori, nessun paese occidentale ha condannato la guerra della Russia in Siria o chiesto il ritiro delle forze russe dal paese. La guerra al terrorismo, intesa implicitamente come una guerra contro l’islamismo militante, ha creato un terreno comune tra gli Stati Uniti, i paesi europei e la Russia in Siria. Questo terreno è condiviso anche da molti regimi autoritari e cleptocratici della regione e, naturalmente, da Israele. Incredibilmente, non c’era quasi nessuna voce contraria a questa guerra, anche tra intellettuali e organizzazioni per i diritti umani. Anche autorità di sinistra come Noam Chomsky negano che la guerra russa in Siria sia imperialista perché la Russia sostiene il “governo”. E se il “governo” fosse in una guerra civile permanente contro la maggioranza della sua popolazione? E se fosse un genocidio? La stessa autorità ora sostiene il diritto ucraino di difendere il proprio Paese, ma mai quello dei siriani.

Le relazioni tra le potenze occidentali e la Russia non sono mai state così vicine alla guerra dalla seconda guerra mondiale come dopo l’invasione russa dell’Ucraina, mentre gli Stati Uniti e la Russia non sono mai stati più vicini tra loro come in Siria dopo l’accordo sull’uso delle armi chimiche del settembre 2013. Per dirla diversamente , ci sono state due Russie in Siria, una di queste si chiama Stati Uniti d’America e qualunque cosa abbia fatto la Russia russa è stata sostanzialmente accettabile dalla Russia americana. Non è ancora chiaro se questa fratellanza imperialista cambierà dopo l’invasione dell’Ucraina, dove la Russia russa è ora considerata la parte cattiva. Dubito molto, che gli Usa la pensino cosi.

In Siria, la guerra della Russia è una continuazione della guerra che un regime genocida stava conducendo contro i suoi sudditi ribelli, la guerra andava avanti per quattro anni e mezzo, quando, alla fine di settembre 2015, è intervenuta la Russia imperialista. In Ucraina che, a differenza della Siria, è un vicino della Russia, la guerra è contro un governo eletto. La Siria non ha elezioni libere da 60 anni, e questo è uno dei motivi principali per cui abbiamo avuto una rivoluzione (trasformata poi in guerra). Tuttavia, le due guerre hanno qualcosa in comune: entrambe sono contro la popolazione locale, molto più debole dell’aggressore. Entrambe sono portate avanti dalla Russia autoritaria che ha espresso apertamente la sua ostilità alla democrazia, sia nella stessa Russia, sia in Ucraina e nell’intera regione post-sovietica, o in Medio Oriente. La Russia Putinista ha espresso apertamente la sua inimicizia nei confronti della “Primavera Araba”.

Forse il regime di Putin non avrebbe condotto la sua guerra di aggressione se la sua guerra in Siria si fosse trovata di fronte una potente opposizione internazionale. Proprio perché la Siria non è un vicino della Russia, ottenere un mandato indiscusso su di lei è stato un grande impulso alle ambizioni imperialiste di Putin. Invadere l’Ucraina non è affatto una rottura con questa ambizione imperialista, è un passo avanti nella resurrezione dell’impero russo. Dalla loro base in Siria, le navi da guerra russe si sono spostate in Ucraina (almeno prima che la Turchia chiudesse lo stretto). Ciò significa che è incoerente e immorale condannare la nuova aggressione russa senza tornare all’ultima guerra espansionistica dello stesso regime, condannarla e aiutare i siriani a recuperare il loro paese.

È ancora possibile per qualcuno dopo il 24 febbraio dividere il Putinismo in una faccia perniciosa in Ucraina e in una benigna in Siria? Purtroppo la risposta sembra essere sì, non solo tra fascisti e populisti di destra in Europa. Già nella prima settimana dopo la guerra c’era una raccolta non molto bella di commenti razzisti di giornalisti e politici che gerarchizzava le vittime di guerra e rifugiati in base al colore dei loro capelli, della pelle e degli occhi. Coloro che sono come noi, europei nativi e pre o post -migrazionii, meritano sostegno, a differenza dei siriani, degli iracheni, degli afgani e degli africani. Il primo ministro bulgaro Kiril Petkov ha persino affermato: “Questi [rifugiati ucraini] non sono i rifugiati a cui siamo abituati. Queste persone sono europee, persone intelligenti, istruite. Questa non è l’ondata di profughi a cui siamo stati abituati, persone della cui identità non eravamo sicuri, che avrebbero potuto essere anche terroristi”. I commenti narcisistici e autocelebrativi che vengono da oratori europei e occidentali non sono affatto sorprendenti dopo la svolta genocratica, nonostante il continuo ronzio sui diritti umani. Tuttavia, il commento “intelligente” di Petkov sarebbe male interpretato se fosse inteso come un gesto di benvenuto ai rifugiati ucraini. Penso che sia piuttosto un’espressione di ostilità nei confronti della condizione post-migrante in Europa.

Charlie D’Agata, corrispondente estero di CBS News, ha affermato che l’Ucraina “non è un luogo, con tutto il rispetto, come l’Iraq o l’Afghanistan, dove per decenni si sono vissuti conflitti . Questa è una civiltà relativamente civile, relativamente europea – devo anche scegliere queste parole con attenzione – una città in cui non te lo aspetteresti, o speri che accada”. Sul Telegraph, Daniel Hannan ha scritto: “Sembrano così simili a noi. Questo è ciò che rende la cosa così scioccante. L’Ucraina è un paese europeo. La sua gente guarda Netflix e ha account Instagram, vota alle elezioni libere e legge giornali senza censure. La guerra non è più una cosa che avviene dove ci sono popoli lontani e poveri”. La logica dietro questi due commenti, scelti da molti come AMEJA, Associazione dei giornalisti arabi e mediorientali, mostrati in una dichiarazione speciale su queste affermazioni razziste, è che questo non dovrebbe accadere agli ucraini perché sono come noi, e ovviamente diversi da loro poiché siamo grandi per quello che siamo. Gli osservatori sono arrivati alla conclusione che va bene se ciò che sta accadendo a quelli come noi sta accadendo a quelli che non sono come noi. Fa parte delle società che sono

Aimé Césaire, il grande poeta e politico della Martinica, ha qualcosa da raccontare a queste persone “civili”; nel Discorso sul colonialismo scrisse: “Ciò per cui [“il borghese molto distinto, molto umanista, molto cristiano del ventesimo secolo”] non può perdonare Hitler non è il crimine in sé, il crimine contro l’uomo, non è l’umiliazione di uomo in quanto tale, è il crimine contro l’uomo bianco, l’umiliazione dell’uomo bianco e il fatto che abbia applicato in Europa procedure colonialiste che fino ad allora erano state riservate esclusivamente agli arabi d’Algeria, ai coolie dell’India e ai neri d’Africa”. Sembra che questa pungente castigo della logica razzista sia ancora valida. Nel suo libro Frames of War, Judith Butler sostiene che il razzismo istituisce, a livello di percezione, “versioni iconiche della popolazione che sono eminentemente afflitte e altre la cui perdita non è una perdita e che rimangono irreprensibili”.

Anche gli scrittori internazionali che hanno potuto scrivere una lettera aperta condannando l’invasione russa e sostenendo il popolo ucraino non hanno menzionato nemmeno una volta la Siria, almeno come precedente della guerra in corso da parte dello stesso regime oligarchico. La maggior parte dei 1040 firmatari non ha mai pronunciato una parola sulla guerra russa in Siria. Io stesso, come firmatario della lettera, ho notato la distribuzione differenziata della solidarietà, così come il diverso dolore per le vite – una proiezione sulla vita intellettuale della logica razzista della sovranità globale e dell’imperialismo. È deludente vedere questa logica propagarsi anche nel contesto della condanna degli atti dell’imperialismo, come la più recente guerra Putinista.

Qualche mese fa ero in Ucraina, partecipando alla Biennale di Kiev. La mia partecipazione è stata fondamentale per il concetto di solidarietà e la sua pratica in Occidente, in particolare la solidarietà selettiva, che sembra essere abbastanza normalizzata in Europa. Parlando a Kiev nel novembre 2021, all’epoca non mi venne in mente che dopo quattro mesi avrei visto questa selettività manifestarsi in relazione alla stessa potenza imperialista, la Russia: criminale in Ucraina, e non criminale nel mio paese, la Siria. Questo dice qualcosa sull’Ucraina o sulla Siria, o persino sulla stessa Russia? Dice piuttosto cose molto spiacevoli sui poteri globali e sulla mercificazione delle cause, che ne postulano alcune come “solidabili”, per così dire, e ne scartano altre, ciò di solito avviene in relazione a una commercializzazione neoliberale delle cause, in cui coloro che garantiscono la solidarietà ottengono capitali simbolici in cambio.

Questo modello ha subito qualche cambiamento durante le tre settimane dell’invasione russa dell’Ucraina? È un sollievo che sempre più persone sui social media, e persino sui grandi organi di stampa mainstream, si riferiscano al ruolo russo nel sostenere il mostruoso regime in Siria e alla situazione disperata nel paese. Ora più persone stanno ricordando Aleppo e molti altri distretti siriani dove la Russia prese di mira gli ospedali prima di fare lo stesso a Mariupol. Tuttavia, sarebbe ingenuo pensare che questo inauguri un cambiamento paradigmatico. La Russia è ancora un Stati Uniti d’America in Siria.

L’Ucraina dovrebbe essere difesa e il popolo ucraino dovrebbe essere aiutato nella sua lotta per l’indipendenza e la libertà. La guerra Putinista è un atto di puro imperialismo, e dovrebbe essere condannata, e dovrebbe essere messo in atto il ritiro completo degli invasori.

Ma questo deve accadere anche in Siria. Semmai, le attuali dinamiche sembrano più vicine alla siriarizzazione dell’Ucraina, lasciandola in tutto o in parte sotto l’occupazione, che all’ucrainizzazione della Siria, aiutando i siriani in modo significativo contro l’imperialismo russo.

Attraverso la guerra, il mondo sembra essere profondamente interconnesso, nonostante le politiche attive di disconnessione, incentrate sulle identità di confine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...