Nell’anniversario della rivolta siriana, dove si collocano i media indipendenti del Paese?

Cosa sta trattenendo i media alternativi della Siria nel 2022?

L’ultimo decennio ha visto i media e i giornalisti alternativi siriani diventare la principale fonte di informazioni su ciò che sta accadendo nel loro paese. Hanno trasmesso in diretta al mondo il loro dolore, le loro lotte e le loro esperienze degli innumerevoli crimini commessi contro di loro. Eppure, forze più potenti hanno fatto ombra su questo panorama mediatico negli ultimi anni.

Articolo scritto da Zaina Erhaim e pubblicato il 18 marzo 2022 su New Lines Magazine (Traduzione di G. De Luca)

Quelli di noi nati tra gli anni ’60 e ’90 non sapevano altro che ciò che i media statali volevano farci sapere. I media ufficiali e affiliati allo stato hanno dominato le nostre onde radio dopo che il partito Baath ha preso il potere nel 1963. Il partito ha dichiarato il governo di emergenza e successivamente ha chiuso i notiziari indipendenti. Il governo siriano avrebbe continuato a monopolizzare il panorama dei media per il prossimo mezzo secolo, diventando il nostro guardiano patriarcale e nutrendoci solo quelle storie che avremmo dovuto conoscere mentre bloccavano quelle che ci avrebbero fatto pensare.

Ricordo il mio shock quando, all’età di 20 anni, accedei accidentalmente a un sito Web bloccato per leggere del movimento della Primavera di Damasco dopo la morte di Hafez al-Assad. Il sito web spiegava nel dettaglio come il governo siriano aveva arrestato arbitrariamente i dissidenti.

Circa 225 siti web sono stati segnalati e bloccati solo nella prima metà del 2009. Alla vigilia della rivolta del 2011, la repressione dei media ha raggiunto il suo apice, con la Siria al 176° posto su 179 paesi nell’indice annuale della libertà di stampa mondiale pubblicato da Reporters sans frontières.

Ma quello stesso anno, nel 2011, in Siria iniziò a circolare un nuovo termine: media alternativi. Quando la rivolta prese piede, questo è stato il termine che i siriani usavano per descrivere le iniziative individuali e di base emerse per raccontare la storia dispiegata di quel movimento popolare. E in poco tempo, questi media alternativi si sarebbero evoluti in piattaforme di notizie professionali. Entro il 2014, c’erano più di 250 tali pubblicazioni e mezzi di comunicazione, secondo una ricerca del CFI, un’agenzia di sviluppo dei media francese.

Per la prima volta da decenni, i siriani hanno potuto accedere a informazioni senza censure, diverse e indipendenti.

I media alternativi sono diventati veramente presenti nella vita quotidiana delle persone. Ho visitato un caffè a Raqqa nell’estate 2013, dopo che le forze di opposizione avevano preso la città. Ricordo le dozzine di copie di pubblicazioni indipendenti accatastate sui tavolini dei caffè, mentre i clienti le leggevano liberamente.

Oggi, a 11 anni dalle proteste del marzo 2011 che hanno dato luogo alla rivolta siriana, il successo iniziale di molti di quei media alternativi è sembrato affievolirsi tra le pressioni delle forze più potenti. A volte, con grande delusione, queste pressioni sono venute dall’interno del panorama degli stessi media alternativi. Un incidente recente che ricordo risale al 2020, quando l’Aleppo Media Union, a favore dell’opposizione, licenziò la giornalista Yaqeen Bedo per un commento che considerava “un insulto ai media rivoluzionari”.

Il licenziamento è avvenuto come parte di una tendenza apparentemente più ampia. Circa il 42% dei giornalisti siriani ritiene che i media alternativi abbiano un effetto negativo sul conflitto siriano, secondo un sondaggio del 2019 di Enab Baladi (a sua volta un quotidiano alternativo fondato sulla scia della rivolta nel 2011), mentre il 33% dei giornalisti intervistati ha visto il suo effetto come positivo e il 33% ha affermato che non c’era alcun effetto. Questi risultati non erano lontani da quelli di un sondaggio pubblico pubblicato da Enab Baladi sulla sua pagina Facebook nel quale chiedeva: “In che modo i media siriani alternativi hanno influenzato il conflitto?” Circa il 29% degli intervistati ha affermato che c’era un effetto positivo, mentre il 49% ha affermato che l’effetto era negativo. Un altro 25% ha risposto che tali media non hanno influenzato il conflitto.

È frustrante vedere tali risultati e opinioni nonostante tutti i sacrifici che i siriani hanno fatto per trasmettere la guerra e riportare il loro dolore quotidiano per anni. Dopotutto, la Siria ha perso più di 130 giornalisti dal 2011, secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti. Centinaia sono ancora i dispersi, nascosti nelle carceri del regime e di diversi gruppi armati.

Come siamo arrivati fin ​​qui?

Un paesaggio pericoloso

La Siria è tra i luoghi più pericolosi del mondo per i giornalisti. Ci sono poche tutele per proteggerli, o istituzioni che lottini per i loro diritti. E soprattutto, tutte le autorità che controllano la Siria, siano esse dal lato del regime o dell’odierna costellazione di gruppi di opposizione, si sentono minacciate dalla libera stampa.

Tra marzo 2011 e 2021, il Centro siriano per i media e la libertà di espressione, una ONG, ha documentato 1.353 violazioni contro i giornalisti in Siria. Il regime è risultato esserne il principale colpevole nell’ultimo decennio, poi lo Stato Islamico, seguito dal gruppo islamista Hay’at Tahrir al-Sham (HTS), i ribelli e infine il Partito dell’Unione Democratica (PYD), il partito al potere partito nella Siria nord-orientale, che ha il minor numero di violazioni, 99.

I media alternativi più efficaci sono stati spesso attaccati duramente⁠, e non solo dal regime di Assad. Una pubblicazione pionieristica lanciata nel 2011, Rising For Freedom, venne chiusa nel 2017 da Jaish al-Islam, una coalizione ribelle islamista fuori Damasco. La piattaforma aveva pubblicato un articolo che Jaish al-Islam aveva accusato di essere blasfemo. Il gruppo aveva quindi emesso mandati d’arresto contro i giornalisti che lavoravano per la pubblicazione e ordinato ai dipendenti di non entrare nel nord della Siria quando le forze del regime riconquistarono la periferia di Damasco nel 2018, sfollando con la forza decine di migliaia di residenti nel nord tenuto dai ribelli.

Radio Fresh FM è una stazione radiofonica indipendente fondata nel 2013 a Kafranbel, nel nord-ovest della Siria, dal defunto giornalista e attivista Raed Al Fares. HTS, che controlla gran parte della Siria nord-occidentale, ha spesso accusato la stazione radio per il fatto di impiegare voci femminili, riprodurre musica e assumere una posizione critica sia contro il regime di Assad che contro le autorità islamiste.

Per mantenere attiva la stazione, Raed ebbe l’idea di abbassare il tono delle voci femminili in modo che suonassero maschili. Sostituì anche le melodie tra una notizia e l’altra con versi di animali. Gli ascoltatori radiofonici avrebbero sentito la notizia di un attacco in un’area vicina, seguita dallo stridio di un corvo prima della messa in onda della notizia successiva.

Fares è stato successivamente assassinato nel 2018; gli attivisti hanno in gran parte incolpato HTS per l’omicidio.

Anche la capacità e l’effetto di quei punti vendita indipendenti variavano da un’area all’altra. Sono emerse discrepanze significative tra i finanziamenti, i seminari di formazione e altri supporti offerti dalle organizzazioni internazionali. Prima della riconquista della città da parte delle forze del regime alla fine del 2016, Aleppo era l’obiettivo principale per la maggior parte dei finanziamenti internazionali legati ai media, mentre pochissime sovvenzioni erano state concesse ai giornalisti a Deir al-Zor e Daraa.

Le donne hanno affrontato ancora più difficoltà. I loro viaggi erano spesso limitati, o perché non avevano passaporti o perché avevano bisogno di tutori maschi per viaggiare con loro in determinate aree. Molte donne che desideravano frequentare seminari di formazione in Turchia, ad esempio, non riuscirono ad andarci, poiché non potevano viaggiare. Non sorprende che tutti i seminari che ho condotto per le giornaliste in Siria fossero piene di studenti, mentre quelli per gli uomini non si sono quasi mai riempiti completamente.

In tutto questo, i media internazionali hanno trattato male i giornalisti siriani locali. Ai giornalisti siriani non è stata fornita un’assicurazione, pochissimi hanno ricevuto finanziamenti per il trasferimento quando era necessario e molti sono stati lasciati soli senza contatti o follow-up in situazioni pericolose.

Un divario sempre più ampio e fatti che sono stati spazzati via sotto il tappeto

Gran parte dei media alternativi siriani è diventato un media di guerra orientato a coprire la violenza, la propaganda della vittoria e le élite, mentre il giornalismo di pace è orientato alla soluzione dei conflitti, alla verità e alle persone.

Inoltre, c’è un divario in continua espansione che ha separato alcuni attivisti dei media siriani dal pubblico. Dopo essere stati apprezzati per aver riferito delle manifestazioni e degli attacchi ai manifestanti pacifici nel 2011 e nel 2012, le cose sono cambiate nell’atteggiamento pubblico nei confronti di questi attivisti.

Quando hanno iniziato a lavorare per media professionali e, spesso, a ricevere stipendi in dollari americani, una nuova classe privilegiata è emersa tra loro. Altri siriani nel frattempo ricevevano ancora lo stipendio nella fatiscente lira siriana.

Accanto alle tensioni di classe, alcune persone hanno iniziato ad accusare gli attivisti media di essere “responsabili” degli attentati. Se un giornalista ha filmato in una zona bombardata dal regime due giorni dopo, l’attacco “è stato colpa suo”, hanno ragionato alcune persone.

Nel frattempo, la libertà di espressione di cui godeva il movimento anti-regime iniziava a svanire nel 2012 mentre il conflitto si militarizzava.

Quell’anno, avevo presentato un rapporto per la BBC sulle fazioni che combattevano il regime nonostante le loro differenze ideologiche. Il rapporto mostrava che Jabhat al-Nusra, una fazione islamista, era presente a Idlib. Alcuni attivisti mi avevano accusata di essere “finanziata dall’intelligence britannica” o che il mio rapporto fosse in qualche modo responsabile dell’impedire alla NATO di imporre una no-fly zone.

Gli attacchi online contro di me sono stati così gravi che ho dovuto cercare protezione presso un gruppo locale dell’Esercito siriano libero, che mi ha aiutato a lasciare la Siria. Paradossalmente, il leader di questo gruppo dell’FSA, il defunto Basil Issa, era tra coloro che avevo incluso nel mio rapporto. Discutemmo della mia segnalazione e, con mia grande sorpresa, non si vi si oppose. “Il ruolo dei media è quello di infastidirci”, mi disse.

Nel 2013, sembrava che i media siriani si fossero ritirati sugli stessi vecchi schemi di nascondere fatti sporchi sotto il tappeto. Coprire le violazioni dei “nostri compagni” era diventata una sorta di norma. Ci furono molti esempi, come i molteplici attacchi indiscriminati che i ribelli nell’est di Aleppo e Latakia effettuarono contro villaggi civili con missili “Hellfire”, e i numerosi furti compiuti dalle fazioni dell’Esercito Libero, che non vennero denunciati fino a quando Al-Nusra non utilizzò questa giustificazione per attaccare ed eliminare quei gruppi. Ci fu stato l’attacco mortale non rivendicato a un convoglio di autobus che trasportava civili dalla città circondata e in gran parte pro-regime di al-Fuaa a Idlib come parte di un accordo di evacuazione del 2017.

L’elenco continua. Forse la più grande bugia di tutte dopo la rivolta è la storia dell’uccisione di Ibrahim Qashoush, assassinato ad Hama nel 2011 da ribelli che credevano fosse un informatore del regime. Per nascondere questo crimine, gli attivisti dei media avrebbero deciso di filmare Qashoush affermando che fosse un manifestante dell’opposizione ucciso dal regime di Assad. La menzogna si sviluppò ulteriormente, quando i media locali e internazionali riferirono che Qashoush era l’uomo dietro gli iconici canti di protesta di Hama e il leader delle manifestazioni di massa in città.

Qashoush, ovviamente, non era nessuna di queste cose: il vero cantante era un uomo di nome Abdulrahman al-Farhoud. Ma i tentativi di Farhoud di raccontare la propria storia non ebbero successo e la finzione che circonda Qashoush prese piede.

Con la storia di Qashoush e molte altre che sono seguite, crebbe un nuovo livello di repressione dovuto alla paura di affrontare l’assassinio del personaggio, l’isolamento o il bullismo sistematico per parlare contro la corrente dominante.

Questa diffusione del populismo – e il caro prezzo per metterlo in discussione – ha danneggiato la libertà di espressione, spingendo i giornalisti indipendenti che coprivano opinioni impopolari a farsi da parte. La diversità era andata persa e da qualche parte lungo il percorso le nostre bolle sui social media si sono trasformate in muri spessi.

Naturalmente, l’ultimo decennio ha visto i media alternativi e i giornalisti siriani diventare la principale fonte di informazioni su ciò che sta accadendo nel loro paese. I giornalisti siriani hanno trasmesso in live streaming al mondo il loro dolore, le loro lotte e le loro esperienze degli innumerevoli crimini commessi contro di loro. È in gran parte grazie a loro che la comunità internazionale sa così tanto di ciò che è accaduto in Siria nel corso della guerra.

Per questo e altri sacrifici compiuti per la libertà dei nostri media, sarebbe una grande perdita se non sfidassimo i nuovi sistemi repressivi. Dobbiamo ridare piattaforme reali alle voci emarginate e diverse. Questa è l’unica speranza per i nostri media alternativi di progredire verso ciò che sognavamo nel 2011.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...