Chomsky non è amico della rivoluzione siriana

il

Un importante intellettuale siriano affronta il famoso linguista, sostenendo che l’americentrismo rende quest’ultimo cieco davanti alla realtà della rivoluzione

Articolo di Yassin al-Haj Saleh, scrittore siriano ed ex prigioniero politico, pubblicato su New Lines Magazine il 15 marzo 2022. (Traduzione di G.De Luca).

Illustrazione di Joanna Andreasson.

Appena tre settimane dopo il mio rilascio dopo 16 anni di prigione in Siria, iniziai a tradurre un libro in arabo. Il libro era “Poteri e prospettive: riflessioni sulla natura umana e l’ordine sociale”, di Noam Chomsky. Mi ci era voluto del tempo per rendermi conto che il principale linguista e il severo critico dell’imperialismo americano erano la stessa persona. Lo vidi come un esempio straordinario e tanto necessario della responsabilità sociale e politica di scienziati e intellettuali. La sua partecipazione attiva al movimento per i diritti civili e la mobilitazione contro la guerra del Vietnam furono impressionanti, insieme ai suoi prolifici scritti sia sulla linguistica che sulla politica. Nel libro che tradussi c’erano due saggi sulla linguistica, uno sulla responsabilità dell’intellettuale e cinque sulla politica.

Per gli ex prigionieri politici comunisti che avevano trascorso lunghi anni in detenzione e avevano sperimentato la caduta del comunismo mentre erano ancora in prigione, questo indicatore americano era importante. Ci diceva che la lotta per la giustizia e la libertà era ancora possibile, che avevamo partner nel mondo e non eravamo soli e che la caduta del blocco sovietico avrebbe potuto essere emancipativa piuttosto che una perdita massacrante.

Il secondo libro che tradussi insieme a un altro ex prigioniero politico fu “A Life of Dissent” di Robert Barsky. Riguardava la vita e la politica di Chomsky. Già nella fase iniziale, trovammo alcune critiche al rigido sistema di pensiero di Chomsky, limitato dal centrismo statunitense, che è in parte utile per analizzare molte lotte, inclusa la nostra. Eravamo noi stessi dissidenti nel nostro paese e su due livelli: opporci a un regime che mostrava evidenti tendenze discriminatorie e oppressive ed esprimere opinioni critiche sull’Unione Sovietica e sul suo comunismo. Un principio fondamentale del partito di cui ero un giovane membro era “istiklaliyya” (indipendenza o autonomia), il che significava che eravamo noi, e solo noi, a decidere le politiche giuste per il nostro paese e la nostra gente, non un centro dall’estero. Quindi, non eravamo orfani in cerca di un nuovo padre, né eravamo spinti dal desiderio di sostituire il marxismo-leninismo con una specie di catechismo chomskiano. Tuttavia, avevamo sempre pensato che la nostra causa fosse una: combattere la disuguaglianza e l’oppressione ovunque, e su basi uguali e fraterne.

Ma il tempo rivelò che si trattava di un’illusione, di cui solo noi dovevamo assumerci la responsabilità. Negli 11 anni trascorsi dall’inizio della rivoluzione siriana, dal marzo 2011, Chomsky non ha scritto nemmeno una volta sulla Siria per informare i suoi numerosi lettori sulla difficile situazione del paese. I suoi commenti sparsi hanno rivelato il fatto che veda la lotta siriana – come ogni altra lotta – esclusivamente attraverso la cornice dell’imperialismo americano. È quindi cieco alle specificità della politica, della società, dell’economia e della storia della Siria.

Inoltre, la sua percezione del ruolo dell’America si è evoluta da un americentrismo provinciale a una sorta di teologia, in cui gli Stati Uniti occupano il posto di Dio, anche se maligno, unico creatore e realizzatore. Comprensibilmente, tale prospettiva solleva interrogativi sull’autonomia di altri attori, con echi dei dibattiti sul libero arbitrio dei teologi islamici circa 1.200 anni fa. Chomsky sembra più vicino ai jabriyyeen, che negano completamente la libertà umana e accertano l’onnipotenza di Dio, che ai qadariyyeen, che pensavano che la giustizia di Dio e la libertà umana andassero insieme.

I jihadisti oggi aderiscono principalmente alla tradizione della jabriyyah. Chomsky insiste da decenni nella sua stessa jihad, in un modo che ricorda Ibn Hanbal o Ibn Timiyyah, anche se, senza rischiare la libertà o la vita come hanno fatto i due padri del salafismo moderno ,(tranne la sua breve detenzione a seguito di una protesta al Pentagono durante la guerra del Vietnam).

Gli Stati Uniti non sono mai stati una forza a favore della democrazia, lo stato di diritto e i diritti umani in Medio Oriente. Il suo ruolo distruttivo nella regione, almeno dal 1967, è giustamente paragonato al ruolo della tirannia statale e forse del nichilismo islamico dopo l’occupazione americana dell’Iraq. Tuttavia, gli Stati Uniti non sono stati al centro della catastrofe siriana, come riconosce una dichiarazione firmata dallo stesso Chomsky nel marzo 2021. Semmai, gli Stati Uniti hanno fatto del loro meglio per non danneggiare il regime di Assad, anche dopo aver violato il diritto internazionale che vietava l’uso di armi chimiche e superato la “linea rossa” dell’allora presidente Barack Obama nel 2013, così come molte altre volte prima e dopo.

La prospettiva americentrica di Chomsky tende sistematicamente a minimizzare i crimini degli stati che si oppongono agli Stati Uniti. In una recente intervista pubblicata su DAWN nel gennaio 2022, ha affermato: “Difficilmente puoi accusare l’Iran di comportamenti illegali o criminali sostenendo [le Nazioni Unite’] il governo riconosciuto” della Siria. Sostenere un regime che lo stesso Chomsky descrive come “mostruoso” non è criminale o illegale, insiste. Non trova nulla di illegale nel sostenere un regime che nega ai suoi sudditi qualsiasi diritto e pensa che sarebbe illegale punire quello stesso regime per aver ucciso oltre 1.400 cittadini con armi chimiche in una chiara violazione del diritto internazionale. Lo disse a Independent Global News nel settembre 2013.

Quello che Chomsky chiama il “governo riconosciuto” della Siria è il regime dinastico che è al potere da 52 anni, esattamente la metà dei 104 anni che sono l’intera storia del moderno stato siriano. Durante questi cinque decenni, la Siria ha sofferto due conflitti interni. Ci sono state decine di migliaia di vittime nella prima ondata (1979-82) e centinaia di migliaia nella seconda (2011-oggi). Entrambi sono strutturalmente legati al cliquish e alla formazione discriminatoria del regime.

Commentatori come Chomsky sottolineano di chiamare il regime “brutale” e “mostruoso”, ma semplicemente come prefazione a quello che considerano il vero problema: il ruolo degli Stati Uniti e dei loro alleati nella regione. Si sbagliano.

Il carattere mostruoso del regime è la questione centrale di questo conflitto, anzi della storia della Siria dal 1970. È la chiave per comprendere la continua catastrofe del Paese e la radice di tutto il resto. Ma l’approccio di Chomsky ha l’effetto di relativizzare i crimini del regime, che rappresentano il 90% delle vittime e della distruzione. Sembra che se gli Stati Uniti non possano essere incolpati di questi crimini, allora quegli stessi crimini non siano molto importanti.

È anche piuttosto curioso che Chomsky menzioni in modo piuttosto blando e disinvolto che quando l’Iran estende la sua influenza nella regione, lo fa principalmente nelle “aree sciite o quasi sciite”, come se questo fosse in qualche modo un fatto neutrale senza implicazioni sociali e politiche. Noi di sinistra e nazionalisti della regione lo chiamiamo settarismo, ed è stato una fonte straordinariamente importante di conflitti civili e massacri genocidi in molti paesi. Sembra che Chomsky non si sia affatto impegnato con il lavoro di molti intellettuali arabi, per lo più di sinistra, sul settarismo e sui suoi effetti distruttivi dagli anni ’70. Quindi forse uno dovrebbe fargli una domanda spivakiana: gli intellettuali subalterni possono parlare? Sulla base della mia recente esperienza personale, la risposta è no. La mia lettera all’Internazionale Progressista sulla Siria non è apparsa e le persone lì hanno smesso di contattarmi dopo che ho inviato loro la lettera, sebbene fosse stata loro l’iniziativa di parlarmi nell’aprile 2020 e di invitarmi a curare un intero dossier sulla Siria per loro (quella “lettera all’Internazionale Progressista” è stata poi pubblicata su Aljumhyuriya.net). Apparentemente, non c’è posto, in una coalizione progressista internazionale, per noi siriani di sinistra e democratici che ci opponiamo al regime di Assad.

Dai tempi in cui la “questione orientale” è stata posta più di un secolo e mezzo fa, il settarismo si è sviluppato attraverso il nesso di interventi coloniali esterni ed “esternali” interni, per così dire, quando i gruppi socioculturali interni sono spinti a chiedere protezione a poteri esterni. L’imperialismo francese ha offerto un esempio fondamentale di questo paradigma fino all’indipendenza della Siria e del Libano dopo la seconda guerra mondiale, e la storia rimane rilevante.

Supervisionando le milizie sciite importate dall’Afghanistan, dall’Iraq e dal Libano e coordinandosi con formazioni militari altamente settarie come la Quarta Divisione dell’esercito siriano (guidato da Maher al-Assad, fratello di Bashar) e altre agenzie di sicurezza ugualmente settarianizzate, l’Iran non è semplicemente una “presunta minaccia”, come ha detto Chomsky nella stessa intervista; piuttosto, è un’altra potenza coloniale, spietata, che manipola in modo criminale le divisioni sociali che il regime di Assad sta esacerbando da mezzo secolo. L’Iran è responsabile di crimini di guerra contro i siriani che si oppongono al regime.

All’interno della teologia di Chomsky, nulla di tutto ciò è visibile. La trasformazione della più antica repubblica araba in uno stato privatizzato con un potenziale genocida crescente è derivata da una fantasia di sicurezza permanente e assoluta che ha sempre portato a atrocità di massa in Siria e ovunque, come sostiene Dirk Moses in “The Problems of Genocide: Permanent Security and the Language of Trasgression”. Questa trasformazione reazionaria, la più grande nella storia della Siria dopo l’indipendenza, non ha mai meritato di essere degna di nota nella prospettiva di Chomsky.

Non sorprende che i siriani non siano rappresentati nei suoi commenti sulla Siria. Chomsky non si riferisce mai a un siriano, non ne cita uno, e nemmeno menziona un occidentale che sostiene la causa siriana. Le sue fonti sono Patrick Cockburn, che considera il regime un male minore, e forse il defunto Robert Fisk, il giornalista britannico che ha dato voce ad assassini settari come Jamil Hassan, il capo della famigerata intelligence dell’aviazione, e Suheil Hassan, il leader delle altrettanto famigerate Tiger Forces, ma mai a persone critiche nei confronti del regime chimico. Tutti e tre condividono una prospettiva di “alta politica” incentrata sui “governi riconosciuti” – Russia, Iran, Israele e Arabia Saudita – così come sui jihadisti e sull’imperialismo americano.

Da Cockburn, Chomsky prende in prestito il concetto di “wahabizzazione dell’Islam sunnita”, che è una generalizzazione avventata e irresponsabile, ed è per questo che è così utile per coloro che non sanno e vogliono che gli altri pensino di sapere. Questa generalizzazione non è affatto diversa dal libro notoriamente razzista di Raphael Patai, “The Arab Mind”, che ha fornito le basi teoriche per la tortura a Guantánamo e Abu Ghraib, secondo Judith Butler in “Frames of War”. Cockburn non ha detto nulla a Chomsky sull’Iranizzazione dell’Islam sciita, che è anche una grande generalizzazione, anche se un po’ più plausibile considerando che gli sciiti sono un gruppo minoritario nella maggior parte dei paesi musulmani e perché a Teheran c’è un centro imperiale attivo.

È abbastanza significativo, tra l’altro, che DAWN abbia omesso gli esoneri dell’Iran da parte di Chomsky e il suo “farlo principalmente nelle aree sciite o quasi sciite”, dalla versione araba della loro intervista con lui. Conoscono meglio e sembrano essersi sentiti imbarazzati da quello che ha detto.

Se la “wahabizzazione degli arabi sunniti” è la diagnosi corretta di una malattia fondamentalista manifestata dal gruppo dello Stato Islamico e da al Qaeda, allora forse il rimedio giusto sarebbe quella sorta di de-wahabizzazione che abbiamo visto nella bestiale prigione militare siriana di Sednaya, Guantánamo o Abu Ghraib, dove si possono provare e sviluppare “tecniche di interrogatorio avanzate”. Artisti del calibro di Cockburn e Chomsky sono stati determinanti nel desensibilizzare l’opinione pubblica occidentale a qualunque cosa potesse accadere al “mandre wahhabita”, qualcosa che accresce la precarietà delle loro vite e legittima le stesse guerre a cui Chomsky si oppone.

Ma perché Cockburn, che non parla nemmeno arabo, è “il commentatore più serio” della Siria e della regione, secondo il coautore di “Manufacturing Consent”? Non ci sono persone nella regione capaci di commentare seriamente i propri affari e di rappresentarsi? È concepibile oggi che anche gli autori mainstream negli Stati Uniti definiscano un giornalista straniero “il commentatore più serio” di un altro paese o regione straniera? In questa pratica inaspettatamente coloniale, a Chomsky potrebbe fare bene una grande dose di Edward Said.

A proposito, ci sono parecchi libri in arabo sull’islamismo contemporaneo, sulla Siria e su gruppi come lo Stato Islamico, ciascuno più informativo e ricco di sfumature di “The Rise of Islamic State: ISIS and the New Sunni Revolution” di Cockburn, la cui “analisi settaria ” e la conoscenza stereotipicamente coloniale viene rigurgitata acriticamente dall’”intellettuale pubblico vivente più citato al mondo”. Fisk è stato ancora più meccanico nell’implementazione di questo metodo di analisi coloniale. Questi tre uomini ripetono roba coloniale stantia, riabilitata da regimi coloniali interni come quello di Assad e da crudeli potenze espansionistiche come Iran e Russia a proprio vantaggio.

Ciò che sia Chomsky che il suo “commentatore più serio” ignorano è che l’islamismo in tutte le sue variazioni è un fenomeno minoritario ed elitario, e questa è una delle ragioni per cui è così violento. I sondaggi del Barometro arabo nel 2018-19 hanno mostrato che “meno del 20% delle persone in Tunisia ed Egitto (così come Algeria, Giordania, Iraq e Libia) si fidava dei partiti islamisti. Oltre il 76% sarebbe a favore della democrazia e lo stato civile”. Queste cifre sono citate in “Revolutionary Life: The Everyday of the Arab Spring” di Asef Bayat. In questo libro, pubblicato nel 2021, troviamo un approccio genuinamente democratico, una prospettiva subalterna, analisi sfumate, rispetto dei fatti, antirazzismo di principio, a differenza della teologia di Chomsky e della sua fonte. La Siria non è affatto diversa dalle società descritte nel sondaggio.

Nei paragrafi seguenti cercherò di mostrare ai lettori quanto sia superficiale la tesi della wahhabizzazione, senza però entrare troppo nei dettagli.

L’islamismo contemporaneo è il tentativo di fabbricare politica in società che non hanno una vera politica interna, in Stati che mancano anche di una reale sovranità a livello internazionale. Mostra i limiti della povertà politica nelle società che hanno subito il politicide, come la Siria, l’Egitto, la Libia, la Tunisia, l’Iraq e l’Arabia Saudita. Perché l’unica “assemblea” che nemmeno i regimi di sterminio non possono sciogliere è quella dei credenti nei luoghi di culto, e l’unica “opinione” che non possono mettere a tacere è quella delle Sacre Scritture. Questa circostanza è il motivo per cui gli islamisti sono arrivati ​​a svolgere un ruolo relativamente importante negli ultimi quattro decenni. L’Islam ha permesso a molte persone di riunirsi e parlare, e persino di protestare per gli affari pubblici.

Tuttavia, la struttura gerarchica ed elitaria dell’islamismo espropria sistematicamente anche le persone dalla politica nel momento in cui l’islamismo passa dalla protesta al potere. Anche il jihadismo, che costituisce una minoranza ancora più piccola all’interno della minoranza islamista, sarebbe una semplificazione eccessiva ridurlo a un processo di wahhabismo innescato dalla monarchia saudita. Invece, il jihadismo è una guerra condotta quando i moderni stati arabi e musulmani non possono combattere gli invasori stranieri (americani, israeliani, ecc.) e possono fare la guerra solo contro i loro sudditi. L’Islam che è stato formato dall’impero (piuttosto che formarlo) si assume la responsabilità di rispondere a questa condizione a lungo termine di carente sovranità degli stati. C’è sicuramente una componente anticoloniale e antimperialista nella jihad, ma è perduta dall’immaginazione imperialista mitizzata e dalla memoria dell’islamismo contemporaneo.

In Siria, in particolare, la riduzione di una maggioranza socioculturale a minoranza politica – con discriminazioni, torture e massacri come metodi per effettuare la minorizzazione – ha un notevole potere esplicativo per una migliore comprensione dell’islamismo sunnita. Le persone non rappresentate, a cui sono negati i diritti e la capacità di organizzarsi, tendono a trovare rappresentazione nelle loro identità religiose. La coincidenza tra la tirannia aggressiva dello Stato – che guarda ai governati con l’occhio gorgonico della sovranità (unità, uccisione, eccezione) e ai poteri regionali e internazionali con l’occhio benevolo della politica (pluralità, negoziazione, regole) – fa sorgere l’islamismo violento come una certezza storica.

Nei nostri stati sottosopra, dove la guerra è interiore e la politica è esteriore (a differenza dell’Islam classico e del tipo ideale dei moderni stati-nazione), il jihadismo contemporaneo rappresenta la sovranità senza politica, le guerre esteriori così come quelle interiori.

Elaboro un po’ questa questione del fondamentalismo perché sembra essere un punto importante nella teologia di Chomsky e per il suo patetico livello di conoscenza dell’islamismo in Occidente. Nell’analisi contemporanea, gli islamisti, e soprattutto i jihadisti, sembrano irrazionali, irresponsabili e privi di senso. Con questa teoria, la soluzione può essere solo riferirsi a Guantánamo, Abu Ghraib, Guantánamo in Europa (campo di detenzione di al-Hol nel nord-est della Siria, dove migliaia di donne e bambini, centinaia dei quali di origine europea, sono detenuti a tempo indeterminato per il fatto di essere imparentati con alcuni “combattenti illegali” dello Stato Islamico o detenuti a Sednaya (e Tadmur negli anni della mia giovinezza) senza alcun diritto, lasciato lì a tempo indeterminato. Sono stati resi disumani, e quindi le loro vite non hanno importanza.

Lo studio serio dell’islamismo nel suo ampio spettro, dagli individui praticanti alle organizzazioni nichiliste come il gruppo dello Stato Islamico e al-Qaeda, giustifica e legittima quest’ultimo? Affatto. Ma può certamente aiutarci a comprendere un fenomeno globale significativo ed evitare le battaglie reazionarie in cui questi islamisti, insieme ai loro potenti omologhi in Occidente, Russia, India e Cina, vogliono che ci muoviamo per generazioni.

Le “idee” di Chomsky su questo sono solo un’altra espressione dell’incapacità di umanizzazione delle scienze umane occidentali: dà per scontata la parte della disumanizzazione, ne riproduce una versione povera e la consolida. C’è una questione islamica globale (islamismo più islamofobia, che è in effetti un misto di sunnifobia e arabofobia), e il modo in cui l’Islam e l’islamismo sono rappresentati ovunque sembra solo tracciare una rotta verso una carneficina sempre più grande. In questo, il guru qui criticato è il più conservatore possibile.

La situazione in Siria con cinque potenze occupanti è istruttiva per chiunque sia veramente interessato a migliorare la propria comprensione dell’attuale situazione globale. Abbiamo forze statunitensi in una parte del paese, russi e iraniani che proteggono il “governo riconosciuto”, turchi in un’altra parte, tutti e quattro con i loro delegati locali o importati; e prima di tutto, abbiamo gli israeliani, che hanno occupato le alture del Golan dal 1967 e hanno monopolizzato i cieli della Siria in coordinamento con i russi.

La Siria è una rara situazione di “imperialismo liquido”, per parafrasare il compianto Zygmunt Baumann; tuttavia il fatto che ci siano cinque stati potenti in un piccolo paese, o quello che può essere chiamato “l’imperialismo in un paese”, non sembra interessare Chomsky. Non dimentichiamo inoltre che “gli imperialisti conquistati” o imperialisti senza impero – con ciò intendo i jihadisti sunniti provenienti da tutto il mondo – sono ancora lì. Questa complessa situazione non può essere spiegata relativizzando i crimini degli oppositori americani e assolutizzando i crimini statunitensi.

Chomsky afferma che l’intervento della Russia in Siria è “sbagliato” ma “non è imperialista”, perché “sostenere un governo non è imperialismo”. La Russia ha molte basi militari in Siria, ha affittato il porto di Tartous per 49 anni e ha ucciso 23.000 civili siriani in sei anni. Putin e i suoi collaboratori si sono vantati più volte di aver testato con successo oltre 320 armi in Siria e che l’85% dei comandanti dell’esercito russo ha acquisito esperienza di combattimento in Siria. Nel 2018 e nel 2019, la Russia ha ricevuto ordini di armi per un valore di $ 51,1 miliardi e $ 55 miliardi. Tali azioni non figurano affatto nell’analisi di Chomsky; in risposta alla domanda del medico siriano Taha Bali sull’imperialismo russo, Chomsky ha negato che fosse una pratica imperialista prima di passare in fretta al suo eterno monologo: “Cosa fanno gli Stati Uniti? Sostiene i paesi che stanno sviluppando i movimenti jihadisti”, intendendo la monarchia saudita.

Questo punto di vista è piuttosto superficiale, come spero ormai sia diventato chiaro. Semmai, la mancanza di sovranità dello stato saudita e il suo bisogno di protettori stranieri, piuttosto che il suo sostegno attivo, è ciò che spiega il jihadismo. Osama bin Laden è stato abbastanza chiaro su questo punto nel 1990 quando ha chiesto che i sauditi non permettessero alle truppe americane e di altro tipo di prendere basi nel regno e ha detto che solo i musulmani dovrebbero difendere le terre musulmane. Tuttavia, anche il sostegno degli Stati Uniti ai sauditi non dovrebbe essere considerato imperialismo, poiché il governo saudita è riconosciuto anche dalle Nazioni Unite.

Un senso dell’imbarazzante livello di conoscenza di Chomsky sulla Siria può essere visto nella stessa video intervista in cui afferma che non ci sono state rivolte in Siria nel 2012 (secondo le nostre conoscenze subalterne, la rivolta è iniziata nel marzo 2011) e quindi implica che , se c’erano manifestanti, erano lì insieme allo Stato Islamico e ad altri gruppi jihadisti.

Abbiamo uno sguardo altrettanto interessante sul modo di pensare di Chomsky quando, sulla questione dell’intervento umanitario dopo il massacro chimico del 2013, chiede allo stesso medico e attivista siriano: chi dovrebbero bombardare gli americani in Siria? Il regime? Perché ciò, ovviamente, minerebbe il “fronte di resistenza” ai jihadisti.

La riduzione da parte di Chomsky della lotta siriana a questa cornice dominante è condivisa da Eric Zammour, il candidato razzista francese di destra alla presidenza, che ha recentemente raccomandato di riabilitare i rapporti con il regime siriano perché la scelta è o lo status quo o lo Stato islamico e il califfato. Un altro aderente è Sergey Lavrov, ministro degli Esteri russo, che nel 2012 ha dichiarato che la Russia non avrebbe accettato il dominio sunnita in Siria. Chomsky ha molte idee fisse e sembra più facile spostare le montagne che aspettarsi che le riveda o ammetta errori.

In tutto questo, la critica di Chomsky al ruolo degli Stati Uniti in Siria sembra del tutto superflua. Dal momento che gli Stati Uniti hanno fatto esattamente quello che volevano: non hanno mai bombardato il regime, combattuto solo i jihadisti, pensando, come lui, che fosse Assad o il jihadismo, e sostenuto i curdi, che avrebbe voluto che il malvagio Dio americano proteggesse (vedi il suo contributo in “Dissidenti della sinistra internazionale”, a cura di Andy Heintz, 2019, pagina 26). Perché proteggere loro ma non tutti gli altri? I siriani hanno chiesto protezione internazionale dall’autunno del 2011, circa sei mesi dopo la loro rivolta completamente pacifica, senza alcun risultato. Solo dopo aver mobilitato il proprio potere collettivo pacifico e poi aver chiesto protezione dal mondo di cui si credevano parte, molte persone hanno iniziato a ricorrere ad Allah, il che era positivo per i gruppi di Allah-cratici.

È interessante notare che Chomsky nel libro di Heintz parla come un generale militare, dicendo all’egemone imperialista americano che “dovrebbe fare tutto il possibile per proteggere i curdi invece di attenersi alle politiche passate di tradimento regolare”. Per una volta, l’intervento umanitario è possibile.

In verità, i siriani sono stati palestinizzati mentre il regime è israelizzato con la Russia che occupa il ruolo degli Stati Uniti: 16 volte ponendo il veto a una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per proteggere il regime dalle sue colpe. Ma il pensiero di Chomsky sembra risiedere nella teologia piuttosto che nella storia. È privo di contesto o posizione ed eternamente valido, quindi immutabile. Questo privilegio del sistema rispetto al contesto e alla posizione spiega il fatto che Chomsky si sia riferito al massacro chimico di Saddam Hussein del 1988 ad Halabja nella sua intervista a DAWN, senza menzionare nulla dei numerosi massacri chimici perpetrati dal regime in Siria, sebbene siano molto più recenti.

Ormai dovrebbe essere disperatamente chiaro il perché: l’America è stata coinvolta nel primo caso, quindi le sue vittime sono degne di simpatia. Il ruolo dell’America nel massacro chimico siriano era più ambiguo: ha condannato l’attacco ma si è ritirata dalla propria linea rossa e ha continuato a mediare un sordido accordo con la Russia. L’evento non si prestava alla visione deterministica di Chomsky, quindi ha risolto la sua dissonanza cognitiva rivolgendosi alla negazione.

“Non è così ovvio il motivo per cui il regime di Assad avrebbe effettuato un attacco di guerra chimica in un momento in cui stava praticamente vincendo la guerra”, ha detto. Bene, non era così ovvio il motivo per cui i nazisti avrebbero eseguito esecuzioni con camere a gas in un momento in cui stavano praticamente vincendo la guerra nell’est. Per almeno sei mesi, Hannah Arendt ha dubitato dell’esistenza stessa delle camere a gas perché non erano militarmente necessarie. Non era nemmeno ovvio il motivo per cui l’esercito americano avrebbe umiliato, terrorizzato e torturato i prigionieri iracheni ad Abu Ghraib dopo aver rovesciato con successo il regime di Saddam. Non è ancora chiaro il motivo per cui lo stesso regime di Assad avrebbe continuato a torturare le persone nelle sue segrete per anni, per poi giustiziarle alla fine.

Sostituendo i fatti con una logica primitiva, il commento di Chomsky sui massacri dell’agosto 2013 non è un’espressione di conoscenza, ma di negazione basata su ragionamenti motivati. Non gli è stato impossibile leggere i resoconti della Ghouta orientale, basati su ricerche sul campo e attivismo, di attivisti del calibro della grande Razan Zeitouneh, tradotti in inglese e pubblicati subito dopo il grande massacro dell’agosto 2013. Ma Chomsky non ha mai ammesso i fatti per non complicare i suoi schemi nitidi. Nella sua analisi, attivisti e scrittori siriani sono invisibili, anzi inesistenti.

Chomsky ha sostenuto Ted Postol, il teorico della cospirazione che nega il massacro chimico di Khan Sheikhoun, in cui 92 persone sono state uccise il 4 aprile 2017. Questo “professore del MIT” è stato descritto dal compagno Noam come “un analista molto serio e credibile”, paragonabile certamente al “commentatore più serio”. Ci sono persone a Khan Sheikhoun da contattare e chiedere loro cosa sia successo alla loro comunità e chi pensano sia stato responsabile dell’uccisione dei loro cari? Non nel mondo dei “professori del MIT”. Nel nostro mondo, il subalterno può avere voce in capitolo, ma non ha pubblico all’interno delle università americane d’élite.

Si è portati a concludere che un crimine è un crimine quando è commesso dall’imperialismo americano o contro coloro che non sono alleati con esso. Al contrario, un crimine non è un gran crimine quando gli autori non sono gli americani o le vittime provengono solo dalle comunità “wahabite”. Non c’è niente di “criminale” o “illegale” nell’uccidere quelli di quest’ultima categoria. Anche sostenere un regime mostruoso non può essere criminale, perché questo stesso mostro è un governo.

Il “governo” in Siria dirige una macchina di tortura; è estremamente corrotto, estremamente settario ed estremamente distruttivo della verità. In un mondo sano questo significherebbe che è illegittimo. È una giunta sotto il cui lungo governo la Siria è passata da un paese sottosviluppato a un mattatoio senza speranza. Nei 52 anni di governo della famiglia Assad, si è legittimata usando il tropo coloniale della “protezione delle minoranze”. Un’altra idea legittimante usata dal regime dopo la rivoluzione è la guerra imperialista al terrore, l’unica “grande narrativa” rimasta sul nostro pianeta, e la base di alleanze criminali contro i movimenti popolari ed a favore delle giunte criminali ovunque. È quindi straordinario che Chomsky, autoproclamato anarchico, giustifichi l’intervento russo in Siria perché invitato dal suo “governo riconosciuto”.

L’ossificazione del sistema di pensiero di Chomsky spiega il paradosso dell’etichettare il regime come brutale e mostruoso senza poter dire una sola frase positiva su nessuno di coloro che hanno lottato contro di esso. Tra le altre cose, il suo sistema strangola il suo miglior giudizio. Non può essere cieco di fronte al fatto che il regime dinastico di Assad è uno dei peggiori del pianeta. Chomsky è invece guidato da un sistema morto che non risponde al legittimo desiderio delle persone di non voler vivere sotto la tirannia violenta o il dominio della sofferenza e del dolore umani inflitti loro quando agiscono in base a quel desiderio.

Si attiene a un sistema reificato perché funge da linguaggio comune che Chomsky condivide con i suoi fan e seguaci. Ecco perché ha maggiori difficoltà a dissentire da questo sistema che dal sistema imperialista americano. Nell’Islam, chiamano il primo dissenso la grande jihad. È sempre più facile lottare contro i nemici dichiarati che contro il tuo io e il tuo discorso imperiale.

Anch’io sono stato di sinistra per tutta la vita, nei discorsi della sinistra occidentale sulla Siria non sono stato colpito dalla posizione non fraterna, antidemocratica e antipatica di molti coinvolti in essa, ma dalla banalità del dibattito, una combinazione paralizzante di ignoranza e arroganza. La Siria non è mai stata al centro del dibattito; piuttosto è stato solo uno strumento per ribadire vecchi dogmi sull’imperialismo statunitense e sui suoi intrighi. Questo è lo stesso guscio solipsistico all’interno del quale prosperano anche Cockburn e Fisk. Chomsky non può riconoscere i siriani perché destabilizziamo questo sistema, complichiamo il linguaggio e insistiamo sul nostro diritto di rappresentarci.

Alcuni lettori potrebbero trovare questa critica dura ed emotiva nella sua confutazione di un presunto alleato. Lo È. E lo è proprio perché dovrebbe essere stato un alleato. Chomsky è piuttosto influente ed è responsabile della diffusione di giudizi errati e apatia sulla più grande lotta di questo secolo. Non è più una condotta corretta assolverlo dalle critiche come abbiamo fatto finora noi, scrittori e attivisti siriani. Il problema con Chomsky non è che sappia poco della Siria (come è effettivamente il caso); il problema è che non può mai dire “non lo so”. Nella sua prospettiva, è onnisciente quanto l’imperialismo statunitense è onnipotente. Mi dispiace dire che sembra sentirsi anche meno del poco che conosce, come mostra il suo imperdonabile commento sulla strage chimica del 2013. Può essere un polemista in un modo piuttosto disonorevole, come mostra un lungo scambio di e-mail tra lui e Sam Hamad nel 2017. Ciò che sembrava in gioco per lui era la sua correttezza, non il destino di milioni di persone. Tale insularità è un insulto a qualsiasi vera politica liberatoria di sinistra, e merita di essere lasciata indietro.

Se non altro, Chomsky ha contribuito a rendere invisibili gli attivisti e gli scrittori siriani che combattono per la democrazia e la giustizia sociale, invece di rendere più visibili noi e la nostra causa. Difficilmente sarebbe il comportamento di un alleato.

Vede le persone comuni nella loro lotta per la vita e la dignità; eppure non esita a informarci che cos’è la lotta genuina, quali minacce sono reali e quali sono presunte, e chi è autorizzato a dare loro un senso. L’annessione di tutte le lotte a quella che Chomsky e i suoi simili decidono non è affatto diverso dall’annessione di altre terre a un centro imperialista. Il primo richiede istiklaliyya (indipendenza come mentalità) e l’altro istiklal (autogoverno). L’imperialista antimperialista sa sempre meglio senza davvero preoccuparsi di sapere. I fatti prosaici non sono importanti.

L’influenza di Chomsky all’estero supera persino i presidenti americani nel suo potere simbolico; tuttavia, a differenza di loro, non è vincolato nemmeno da “veri o fittizi contrappesi” . È intimidatorio criticare una tale autorità. Può essere pericolosamente intimidatorio criticare le autorità politiche, come è ancora il caso nel mio paese, in Russia, in Iran e in molte parti del mondo. Ma è nostro dovere come agenti etici nelle lotte contemporanee per la libertà e la giustizia mettere in discussione queste autorità e mostrare i loro limiti. Ho cercato di mostrare che, in relazione alla causa siriana, questa particolare autorità manca di informazioni di base, analisi sfumate, curiosità intellettuale ed empatia umana. È giusto dire che si tratta di un’autorità incostituzionale, anzi assolutamente arbitraria.

Venticinque anni dopo aver tradotto “Poteri e prospettive”, trovo che il suo autore chiude decisamente ogni prospettiva di un futuro diverso. La prospettiva di Chomsky è contraddittoria alla democrazia in molti modi fondamentali: alta politica, americentrismo, jabriyyah, onniscienza, incuranza del contingente e del sorprendente (che è la storia), antimperialismo imperialista dall’alto verso il basso e una completa negazione dell’azione del popolo che lotta per la libertà e la giustizia. Il sistema di pensiero di questa autorità è autoritario. È un’istituzione da cui il dissenso è d’obbligo tanto quanto lo era dal comunismo sovietico e dai suoi derivati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...