Perché l’Ucraina è una causa siriana

UN MEMBRO DELLA POLIZIA MILITARE RUSSA A GUARDIA TRA I RITRATTI DEL PRESIDENTE SIRIANO BASHAR AL-ASSAD E IL PRESIDENTE RUSSO VLADIMIR PUTIN A UN PUNTO DI CONTROLLO ALLA PERIFERIA DI DAMASCO VICINO ALLA REGIONE DELLA GHOUTA ORIENTALE DETENTA DAI RIBELLI, 1 MARZO 2018. (LOUAI BESHARA/ AFP)
FONTE: GETTY IMAGES

Articolo di Yassin Al Haj Saleh, pubblicato su DAWN il 4 marzo 2022. (Traduzione di G.De Luca)

Nella settimana successiva all’inizio dell’invasione russa, i siriani contrari al presidente Bashar al-Assad potrebbero essere secondi solo agli stessi ucraini nel seguire ogni orrore della guerra che il regime di Vladimir Putin sta conducendo in Ucraina. La ragione dietro questa curiosa situazione, ovviamente, dovrebbe essere abbastanza evidente. La Russia occupa parte della Siria dalla fine di settembre 2015, sostenendo brutalmente il regime di Assad, la cui massima priorità è rimanere al potere per sempre, anche a costo di sottomettere il Paese a forze espansionistiche esterne come l’Iran e la stessa Russia.

Per sei anni e mezzo, la Russia ha tenuto un’importante base militare nel nord-ovest della Siria, chiamata Hmeimim, Assad viene solitamente convocato lì quando Putin o il suo ministro della Difesa visitano le loro truppe. Nel 2019, la Russia si è assicurata un contratto di locazione di 49 anni per il porto di Tartous, nel Mediterraneo, dove ora può fare stazionare le proprie navi da guerra. Il ministro della Difesa russo si è vantato di aver testato con successo più di 320 armi diverse dal suo arsenale militare in Siria. Lo stesso Putin ha elogiato l’esperienza di combattimento che oltre l’85% dei comandanti dell’esercito russo ha acquisito in Siria.

La Siria è stato un banco di prova per l’esercito russo. Ha usato munizioni al fosforo, bombe termobariche e bombe a grappolo, bandite dal trattato internazionale, contro strutture civili, prendendo di mira ospedali, scuole e mercati. Ha etichettato come terroristi tutti coloro che si opponevano al regime di Assad (proprio come fece anche Assad). Questo significa semplicemente che le loro vite sono irreprensibili; che ucciderli non è un crimine. È anche una buona cosa che dovrebbe essere premiata, almeno con lodi. In effetti, Putin è stato elogiato dalle organizzazioni islamofobe di destra in Occidente, e ovunque da sostenitori dell’autoritarismo, per la sua guerra imperialista in Siria, come responsabile, finora, dell’uccisione di circa 23.000 civili.

Eppure non ci sono state abbastanza voci in Occidente che abbiano condannato la guerra di Putin in Siria. Come mai? A causa della lunga e criminale “guerra al terrore”, che è stata alla base di un’ampia coalizione internazionale contro i terroristi – cioè i gruppi nichilisti sunniti – in cui gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono in un’alleanza de facto con la Russia, così come personaggi del calibro di Assad, Abdel Fattah al-Sisi dell’Egitto, Mohammed bin Salman dell’Arabia Saudita e Mohammed bin Zayed degli Emirati Arabi Uniti e, naturalmente, lo stato di apartheid di Israele. Questo non è stato solo un tradimento verso i siriani che hanno lottato per la democrazia durante due generazioni, ma un tradimento della democrazia in tutto il mondo.

La guerra al terrorismo ha fornito a Putin un’occasione d’oro per realizzare le sue ambizioni imperialiste di resuscitare l’impero russo, a cominciare dalla Siria. Putin notoriamente considera la caduta dell’Unione Sovietica come una “vera tragedia” e la “più grande catastrofe geopolitica del secolo”, non per un qualche sentimento comunista, ma perché l’Unione Sovietica era in larga misura un impero russo. E ora, incoraggiato da un mandato gratuito sulla Siria, Putin vuole annettere l’Ucraina, che secondo lui non ha mai avuto “tradizioni di stato reale”.

Questa aggressione si basa su tre pretesti contraddittori. Primo, per “denazizzare” l’Ucraina, qualcosa che rende questa guerra una continuazione della “Grande Guerra Patriottica” dell’Unione Sovietica contro Hitler, piuttosto che delle guerre espansionistiche di Putin in Cecenia, Georgia, Crimea e Siria. In secondo luogo, per “smilitarizzare” l’Ucraina, o distruggere le sue forze armate e impedirle di entrare a far parte della NATO. E terzo, perché l’Ucraina non è una “vera nazione”, come sostiene Putin, ma una parte della Russia.

Viene in mente la “storia del bollitore” di Freud. Un uomo ha preso in prestito un bollitore dal suo vicino e lo ha restituito danneggiato. Per assolvere se stesso ha fornito tre argomentazioni: il bollitore non era danneggiato quando lo ha restituito; era già danneggiato quando lo ha preso in prestito; non aveva mai preso in prestito il bollitore. Questa è la logica dell’incontrollabile desiderio di potere di un dittatore che non può o non vuole trattenersi mentre conduce la sua quinta guerra in questo secolo. Ma le tre argomentazioni di Putin sono già crollate. Sebbene sia vero che ci sono gruppi di estrema destra e ultranazionalisti in Ucraina, sono una minoranza con un potere politico limitato e non sono affatto quelli effettivamente presi di mira dall’invasione russa. Semmai, la guerra di Putin dà piena giustificazione al fatto di difendersi dall’Ucraina come suo vicino aggressivo e prepotente. L’Ucraina sta dimostrando la sua realtà nazionale attraverso la resistenza contro gli invasori russi.

Una sconfitta russa sarebbe una vittoria non solo per l’Ucraina, ma per il mondo. Una sconfitta di Putin potrebbe anche porre fine alla sua vita politica, che è la migliore notizia possibile per i democratici russi che stanno coraggiosamente protestando contro l’aggressione in nome della loro nazione. Questa può essere una buona notizia anche per i siriani, perché indebolirebbe anche il regime barbaro e traditore di Assad, insieme alle crescenti tendenze autoritarie in tutto il Medio Oriente e in effetti nel mondo. E mentre una sconfitta del nostro nemico comune, Putin, non sarà necessariamente una vittoria per noi siriani, una vittoria per il Putinismo sarà una sconfitta ancora più grande per noi, poiché diminuirà le nostre già scarse opportunità di recuperare il nostro paese.

Ma anche se l’Ucraina riuscirà a respingere la Russia, i possibili vincitori saranno coloro che sono stati complici nel sottomettere la Siria, il nostro Paese, proprio a quel nemico. Intendo le potenze occidentali, in particolare gli Stati Uniti, gli autori della guerra al terrorismo. La Russia Putinista è percepita come un invasore aggressivo su un fronte e come il bruto che può fare il lavoro sporco dell’Occidente su un altro fronte. Ma questo è eticamente spregevole e politicamente controproducente, come sta dimostrando l’Ucraina.

Abbiamo bisogno di una politica e di una giustizia contro il terrorismo, non di una guerra contro il terrorismo. La parola per quella politica e questa giustizia è democrazia. Sacrificare la democrazia sull’altare della guerra al terrore e la priorità della sicurezza è senza principi e controproducente, non solo in Siria e in Medio Oriente, ma anche nello stesso Occidente.

Imperialismo e democrazia sono incompatibili. Questo è vero per la Russia e ovunque. Lo stesso vale in Occidente. L’imperialismo che ha avuto il suo effetto boomerang in Europa prima, sotto forma di nazismo, come sosteneva Hannah Arendt ne Le origini del totalitarismo, sta già avendo il suo effetto analogo nel nostro tempo sotto forma di populismo di destra, che è stato progressivamente normalizzato ed è passato rapidamente dall’estrema destra al mainstream accettabile, in diretta relazione con la guerra al terrorismo e la cosiddetta crisi dei migranti e dei rifugiati.

Come rifugiati, sradicati dalla nostra casa e dispersi in 127 paesi, noi siriani siamo ora la nostra stessa comunità internazionale. In quanto tali, ci invitiamo a intervenire in ogni lotta del pianeta.

L’Ucraina è una causa siriana. Così è il mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...