Mary Ajami: Istantanee di una vita di attivismo

il

Un gigante della “prima ondata”del femminismo in Siria

Pubblicato l’1 novembre 2021 su Syriauntold (Traduzione G.De Luca).

“È una sposa senza marito, ma fa parte delle persone che camminano con libertà, cercando la benedizione del patriottismo sotto il cielo della loro bandiera. Il suo contratto di matrimonio è scritto con l’inchiostro della ragione e del cuore”.

Mary Ajami

In un’antica casa damascena, nel vicolo Talaa al-Fidha del quartiere Jowaniyeh, dietro la chiesa ortodossa di San Giovanni di Damasco, nacque nel 1888 Maria Ajami. Avrebbe vissuto una lunga vita al servizio della letteratura, del giornalismo e, naturalmente, del femminismo fino alla sua morte nel 1965.

Ajami è forse la femminista siriana più famosa dell’era moderna. Su di lei sono stati scritti centinaia di articoli e diversi libri. È stata anche descritta in serie televisive per il suo ruolo importante e fondamentale nella vita culturale e sociale siriana dei primi anni del 1900, un ruolo che ha avuto nelle sue poesie, articoli e altre attività, non ultima la fondazione della sua rivista al-Arous ( The Bride), tra i primi periodici femministi arabi. Ajami ha anche co-fondato lo Shami Women’s Club, un gruppo che ha sostenuto la parità di diritti.

Al-Arous

Nel 1910, al tramonto dell’Impero ottomano, Mary Ajami fondò al-Arous ad Alessandria d’Egitto (anche se alcune fonti dicono che la fondò a Homs). Da lì, trasferì la sede della rivista nella sua città natale, Damasco. Al-Arous iniziò con 32 pagine, poi arrivò a 40 pagine prima di essere costretta a chiudere nel 1914 a causa dello scoppio della prima guerra mondiale.

La rivista tornò in stampa dopo la fine della guerra nel 1918 a 60 pagine, piena di scritti delle più famose figure letterarie in Siria e nel mondo arabo dell’epoca, da Khalil Gibran a Mikhail Naimy, Elia Abu Madi, Maruf al-Rusafi e Abbas Mahmoud al-Aqqad. Al-Arous continuò la pubblicazione fino al 1925, quando si fermò a causa delle pressioni durante la Grande Rivolta siriana.

La rivista mirava a “liberare le donne dalle loro catene e gli uomini dalla loro ingratitudine”. All’interno delle sue pagine c’erano opere letterarie, scritti di storia e natura, nonché articoli sui bambini e la famiglia. C’erano romanzi a episodi e dibattiti letterari; nel complesso, la rivista era una piattaforma unica per idee sulla liberazione.

Mary Ajami scrisse nella sua introduzione al primo numero di al-Arous: “Alle donne è stato concesso l’onore di adornare la terra con i fiori del cielo”. Rivolgendosi alle sue lettrici, ha aggiunto: “Sei la sposa. Accoglietela senza che le venga comandato di farlo, affinché sia ​​liberata dalla sua vergogna, affinché possa svelare i segreti del suo cuore, della sua anima e le cerimonie della sua posizione. È una sposa senza marito, ma le persone che camminano con libertà, cercando la benedizione del patriottismo sotto il cielo della loro bandiera. Il suo contratto di matrimonio è scritto con l’inchiostro della ragione e del cuore, coronando le teste con fiori di speranza e amore”.

Il Club delle Donne Shami

Mary Ajami fondò lo Shami Women’s Club nel 1920 insieme alla femminista siriana Nazik al-Abid, chiamando il gruppo con la parola araba che stava per Damasco, al-Sham. Abid era una leader del movimento delle donne siriane e chiedeva pari diritti politici e sociali per le donne. In precedenza aveva fondato la Red Star Society, che fungeva da nucleo della Mezzaluna Rossa Siriana.

Il club includeva donne di ricche famiglie damascene e mirava principalmente a liberare le donne dalle restrizioni sociali conservatrici dell’epoca. I membri volevano ottenere pieni diritti politici, legali e sociali, nonché liberare la società siriana in generale dalla rete di occupazioni nel paese. Il club ha ospitato numerosi saloni letterari.

Lo Shami Women’s Club è diventato solo una di una serie di organizzazioni femminili attive nelle principali città siriane all’epoca che si occupavano di letteratura, politica e ruolo delle donne nella società. Questi gruppi formarono quella che divenne nota come la “prima ondata” del femminismo siriano.

Mary Ajami l’attivista

Ajami era nota per essersi scontrata con le autorità ottomane, e dopo di loro con le forze di occupazione francesi e inglesi. Secondo quanto si racconta, si oppose al famigerato comandante militare ottomano Djemal Pasha “al-Saffah” (il Macellaio, come era soprannominato dai siriani) per difendere i diritti degli attivisti nazionali, non ultimo il suo fidanzato e agente letterario Petro Pauli. Pauli fu poi arrestato e giustiziato il 6 maggio 1916.

Molto è già stato detto su Mary Ajami e sulla sua lotta contro le autorità di occupazione. Ma la sua lotta non si limitava a combattere questi sistemi oppressivi. Ha anche sostenuto i diritti delle diverse classi all’interno della società, in particolare donne e bambini.

Ha sostenuto gli agricoltori e i lavoratori siriani e spinse ad appoggiare l’economia locale piuttosto che fare affidamento sulle importazioni estere. Questo “orientamento verso l’interno” non era tipico dell’élite e della borghesia siriane dell’epoca, che guardavano all’Europa come a un modello di civiltà. Tuttavia, questa tendenza di sinistra non attirò l’attenzione degli storici e di altri che studiarono la vita di Mary Ajami, nonostante avesse chiarito le sue convinzioni nella sua poesia “The Peasant’s Hope”, che vinse il primo premio alla radio della BBC a Londra nel 1947.

Scriveva:

Lui è il contadino.

Se non fosse per la sua lotta, il basilico non mostrerebbe i suoi segni di bellezza.

Lui è il baluardo appesantito

Sul cui volto sono le fiamme delle torce.

Una morte solitaria

Negli ultimi anni della sua vita, Ajami si ammalò. Si ritirò dall’attività pubblica attraverso la quale aveva lavorato e lottato per decenni per ottenere l’uguaglianza per le donne e altri membri maltrattati della società.

Morì il 25 dicembre 1965 e fu sepolta nella chiesa greco-ortodossa di San Giorgio nel quartiere Bab al-Sharqi di Damasco.

Ajami aveva trascorso la sua vita al servizio della libertà e della dignità dei siriani di tutti i ceti sociali, eppure non ha ricevuto lo stesso amore in cambio. Solo 16 persone presero parte al suo funerale e si sono radunarono quando fu portata alla sua tomba per essere finalmente sepolta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...