Presentazione dell’illustratore dietro la prima campagna raccolta fondi dell’HCR attraverso NFT

il

Scritto dal team di HCR e pubblicato il 4 novembre 2021 sul sito di UNHCR (Traduzione G.De Luca)

Per celebrare il 70° anniversario dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, il pluripremiato illustratore Hani Abbas ha prodotto sette immagini da vendere come risorse digitali per raccogliere fondi per la situazione in Afghanistan.

Una delle sette illustrazioni del fumettista siriano Hani Abbas incluse nella primissima raccolta fondi dell’UNHCR basata sulla vendita di NFT. © UNHCR / Hani Abbas

Hani Abbas, un illustratore siro-palestinese di 44 anni, è nato e cresciuto a Yarmouk, un campo profughi palestinese alla periferia sud di Damasco. Dalla fine degli anni ’90, prima che lui e la sua famiglia fuggissero dal conflitto nel 2012, le sue illustrazioni sono apparse in varie pubblicazioni e sono state esposte in mostre in Siria e in Medio Oriente. In seguito, l’illustratore e la sua famiglia si sono stabiliti in Svizzera come rifugiati.

Da allora, il lavoro di Abbas – che parla di ingiustizia, perdita e costo umano del conflitto – è apparso su pubblicazioni come Le Temps e La Liberté in Svizzera e sul quotidiano francese Le Monde. Hani Abbas si è unito all’organizzazione Cartooning for Peace, una rete di vignettisti giornalistici impegnati a promuovere la libertà e la democrazia. Nel 2014 Abbas ha ricevuto il Premio Internazionale per la Caricatura Editoriale a Ginevra.

Per commemorare il 70° anniversario dell’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, Abbas ha collaborato con la fondazione Svizzera per UNHCR (Svizzera per UNHCR), un’entità partner, per effettuare la prima vendita e raccolta fondi per l’agenzia utilizzando token non intercambiabili. Abbas ha prodotto sette illustrazioni, dieci copie delle quali diventeranno risorse digitali uniche da vendere come token non negoziabili su OpenSea, un mercato online, al fine di raccogliere fondi per la risposta dell’UNHCR alla crisi in Afghanistan.

Prima della vendita, che avrà luogo il 4 novembre, l’UNHCR ha incontrato Abbas per conoscere i dettagli della sua vita in Siria, la sua esperienza di rifugiato e il significato delle immagini che ha prodotto. La conversazione è stata modificata in base a criteri di lunghezza e chiarezza.

-Com’era la tua vita nel campo di Yarmouk?

Si dice che Yarmouk sia un campo, ma in realtà fa parte della città; dispone infatti di palazzi, strade e di tutti i servizi. Crescere lì è stato bello e difficile allo stesso tempo. C’erano molte persone in un piccolo spazio; un gran numero di studenti a scuola. La nostra vita lì era divertente e bella; dura, ma bella. A volte, guardando indietro, i ricordi tristi ora diventano belli. Quando ricordo, sento nostalgia di casa; mi manca quel tempo. Ricordo i miei amici, il mio quartiere, la strada e la casa dove vivevo con la mia famiglia.

Il fumettista siro-palestinese Hani Abbas a Ginevra, Svizzera. © Per gentile concessione di Hani Abbas

-Quando è stata la prima volta che hai mostrato il tuo talento per il disegno?

Quando ero bambino, adoravo disegnare. Disegnavo di tutto… e disegnavo su qualsiasi cosa: sui muri, sui libri di scuola, sul mio corpo, ovunque. Il disegno è un affare da bambini! Amavo disegnare e quando ero a scuola, l’insegnante d’arte mi ha sostenuto e ha inserito le mie illustrazioni in un concorso di disegno per bambini indetto dalle Nazioni Unite. Ho vinto due volte, a tredici e quattordici anni. Vincere mi ha convinto e mi ha spinto a continuare a disegnare. Mi sentivo come se avessi qualcosa da dire attraverso i miei disegni. Il disegno ci permette di raccontare la nostra storia, esprimere i nostri sentimenti, dare vita alle nostre idee.

-Hai sempre desiderato essere un illustratore?

No. All’inizio non era un grosso problema, ma quando avevo circa 18 anni ho iniziato a pensare ai cartoni animati perché ne vedevo tanti sui giornali e sui muri del campo. Le pareti erano come il nostro giornale nel campo. Tutto Yarmouk era un enorme giornale. Nel 1998 ho pubblicato la mia prima vignetta su una rivista palestinese. In seguito ho partecipato a un paio di mostre al campo, a Damasco, Aleppo e in Libano. Ho iniziato a contattare i giornali, ecco come sono andate le cose. Allo stesso tempo, insegnavo in una scuola elementare a Damasco.

-Quali temi affronti nelle tue illustrazioni?

I primi che ho fatto riguardavano la Palestina ei rifugiati palestinesi in Medio Oriente. Quelle illustrazioni erano molto più politiche che comiche perché era difficile per me disegnare cose divertenti. Tendo ad andare verso la tragedia e l’oscurità perché disegno ciò che sento. Cerco di spiegare cose su di me e sulla mia gente. All’epoca disegnavo senza alcun problema, ma quando è scoppiato il conflitto, il disegno era in pericolo di vita.

Oggi continuo a disegnare. Disegnare in un luogo sicuro, come la Svizzera, è fantastico: hai totale libertà, ma perdi il senso del pericolo, il senso della sfida. Le mie illustrazioni migliori sono state realizzate nel bel mezzo dei bombardamenti. Ho perso molto del mio vigore quando ho lasciato la Siria, ma ho ancora il potere della memoria.

“I ricordi sono sempre nella mia mente.”

-In che modo il conflitto ti ha influenzato a livello personale?

Da marzo 2011 a dicembre 2012, ovvero quando ho lasciato la Siria, mi sono trasferito all’interno del Paese in più occasioni. Gli ultimi sei mesi sono stati molto difficili tra i bombardamenti incessanti. Sì udivano tre suoni contemporaneamente. Il primo era il rumore della bomba che veniva sganciata. Il secondo era il rumore della bomba che volava sopra le nostre teste. Il terzo era il rumore dell’esplosione dopo che la bomba cadeva sugli edifici o sul terreno. Disegnavo sempre, ma quando sentivo il primo suono, smettevo di disegnare e aspettavo. Pensavo: “Forse questo è il mio ultimo disegno”. Quando sentivo il terzo suono, sapevo di essere ancora vivo. Sono fortunato perché ho sempre sentito i tre suoni, ma molti siriani intorno a me non hanno mai sentito il terzo.

-Sei riuscito a fuggire dalla Siria; prima in Libano e poi in Svizzera. Come è cambiata la tua vita?

C’è stato un tempo in cui tutta la mia famiglia era nello stesso posto. Ora, siamo in diverse parti del mondo. Sono qui in Svizzera. Uno dei miei fratelli è a Colonia, in Germania, e un altro a Madrid, in Spagna. Mio padre, mia madre e altri due fratelli sono in Svezia. Non è facile mantenere i contatti con loro. I social media e le videochiamate aiutano, ma non è la stessa cosa. I miei figli parlano francese e i figli dei miei fratelli parlano tedesco, svedese o spagnolo. La comunicazione è difficile quando, quando ci incontriamo, convergono tante lingue, culture e background diversi. L’albero genealogico andrà perso. Tagliano i rami, che ora scendono a valle, in direzioni diverse. In ogni caso, la Svizzera fa bene ai miei figli. Non ci sono problemi o brutti ricordi. Il tuo futuro non è in pericolo. Per me funziona. Ora lavoro qui. Continuo a disegnare e mi sento bene. La qualità della vita è buona, ma i ricordi sono sempre nella mia mente.

-Le immagini che hai prodotto per la vendita di token non scambiabili fanno parte di una serie che chiami “Windows”. Che significato hanno le finestre nel tuo lavoro?

Che significato hanno le finestre nel mio cuore? Sono le finestre che ci permettono di vedere il paese, la gente; ci permettono di ascoltarli e connetterci con loro. Ho disegnato la prima finestra nel 2011, quattro mesi dopo l’inizio del conflitto. Il disegno mostrava un edificio distrutto. È rimasta solo una finestra. Un giovane era fuori, portando con sé dei fiori e aspettando di vedere la sua amata, che era morta. Il disegno rappresenta ciò che abbiamo perso. Ho disegnato altre figure dove rimaneva solo una finestra, perché la finestra rappresenta la memoria. Ho le mie idee e i miei sentimenti intorno a queste immagini, ma spero che quando le vedrai, potrai vedere l’effetto che la guerra ha sulle persone.

“Spero che chiunque viva un paese in difficoltà riesca a fuggire”.

-Il denaro ottenuto attraverso le vendite sarà utilizzato per sostenere la popolazione afghana. Che sensazioni hai provato riguardo ai recenti eventi in Afghanistan?

Mi sembrava familiare perché eravamo – in realtà, siamo – come loro. Affrontiamo gli stessi problemi, proviamo le stesse sensazioni, raccontiamo le stesse storie. I telegiornali parlano sempre di parte politica, ma non sapevamo cosa stesse succedendo alla gente comune. Spero che chiunque abbia un paese in difficoltà riesca a fuggire. Sostengo le persone che vogliono uscire perché hanno dei sogni o perché devono proteggere i propri figli.

-Di solito pubblichi le tue illustrazioni sui giornali. Cosa provi sapendo che diventeranno risorse digitali uniche che verranno vendute come token non negoziabili?

Non ho esperienza in questo senso. Mi sono occupato solo di disegnare. Tuttavia, ogni illustratore vuole che il suo lavoro sia conosciuto. Sostengo queste iniziative. Sostengo qualsiasi azione o cosa che aiuti le persone, spieghi i problemi e le condizioni difficili che affrontano e consenta loro di ricevere aiuto. È un nuovo concetto; Quando l’ho scoperto, l’ho adorato. Speriamo riesca a portare l’attenzione sui problemi che affliggono la popolazione afghana e che i fondi vengano raccolti perché ne hanno bisogno. A volte basta una tenda o un po’ di cibo per cambiare la vita di una persona, anche se solo in minima parte. A volte ci vuole un po’ di supporto o istruzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...