Diritti umani a richiesta: le contraddizioni della politica tedesca riguardo la Siria

il

Pubblicato l’8 luglio 2021 su Aljumhuriya. Di Sascha Ruppert-Caracas.

Traduzione Giovanna De Luca

Dopo le recenti azioni della Danimarca per espellere i rifugiati siriani, le richieste di misure simili sono ora in aumento in Germania; il più grande rifugio europeo dei siriani. L’Europa sta abbandonando costantemente i suoi obblighi in materia di diritti umani?

Danimarca: un caso unico?

Che ci sia qualcosa di marcio in Danimarca è diventato evidente nella primavera del 2021, quando il ministero danese per i rifugiati, gli immigrati e l’integrazione, guidato dal socialdemocratico Mattias Tesfaye, ha revocato il diritto di soggiorno in Danimarca ai rifugiati siriani di Damasco e della zona circostante. Nonostante l’ambasciata danese a Damasco sia ancora chiusa dal 2011 a causa delle violenze scatenate dalle forze di sicurezza del regime di Assad, le autorità danesi hanno comunque citato quello che hanno definito un “significativo miglioramento della situazione della sicurezza” in Siria come loro pretesto per rimpatriare con la forza circa 250 rifugiati siriani. Questa terribile valutazione della violenta realtà sotto lo stato della dinastia Assad priva le persone colpite di qualsiasi pretesa di protezione sussidiaria e pone le giovani famiglie di fronte a una scelta esistenziale tra il ritorno volontario verso l’ignoto o l’esposizione alle condizioni disumane dei centri di espulsione istituiti dalle autorità danesi a tale scopo.

Questa palese violazione dei diritti delle convenzioni europee è resa ancor più scioccante dal fatto che è un governo socialdemocratico a gettare le basi politiche per l’espulsione dei rifugiati siriani dall’Europa e dal sangue freddo con cui Copenaghen cerchi di razionalizzare questa politica escludente. Tra gli applausi scroscianti dei populisti e dei radicali di destra del paese, la socialdemocrazia danese si arrende a un ordine statale impegnato in una lotta per la sopravvivenza contro un disordine non statale, riluttante ad accettare che sia stato proprio l’autoritarismo incentrato sullo stato a scatenare in Siria uno stato sociale e politico di natura. La nozione stessa di sicurezza garantita dallo Stato nella Siria di Assad è una speranza; viene adottata una narrazione che capovolge il contesto storico sulla tragedia della rivoluzione siriana.

Il fatto che il governo danese abbia rivelato, in seguito a pesanti critiche mediatiche, di aver basato la propria valutazione sulla situazione della sicurezza in Siria unicamente su un unico rapporto, la cui conclusione era stata fraintesa dai socialdemocratici danesi, dimostra la lampante indifferenza con cui il Paese  cerca di essere all’altezza del suo impegno europeo nel difendere i diritti umani.  Violando palesemente la Convenzione europea dei diritti dell’uomo, i socialdemocratici danesi si stanno intrappolando in politiche identitarie di esclusione, ciò è una diretta conseguenza della precedente collaborazione dei governi danesi con il Partito popolare danese di estrema destra.  L’intero sordido episodio offre quindi spunti sulle serie ramificazioni di tale pacificazione tra forze non liberali da parte di attori apparentemente liberali.  Sebbene il contesto del consenso bipartisan della Danimarca sulla conservazione di un’identità danese di fronte ai movimenti migratori contemporanei non sia da scartare, qui c’è un quadro più ampio da considerare riguardo il significato politico e morale attribuito da molti governi europei alla tirannia in Siria  .

Dimostrando una chiara ignoranza della ben documentata repressione praticata contro i siriani che potrebbero essere costretti a tornare in patria, il governo danese ricostruisce una realtà immaginaria astratta derivata dalle strutture di pensiero egemoniche della politica di sicurezza europea. Pertanto, non è solo un discorso di cattiva informazione generata dall’immaginazione orientalista sugli antagonismi sociali del Medio Oriente che rivela l’impotenza della politica siriana dell’Europa, ma un paradigma di sicurezza incentrato sullo stato che ha sedotto le società liberaldemocratiche a relativizzare gli standard dei diritti umani a partire dagli eventi dell’11 settembre.

Quando Bethan McKernan del Guardian vede questa dissonanza cognitiva dei politici danesi in netto contrasto con la posizione della politica interna tedesca sul conflitto siriano, si riferisce soprattutto ai tentativi tedeschi di perseguire i crimini contro l’umanità commessi durante il conflitto siriano sotto la giurisdizione internazionale, con cui la coalizione di governo della Germania cerca di fermare l’impunità di cui gode il regime di Assad. Tuttavia, questo confronto ignora le allarmanti somiglianze tra il discorso danese sulla deportazione dei profughi siriani e quello sempre più coltivato tra i politici tedeschi. La politica interna della Germania sul conflitto siriano è in una contraddizione irrisolvibile, che, nonostante una cultura storicamente condizionata dal ricordo della violenza organizzata dallo stato e il totalitarismo, si basa su un concetto di sicurezza che ha gravi conseguenze per i diritti umani.

La giurisdizione universale a Coblenza come espressione della politica identitaria tedesca

A prima vista, la situazione dei circa 832.000 rifugiati siriani nella Repubblica federale di Germania appare alquanto positiva. La decisione della cancelliera Angela Merkel nel 2015 di rispondere all’escalation di violenza russo-siriana aprendo i confini tedeschi non solo ha rappresentato una cesura nella mentalità Wagenburg della comunità europea nei confronti della violenza in Siria, ma ha anche permesso l’emergere di una vivace società civile nel paese siriano fino al 2021. Sostenendo gli ideali della rivoluzione siriana per la dignità e la libertà, l’esilio in Germania fornisce un santuario politico in cui iniziative come Adotta una rivoluzione e l’Associazione delle organizzazioni di aiuto tedesco-siriano (VDSH) hanno potuto prosperare.

Ispirati dall’emancipazione politica della rivoluzione siriana, il cui spirito è stato recentemente descritto in queste pagine come una “decolonizzazione dell’intrinseco “io siriano” colonializzato, sotto l’autoritarismo” di Assad, i giovani siriani stanno diventando membri del panorama dei partiti politici tedeschi. Da Tarek Saad del Partito socialdemocratico (SPD) nello Schleswig-Holstein alla recente candidatura di Tareq Alaow al parlamento come candidato del Partito dei Verdi, fallita a seguito di massicce minacce razziste, abbondano gli esempi dei successi della politica dei rifugiati della Merkel, dove i siriani hanno accettato spazio liberaldemocratico della Repubblica Federale non solo come mero asilo ma come sede politica.

Berlino, che negli ultimi anni è diventata capitale degli oppositori di Assad, rappresenta il punto di collegamento per diversi attivisti siriani. Proprio li infatti, ex vittime della violenza di Stato siriana, come gli avvocati per i diritti umani Mazen Darwish e Anwar al-Bunni, hanno potuto preparare le infrastrutture della società civile per la documentazione che è stata utilizzata dal 2017 per consentire lo storico processo presso l’Alta Corte del Tribunale regionale di Coblenza. In collaborazione con un’organizzazione tedesca per i diritti umani, il Centro europeo per i diritti costituzionali e umani (ECCHR), il Centro siriano di studi e ricerche legali e il Centro siriano per i media e la libertà di espressione stanno rintracciando le vittime in Europa per consentire loro di parlare in tribunale come testimoni dei crimini contro l’umanità perpetrati dal regime di Assad dal 2011.

Seguendo un principio di diritto internazionale stabilito in un emendamento del Codice penale internazionale, lo Stato tedesco ha consentito di punire “reati contro il diritto internazionale” anche laddove i reati siano stati “commessi all’estero e non [avessero] alcun collegamento con la situazione interna”. Supportato da una divisione speciale dell’Ufficio federale di polizia criminale, il procuratore generale tedesco sta portando avanti diversi procedimenti personali o strutturali contro i crimini di guerra in Siria. Mentre il procuratore generale federale sta indagando anche su jihadisti islamici, sostenitori di vari gruppi di opposizione siriani e forze curde, il cosiddetto processo al-Khatib, contro gli ufficiali dell’intelligence del regime di Assad Eyad al-Gharib e Anwar Raslan è in prima linea nell’attenzione dei media . Un ulteriore mandato di cattura è stato emesso nei confronti di un ex medico di una prigione militare nella città siriana di Homs, Alaa Mousa, mentre è stato aperto un quarto caso contro un altro dipendente dell’intelligence siriana sotto la responsabilità istituzionale del ministero federale della Giustizia tedesco.

Attingendo a un concetto ampliato di sicurezza che si concentra sulla protezione della dignità umana, la diversità del trattamento giuridico dei crimini in Siria sul suolo tedesco non solo tiene conto della diversità specifica del conflitto di violenza legata all’identità, ma si pone anche come un’espressione dell’identità storica della Germania, secondo il ministro federale della giustizia socialdemocratico, Christine Lambrecht. Nel suo editoriale ospite sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung, Lambrecht collega il processo penale contro il sistema di violenza organizzato dallo stato di Assad al “lavoro pionieristico degli Alleati” nei processi di Norimberga dopo la fine della Germania nazista. Riferendosi alle pratiche di tortura del regime di Assad, ha descritto “genocidio e crimini di guerra” come “una linea rossa, il cui attraversamento sfida ogni giustificazione politica”. Lambrecht si riferisce quindi a un obbligo storicamente cresciuto verso una cultura della memoria, che il ministro degli Esteri socialdemocratico Heiko Maas cerca di trasformare in uno strumento della politica estera tedesca, usando la continua impunità per le pratiche di sterminio del regime di Assad come un’opportunità per mobilitare altri paesi per un'”alleanza contro l’impunità”.

La condanna del soldato del regime, Eyad al-Gharib, condannato il 24 febbraio 2021 a quattro anni e mezzo di reclusione con l’accusa di favoreggiamento  di crimini contro l’umanità, non ha solo costituito un precedente per la condanna del ben più grande  caso del suo collega Raslan al Khatib, che occupava una posizione di alto livello negli interrogatori nella struttura Branch 251. Il verdetto implica infatti un segnale politico contro lo stesso Stato di Assad, che è stato accusato di “attacchi sistematici alla popolazione” dal giudice del tribunale regionale superiore di Coblenza.  Il coinvolgimento della giurisdizione tedesca in una forma siriana di Vergangenheitsbewältigung (fare i conti con il passato), da integrare con la denuncia congiunta del Centro siriano per i media e la libertà di espressione insieme all’Archivio siriano che porta l’onere della prova per l’uso  di armi chimiche da parte dell’aeronautica militare siriana, rappresenta una misura identitario-politica di una Germania liberal-democratica, critica nei confronti di un contributo militare per garantire la sicurezza globale.

Costruire l’“individuo pericoloso”: il processo linguistico della deportazione in Siria

Gli sforzi della Repubblica federale di fare i conti con i crimini violenti della Siria, che stanno ricevendo il sostegno entusiasta dei media internazionali, così come di gran parte dell’opposizione siriana, non dovrebbero, tuttavia, oscurare il fatto che la coalizione trasversale di politici tedeschi sta tenendo il passo con la distorsione danese della realtà siriana. La valutazione della coalizione sulla situazione della sicurezza in Siria deriva da un paradigma che promuove Assad come rappresentante di un ordine statale e come soluzione a un problema di cui è lui stesso la causa.

Mentre il sostegno a un cambiamento di politica nei confronti del regime di Assad è espresso prevalentemente dal partito populista di destra Alternativa per la Germania (AfD), così come da una piccola cerchia di autoproclamati antimperialisti tra il partito di sinistra tedesco, le critiche al partito, il boicottaggio diplomatico della dinastia siriana si sta agitando anche tra i partiti tradizionali affermati, nel contesto di un clima sempre più critico nei confronti dei rifugiati, in parti della popolazione tedesca.

Terrorizzati da tali distorsioni della realtà già in Siria, è toccato a giovani attivisti come Wafa Ali Mustafa (il cui padre, Ali Mustafa, è attualmente incarcerato dal regime) parlare e manifestare contro le palesi contraddizioni della politica tedesca che, da un lato, persegue i crimini di guerra perpetrati dal regime siriano e, dall’altro, si rifiuta di fermare la deportazione dei rifugiati siriani.

È alimentato da un rapporto del tabloid tedesco BILD sui presunti sostenitori di Assad che hanno fatto “vacanze a casa” in Siria attraverso viaggi organizzati illegalmente, l’orizzonte discorsivo di chi decide in Germania sulle deportazioni verso uno stato che, secondo un rapporto sui diritti umani delle Nazioni Unite del 2016 , sta mettendo in atto lo “sterminio” della sua popolazione, uno sterminio che si è amplificato dal 2018. Tuttavia, l’indignazione mediatica, a cui il ministro federale degli Interni conservatore Horst Seehofer ha immediatamente risposto con un annuncio per rivedere le possibili opzioni di espulsione, potrebbe essere solo il primo passo per portare alla rovina esistenziale centinaia di migliaia di siriani.

Contemporaneamente a un’offensiva su larga scala della macchina militare di Assad nell’ultima roccaforte ribelle di Idlib alla fine del 2019, che ancora una volta ha spinto circa un milione di persone verso i confini sbarrati della Turchia, i ministri degli interni degli stati federali tedeschi stavano discutendo un divieto di deportare i criminali siriani. Sebbene la conferenza dei ministri degli interni del dicembre 2019 abbia concordato di estendere l’attuale divieto di espulsione a causa delle violenze in corso, la loro risoluzione ha invitato il governo federale a “creare le condizioni affinché i rimpatri siano resi possibili per singoli gruppi di persone”. Si trattava di un chiaro tentativo di razionalizzare una misura politica eccezionale, alla quale non c’era alternativa, secondo l’allora ministro dell’Interno Hans-Joachim Grote, per non far capire ai tedeschi “che chi commette reati gravi ha tuttavia lo status protettivo di rifugiato”.

La questione dell’espulsione delle cosiddette persone pericolose è tornata attuale nell’ottobre 2020, a seguito di un attacco letale con un coltello da parte di un rifugiato siriano contro una coppia gay a Dresda. Il 21enne Abdullah al-H. ha ucciso un uomo di 55 anni con un coltello e ferito gravemente il suo compagno, era motivato da una visione del mondo islamista radicale. Secondo i resoconti dei media tedeschi, il sospettato non solo aveva scontato una pena detentiva diversi anni prima con l’accusa di sostenere lo Stato Islamico, ma era anche sotto sorveglianza da parte di funzionari dell’intelligence il giorno stesso del crimine, sulla base di una soffiata dall’estero tedesco, il servizio di intelligence, il BND. Tuttavia, le crescenti aspettative di un dibattito sul rinnovato fallimento delle misure antiterrorismo istituzionalizzate in Germania sono state disattese. Un’autocritica di questo tipo offuscherebbe la distanza tra il meccanismo preventivo e il pericolo percepito, che fornisce il pretesto per pratiche di sicurezza al di fuori del normale potere esecutivo.

Subito dopo che l’identità dell’autore è stata resa nota, il ministro dell’Interno Seehofer ha annunciato che il divieto generale di espulsione precedentemente sospeso sarebbe stato allentato a favore di una revisione delle opzioni di espulsione per i trasgressori, almeno verso le aree pacificate della Siria. Pieno sostegno è stato offerto dal suo compagno di partito bavarese Joachim Herrmann dell’Unione Cristiano Sociale, che ha definito il blocco dei socialdemocratici sulla questione della deportazione “irresponsabile in termini di politica di sicurezza” e ha fermamente respinto l’estensione del divieto di espulsione senza eccezioni.

Come rilevato dall’iniziativa tedesco-siriana “Syria Not Safe”, Herrmann assicura che ciò riguarderebbe solo un “gruppo di criminali e persone pericolose dei quali le autorità possano dimostrare i crimini e gli attacchi terroristici a sfondo politico più gravi “è una promessa vuota. Lanciata tra il crescente risentimento tedesco contro i rifugiati, l’iniziativa ci ricorda che il discorso sulle deportazioni degli afghani è iniziato anch’esso con un focus sui cosiddetti individui pericolosi. Nonostante il fatto che i talebani siano riusciti a prendere il sopravvento militare e politico in 70 regioni dell’Afghanistan prima del ritiro recentemente annunciato della coalizione internazionale, le autorità tedesche stanno deportando persone nel paese devastato dalla guerra dal 2018, senza aver preso in considerazione la categoria di individuo “pericoloso”.

Al di là degli spaventosi parallelismi con le deportazioni degli afgani, ciò che colpisce nel discorso sul divieto di deportazione in Siria è che le posizioni di entrambi i campi ruotano prevalentemente su argomenti organizzativi e logistici, rivelando un’ignoranza della complessità degli eventi violenti in Siria. Le questioni legate alla sicurezza si stanno allontanando da quegli imperativi che presuppongono l’universalità dei diritti umani, lasciando il posto a spazi esclusivi di un’identità stato-nazione impegnata in una lotta straordinaria con un “Altro” incivile.

Oltre alle questioni normative sollevate da questa collisione politica dei ministeri degli interni nel sistema federale multilivello tedesco, tuttavia, sono soprattutto gli aspetti legati alla sicurezza che rendono interessante un esame approfondito dell’argomentazione sottostante. Secondo Bente Scheller, capo del dipartimento sul Medio Oriente e Nord Africa presso la Fondazione Heinrich Böll, la deportazione dei rifugiati siriani basata sulla giustificazione discorsiva di una lotta al terrorismo andrebbe di pari passo con una sorta di distensione politica verso Assad, rafforzando cosi lo stesso attore statale che ha trasformato il fenomeno del terrorismo in un pilastro della sua persistenza autoritaria.

La discorsiva conformità della politica di sicurezza tedesca con la giustificazione ultima della brutale tirannia della dinastia Assad non significherebbe solo una netta rottura con la direzione orientata ai diritti umani della politica estera di Berlino, ma qualificherebbe gli sforzi per contestare legalmente i crimini di Assad, e darebbe anche al regime l’opportunità di riabilitazione diplomatica che finora gli è stata negata dal governo tedesco.  Al di là del riferimento di Scheller alla probabilità di una “politica di sicurezza autogoal”, che potrebbe sfociare in una cooperazione con un regime che ha sfruttato la liberazione dei jihadisti per realizzare la sua pretesa di validità, si tratta soprattutto della naturalizzazione dell’eccezione politica  nella mentalità dei cittadini tedeschi che potrebbero finire per mandare le persone a morte certa con mezzi legali.  La legittimazione discorsiva delle misure straordinarie si basa in entrambi i casi su un concetto di sicurezza statale, che sospende in tutto o in parte aspetti della sicurezza umana.  Mentre nel caso della Danimarca i rifugiati siriani sono privati ​​della base per le loro richieste di protezione, poiché si dice che lo stato siriano non rappresenta più alcuna minaccia per loro, il discorso tedesco pro-deportazione cerca di identificare i colpevoli all’interno di una popolazione di vittime che rappresentano una sicura  minaccia allo stato tedesco, e quindi fungerebbrro da capro espiatorio per la sospensione dei diritti umani universali.

Riferendosi alla sua immediata responsabilità politica per gli eventi violenti di Dresda, il ministro degli Interni della Sassonia Roland Wöller ha parlato della necessità di “proteggere la propria popolazione” prima di “proteggerla dalle persone pericolose”, poiché lo si deve alle vittime.  Questo binario essenzialista di costruzioni identitarie è stato ridotto dal ministro-presidente della Sassonia Michael Kretschmer a una “distinzione tra barbarie e civiltà, tra estremisti, autori di violenza e persone amanti della pace”.  Eppure il crimine di Dresda non vuole essere l’unico significante di un’indispensabile revisione dei diritti umani universali nel discorso di chi sostiene la deportazione.  Indipendentemente dalla mancanza di qualsiasi collegamento organizzativo o temporale, il ministro degli Interni della Renania settentrionale-Vestfalia Herbert Reul ha collegato l’atto di Dresda all’attacco terroristico di Vienna nel novembre 2020.

Le strutture di pensiero che stanno alla base degli argomenti dei sostenitori della deportazione sono ricostruite dalla tradizione discorsiva della Guerra al Terrore, che protegge le controversie sociali sottostanti da deliberazioni complesse.  Questa selettività degli imperativi liberaldemocratici si basa su una costruzione fatalistica della realtà, in cui gli approcci politici deliberativi sono limitati e le misure extragiudiziali violente, cosi come le consegne straordinarie e la detenzione a tempo indeterminato dei sospetti, sono razionalizzate come linee d’azione necessarie.

Alla base di questa differenziazione c’è la disumanizzazione discorsiva del soggetto identificato come terrorista, la sua identità è prevalentemente costruita a partire da una metafora negativa, creando le basi per quelle zone libere dalla legge “dove si ritiene che la violenza dello stato di eccezione operi al servizio della ‘civiltà'”secondo quanto affermato da Achille Mbembe.

Che questo paradigma di sicurezza rappresenti un fenomeno trasversale diventa chiaro nei tentativi di giustificare la deportazione sulla base di una volontà astratta tra la popolazione tedesca.  I riferimenti a una “grande maggioranza della popolazione” non solo fungono da segnaposto per una politica eccezionale letale tra i sostenitori della deportazione, ma trovano anche accettazione da parte dei ministeri degli interni guidati dall’SPD.  Sebbene le violenze in corso in Siria, o le diverse alternative preventive per frenare la violenza islamica radicale, offrissero una moltitudine di ragioni agli oppositori della deportazione, essi si accontentano principalmente di ostacoli pratici a un rimpatrio ordinato.  Per l’SPD, il problema principale è che non mantengono più relazioni diplomatiche con il regime di Assad, come ha riassunto il ministro degli Interni della Turingia, Georg Maier, che ha affermato: “queste persone non possono essere semplicemente lanciate con il paracadute sulla Siria”.  L’unico promemoria del motivo della frattura diplomatica della Germania con Damasco è arrivato dal ministro degli Interni della Bassa Sassonia Boris Pistorius della SPD, che ha chiesto se fosse giustificabile per il governo tedesco riprendere “relazioni diplomatiche con il regime criminale di Assad”.

In linea con il pragmatismo del ministro degli Interni del Nord Reno-Westfalia Herbert Reul dell’Unione Cristiano Democratica (CDU), è stata la risposta alle riserve degli oppositori della deportazione: “una volontà politica conduce a una via”.  In questo contesto, Joachim Herrmann della CSU ha criticato il rapporto del Ministero degli Esteri federale sulla situazione della sicurezza in Siria, accusandolo di avere una prospettiva indifferenziata, poiché “la situazione dei diritti umani nelle aree controllate dai curdi è nel complesso” meno grave  “di quella in altre parti della Siria.

Questa valutazione non solo ignora la violenza legata all’identità e al contesto che domina la Siria, dove il conflitto rimane in corso in tutte le parti del paese, ma riflette anche la speranza occidentale sulla natura delle cosiddette Forze Democratiche Siriane (SDF)  e le Unità di protezione del popolo (YPG), che dominano il nordest a maggioranza curda.  Per prima cosa, queste aree rimangono sotto la costante minaccia di un’invasione militare turca o siriana.  Dall’altro lato, il ministro degli interni bavarese non riesce a riconoscere le tendenze autoritarie del ramo siriano del PKK, come evidenziato da innumerevoli violazioni dei diritti umani documentate contro percepiti nemici e critici della milizia.

Il collega del ministro al Bundestag tedesco, Patrick Sensburg della Cdu, è andato ancora oltre, e sta valutando un contatto diretto con il regime siriano per organizzare logisticamente il rimpatrio.  Afferma di non chiedere il riconoscimento diplomatico ufficiale del regime di Assad, per il momento, sostenendo invece che le espulsioni potrebbero essere gestite da livelli inferiori all’interno dell’amministrazione.  Secondo lui, la deportazione di individui pericolosi potrebbe essere organizzata con la polizia siriana, ad esempio, o negoziata con i servizi di intelligence siriani attraverso i canali di comunicazione esistenti.  Nonostante l’inserimento totalitario del sistema di violenza siriano all’interno di tutti i livelli delle istituzioni statali, nonché il ruolo svolto dalla rete di intelligence di Assad nello sterminio dei dissidenti politici, tale cooperazione implicherebbe assolutamente una riabilitazione diplomatica de facto del regime, e quindi  contraddirebbe del tutto la condanna legale dei suoi crimini contro l’umanità manifestata nel verdetto di Coblenza.

Proprio come la recente proposta legislativa del parlamento danese all’inizio di giugno 2021, anch’essa approvata da una maggioranza bipartisan, la CDU/CSU intende espellere le persone interessate in paesi terzi se l’SPD continua a bloccare la loro deportazione in Siria.  Finora, i responsabili politici non hanno specificato quali paesi potrebbero farsi carico di tale sforzo.

Il potere del Vergangenheitsbewältigung

Nel panorama dei media tedeschi, tali contraddizioni vengono ignorate come politiche prive di contenuto.  Mentre la Frankfurter Allgemeine Zeitung denunciava già nel novembre 2020 il dibattito sulla deportazione in Siria come “politica simbolica” finalizzata solo alle prossime elezioni locali e la rivalità con l’AfD, Konrad Litschko nella Tageszeitung riassumeva l’atteggiamento dell’Unione guidata dal ministero degli interni come populismo senza conseguenze.

Indipendentemente dall’evidenza delle strategie di discorso populiste nel campo dei ministri degli interni guidati dall’Unione, un’analisi più attenta dell’argomentazione sul divieto di espulsione rivela gravi conseguenze per la politica di sicurezza della Germania e l’integrità stessa della Repubblica federale come bastione della democrazia  etica.  Questo non solo perché apre la strada a possibili misure politiche future, ma soprattutto perché il paradigma della Guerra al Terrore va riconosciuto come parte del problema originario.  Un’armonizzazione delle politiche dovrebbe quindi tenere conto del fatto che l’applicazione della responsabilità legale per i crimini contro l’umanità organizzati dallo stato è direttamente correlata al discorso sulla sicurezza con cui il regime di Assad cerca di legittimare una politica di forza eccessiva contro parti della sua popolazione.

Il fatto che ci sia anche una potenziale disponibilità da parte dei conservatori tedeschi per la cooperazione in materia di sicurezza con il regime estremamente violento di Assad è come un invito, come ha giustamente detto Bente Scheller, “alla volpe a prendersi cura delle oche”.

Accanto alla Siria, il fatto che la retorica che circonda la Guerra al Terrore sia un importante segnaposto per una politica di repressione di ampia portata da parte di Stati autoritari si osserva soprattutto in Turchia, Egitto e Cina.  Incorporato discorsivamente e legalmente dalle democrazie occidentali, lo stato autoritario contemporaneo usa questo discorso per giustificare la repressione politica e militare contro l’opposizione interna, pur mantenendo la legittimità politica nei confronti della comunità internazionale.

Se il governo tedesco vuole essere all’altezza di un ruolo di responsabilità per il mondo, tenendo conto di una passività storicamente radicata nei confronti della capacità operativa militare, allora questo deve iniziare con una revisione dei modelli di pensiero della Guerra al Terrore, che hanno causato più danni  che bene negli ultimi anni.  Dato il lungo braccio dei servizi segreti siriani in Germania e la cooperazione strategica del regime di Assad con le forze islamiste radicali, l’espulsione in Siria anche dei criminali più gravi dovrebbe essere una delle ultime opzioni della politica di sicurezza tedesca.

Affrontare il problema della radicalizzazione di alcuni profughi siriani attraverso una logica di “diritti umani su richiesta”, utilizzando un violento decisionismo, che un tempo era la causa di una forma brutalizzata di soggettivazione, contraddice fondamentalmente la logica del principio di giurisdizione universale.  Invece, i politici tedeschi dovrebbero usare l’eredità storica del loro paese come modello per una memoria multidirezionale per dissolvere i discorsi contaminati di quei paradigmi antagonisti che sono l’esca per la violenza organizzata in altri contesti politici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...