Il redditizio mercato delle detenzioni siriane: come Damasco sfrutta le famiglie dei detenuti per denaro

“Dopo cinque anni di detenzione, la nostra famiglia ha venduto ciò che era rimasto dei suoi beni col fine di pagare condanne per noi l’accusati di terrorismo, poiché quello era l’unico modo in cui saremmo stati rilasciati”

Di Sultan Jalabi. Pubblicato il 13 aprile 2021 su SyriaUntold. (Traduzione di Giovanna De Luca)

SyriaUntold ha pubblicato per la prima volta questa indagine in arabo nel 2020 come parte del progetto “Syria In Depth”, in collaborazione con International Media Support (IMS) e la Guardian Foundation.(Traduzione in inglese di William Christou)

“La detenzione è costosa. Se hai un detenuto [nella tua famiglia], significa che gli stessi agenti responsabili del tuo dolore si godono i tuoi soldi “, ha detto a SyriaUntold il padre di un detenuto siriano.

Ismael Ali, un uomo di 32 anni arrestato a Damasco nel 2012, ha detto di sentire “un senso di colpa indescrivibile” per l’effetto che la sua detenzione ha avuto sulla sua famiglia.

“La mia già povera famiglia ha dovuto pagare 6.000 dollari per ottenere il mio rilascio dalla prigione di Saydnaya. Questo ha distrutto i mezzi di sostentamento della mia famiglia e ha rovinato il futuro delle mie due sorelle minori “, ha detto.

Questa inchiesta si concentra sulla dimensione economica delle detenzioni di massa e delle sparizioni forzate in Siria. I nostri risultati rivelano l’esistenza di un mercato in espansione che circonda questi arresti. In “vendita” in questo mercato sono le notifiche di detenzione dello stato, le procedure e le sentenze giudiziarie. I loro acquirenti sono famiglie alla disperata ricerca dei loro figli, e i loro venditori ambulanti sono intermediari e avvocati che offrono accesso interno e informazioni al sistema carcerario siriano a pagamento. E, naturalmente, coloro che traggono profitto da questo sistema sono funzionari delle istituzioni giudiziarie e di sicurezza del governo.

Decine di migliaia di siriani sono stati arrestati dall’inizio della rivoluzione nel 2011. La maggior parte sono stati arrestati a causa della loro partecipazione ad attività politiche o civili.

SyriaUntold ha indagato su 100 casi di detenzione per questo articolo, raggiungendo gli intervistati tramite il metodo di campionamento delle palle di neve (Il campionamento a palle di neve è una tecnica di reclutamento in cui ai partecipanti alla ricerca viene chiesto di assistere i ricercatori nell’identificazione di altri potenziali soggetti. NDT). L’unico criterio per ogni caso era che la persona interessata fosse stata detenuta da uno dei servizi di sicurezza del regime o dalle sue forze. Di conseguenza, le interviste – condotte in Siria e Turchia – erano diverse in termini di background dei detenuti e degli scomparsi, le accuse mosse contro di loro e gli esiti dei loro casi.

Tutti i 100 casi esaminati in questa indagine sono stati discussi con gli stessi detenuti o, nei casi in cui i detenuti sono morti, sono stati discussi con le loro famiglie. Circa 85 famiglie hanno riferito di essere state oggetto di estorsione finanziaria o di aver ricevuto richieste di pagamento. Di quelle famiglie, 75 hanno finito per pagare ciò che veniva loro chiesto. Insieme, queste famiglie hanno effettuato 160 pagamenti agli organi giudiziari e di sicurezza siriani. Alcune famiglie hanno effettuato un solo pagamento, mentre altre sono state costrette a effettuare da due a sette pagamenti.

Il valore medio dei pagamenti effettuati è stato di circa $ 5.000, mentre il valore totale di tutti i pagamenti effettuati è stato di quasi $ 800.000. Vale la pena ricordare ancora una volta che questa somma proviene da sole 75 famiglie. Ciò significa che ogni detenuto o scomparso costa in media alla propria famiglia più di 10.000 dollari.

La famiglia che ha effettuato il maggior numero di pagamenti è stata quella in cui tre fratelli sono stati arrestati contemporaneamente.

“La mia famiglia ha iniziato a pagare per scoprire dove eravamo detenuti, poi hanno fatto ripetuti tentativi per farci rilasciare, poi alla fine hanno pagato per farci andare in un tribunale”, ha detto uno dei tre fratelli a SyriaUntold. “Dopo cinque anni di detenzione, la nostra famiglia ha poi venduto ciò che era rimasto dei loro beni per acquistare condanne per noi sotto l’accusa di terrorismo, poiché quello era l’unico modo in cui saremmo stati rilasciati”.


Rami (non è il suo vero nome), un padre di 30 anni arrestato a Homs nel 2013, ha detto che la sua famiglia ha pagato circa $ 40.000 in totale durante la sua detenzione. Questo importo, sebbene sbalorditivo nel contesto della triste situazione economica della Siria, non è il più alto trovato nella nostra indagine.

Da dove inizia tutto?

Nel momento in cui qualcuno viene arrestato o rapito, la sua famiglia in un modo o nell’altro diventa parte del mercato economico del sistema carcerario siriano. All’inizio, le famiglie non hanno idea se i loro parenti e figli sono stati arrestati o fatti sparire con la forza, poiché i detenuti vengono tagliati fuori dal mondo esterno e le agenzie di sicurezza o militari che li hanno arrestati non informano le loro famiglie che i loro parenti sono stati arrestati.

Nessuna delle 100 famiglie su cui abbiamo indagato ha ricevuto una notifica scritta o verbale dell’arresto dei propri parenti, ad eccezione di una famiglia.

Dopo l’arresto e la consapevolezza della famiglia che il loro parente non tornerà a casa, hanno due opzioni. Il primo è pagare i membri dei servizi di sicurezza, direttamente o indirettamente, per ottenere informazioni sui loro parenti. Il secondo è aspettare che un altro detenuto esca di prigione, in modo che possa dire alla famiglia dove si trovano e le condizioni dei loro cari.

Il più delle volte, le famiglie ricorrono alla prima opzione, disperate pagano qualsiasi somma di denaro per salvare i loro figli dall’inferno delle prigioni del regime, una realtà della quale erano ben consapevoli prima che le foto di Caesar rivelassero la verità al resto del mondo. Tuttavia, questi pagamenti non sempre aiutano i detenuti.

In uno di questi casi, Majd Khoulani, un noto manifestante pacifico di Daraya, un sobborgo occidentale di Damasco, è stato arrestato dal regime nel 2011 dopo l’arresto del fratello maggiore, Abd al-Sattar.

Ghafran, una sorella dei due fratelli Khoulani, ha detto a SyriaUntold: “Ogni settimana uscivamo, io e mia madre, alla ricerca di Majd e Abd. Presentavamo richieste [di informazioni] al tribunale militare e al Ministero degli interni, e rimanevamo per ore davanti all’edificio del ramo della sicurezza nella speranza di scorgere uno di loro mentre i detenuti venivano spostati “.

“Mio padre era un commerciante ed era pronto a pagare milioni solo perché fossero trasferiti nella prigione civile di Adra in modo che potessimo visitarli, ma è stato tutto inutile. Tutti gli avvocati e i mediatori a cui ci siamo rivolti si sono ritirati dal caso quando hanno saputo che riguardava un gruppo di attivisti pacifici di Daraya. Molti di loro si sono tirati indietro solo dopo aver ricevuto denaro da noi “.

Circa un anno e mezzo dopo la detenzione di Majd e Abd, alla loro famiglia è stato permesso di visitarli nella prigione militare di Saydnaya, una struttura descritta da Amnesty International come un “macello umano”. Ovviamente la visita è stata pagata. La famiglia ha dovuto elargire una somma enorme per vedere i due fratelli.

Allo stesso tempo, le forze di sicurezza avevano arrestato altri membri della famiglia: altri due fratelli, Bilal e Mohammad, una sorella, Amina, suo marito e il marito di un’altra sorella. Ciò ha portato a sette il numero totale di detenuti nella famiglia.

Amina, che è stata arrestata nel marzo 2011, era un’altra famosa attivista che alla fine ha ricevuto il premio International Women of Courage del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel 2020.

“Fino a quando non siamo stati costretti a lasciare la Siria nel 2015, abbiamo cercato di ottenere il rilascio dei detenuti della famiglia; era la nostra preoccupazione costante”, ha detto Ghafran. “Non conosco l’importo esatto che abbiamo pagato durante quel periodo, ma è stato un importo enorme. È stato inutile nei casi di Majd, Abd e Mohammad “.

La famiglia è stata finalmente in grado di salvare Amina e suo marito, e Bilal e il marito di sua sorella nel 2015. I tre fratelli rimasti sono morti sotto tortura.

Le foto di Mohammad sono emerse tra le foto di Caesar trapelate nel 2014. Tuttavia, la famiglia ha mantenuto la speranza che Majd e Abd sarebbero tornati loro, fino a quando non hanno ricevuto un documento del registro civile nel 2018 nel quale si dichiarava che i due fratelli erano morti cinque anni prima, nel 2013.

Quando né i diritti né le leggi vengono rispettati, il pagamento di tangenti è tutto ciò che si può fare. I nostri dati rivelano che circa il 42% dei pagamenti effettuati sono stati realizzati da famiglie che cercavano di localizzare i propri figli.

Allo stesso tempo, le forze di sicurezza avevano arrestato altri membri della famiglia: altri due fratelli, Bilal e Mohammad, una sorella, Amina, suo marito e il marito di un’altra sorella. Ciò ha portato a sette il numero.

Nello stesso momento in cui le famiglie stanno tentando di localizzare i propri figli e ottenere il loro rilascio, quegli stessi figli stanno affrontando forme orribili di abuso fisico e psicologico progettati per spingerli a confessare accuse prefabbricate. La maggior parte dei detenuti non va in tribunale fino a quando non ha già confessato queste accuse.

È in questa fase che viene deciso il destino del detenuto: se rimarrà o meno un’anima scomparsa, o si trasformerà in un detenuto in una delle tante prigioni siriane.

Quelli abbastanza fortunati da diventare detenuti spesso arrivano in tribunale confessando crimini gravi, per questo dovranno pagare, ancora una volta, una grossa somma di denaro. Dei 100 casi esaminati in questa inchiesta, 71 sono finiti in detenzioni, mentre il resto è scomparso con la forza.

La seguente infografica delinea le accuse mosse ai 71 detenuti:

La maggior parte dei 71 detenuti è giunta in tribunale o, per lo meno, il luogo in cui si trovava è stato specificato dal regime. Prima di raggiungere il tribunale, i detenuti venivano generalmente trasferiti tra diversi rami della sicurezza in diversi governatorati, un processo che poteva richiedere mesi o anni. In quei casi in cui i detenuti sono stati spostati tra i rami della sicurezza da due a nove volte.

In media, i detenuti sono stati spostati tre volte prima di raggiungere il tribunale. In generale, ogni nuovo posto significava dover affrontare una serie diversa di accuse e nuovi modi creativi di tortura – e per le famiglie, ogni trasloco significava dover pagare un nuovo giro di tangenti.

Tuttavia, rispetto ai loro compagni detenuti il ​​cui destino è conosciuto solo dai muri macchiati delle loro celle, quelli che hanno raggiunto i tribunali sono stati i fortunati.

“Non tutti i file dei detenuti sono stati inviati all’ufficio del pubblico ministero. Ci sono quelli che scompaiono completamente “, ha detto a SyriaUntold Riyad Ali, un ex giudice che ha lavorato a Damasco prima di disertare nel 2013. “I servizi di sicurezza sono più forti del ministero dell’Interno e del ministero della Giustizia. Come giudici, ad esempio, non siamo in grado di entrare nelle carceri dei servizi di sicurezza “, ha detto Ali.

Quali sono quindi le più importanti direzioni della sicurezza che effettuano le detenzioni?

Innanzitutto, le direzioni dei servizi segreti militari e dell’aeronautica militare svolgono il ruolo più importante nello svolgimento di campagne di arresto e nella sparizione forzata di persone. Queste due agenzie sono affiliate alla Direzione generale dell’intelligence e sono direttamente collegate al presidente, secondo Ali. Queste due agenzie di sicurezza erano responsabili di quasi la metà dei casi di detenzione su cui abbiamo indagato.

L’altra metà dei casi indagati è stata distribuita tra altri servizi di sicurezza, come l’agenzia per la sicurezza dello Stato e la sicurezza politica. Infine, 10 persone del nostro campione sono state arrestate da milizie filogovernative, come le Forze di difesa nazionali (NDF) e altri gruppi denominati in arabo shabiha. In particolare, nessun caso è stato arrestato dalla polizia.

Chi viene pagato? In che modo questi pagamenti arrivano a destinazione?

Le famiglie raramente comunicano direttamente con funzionari della sicurezza o giudiziari corrotti. Piuttosto, il processo di pagamento è facilitato da una rete di intermediari che sono soprannominati localmente “chiavi” (mafateeh in arabo). Ogni giudice o ufficiale ha una o più chiavi. Sono questi intermediari ai quali le famiglie si rivolgono quando hanno bisogno di aiuto per localizzare i loro parenti. La chiave a volte dirà alle famiglie a chi invieranno i soldi. Altre volte, le famiglie devono riporre la loro fiducia un queste persone e non hanno modo di confermare che il loro pagamento sia mai effettivamente arrivato ai servizi di sicurezza o giudiziari.

Esistono tre tipi di intermediari che operano in questa rete di “chiavi”. I primi sono “mediatori”, che sono civili con legami con funzionari governativi. Poi ci sono i giovani impiegati nell’istituto di sicurezza e giudiziario.

Infine, ci sono avvocati che aiutano a facilitare questi pagamenti. Di tutti i pagamenti effettuati dalle famiglie intervistate per questa indagine, il 46% è andato a mediatori, il 25% ad avvocati e circa un quarto a dipendenti dell’istituto giudiziario e di sicurezza.

La ripartizione dei pagamenti aiuta a far luce su quanto sia profondamente radicata questa economia carceraria in tutti i settori della Siria. Tuttavia, le realtà sul campo potrebbero essere ancora più complesse di quanto rivelano i numeri. A volte la mediazione avviene attraverso reti personali e le famiglie iniziano a cercare parenti e conoscenti che hanno rapporti con i funzionari del sistema.

Questa ricerca li condurrà da un intermediario all’altro fino a raggiungere qualcuno che è a conoscenza del caso del loro parente. Questo processo di deferimento da un intermediario all’altro è particolarmente importante nei casi di detenuti trasferiti in diversi governatorati.

Tuttavia, in alcuni casi, gli intermediari potrebbero contattare le famiglie di propria iniziativa e richiedere loro denaro.

Un ex detenuto che ora vive in Turchia, ma ha ancora un parente detenuto in Siria, ha raccontato a SyriaUntold della sua esperienza di essere stato contattato da un intermediario. “Siamo stati contattati da qualcuno che è vicino al regime. Ci dice che il nostro parente è a Saydnaya, è vicino alla morte e ha bisogno di $ 5.000 per essere rilasciato. Ma come possiamo fidarci di questa persona, qualcuno che non conosciamo nemmeno?

” L’intero processo di pagamento per conto dei detenuti è avvolto nel mistero. Le famiglie non hanno alcuna garanzia che i loro pagamenti raggiungano i destinatari previsti, né possono fare ricorso se i mediatori decidono di frodarli.

Mariam Hallak, la madre del medico e attivista Ayham Ghazzoul, vittima di sparizione forzata a Damasco nel 2012 e successivamente torturato a morte, ha affermato che un avvocato le ha chiesto 13.000 dollari per ottenere il rilascio di suo figlio. L’avvocato le ha detto che dopo avergli mandato i soldi, suo figlio sarebbe tornato a casa entro due ore.

“Quando mi sono rifiutata di dargli i soldi fino a dopo che mio figlio non fosse stato rilasciato, ha rimandato il [presunto] giorno del rilascio di Ayham ancora e ancora. Parlava con sicurezza e talvolta dava il telefono a una terza persona che apparentemente era l’ufficiale incaricato del caso di Ayham “, ha detto Hallak. “Mi sentivo come se ci stesse truffando, ma anche se c’era solo l’uno per cento di possibilità che stesse dicendo la verità, era abbastanza per me fare un accordo con lui e iniziare a raccogliere denaro in ogni modo possibile.”

L’estorsione sarebbe continuata per un bel pò di tempo, con l’avvocato che aveva promesso l’imminente rilascio di suo figlio se solo avesse dato più soldi. Dopo che l’avvocato ha smesso di contattarla, un altro broker è intervenuto con una nuova storia.

Hallak ha sopportato questo ciclo di speranza e delusione, inconsapevole che suo figlio era stato ucciso solo quattro giorni dopo la sua detenzione nel ramo dell’intelligence dell’aeronautica militare a Damasco.

Nonostante non vi siano mezzi per garantire che i pagamenti raggiungano effettivamente i destinatari dichiarati, a volte i pagamenti raggiungono l’effetto desiderato. Secondo le famiglie intervistate, il 46 per cento dei pagamenti ha portato al raggiungimento del loro scopo, mentre il resto sembrava essere stato effettuato senza alcun beneficio apparente.

Il valore economico del commercio della detenzione

Se il campione del caso è considerato rappresentativo della Siria nel suo insieme, può essere utilizzato come base per stimare il valore del commercio di detenzioni per i funzionari governativi e la rete di intermediari che lavorano alle sue periferie.

All’estremità inferiore dello spettro, il valore di questo commercio di detenzione potrebbe essere stimato a circa un miliardo di dollari USA. Ciò si basa sugli elenchi dei detenuti nel periodo tra il 2011 e il 2019 documentati dalla Rete siriana per i diritti umani (SNHR) che sono ancora agli arresti o di cui non si conosce l’ubicazione. È importante notare, tuttavia, che questi elenchi non includono coloro che sono stati rilasciati dalla prigione o sono stati uccisi durante la detenzione, né quelli i cui nomi non sono stati documentati.

Se si includono tutti gli ex e gli attuali detenuti, che contano circa un quarto di milione di persone, il valore totale di questo commercio raggiunge i due miliardi di dollari USA. Ciò equivale a più di duemila miliardi di lire siriane (al tasso di cambio utilizzato quando questo articolo è stato originariamente scritto nell’aprile 2020), che è circa la metà del valore del bilancio 2020 della Siria. Questo importo è anche più che quadruplo rispetto alll’intero salario pagato ai dipendenti del settore pubblico siriano nel 2020.

Il grafico seguente descrive in dettaglio come si è arrivati ​​al calcolo di cui sopra:

Indipendentemente dalla proporzione di tangenti che raggiungono la destinazione prevista piuttosto che essere portate via da intermediari dalle dita grasse, la questione è diventata una ridistribuzione de facto della ricchezza dalle tasche degli oppositori del regime ai suoi sostenitori. Questa ridistribuzione della ricchezza ha influenzato l’intero tessuto e la coesione dell’apparato di sicurezza siriano e le reti politiche ed economiche che sono sorte intorno a loro negli ultimi anni.

La portata e il valore di queste reti finanziarie diventano evidenti se confrontati con gli stipendi di molti dei funzionari che partecipano a queste reti. Oggi, lo stipendio di un giudice siriano non supera i 200 dollari, mentre gli ufficiali delle istituzioni militari e di sicurezza guadagnano meno di 100 dollari al mese, secondo il tasso di cambio al momento in cui scriviamo.

E le famiglie?

Sondos Falfala è stato arrestato durante una protesta a Latakia a metà del 2011. La 39enne era incinta del suo secondo figlio al momento del suo arresto e ha partorito mentre era ancora detenuta. Falfala è stata trasferita a diversi rami della sicurezza durante la sua detenzione durata quasi un anno. Per liberare Falfala, sua madre ha pagato circa $ 45.000.

Una volta che Falfala è stata liberata, tuttavia, non ha ricevuto l’accoglienza che si aspettava. “Mio marito si è rifiutato di vedermi e ci siamo lasciati. Ho lasciato la città per paura di essere arrestato una seconda volta. Non sono riuscita a vedere mia madre o mio padre fino alla loro morte. La cosa peggiore, tuttavia, era che mia figlia di due anni non si ricordava di me, ed è stato doloroso cercare di convincerla che ero sua madre “, ha detto Falfala a SyriaUntold.

Nell’ambito dell’indagine, abbiamo parlato con giovani mogli che avevano perso i loro mariti, genitori in attesa del rilascio dei loro figli e giovani uomini e donne che erano bambini quando i loro padri sono stati arrestati.

L’impatto psicologico e sociale della perdita di un membro della famiglia non è qualcosa che può essere quantificato. Ogni persona detenuta e scomparsa è una ferita aperta per la famiglia che non può essere guarita fino al ritorno del membro della famiglia. In un caso incluso in questa indagine, un membro della famiglia ha detto che anche se la loro figlia di cinque anni non ha mai incontrato suo padre, poiché è stato arrestato prima della sua nascita, lei gli tiene nascosta una caramella, nel caso dovesse venire. torno domani.

Stimare l’impatto economico di questo sistema di arresti e sparizioni di massa è più facile, poiché ogni individuo arrestato lascia un ruolo economico vacante. Tra i 100 casi indagati, 75 erano sposati e avevano famiglie da curare e sostenere. 65 dei casi avevano un’età compresa tra i 20 ei 40 anni, le età economicamente più produttive. 45 di loro avevano almeno un’istruzione universitaria, il prodotto degli anni delle loro famiglie di investimenti e cura nel crescerli e istruirli.

Oltre all’effetto che l’assenza di un capofamiglia ha sui loro cari, il denaro speso dalle famiglie che cercano di strappare i loro parenti dalle fauci del sistema carcerario siriano ha portato circa la metà dei casi esaminati all’estrema povertà. Per farvi fronte, queste famiglie hanno divorato i loro risparmi, venduto proprietà e si sono indebitate.

Dei 100 casi esaminati, il governo ne ha rilasciati 41, compresi quelli che sono stati rilasciati su cauzione e quelli che hanno scontato un pò di tempo in prigione. In nessun caso il detenuta è stato ritenuto innocente. Tre quarti delle persone rilasciate hanno detto a SyriaUntold di aver lasciato la Siria portando ferite fisiche e psicologiche dal loro periodo in prigione. Restano altri 50 casi le cui famiglie non sanno nulla della sorte dei loro parenti detenuti.

“Per il regime, questo è un commercio che alimenta le sue istituzioni giudiziarie e di sicurezza, e non ha problemi”, ha detto a SyriaUntold un detenuto di 40 anni di Aleppo che ha pagato $ 20.000 per ottenere il suo rilascio dopo sei anni di detenzione.

“Se il regime liberasse 100 persone oggi, domani potrebbero arrestarne altre 200 e ricominciare da capo il ciclo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...