Le decisioni di deportare i rifugiati siriani violano il diritto internazionale

Di Diana Rahima | Saleh Malas | Nour al-Din Ramadan, su Enab Baladi l’8 aprile 2021

(Traduzione di Giovanna De Luca)

(Foto da Enab Baladi)

“Siamo persi e spaventati come se fossimo tenuti in una prigione; privati di passaporti, permessi di soggiorno e persino della possibilità di viaggiare fuori dalla Danimarca “.

Con queste parole il profugo siriano Radwan Bartawi, 43 anni, ha descritto la sua situazione in Danimarca, un presa al timore di una possibile deportazione.

Si chiede: “Come possono descrivere Damasco come sicura? Come posso tornare quando io e la mia famiglia siamo ricercati dal regime? Arresti arbitrari, rapimenti, uccisioni e sparizioni forzate sono pratiche diffuse. Il regime, motivo principale della nostra partenza e della nostra fuga dalla Siria, è ancora al potere! “

Bartawi è fuggito dalla sua casa bombardata nella campagna di Damasco dopo che i servizi di sicurezza del regime siriano avevano minacciato di arrestarlo. È arrivato in Danimarca nel luglio 2014 e ha ottenuto un permesso di soggiorno per motivi umanitari.

All’epoca Bartawi non si curava del tipo di permesso di soggiorno che gli veniva concesso, soprattutto perché si rinnova solo ogni cinque anni. La sua unica preoccupazione era riunirsi con la sua famiglia che era ancora in Siria. La famiglia arrivò in Danimarca cinque mesi dopo.

Cinque anni dopo, Bartawi è stato convocato per un colloquio, programmato dal Servizio immigrazione, per indagare sul suo status di rifugiato, nonché sulla portata della sua integrazione nella società ospitante.

Bartwai ha detto a Enab Baladi che, oltre a imparare e padroneggiare la lingua danese, lui e la sua famiglia erano piuttosto attivi nella comunità danese e non si beneficiavano di programmi di aiuto, né governativi né umanitari.

Tuttavia, la positiva autovalutazione di Bartawi non è riuscita a rendere l’intervista meno stressante, descritta come nove ore di continua pressione. Sentiva che l’investigatore sull’immigrazione aveva deciso di espellerlo nel momento in cui era cominciata l’intervista.

Diversi paesi europei sono in competizione per sbarazzarsi della loro quota in eccedenza di rifugiati siriani, che si sono riversati in Europa in un numero a malapena registrato dai tempi della seconda guerra mondiale.

Per alleviare tale fardello costituito dai rifugiati, alcuni paesi hanno cercato di aggirare una serie di leggi rilevanti sui rifugiati con lo scopo di mettere in atto le deportazioni.

I metodi di espulsione variano da un paese all’altro. Mentre i Paesi Bassi e la Danimarca hanno negato ai rifugiati l’accesso a una residenza legale, la Germania ha approvato leggi che autorizzano le decisioni sull’estradizione di autori di reato.

I paesi ospitanti sono in un ingorgo. Molti riconoscono i crimini e le violazioni commessi dal regime siriano, ma allo stesso tempo tentano di inasprire le misure per concedere la residenza legale. Di conseguenza, i rifugiati siriani hanno visto sempre più i paesi di asilo come piccole celle di prigione, che hanno suscitato in loro gli stessi sentimenti di frammentazione e perdita, gli stessi che provavano in patria.

In questo ampio articolo, Enab Baladi discute della potenziale deportazione dei rifugiati siriani dai paesi ospitanti in cui hanno chiesto asilo, avvicinandosi alla realtà che stanno vivendo oggi, e ai metodi divergenti che i paesi ospitanti stanno seguendo al riguardo.

A tal fine, Enab Baladi ha intervistato rifugiati che sono stati privati ​​dei permessi di soggiorno, funzionari di paesi che hanno affrontato la questione della deportazione e responsabili delle decisioni all’interno dell’Unione europea (UE).

Deportazione: tre stati, tre contesti

Dopo un anno e nove mesi preoccupanti, durante i quali il fascicolo di Bartawi è stato valutato a fondo, il verdetto è arrivato sotto forma di un ordine di espulsione.

Bartawi e la sua famiglia saranno costretti a tornare in Siria dopo che gli è stato negato il rinnovo del permesso di soggiorno con il pretesto che Damasco ora è sicura. Sua moglie ed i suoi figli devono lasciare la Danimarca perché sono passati attraverso la procedura di ricongiungimento familiare.

Ha detto che i suoi figli sono stati respinti dalla scuola come se fossero stati dei “criminali”.

Baartawi ha quattro figli. Il più piccolo, un bambino di tre anni, è nato in Danimarca. Gli altri due figli sono al liceo e sua figlia sta studiando ingegneria.

La famiglia Bartawi ha assunto un avvocato due anni fa, ma il tribunale non ha ancora preso una decisione sul loro caso.

Gli investigatori sull’immigrazione hanno accusato Bartawi e la sua famiglia di non mostrare segni di appartenenza alla Danimarca. Ha sottolineato la sua conoscenza della lingua danese e quella dei suoi tre figli, la sufficienza finanziaria raggiunta, il suo rifiuto di ottenere qualsiasi aiuto, nonché il suo rispetto per le leggi del paese. Bartawi ha detto: “se questa non è affiliazione e integrazione [nel paese], allora non sono sicuro di cosa sia l’integrazione”.

La situazione catastrofica in cui si trova Bartawi è un esempio delle conseguenze del cambiamento delle politiche sui rifugiati non solo in Danimarca ma in tutta l’UE, che ha iniziato ad emergere nel 2019.

In un articolo del marzo 2019, Foreign Policy ha affermato che l’UE “cerca di mostrarse come un fronte unito”, ma la questione della ricostruzione della Siria ha diviso sempre più il continente.

L’articolo diceva che “sebbene formalmente uniti dietro una politica di sanzioni contro il regime di Assad, i singoli paesi iniziano a chiedersi se l’attuale posizione massimalista debba essere mantenuta. Mentre Francia, Germania e Regno Unito vogliono mantenere una dura posizione anti-Assad, altri nelle nazioni dell’Europa meridionale e orientale, in particolare quelle con governi populisti, vogliono moderarla “.

Anche se i paesi dell’UE hanno accolto relativamente il minor numero di rifugiati siriani, le loro politiche verso i richiedenti asilo non sono temute per il loro impatto locale, ma più essenzialmente per la loro influenza sui paesi vicini, che hanno ammesso un numero maggiore di rifugiati.

(Foto: Rifugiati siriani che lasciano un campo temporaneo in Paesi Bassi – 13 aprile 2016 -AFP)

Danimarca: “grande borsa di denaro per il viaggio di ritorno”

Nel giugno 2020, il sito web danese di immigrazione e integrazione ha citato Mattias Tesfaye, ministro dell’immigrazione, affermando che il dipartimento dell’immigrazione dovrebbe iniziare a valutare i permessi di soggiorno concessi ai rifugiati siriani provenienti da Damasco.

Ha aggiunto: “Siamo pronti a dare un sacco di soldi per il viaggio di ritorno per coloro che devono tornare indietro e ricostruire le loro vite in Siria”.

In base alle sue mutevoli politiche in materia di immigrazione e rifugiati, il 17 marzo la Danimarca ha annunciato piani per risanare i quartieri svantaggiati riducendo il numero di residenti “non occidentali”, “eliminando il controverso termine ghetto nella sua proposta di legislazione”.

Il ghetto è una parte di una città, soprattutto una zona dei bassifondi, occupata volontariamente o con la forza da una minoranza, etnica, culturale o religiosa.

Il Guardian ha riferito che il ministero degli Interni ha proposto di limitare “la quota di origine non occidentale in ciascun quartiere a un massimo del 30% entro 10 anni”.

Il punto di uscita con sede nel Regno Unito ha aggiunto che “la Danimarca ha da anni una delle politiche di immigrazione più restrittive d’Europa, che il primo ministro socialdemocratico, Mette Frederiksen, ha continuato a mettere in pratica da quando è salito al potere nel giugno 2019”.

Il primo ministro danese e leader socialdemocratico, Mette Frederiksen, ha ribadito la nuova posizione contro i rifugiati, dicendo al Parlamento che vuole porre fine alle richieste di asilo nel Paese.

“Non possiamo promettere di azzerare le richieste di asilo, ma possiamo impostare quella visione, come abbiamo fatto prima delle elezioni”, ha detto Frederiksen.

“Vogliamo un nuovo sistema di asilo e faremo il possibile per introdurlo”, ha aggiunto.

La Danimarca è firmataria della Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU), che vieta l’espulsione dei richiedenti asilo le cui domande sono state respinte e quindi gli è stato negato lo status di rifugiato, se il loro ritorno li mette in pericolo a causa di torture o persecuzioni nei loro paesi di origine .

Paesi Bassi: un occhio ai rifugiati in visita in Siria

Nel febbraio 2020, un giovane siriano, 14 anni, si è suicidato in un centro per rifugiati nella città di Gliz, nei Paesi Bassi. Secondo quanto riferito, si è tolto la vita dopo che il paese gli aveva negato l’asilo dopo anni di viaggio tra la Spagna ed i Paesi Bassi.

La famiglia dell’adolescente ha detto che non poteva più vivere senza una casa stabile dopo nove anni di precarietà.

Nel settembre 2020, i Paesi Bassi hanno annunciato che riterranno il regime siriano responsabile ai sensi del diritto internazionale “per gravi violazioni dei diritti umani”.

Funzionari del regime siriano hanno risposto a queste dichiarazioni, dicendo che “i Paesi Bassi dovrebbero essere l’ultimo paese a parlare di diritti umani”.

Enab Baladi ha affrontato questo paradosso all’interno della politica dei Paesi Bassi, discutendo con il Ministero degli Affari Esteri i motivi per i quali ai rifugiati siriani viene negato l’asilo, mentre il governo riconosce pienamente la grave somma delle violazioni commesse in Siria.

Il ministero ha risposto via e-mail, affermando che ai richiedenti asilo nei Paesi Bassi viene concesso un permesso di soggiorno per una serie di motivi. “Ci sono diversi motivi per cui potrebbe essere concesso un permesso di soggiorno. Il principio generale per i richiedenti asilo siriani è che, in caso di possibile rimpatrio, rischierebbero di subire gravi danni, come stabilito nell’articolo 3 della CEDU. Ciò significa che, in generale, esiste il rischio presunto di motivi reali per temere che vengano sottoposti ad un trattamento disumano nel paese di origine “.

Il ministro ha aggiunto che ci sono due eccezioni che influenzano l’accesso dei richiedenti a tali permessi, “membri del regime di Assad e siriani che sono tornati in Siria senza correre alcun rischio. Se si verificasse una di queste due circostanze, il rischio di un trattamento disumano ci sarebbe ed

il permesso di soggiorno non verrebbe rilasciato “.

Il ministero ha aggiunto che le domande di asilo che rientrano in questi due casi speciali sono “valutate individualmente dal Servizio di immigrazione e naturalizzazione (IND)”.

Sebbene Enab Baladi non abbia fatto riferimento a casi specifici nei quali c’è stato il ritiro dei permessi di soggiorno, il ministero ha affermato che “l’IND non ha ritirato 29 permessi di soggiorno dei rifugiati siriani nel luglio 2020”.

A luglio, il caso di diversi richiedenti asilo siriani ha suscitato polemiche nei Paesi Bassi poiché un’indagine IND ha dimostrato che hanno fornito informazioni errate durante i colloqui per ottenere il permesso di soggiorno. Secondo quanto riferito, una di queste informazioni era che si era “coinvolti in crimini di guerra”.

Nessun ritorno forzato

“Se i richiedenti asilo di qualsiasi Paese di origine non hanno motivo di temere persecuzioni o trattamenti inumani, la domanda di asilo potrebbe essere respinta. Tutti i cittadini stranieri senza diritto di soggiorno sono responsabili della loro partenza dai Paesi Bassi “, ha aggiunto il ministero.

Per quanto riguarda il ritorno involontario, il ministero ha affermato che “la partenza forzata viene applicata solo quando lo straniero non riesce a lasciare volontariamente i Paesi Bassi e non accetta l’assistenza del servizio di rimpatrio e partenza. Come detto, i Paesi Bassi al momento non effettuano rimpatri forzati in Siria a causa della situazione attuale “.

In una precedente dichiarazione a Enab Baladi, l’ex ambasciatore olandese in Siria, Nikolaos Van Dam, ha affermato che alcuni partiti politici sostengono che i rifugiati siriani possono essere rimpatriati, ma la loro posizione è completamente irrealistica, perché sarebbe pericoloso per quasi tutti i siriani tornare.

Il rimpatrio involontario dei rifugiati non è consentito se si ottengono prove che dimostrano che saranno a rischio di essere perseguiti dal regime siriano.

Germania: revoca il divieto di espulsione

L’11 dicembre 2020 il ministero dell’Interno tedesco ha deciso di non rinnovare il divieto di espulsione in Siria.

Lasciare che il divieto scada, secondo Die Welt (DW), significa che “dal 1 ° gennaio, i tribunali possono decidere caso per caso se espellere i cittadini siriani condannati per crimini in Germania”.

Anche se è stata fissata una data per i tribunali per valutare i casi atti per l’espulsione, il ministro dell’Interno della Bassa Sassonia Boris Pistorius ha sottolineato che “tecnicamente e praticamente, le deportazioni non sarebbero ancora possibili a causa delle violenze in corso [in Siria]”.

Questa campagna di deportazione è guidata dal vicepresidente della fazione parlamentare CDU / CSU, Thorsten Frei, che prevede deportare criminali siriani e gravi delinquenti nel nord della Siria.

Frei ha persino suggerito di esaminare se sia possibile inviare questi individui nel nord della Siria, gestito dall’esercito turco.

Il 22 gennaio, il ministro dell’Interno dello Stato del Baden-Württemberg, Thomas Strobel, ha evidenziato le condizioni in cui possono essere espulse le persone confermate come una minaccia per la sicurezza tedesca.

Ha aggiunto che, anche se il divieto è stato revocato, molti ostacoli continuano a interrompere le espulsioni di siriani indesiderati.

Prima di annullare il divieto, Strobel ha affermato che il suo stato potrebbe deportare circa 10 “criminali o considerati una minaccia per la sicurezza” in Siria se l’Autorità federale per la migrazione ei rifugiati decidesse di revocare il divieto di espulsione, considerando ciascuno dei 10 casi separatamente secondo la Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Strobl ha detto a DW che dovrebbe esserci la possibilità di rimpatriare qualsiasi individuo, il che significa che dovrebbero esserci aree sicure in Siria in cui questi individui possano essere deportati.

DW ha citato le dichiarazioni del ministro all’agenzia di stampa tedesca (DPA), affermando che “coloro che sono considerati una minaccia alla sicurezza nel nostro paese non possono più fare affidamento sul divieto di espulsione”.

Secondo il ministero federale dell’Interno, “89 islamisti siriani sono classificati come minacce per la sicurezza in Germania”.

Il ministero ha definito queste persone suscettibili di essere etichettate come “coloro che le autorità di sicurezza tedesche sospettano possano commettere gravi crimini politicamente motivati”.

(Una barca lasciata dai rifugiati vicino alle coste dell’isola greca di Lesbo – 8 ottobre 2015 -AFP)

La posizione dell’UE sull’espulsione

“La nostra posizione come UE sui respingimenti non è cambiata. Sebbene comprendiamo e sosteniamo le aspirazioni di alcuni siriani a tornare a casa volontariamente, crediamo che le condizioni per rimpatri su larga scala non ci siano ancora “, ha affermato l’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza e Vicepresidente della Commissione, secondo quanto ha detto Joseph Borrell a Enab Baladi il 30 marzo.

Ha sottolineato che “i parametri fissati dall’UNHCR rendono abbastanza chiaro che attualmente le condizioni all’interno della Siria non si prestano alla promozione di rimpatri su larga scala in condizioni di sicurezza e dignità in linea con il diritto internazionale”.

Borrell ha anche fatto riferimento ai ritorni limitati che hanno avuto luogo e ai numerosi ostacoli e alle minacce che devono affrontare al loro ritorno sfollati interni e rifugiati. Ha detto che “penso in particolare alla coscrizione forzata, alla detenzione indiscriminata, alle sparizioni forzate, alla tortura, alla violenza fisica e sessuale, alla discriminazione nell’accesso all’alloggio, alla terra e alla proprietà, nonché ai servizi di base poveri o inesistenti”.

Non deportato, ma tenuto prigioniero

Steve Valdez-Symonds, direttore del programma per i rifugiati e i diritti dei migranti di Amnesty UK, ha dichiarato a Enab Baladi: “Non credo che i siriani siano stati deportati da nessun paese europeo in Siria. Tuttavia, la Danimarca ha revocato lo status di protezione ad alcuni rifugiati, e penso che siano detenuti nei centri, cosa che vede limitato il loro diritto alla libertà “.

“Anche la Germania ha cambiato la sua politica e teoricamente, i siriani accusati di gravi crimini, potrebbero essere espulsi”, ha aggiunto.

“Alcune di queste misure sono crudeli e orribili data la situazione in Siria. Alcune fanno parte di un atteggiamento politico, dato che non ci sono accordi con il governo siriano per effettuare queste deportazioni “.

Protetto dalle leggi internazionali

Diversi partiti di destra nei paesi dell’UE adottano politiche contro i rifugiati, accusando i richiedenti asilo di competere con la popolazione locale per lavoro, istruzione e servizi. Queste politiche costituiscono una violazione dei principi del diritto internazionale rilevanti per lo status di rifugiato.

La Legge Internazionale sui Rifugiati (IRL) elenca i principali strumenti su cui si basa la protezione internazionale, comprendendo due documenti che ne costituiscono la pietra angolare: la Convenzione del 1951 e il Protocollo del 1967.

Questi documenti stabiliscono disposizioni che vietano il rimpatrio di rifugiati e richiedenti asilo in paesi in cui potrebbero essere a rischio di persecuzione, salvaguardano il loro diritto alla protezione internazionale in base al principio di non espulsione e richiedono che tutti i rifugiati siano trattati secondo il principio di non -discriminazione.

Secondo il “Terzo rapporto sull’espulsione degli stranieri” pubblicato nel 2007 dal Sig. Maurice Kamto, Special Rapporteur, “il diritto internazionale non mette in discussione il diritto di uno Stato sovrano di adottare misure per espellere gli stranieri che considera pericolosi per la sua sicurezza, ammettendo però che tali espulsioni siano “conseguenza logica e necessaria della sua sovranità e indipendenza”.

Il rapporto aggiunge che il diritto internazionale riconosce così il diritto di espulsione come “un diritto naturale dello Stato che emana dal suo status di entità giuridica sovrana con piena autorità sul suo territorio”.

Sebbene il diritto di uno Stato di espellere gli stranieri sia ben stabilito nel diritto internazionale, non è un diritto assoluto. Piuttosto, il rapporto afferma: “[il diritto] deve essere esercitato in modo coerente con la dignità umana”.

Il rapporto afferma esplicitamente che “la libertà di espulsione non è assoluta, che è soggetta a limiti”.

Il diritto di espulsione è limitato da diversi obblighi a cui lo Stato interessato deve attenersi. Secondo il rapporto, gli Stati “devono cercare di conciliare il proprio dovere di mantenere l’ordine nel proprio territorio…con la necessità di “rispettare le leggi dell’umanità, i diritti umani di ogni individuo”.

” Il rapporto aggiunge inoltre che, sebbene rientri nel diritto di sovranità di uno Stato, l’espulsione “non è concepita come un diritto assoluto che conferisce potere discrezionale allo Stato che espelle”, questo diritto corrisponde all’idea che tale potere non è “arbitrario” e , “di conseguenza, che lo Stato non dovrebbe abusare della discrezionalità accordatagli in tali questioni.”

Tra i principi internazionali fondamentali applicabili all’espulsione degli stranieri vi sono il principio di non respingimento e il principio di divieto di espulsione arbitraria.

Il non respingimento è un principio fondamentale del diritto internazionale che vieta a un paese che ospita richiedenti asilo di rimpatriarli in un paese in cui sarebbero minacciati di persecuzione in base a “razza, religione, nazionalità, appartenenza a un particolare gruppo sociale o per la loro opinione politica . “

La decisione di privare le persone del loro status di rifugiato in alcuni paesi dell’UE è “incoerente con le disposizioni ei protocolli aggiuntivi relativi alla fornitura di una protezione completa per i rifugiati in fuga dalle aree di conflitto armato”, ha detto a Enab Baladi Hisham Masalmeh, avvocato siriano e difensore dei diritti umani.

Di conseguenza, Masalmeh ha aggiunto che le decisioni prese oggi contro qualsiasi rifugiato siriano che ha accesso alla protezione ai sensi della Convenzione del 1951 sono “illegittime e illegali. Tali decisioni violano i principi e le clausole stabilite in questo accordo “, perché nessuna zona nei territori siriani è considerata sicura. “[La Siria] è uno dei posti più pericolosi in cui vivere.”

Ha aggiunto che ai rifugiati di solito viene concesso l’asilo perché hanno subito una reale persecuzione che ha minacciato la loro vita. Pertanto, qualsiasi decisione di restituirli involontariamente può essere “impugnata dinanzi alla Corte di giustizia europea perché il ritorno sarebbe un’esplicita violazione delle disposizioni dell’accordo di protezione”.

Secondo l’articolo 33 della Convenzione del 1951, “nessuno Stato contraente può espellere o restituire (‘respingere’) un rifugiato in alcun modo alle frontiere dei territori dove la sua vita o libertà sarebbe minacciata a causa della sua razza, religione, nazionalità , appartenenza a un particolare gruppo sociale o opinione politica. “

Ci sono aree sicure in Siria?

Lo scorso febbraio, un partito di opposizione danese ha suggerito di trovare un modo per cooperare con il capo del regime siriano, Bashar al-Assad, per rimpatriare i rifugiati siriani le cui domande di asilo erano state respinte o che sono stati privati dello status di rifugiato, considerando Damasco un'”area sicura in cui tornare. “

Tuttavia, l’avvocato Masalameh, responsabile dei casi di asilo dal 2005, ha affermato che le leggi internazionali non forniscono una definizione precisa di “area sicura”.

La Convenzione del 1951 viene utilizzata come fonte di riferimento legale. Ma la convenzione non definisce cosa rende sicura un’area, secondo l’avvocato Masalmeh.

Ha aggiunto che durante i conflitti che sfociano in un gran numero di richiedenti asilo, gli Stati dei paesi ospitanti tentano di trovare soluzioni alternative all’immigrazione.

Masalmeh ha affermato che, a volte, le soluzioni ai conflitti nazionali che prendono di mira i civili si concretizzano nella creazione di zone smilitarizzate sotto la supervisione internazionale per proteggere i civili in modo che non cerchino asilo in altri paesi. Tali soluzioni tendono ad essere iniziative di alcuni Stati, ma nel contesto del conflitto siriano “non ci sono zone sicure. Nessuna delle parti della Siria può essere definita sicura “.

I siriani privati ​​dello status di rifugiato possono presentare ricorso dinanzi a un tribunale locale, presentare reclamo a un organo ministeriale amministrativo o fare ricorso dinanzi ai tribunali superiori le cui decisioni sono vincolanti per lo Stato perché violano un accordo internazionale.

“Non sono preoccupato per la sorte dei rifugiati siriani. Certo, stanno subendo pressioni da partiti di destra in tutto il continente europeo, ma l’Europa è governata dalla legge, non dai politici ”, ha aggiunto Masalmeh.

In un rapporto, “Indicators of Security Stability in and Refugee Return: An Evaluation of Select Cases”, dell’Omran Center for Strategic Studies, i ricercatori hanno studiato gli indicatori relativi alla sicurezza che influenzano in modo significativo la decisione dei rifugiati di rimpatriare, incluso verso “un ambiente di sicurezza “.

Il rapporto afferma che un ambiente sicuro in questo contesto sarebbe un luogo nel quale siano effettivamente cessate ostilità, la limitazione dei poteri dei servizi di sicurezza sulla vita pubblica dei cittadini, la limitazione delle violazioni contro i civili da parte di questi servizi o da milizie e fazioni militari sparse in tutto il mondo.

(Foto: Rifugiati in Grecia, che hanno attraversato il mare per raggiungere l’Europa -Getty Images)

“Rifugiato: qualcuno che, a causa di un fondato timore di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un particolare gruppo sociale o opinione politica, si trova al di fuori del suo paese di nazionalità o, a causa di tale paura, non vuole avvalersi della protezione di quel paese; o che, non avendo una nazionalità e trovandosi fuori dal paese della sua precedente residenza abituale a causa di tali eventi, non è in grado o, a causa di tale paura, non è disposto a tornare ad esso. Familiari del rifugiato: coniuge di un beneficiario, figli minorenni e figli adulti a carico.

Richiedente asilo: uno straniero che presenta una domanda formale a un determinato paese per ottenere lo status di rifugiato ai sensi della Convenzione del 1951. L’unico privilegio che un candidato / richiedente cerca è ottenere la protezione dello Stato permettendogli di rimanere nei suoi territori.

Protezione: gli Stati stabiliscono leggi per proteggere i propri cittadini.

Tuttavia, quando gli Stati falliscono o non sono disposti a proteggere i propri cittadini, molti cercano di fuggire dai loro paesi di origine, in particolare durante i conflitti armati verso altri paesi dove ottengono l’accesso allo status di rifugiato. Di conseguenza, la protezione internazionale è nata come una necessità per rispondere alle esigenze di tali individui che hanno perso la protezione del loro Stato.

Fonte: Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e accordo di Schengen”

Normalizzare le relazioni con il regime siriano avrà conseguenze sui rifugiati?

Potrebbe essere troppo presto per parlare di normalizzazione dei legami tra l’UE e il regime siriano, soprattutto perché l’UE chiede che il regime cambi posizione e osserva che venga messa in pratica la soluzione politica ai sensi della risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che la Conferenza di Bruxelles , tenutasi il 30 marzo, ha ribadito.

I rifugiati temono che i governi europei normalizzeranno le loro relazioni con il regime siriano soprattutto dovuto alla presenza di alcuni partiti di destra che seguono politiche anti-rifugiati.

Il rifugiato tedesco Mahdi Ramadan, 22 anni, ha espresso la sua paura di un futuro precario, soprattutto perché gli è stato concesso uno status di protezione temporanea. “Temiamo che i governi cambino le loro politiche e comincino a trattare con il regime siriano al punto da rimpatriare i rifugiati, guidati dalle condizioni politiche ed economiche interne ed esterne”.

A caccia di pesci in acque torbide

L’ex membro del parlamento tedesco Jamal Karsli ha rassicurato i rifugiati siriani sulle deportazioni perché i partiti estremisti sono lontani dal conquistare i governi e subentrare in tutti i paesi. Se queste parti influenzano i governi, i diritti umani e le organizzazioni della società civile impediranno a queste parti di praticare il loro estremismo contro i rifugiati.

Karsli ha detto a Enab Baladi che i partiti di destra stanno dando la caccia ai pesci in acque torbide e sono diventati popolari approfittando della questione dei rifugiati. Oggi usano i rifugiati come merce di scambio, soprattutto con il regime siriano martellato dal boicottaggio e dalle sanzioni. Uno di questi tentativi è fallito quando un partito tedesco ha visitato le città siriane per dimostrare che la Siria è un paese sicuro e che i rifugiati potevano essere rimpatriati.

Nel corso di una visita di sette giorni nel 2018, una delegazione tedesca a Damasco ha promosso la fine della guerra in Siria e una vita di pace per i cittadini siriani. All’epoca, Christian Blex, capo della delegazione e membro del parlamento tedesco, pubblicò una serie di foto scattate durante il suo tour per le strade di Damasco, che definì quartieri “demilitarizzati”.

Karsli ha sottolineato che qualsiasi rifugiato siriano che rispetti le leggi e cerchi di integrarsi nella società ospitante non sarà espulso. In cambio, quelli minacciati di espulsione sono i sostenitori del regime, e altri che vogliono tornare volontariamente in cambio di denaro, sottolineando che finora la Germania non ha deportato alcun rifugiato siriano.

Molto avanti rispetto alla normalizzazione

Al-Abdallah ha affermato che questi processi “disturberanno il rapporto tra i paesi europei e il regime siriano, se i governi europei dovessero tentare di normalizzare le relazioni con esso”.

Al-Abdallah ha aggiunto che il dossier siriano sui diritti umani non sarebbe un ostacolo se i paesi europei esprimessero un vero desiderio di ripristinare le relazioni con il regime di Damasco politicamente o anche a livello commerciale.

Ha aggiunto che gli accordi politici possono eludere gli sforzi volti alla ricerca di responsabilità, il che metterebbe in imbarazzo i paesi disposti a farlo prima di altri paesi europei che abbracciano la questione dei diritti umani.

Secondo Al-Abdallah, è politicamente valida l’opinione secondo la quale alcuni paesi europei normalizzerebbero i legami con il regime siriano a vari livelli nonostante le azioni legali sotto la supervisione dei loro tribunali nazionali, soprattutto perché c’è un notevole aumento nelle voci di alcuni partiti di destra- come Austria e Danimarca.

Se gli accordi di normalizzazione iniziassero tra i paesi dell’UE e il regime, quest’ultimo non avrebbe problemi a liquidare o rimuovere le persone in posizioni di autorità, che sono perseguite dalla magistratura in Europa, purché queste cause siano intentate contro individui specifici in cambio della ripresa di relazioni politiche ed economiche. Pertanto, il fascicolo sui diritti umani non sarà il più grande ostacolo a tali accordi perché gli Stati porranno i loro interessi politici e di sicurezza al di sopra delle questioni relative ai diritti umani e all’etica.

Di conseguenza, i discorsi sulla normalizzazione tra i paesi dell’UE e il regime siriano, se possibile in futuro, richiederebbero ancora anni perché si verifichino una serie di indicatori, comprese le dichiarazioni di funzionari europei sul rifiuto della comunità internazionale di riconoscere il regime e le sanzioni. l’UE lo aveva imposto.

(Foto: Rifugiati siriani a rischio di espulsione a Copenaghen, Danimarca – novembre 2015, Simon Læssøe / Ritzau Scanpix)

Il destino dei rifugiati se dovessero tornare

Le reazioni del mainstream e il rumore per i recenti discorsi sulla deportazione dei rifugiati siriani sono esagerati perché i paesi europei rimangono impegnati nel diritto internazionale in materia di rimpatrio dei rifugiati, ha detto a Enab il presidente della Rete siriana per i diritti umani (SNHR) Fadel Abdul Ghany Baladi.

“La Siria è del tutto pericolosa”, ha aggiunto, il che significa che nessun rifugiato potrebbe essere rimpatriato ora.

L’SNHR consiglia ai paesi europei di non rimpatriare i rifugiati e di lavorare per il loro reinsediamento perché la crisi siriana esiste ancora, ovvero i servizi di sicurezza e il regime siriano.

Abdul Ghany ha affermato che il ricongiungimento familiare è ancora in corso in alcuni paesi europei, compresi i Paesi Bassi, nonostante l’attuale divieto di viaggiare in molti paesi a causa della pandemia COVID-19. Ciò indica che questi paesi rispettano la convenzione del 1951.

Il dibattito sulla decisione di alcuni paesi ospitanti di deportare i rifugiati arriva dopo lo scioccante rapporto di marzo della Commissione di inchiesta delle Nazioni Unite sulla Repubblica araba siriana, secondo cui “decine di migliaia di civili che rimangono detenuti arbitrariamente in Siria sono stati oggetto di tortura, violenza sessuale o morte durante la detenzione “.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...