Un decennio di attacchi agli ospedali siriani e agli operatori sanitari che hanno imparato a sopravvivere

Un nuovo rapporto descrive nel dettaglio un decennio di attacchi alle strutture mediche siriane. Potrebbe aiutare la prossima generazione di medici e infermieri?

Di Daniel J Gerstler pubblicato il 6 aprile 2021 su SyriaUntold (Daniel J. Gerstle è coordinatore di risposte alle emergenze, ricercatore per la protezione civile e regista, con sede a Berlino.)

(Traduzione di Giovanna De Luca)

Nei primi giorni della guerra in Siria, Modar Shekho, un tecnico medico, ricevette due bambini feriti la cui casa era stata colpita da un attacco aereo del governo. Era il 2012, in una parte della città di Aleppo catturata dai ribelli. In risposta, le forze governative avevano bombardato indiscriminatamente il distretto.

I bambini avevano subito lesioni cerebrali traumatiche che mettevano in pericolo la loro vita e avevano bisogno di cure urgenti.

L’ospedale Dar al-Shifaa, dove lavorava Shekho, era l’unico ospedale funzionante nella parte orientale di Aleppo, tenuta dall’opposizione, che potesse accoglierli in quel giorno, dice. Ma un dispositivo medico di cui aveva bisogno per curare i bambini feriti era fuori servizio. “Abbiamo dovuto mandare i bambini in Turchia per una TAC”, ricorda Shekho.

Il viaggio non sarebbe stato facile. Il confine turco si trovava a circa 50 chilometri a nord e, calata la notte, il percorso era completamente buio. “Gli aerei da guerra volavano in alto e miravano a tutte le auto che usavano le luci”, dice. “Quindi le auto guidavano solo al chiaro di luna.”

Anche se all’epoca non se ne rendevano conto, quello sarebbe stato solo l’inizio di diversi anni di pesanti combattimenti, attacchi aerei e assedi all’interno della città di Aleppo. Shekho ed i suoi colleghi preparavano rifugi antiaerei mentre i bombardamenti andavano avanti durante mesi.

Le forze governative siriane avrebbero poi continuato a distruggere Dar al-Shifaa. Sei bombe, sganciate da un aereo da guerra siriano, avevano raso al suolo l’ospedale. Shekho si trasferì poi all’ospedale al-Daqaq, in un altro quartiere ad est di Aleppo. Successivamente, nel 2016, anche quell’ospedale fu gravemente danneggiato. A dicembre, la parte orientale di Aleppo venne riconquistata dal governo e tanto gli abitanti come i combattenti rimasti furono evaquati.

Ma anni prima di tutto ciò, Shekho e i suoi colleghi avevano bisogno di capire cosa fare dei due bambini che erano stati portati a Dar al-Shifaa con gravi ferite alla testa. Avrebbero avuto bisogno di cure intensive, oltre confine, in un ospedale turco.

Le ambulanze erano già diventate il bersaglio di gruppi armati. Quindi il team doveva guidare senza identificazioni, lungo strade buie con i fari spenti, ascoltando il suono di aerei o droni volare sulle loro teste.

Arrivarono a una curva della strada. “Con l’oscurità e la velocità dell’auto, [era facile] immaginare che accadesse un incidente, a cui nessuno sarebbe sopravvissuto.”

Documentare un decennio di crimini di guerra

Il mese scorso, un progetto del Syrian Archive, gruppo di documentazione sui diritti umani con sede a Berlino, Mnemonic, ha pubblicato un enorme rapporto che descrive più di 410 attacchi a 270 strutture mediche in Siria dal 2011. Molti, come quello a Dar al-Shifaa e ad al-Daqaq, ad Aleppo. Altri nel resto del paese, punti rossi su una mappa che indicano la posizione di ciascuna struttura presa di mira. La stragrande maggioranza è stata probabilmente attaccata intenzionalmente. I dati “open source” utilizzati nel rapporto dipingono un quadro cupo di come i gruppi armati non solo abbiano colpito gli ospedali, ma anche preso di mira le stesse squadre mediche con attacchi aerei multipli e in gruppo, sorveglianza con droni e poi attacchi di ritorno.

Mentre le forze governative siriane ed i loro alleati russi effettuavano la maggior parte degli attacchi, secondo Syrian Archive anche quasi tutti gli altri gruppi, inclusi quelli all’opposizione, le forze a maggioranza curde, la Turchia e lo Stato islamico hanno colpito le squadre mediche. La differenza principale? Il governo siriano e la Russia hanno utilizzato sistemi di guida tecnologici avanzati ed eseguito ripetuti attacchi di precisione, mentre gli altri gruppi hanno piú che altro colpito le squadre mediche in attacchi singoli più direttamente legati al combattimento.

Nel cercare protezione dalle bombe, molte delle strutture prese di mira avevano precedentemente condiviso le loro coordinate con le Nazioni Unite, come parte di una lista spesso criticata di “no-strike” condivisa con le parti in guerra, inclusa la Russia.

Il rapporto di Syrian Archive è l’ultimo di una serie di indagini su larga scala da parte dei media internazionali su un decennio di attacchi alle infrastrutture mediche della Siria. In ogni caso, investigatori, difensori dei diritti umani e giornalisti hanno sostenuto che la comunità internazionale ha accesso sufficiente alle prove sui gruppi armati – su più fronti, principalmente per quanto riguarda il governo siriano e la Russia – per agire, nonché per ritenere gli aggressori responsabili di violazioni del diritto internazionale umanitario.

Artino Van Damas è un fotoreporter siriano e addetto stampa di Mnemonic, l’ONG di Syrian Archive. Il nuovo rapporto si distingue, afferma, in quanto fornisce non solo una raccolta precurata di “lead open source” che gli investigatori internazionali sui crimini di guerra devono perseguire, ma fornisce anche analisi che potrebbero aiutare le Nazioni Unite e le organizzazioni di sicurezza a rivalutare due questioni politiche .

In primo luogo, le squadre mediche sono state incoraggiate durante la guerra a fornire le loro posizioni alle Nazioni Unite per loro lista di “no-strike”. La speranza era che le parti in guerra evitassero di colpire quei siti. Tuttavia, i gruppi armati hanno continuato a prenderli di mira, costringendo le squadre mediche a spostare le loro strutture in luoghi rinforzati o sotterranei e, in alcuni casi, a nascondere i loro reparti medici in case sicure, facendo affidamento su auto non contrassegnate.

In secondo luogo, ha spiegato Van Damas, Syrian Archive fornisce dati che potrebbero aiutare la comunità internazionale a impedire che i gruppi armati utilizzino una tecnica di attacchi aerei e di artiglieria a “doppio tocco”. Con queste tattiche, i gruppi armati colpiscono il bersaglio una volta, aspettano l’arrivo dei soccorritori e poi colpiscono di nuovo per poter colpire anche coloro che sono arrivati ​​sulla scena per aiutare.

Tuttavia, secondo gli operatori sanitari siriani come Modar Shekho ed i suoi colleghi, che lottano per salvare vite umane pur essendo presi di mira nell’esercizio delle loro funzioni, questi rapporti non hanno ancora motivato la comunità internazionale ad aiutarli al di là delle rare piccole provviste di forniture mediche e consigli.

Sebbene la difesa internazionale non abbia funzionato, gli operatori sanitari e le agenzie umanitarie come Humanity & Inclusion, il Center for Civilians in Conflict, Mayday Rescue, Doctors Without Borders, la Syrian American Medical Society e The Syria Campaign si affidano invece a tali rapporti maggiormente per migliorare la protezione dei civili ed i metodi di autoprotezione sul campo. Non c’è altra scelta, poiché gli attacchi alle strutture mediche sono continuati impunemente. Utilizzando dati dettagliati, i sostenitori della protezione civile potrebbero essere in grado di elaborare piani di sicurezza, non per prevenire attacchi o danni nel loro insieme. Potrebbero non essere in grado di fermare gli attacchi aerei e di artiglieria delle parti in guerra, ma almeno potrebbero modellare la loro strategia di sopravvivenza.

E gli attacchi sono tutt’altro che acqua passata. Alla fine del mese scorso, infatti, le forze governative hanno sparato colpi di artiglieria su un ospedale ad Atareb, una città nel governatorato rurale di Aleppo. Secondo quanto riferito, sei persone sono morte, incluso un bambino.

Nessuna formazione

Nel 2011, il dottor Wassel al-Jark, un chirurgo di Maaret al-Numan nel governatorato di Idlib, stava curando persone che erano state ferite dalle forze governative mentre partecipavano a manifestazioni a favore della democrazia.

Mentre si spostava tra tre ospedali da campo negli anni successivi, ha scoperto che i gruppi armati non solo combattevano la loro opposizione politica, ma sembrava prenderessero di mira anche direttamente gli ospedali. Lui e altri operatori sanitari non avevano altra scelta che cambiare radicalmente le misure di sicurezza per sopravvivere agli attacchi.

Quando c’è un bombardamento, valutiamo la posizione, quindi non lasciamo i pazienti in una struttura in prima linea”, afferma Jark. “Quando qualcuno arriva ferito, procediamo con i primi soccorsi, poi lo destiniamo ad un luogo più sicuro. Ad esempio, adottiamo misure preventive e rimaniamo in un luogo più protetto, oppure cambiamo posizione ogni giorno o due perché ci sono sempre aerei da ricognizione in volo “.

Gli operatori sanitari percepiscono molti suoni quando vengono presi di mira, ricorda Jark. Il proprio battito cardiaco, la respirazione accelerata, lo scivolamento dei piedi sui vetri rotti sul pavimento dell’ospedale, il cigolio delle barelle che portano gli ultimi pazienti, le urla di un paziente con una ferita alla testa, bisogna anche ascoltare il rumore degli aerei in arrivo, di droni ed esplosivi.

“Intercettano le ambulanze”, dice Jark a proposito dei droni. “Riesci a immaginare? Una volta ci fu un bombardamento sul villaggio dove si trovava un ospedale da campo e c’erano aerei da ricognizione volando. Hanno guardato dove andavano le ambulanze e dopo poco tempo hanno preso di mira anche il nostro edificio medico. L’ho visto e vissuto. E molte volte l’ambulanza stessa è stata presa di mira “.

Non c’era “addestramento” per tali attacchi, ricorda Jark. “La formazione per noi, come personale medico, era solo su come affrontare gli infortuni. Ma quando si trattava di fortificazioni, sicurezza o misure di sicurezza non c’era nulla “.

Qusay al-Ali è un’ex infermiere dell’ospedale al-Daqaq nella città di Aleppo, anche se ora lavora in un altro luogo. “Sfortunatamente, la formazione sulla sicurezza non ha ricevuto l’importanza necessaria, o è aumentato il livello dei violenti attacchi a cui siamo stati sottoposti”, dice.

Ad Al-Daqaq sono stati colpiti numerose volte ed hanno subito danni durante la cacciata dell’opposizione da Aleppo nel 2016. Nel corso degli anni, il personale ospedaliero ha ricevuto suggerimenti sulla sicurezza, contrassegnando i siti medici, facendo affidamento sulle principali attrezzature dell’edificio, e utilizzando rifugi antiaerei -ma questo alle volte non è servito a nulla.

Alla fine, spesso hanno dovuto fare l’opposto di ciò che hanno imparato durante l’addestramento: evitare di contrassegnare i siti medici e le ambulanze, allontanare la maggior parte dei pazienti dall’edificio principale dell’ospedale e rimanere dolorosamente consapevoli del fatto che a volte i rifugi antiaerei funzionano solo per esplosivi più leggeri come i mortai. —Non per le bombe a botte, che possono lasciare intrappolare e senza via di scampo le persone sottoterra.

“Lavoravamo negli scantinati dell’ospedale”, spiega Qusay. “Era un modo per evitare questi feroci attacchi aerei. Sfortunatamente, le armi utilizzate hanno colpito anche i rifugi antiaerei. Spesso trasferivamo i pazienti in edifici lontani dall’ospedale perché non eravamo al sicuro da attacchi improvvisi “.

I team medici ora designano spesso personale addetto alla sicurezza per concentrarsi solo sulle comunicazioni e le informazioni che possono aiutare ad anticipare le minacce. “Spotters”, un ruolo descritto nel rapporto del Syrian Archive, che, così come definito dal personale medico che ha parlato con SyriaUntold, ascolta le frequenze radio, effettua chiamate e ascolta cosa accade fuori per dedurre se i gruppi armati hanno cambiato posizione o gli aerei sono in volo.

Le loro osservazioni forniscono una rete di “allerta precoce” per dare agli operatori sanitari una breve finestra di tempo per scendere al rifugio antiaereo per proteggersi e proteggere da piccoli esplosivi come i mortai o, potenzialmente, per evacuare e sparpagliarsi tra altri edifici in caso di un missile o di un barile bomba , che potrebbe penetrare un rifugio antiaereo o in una grotta.

“Queste strutture sanitarie dovrebbero essere trasportabili”, afferma Qusay, “oppure i loro reparti dovrebbero essere separati. Anche se una parte di essi venisse distrutta, dal resto dei reparti si potrebbero trasferire i pazienti in un luogo sicuro. Quello che voglio dire è che, con la distribuzione dei reparti ospedalieri su una vasta area di terreno e la distribuzione dei pazienti tra loro, le perdite non sarebbero così pesanti “.

I formatori e gli osservatori spiegano alle équipe mediche come i gruppi armati hanno schemi che possono aiutare a prevedere le minacce, ma potrebbero portare a una tragedia maggiore se ignorati. Ad esempio, i gruppi armati spesso “raggruppano” la loro artiglieria, sparando un primo colpo per avvicinarsi al bersaglio e quindi, utilizzando quella posizione dell’esplosione per regolare la mira delle armi , sparare di nuovo per ottenere il massimo effetto.

In risposta, alcuni gruppi di aiuto hanno esortato a non tenere raggruppati insieme il personale medico ed i pazienti in un unico luogo centrale. Come parte delle misure di sicurezza che i medici del passato avrebbero considerato assurde, molte squadre ora gestiscono unità mediche “invisibili”: silenziose, sparse e senza identificazioni. E tutti i pazienti che hanno bisogno di cure più complesse vengono inviati silenziosamente al confine turco.

“Secondo la mia esperienza”, dice Shekho, “queste organizzazioni [che suggeriscono il protocollo di sicurezza] potrebbero includere persone che hanno vissuto queste prove durante la loro formazione, per trasmettere punti di vista basati sul proprio vissuto”.

“È così difficile da descrivere su giornali o libri”, dice, ricordando la notte del 2012 quando portò di corsa i due bambini dalla città di Aleppo al confine turco per cure urgenti. Lui e il team avevano guidato senza fari per non essere avvistati. In precedenza, non avrebbe mai immaginato che il lavoro medico sarebbe diventato un’operazione furtiva.

Ricorda di aver raggiunto il confine dopo un pó di tempo. In seguito i genitori avrebbero inviato i loro ringraziamenti ed i bambini avrebbero ricevuto cure e si sarebbero ripresi in un ospedale in Turchia.

Quanto a Shekho, si voltò di nuovo verso Aleppo, tornando per aiutare gli altri ancora intrappolati sotto le bombe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...