La Danimarca priva 94 rifugiati siriani dei loro permessi di soggiorno, ritenendo Damasco sicura per il loro ritorno

Di Alicia Medina, il 25 febbraio 2021 su Syria Direct

Traduzione di Giovanna De Luca

Il centro di partenza recintato di Kærshovedgård si trova in una posizione remota in mezzo ai campi nella regione dello Jutland, 24/09/2017 (Cecilia Arregui)

BEIRUT – Le autorità danesi hanno ordinato a Lilian Jomaa di tornare in un luogo in cui non è mai stata.

Lilian, quattro anni, è nata in Danimarca ed è cresciuta nella città di Silkeborg, nella penisola dello Jutland. I suoi genitori sono fuggiti dalla guerra in Siria sei anni fa, ma questa famiglia di rifugiati siriani ha perso il diritto di rimanere in Danimarca perché Damasco è sicura per il loro ritorno.

La Danimarca era solita ritenere che la “violenza generalizzata” a Damasco portasse alla protezione sussidiaria automatica. Dalla scorsa estate non è più così.

Nel 2020, le autorità per l’immigrazione hanno identificato 461 siriani della provincia di Damasco dopo aver esaminato 4.500 casi. Finora, 94 siriani hanno avuto il permesso di soggiorno revocato (o non esteso), mentre 179 siriani lo hanno mantenuto. Nel 2021, saranno esaminati altri 300 casi, secondo le autorità per l’immigrazione.

La madre di Lilian, Heba Hekmat, ha lasciato la Siria nel 2015 dopo che il regime siriano aveva ucciso suo marito nel quartiere damasceno di Jobar. Heba è fuggita con la figlia e il figlio, rispettivamente di 11 e 10 anni. Una volta in Danimarca, Heba ha sposato Radwan Jomaa, con il quale ha avuto Lilian.

Radwan è fuggito dalla Siria attraversando l’Egitto e poi il Mediterraneo. Suo cognato è stato imprigionato dal regime, mentre suo nipote si è unito all’opposizione. “Il regime non si sarebbe accontentato solo di arrestarli, hanno anche punito i parenti, quindi ho deciso di fuggire dalla Siria”, ha spiegato questo 61enne.

I loro figli parlano danese a casa. “Lilian parla meglio danese che arabo; come verranno mandati i miei figli in Siria? Siamo devastati; stiamo vivendo in una profonda paura”, ha detto Radwan.

Radwan, che lavora in una pizzeria, soffre di problemi al cuore e al fegato ed è sopravvissuto al cancro. Ha chiesto alle autorità danesi di considerare la sua cartella clinica, ma l’ordine di espulsione è arrivato comunque. La famiglia ha presentato ricorso al Refugee Appeals Board, un organo che prende decisioni definitive e inappellabili.

Nel 2020, il consiglio ha esaminato 53 casi di siriani che avevano perso il diritto di rimanere in Danimarca. In 33 casi, il Consiglio ha confermato la decisione delle autorità per l’immigrazione di revocare i permessi di asilo o di soggiorno, secondo il Consiglio.

La Danimarca è il primo paese europeo ad etichettare l’area di Damasco come sicura per il rimpatrio e successivamente revocare lo status di protezione dei siriani dell’area. In quanto tale, sta “inviando un segnale ai richiedenti asilo in Danimarca, Europa e nella regione che parti della Siria sono sicure; è un pericoloso precedente ”, ha detto Nadia Hardman, ricercatrice della Divisione per i diritti dei rifugiati e dei migranti di Human Rights Watch (HRW). Ha sottolineato che è “molto presto” per parlare di un processo di transizione o stabilità in Siria.

“I paesi della regione che ospitano molti più rifugiati e richiedenti asilo utilizzeranno questa strategia come un modo per implementare alla fine i rimpatri globali”, ha avvertito Hardman. Con una popolazione di 5,8 milioni di persone, la Danimarca ospita 43.942 siriani; Il Libano, con una popolazione simile, ospita 1,5 milioni di rifugiati siriani.

Nessma Bashi, legale presso il Syria Justice and Accountability Center (SJAC) con sede a Washington DC, ha criticato le autorità danesi per aver imposto l ‘”onere della prova” ai rifugiati che sono tenuti a dimostrare “che sarebbero perseguitati se fossero stati rimpatriati alla zona di Damasco. ” Ha esortato le autorità danesi a utilizzare un “sistema di informazioni sui traumi che consideri adeguatamente le informazioni accurate del paese di origine”, aggiungendo che l’approccio danese non è allineato con le informazioni del paese di origine dell’UNHCR.

“Ci sono prove molto diffuse che dimostrano che ci sono innumerevoli violazioni dei diritti umani che le persone dovranno affrontare se dovessero essere rimpatriate”, ha concluso Bashi. Ad esempio, questo mese, un uomo di 22 anni è stato arrestato nella periferia di Damasco dalle forze del regime siriano “senza alcun mandato di arresto legale”, secondo la Rete siriana per i diritti umani (SNHR). E solo a gennaio, l’SNHR ha documentato 113 esecuzioni extragiudiziali di civili e 213 arresti arbitrari in Siria.

Aspettando l’appello

Maysa Dada studia assistenza sociale, sua figlia di 23 anni ha aperto un salone di parrucchiera e suo marito lavora nell’edilizia. Ma la realtà di questa famiglia siriana che vive a Odense, una città sull’isola di Funen, è stata ribaltata nel gennaio 2021 quando le autorità danesi hanno revocato i loro permessi di soggiorno.

Dopo aver perso la residenza, Maysa è stata informata dal consiglio comunale che non poteva continuare i suoi studi. “Studio da sei anni per ottenere un certificato dalla Danimarca, e ora mi fanno lasciare gli studi; di cosa sono colpevole? ” ha chiesto questa 39enne.

(In foto Maysa Dada, il cui permesso di soggiorno è stato revocato a gennaio)

Maysa e suo figlio sono arrivati ​​in Danimarca nel 2015 dopo aver chiesto il ricongiungimento familiare per raggiungere il marito che era arrivato un anno prima. Il padre di suo figlio, frutto di un precedente matrimonio, vive a Idlib. Il fratello di Maysa è un disertore dell’esercito.

Nonostante queste circostanze, Maysa ha ricevuto l’ordine di espulsione. Subito dopo, ha detto che i suoi livelli di zucchero sono saliti alle stelle e ha dovuto aggiornare i suoi farmaci per il diabete. “Stiamo vivendo tempi di stress in Danimarca; non possiamo essere sereni. ” Ora la famiglia sta aspettando la decisione finale del Refugee Appeals Board.

Così è per la 33enne damascena Nivine Rahal, arrivata in Danimarca sei anni fa. Vive a Roskilde, vicino a Copenaghen, e si sta preparando per gli esami per frequentare l’università.

Nell’agosto 2020, quando le autorità danesi hanno riaperto il fascicolo di Nivine, le ha informate di essere stata minacciata da persone legate al regime, ma le autorità danesi hanno ritenuto che le sue parole “non fossero sufficienti”, ha detto. Le autorità per l’immigrazione le hanno detto che “apparteneva più alla Siria che alla Danimarca” perché aveva vissuto 26 anni in Siria.

Il suo permesso di soggiorno è stato revocato nell’ottobre 2020. “Non dormo bene la notte; mi sembra di aver lasciato una guerra fisica solo per entrare in una guerra psicologica “, ha spiegato Nivine.

I richiedenti asilo respinti affrontano il labirinto danese

In Danimarca, i richiedenti asilo respinti sono obbligati a lasciare il territorio danese. Ma poiché Copenaghen non ha accordi di rimpatrio con Damasco, i ritorni in Siria devono essere volontari. Finora, per quanto ne sappia Syria Direct, nessun siriano è tornato volontariamente.

“Se la Danimarca ci manda in Siria, nel momento in cui atterreremo all’aeroporto di Damasco, sarà la nostra esecuzione”, ha detto Radwan, che ha partecipato a diverse manifestazioni contro il governo di Assad mentre era in Danimarca. “Preferirei togliermi la vita in fretta piuttosto che tornare in Siria, essere detenuto dal regime e morire lentamente sotto tortura”, ha detto.

Radwan Jomaa partecipa ad una protesta anti-Assad ad Esbjerg, Denmark (24/10/2020)

Il ritorno in Siria è fuori discussione anche per Nivine e Maysa. “Sono scappata dal regime che ha distrutto le nostre vite. È ancora al potere, come potrei tornare? ” Chiede Nivine.

Maysa si è convertita dall’Islam al cristianesimo e suo marito ha ricevuto minacce. Aveva voglia di reagire. “Ho faticato molto per imparare il danese. Mio marito e mio figlio hanno un lavoro qui; come andremo in un altro paese adesso? ” Per Nivine, andare in un paese terzo sembra l’unica alternativa se il suo ricorso viene respinto.

“Le nostre impronte digitali sono in Danimarca; sembra impossibile che qualsiasi altro paese dell’area Schengen ci accetti “, ha detto Radwan, riferendosi al regolamento di Dublino.

I rifugiati siriani a cui è stato concesso asilo per la prima volta in Danimarca e ai quali ora è stato revocato il permesso di soggiorno possono chiedere asilo in un altro paese europeo? La risposta è piuttosto complessa, secondo quattro esperti legali consultati da Syria Direct.

A priori, non possono perché, ai sensi del regolamento Dublino, le persone che prima chiedono asilo in un paese dell’UE e poi cercano di richiederlo in un secondo paese dell’UE devono essere rimpatriate nel primo paese in cui hanno presentato domanda.

Detto questo, in realtà, ogni Stato europeo tratta i casi Dublino in modo diverso, secondo le proprie regole sull’immigrazione. Pertanto, i siriani potrebbero avere una risposta diversa a seconda del paese in cui si recano e del loro caso personale.

Tuttavia, il fatto che la Danimarca non possa deportare forzatamente i siriani e che i rimpatri debbano essere volontari può ostacolare la richiesta di asilo dei siriani in un altro paese dell’UE perché non possono affermare di essere a rischio di essere rimandati in Siria. Inoltre, la Danimarca è generalmente considerata un paese sicuro. Tenendo conto di questi fattori, lo scenario più probabile è che vengano rispediti in Danimarca.

Ma ancora una volta, l’applicazione del meccanismo Dublino varia da paese a paese e ci sono casi in cui i rifugiati presentano la loro domanda di asilo prima in un paese dell’UE e poi in un altro. Dipende da ciascuno degli stati membri. Ad esempio, se un richiedente asilo presenta una domanda in Spagna e si reca in un altro paese dell’UE, tende a essere rimpatriato in Spagna; tuttavia, paradossalmente, la Spagna non tende a rimpatriare i rifugiati che hanno precedentemente presentato domanda di asilo in un altro paese dell’UE.

Finire in un limbo

Se i richiedenti asilo respinti non lasciano la Danimarca, le autorità danesi li inviano ai “centri di rimpatrio” dove sono costretti a rimanere fino a quando non cambiano idea e lasciano il paese.

I siriani nei centri danesi di rimpatrio

Attualmente ci sono 59 siriani – di cui dieci minori – nei tre centri di partenza di Avnstrup, Sjælsmark e Kærshovedgård.
Come mostra il grafico, il numero di siriani trasferiti nei centri di partenza lo scorso anno ha quasi triplicato il numero di siriani inviati in questi centri nei cinque anni precedenti. Anche i cittadini stranieri con precedenti penali vengono inviati a questi centri. Syria Direct ha chiesto ripetutamente ai Servizi danesi per l’immigrazione di chiarire quanti dei 59 siriani erano stati inviati lì a causa di precedenti penali e quanti a causa della revoca di un permesso di soggiorno, ma non gli sono state fornite tali informazioni.
Il centro Avsntrup ospita attualmente 303 richiedenti asilo (tra cui 12 siriani), di cui 151 bambini. Il centro, pensato per le famiglie, dispone di asilo nido, reparto maternità e ambulatorio sanitario. “I residenti del centro sono lì perché gli è stato negato l’asilo, non perché abbiano precedenti penali”, secondo il dipartimento per l’asilo della Croce Rossa danese, l’organizzazione che gestisce il centro.

Le persone che vivono in questi centri di partenza non sono considerate detenute perché possono lasciare i locali durante il giorno e chiedere il permesso di dormire fuori dal centro. Syria Direct ha chiesto alle autorità per l’immigrazione di specificare a quali restrizioni di movimento sono soggetti i residenti, ma non hanno risposto al momento della pubblicazione di questa storia. Secondo un rapporto del Ministero dell’Immigrazione e dell’Integrazione del 2017, “gli stranieri devono presentarsi alla polizia presso il centro di partenza tre volte a settimana”.

Nel centro Avsntrup, i richiedenti asilo “dovrebbero documentare la loro presenza al centro due volte al giorno”, secondo la Croce Rossa, creando cosi un ambiente simile a una prigione.

I centri di Sjælsmark e Kærshovedgård sono gestiti dai centri penitenziari e di libertà vigilata danesi. Sjælsmark, un tempo base militare, ospita sei siriani e Kærshovedgård, un centro recintato situato in una zona remota, ospita 41 siriani; è rivolto a persone che hanno una famiglia e che non collaborano con le autorità per quanto riguarda il rimpatrio.

La Direttiva sui rimpatri dell’UE, che stabilisce regole comuni per il “rimpatrio o l’allontanamento dei migranti irregolari”, stabilisce un periodo massimo di detenzione di sei mesi per le persone prive di documenti (rinnovabile per ulteriori 12 mesi in alcuni casi).

I legislatori europei hanno stabilito questo limite massimo perché “dopo un certo periodo di tempo”, se l’allontanamento non viene messo in atto, la detenzione non è più uno strumento per “facilitare” il rimpatrio ma piuttosto “una misura punitiva”, secondo un’agenzia dell’Unione europea per la relazione sui diritti fondamentali. Lo scopo di questo limite superiore era prevenire “casi di detenzione a tempo indeterminato”.

Mentre sulla carta, i richiedenti asilo respinti nei centri di rimpatrio danesi non sono detenuti, essere costretti a vivere in un centro e registrare due volte al giorno entrata e uscita sembra quasi una situazione di “detenzione a tempo indeterminato”. Almeno, è così che vengono percepiti dai rifugiati siriani respinti.

“Nessuno accetterà di andare ai centri di rimpatrio perché questi campi sono come le prigioni; perché qualcuno dovrebbe accettare di vivere lì? ” Chiede Nivine.

“Siamo scappati dalla Siria e abbiamo messo le nostre vite in pericolo per finire in centri simili a prigioni in Danimarca, un paese che è democratico e libero?” Ha chiesto Radwan. “Ho sentito che coloro che vivono nei campi di rimpatrio vivono in condizioni miserabili. È morale o logico per te? “

Maysa ha detto che, se necessario, andrà al tribunale europeo per evitare di essere inviata a questi centri di rimpatrio. “Non rimarremo in silenzio”, ha promesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...