Lina Barakat: “Voglio partecipare a questo cambiamento”

Conversazione con la leader del Syrian Women’s Council

“Perché non posso essere una partecipante, piuttosto che una semplice spettatrice? Anche se devo fare dei sacrifici, sono disposta a farlo perché tutto ha un prezzo “.

Intervista di Avin Youssef pubblicata il 21 dicembre 2020 su Syria Untold

(Questo articolo è stato pubblicato con la collaborazione e il partenariato del Syrian Female Journalists Network, come parte del programma Women, Peace and Security. Leggi l’articolo originale, pubblicato in arabo, qui.)

Traduzione di Giovanna De Luca

Nata a Homs nel 1979, Lina Barakat è cresciuta in una famiglia di mentalità aperta. Ha studiato letteratura francese presso l’Università Al-Baath di Homs, conseguendo in seguito un master e lavorando come assistente didattica. Da tempo si interessa ai problemi delle donne.

Il suo interesse derivava non solo delle sue esperienze, ma anche dalle esperienze di altre donne intorno a lei.

“La nostra società percepisce le donne come condiscendenti … anche se queste crescono all’interno di una famiglia comprensiva e liberale”, dice Barakat a SyriaUntold.

“A livello familiare e personale, i miei genitori erano molto comprensivi e non hanno mai fatto discriminazioni tra noi in base al sesso. Lo spazio era sempre aperto per noi ragazze della famiglia. Ma il mio interesse per i problemi delle donne deriva dagli incidenti intorno a me accaduti a una vicina , una parente, un’amica o una coetanea. Al constatare l’entità dell’ingiustizia contro le donne mi chiedo sempre perché “, dice.

Barakat ha iniziato a cercare risposte, soprattutto in mezzo alla “quantità di contraddizioni” che ha trovato quando ha letto alcuni libri religiosi e altri che trattano gli affari delle donne, e li ha confrontati con ciò che stava accadendo nella società. Tutto questo ha fatto si che si interrogasse: “Per quanto tempo continuerò a girare in tondo senza essere in grado di ottenere nulla?”

Diritto all’autodeterminazione

Barakat ha assistito a una pletora di ingiustizie durante il governo del Baath, prima dello scoppio della rivoluzione siriana nel 2011, e sulla base della sua lettura della legge sullo status personale della Siria e dei casi di divorzio, omicidio e discriminazione contro le donne. Anche a livello personale, come donna, non poteva rappresentare se stessa nel suo matrimonio, e dato che suo padre era deceduto suo fratello decideva per lei. Si è vista incapace di decidere il proprio destino, anche nel matrimonio, nonostante avesse avuto 30 anni e fosse stata in possesso di un master.

La maggior parte delle domande sono rimaste bloccate nella sua testa, incluso il motivo per cui non poteva prendere la decisione di chiedere il divorzio da sola. Perché è stata costretta a ricorrere ai tribunali per richiedere la khula, il divorzio, nella giurisprudenza islamica? Questo percorso spesso porta la donna a fare grandi concessioni, secondo Barakat, come rinunciare alla custodia dei bambini, restituire la dote (mahr) e affrontare il pagamento coniugale differito (muakhar al-sadaq).

La donna ribelle dentro di lei accettava solo le risposte che cercava e scopriva personalmente, e le convinzioni e idee che raggiungeva.

I diritti delle donne sono diritti umani

Per Barakat, i diritti delle donne non sono solo una questione legale, ma anche umanitaria. Ma le leggi possono dare alle persone un motivo per perseguire ciò che è giusto, dice.

“Perché non posso essere una partecipante, piuttosto che una semplice spettatrice? Se devo fare sacrifici, sono disposta a farli perché tutto ha un prezzo. Quando ho visto tutti questi risultati, da Dar el-Mara [un’organizzazione per i diritti delle donne] riguardo alla Legge sulle donne [un insieme di leggi approvate dalle autorità intese a promuovere i diritti delle donne] e la Commissione delle donne siriane [un ente autogestito per i diritti delle donne], e quando ho capito che le donne possono essere presenti in ogni aspetto dell’amministrazione nella regione, ho deciso di farne parte, se avessi avuto la capacità, l’energia e il desiderio di migliorare la situazione delle donne , me compresa. “

Maarouf Barakat, fratello di Lina, dice a SyriaUntold: “Penso che le decisioni e il lavoro di Lina siano umanitari. La difesa dei diritti delle donne nella società è innanzitutto un dovere umanitario. Ha scelto un percorso aspro e spinoso per difendere i diritti, ciò richiede un carattere determinato e resistente come il suo. Ho sempre visto questo aspetto in Lina da quando era bambina a scuola, all’università e persino nel suo matrimonio. Non ha mai accettato e non accetterà mai di essere umiliata o sottomessa. Sono orgoglioso di lei e penso che avrà un futuro luminoso nel suo percorso umanitario “.

Una vasta rete

Nel 2017, Barakat si è trasferita nella Siria nord-orientale, controllata dall’autorità di governo dell’autogestione a maggioranza curda. Ha dovuto adattarsi al suo nuovo ambiente, in particolare alla lingua, poiché la maggior parte delle persone nella regione parlava curdo. Per lei era difficile comunicare con le persone.

Nonostante le difficoltà, Barakat è ora coordinatrice generale del Syrian Women’s Council, un organismo indipendente con sede a Qamishli che difende i diritti delle donne. Dopo aver assunto il suo ruolo, era importante per lei ampliare la sua rete di contatti e svolgere attività ed eventi correlati. Ha contattato donne in diverse città siriane, donne che hanno assunto posizioni nel consiglio esecutivo. Quelle donne sono rappresentanti di organizzazioni a Damasco, sulla costa siriana, Suwayda, Homs, Aleppo e in altre città.

Le donne del Syrian Women’s Council sono attive anche nel campo per sfollati di al-Hol nel nord-est della Siria, dove molte mogli e figli di ex combattenti dello Stato Islamico sono detenuti dalle autorità a maggioranza curda. Secondo Barakat, le attiviste del consiglio delle donne stanno implementando un nuovo progetto di lavoro con il dipartimento delle donne migranti del campo. Gestiscono centri in tutti i campi della regione e si concentrano principalmente sull’empowerment politico.

“Ho notato che le donne hanno sempre paura della politica e ho voluto lavorare su questo aspetto, sapendo che la politica è al centro delle questioni femminili. La politica sfrutta la religione e la religione è il pretesto attraverso il quale le donne vengono sfruttate. Se le donne non si impegnano adeguatamente nel campo politico e non prendono coscienza di quale sia il loro ruolo e il loro posto, i loro diritti continueranno a non essere rispettati e dovranno continuare a lottare per la loro causa”, dice Barakat.

Barakat ha cercato di espandere la sua rete di contatti con lo scopo di raggiungere un livello internazionale, ma organismi come l’ONU e l’UE “non erano imparziali”, come era stato detto.

Più recentemente, Barakat ha scelto di espandere la sua rete attraverso i social media e Zoom, tenendo workshop con la partecipazione di alcune figure e organizzazioni arabe e internazionali. Ma ha notato che raramente rispondono, poiché ritiene che il loro lavoro sia spesso collegato a determinati programmi o politiche.

Un nuovo ambiente

Barakat si è trovata a casa nella Siria nord-orientale, nonostante le barriere linguistiche. “La mia fiducia era stata ripodta nel luogo giusto e sono rimasta sorpresa dalla calda e amorevole accoglienza ricevuta, dal rispetto e dall’ apprezzamento per questa semplice iniziativa mi ha fatta diventare partner del movimento delle donne nella regione. Il loro supporto è stato vitale per me e non mi sono mai sentita un’ estranea. Quando hanno scoperto che ero di Homs, la loro accoglienza è stata ancora più calorosa. Naturalmente ci rendiamo conto che non siamo in una città perfetta e che l’immagine a cui aspiriamo non è del tutto ideale. Conoscevo la regione di al-Jazira [della Siria nord-orientale] e la sua natura prevalentemente tribale, araba, curda o siriaca. In un tale ambiente, le donne devono sempre affrontare restrizioni e i loro diritti vengono violati. Ma, rispetto a tutto ciò che ho menzionato, la situazione andava bene. Non dico che fosse perfetto, ma andava bene. Che idee così innovative fossero venute fuori da un simile ambiente è davvero un miracolo! “

Barakat non nega le sfide e gli ostacoli in un tale ambiente, che è “pieno di costumi, tradizioni arretrate, povertà, mancanza di interesse per l’istruzione e il basso numero di persone che hanno ottenuto un’istruzione, ciò riguarda soprattutto le donne, la maggior parte delle quali si è sposata in giovane età facendosi carico di responsabilità relativamente enormi. Un tale ambiente richiede evidentemente enormi sforzi e una lotta per il cambiamento. Non abbiamo una bacchetta magica per cambiare la situazione da un giorno all’altro. Quello che ho trovato qui non mi ha scioccata, perché è bello venire in un ambiente del genere e svolgere un lavoro tanto necessario “.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...