Una lettera all’Internazionale Progressista

Pubblicato il 22 settembre 2020 su Al-Jumhuriya (https://www.aljumhuriya.net/en/content/letter-progressive-international)

(Traduzione di Giovanna De Luca)

[Nota del redattore di Al-Jumhuriya: ad aprile, lo scrittore siriano e cofondatore di Al-Jumhuriya, Yassin al-Haj Saleh, è stato invitato a unirsi al consiglio consultivo dell’Internazionale Progressista( Progressive International) , un nuovo movimento che cerca di “unire, organizzare e mobilitare forze ”in tutto il mondo, coinvolgendo personaggi noti come Noam Chomsky, Arundhati Roy e Yanis Varoufakis. La lettera che segue doveva essere il contributo inaugurale di al-Haj Saleh al braccio mediatico del movimento, Wire; concepito come una piattaforma “per le forze progressiste del mondo, traducendo e diffondendo prospettive critiche e storie dalla base di tutto il mondo”. La lettera, tuttavia, non è mai stata pubblicata da Wire, che ha interrotto la corrispondenza con al-Haj Saleh senza spiegazioni. Viene pubblicata qui da Al-Jumhuriya, con modifiche minori, per la prima volta.]

Cari compagni e amici,

È il momento opportuno per riunirci e lavorare per un nuovo mondo internazionale, attivo, progressista e autenticamente democratico. Molti dei nostri problemi oggi sono di natura globale, non c’è possibilità di trovare soluzioni puramente nazionali per nessuno di essi. La crisi del Coronavirus lo dimostra con rinnovata chiarezza, sebbene il degrado ambientale lo stia dimostrando almeno da una generazione. Aggiungerei un altro problema globale: la bestia a due teste del razzismo e la “Guerra al terrorismo”. Questa guerra non è affatto una guerra reale, ma piuttosto la tortura di intere società, e io vedo la tortura come una pratica socio-politica volta a creare razze. La tortura appartiene a una famiglia di mali, i cui altri membri sono la schiavitù, il colonialismo e il genocidio. Con la tortura, che è un gioco crudele giocato dai torturatori al confine tra la vita e la morte dei torturati, si creano padroni e schiavi: le razze, in altre parole. Non viene invocata alcuna carenza di “teoria” per giustificare e legittimare questo. Tutto può essere impiegato al servizio delle scritture razziste: modernità; secolarismo; la Guerra al Terrore; persino l’antimperialismo.

Nel mio paese, la Siria, è stata praticata la tortura durante decenni prima che questa diventasse un importante teatro della guerra al terrorismo, in cui tante delle agenzie criminali del mondo hanno dimostrato la loro abilità unendosi a questa guerra tortuosa; Bashar “Chemical” Assad apre la strada. Dopo l’inizio della rivolta siriana nel marzo 2011, il regime di Assad ha abolito lo stato di emergenza in vigore nel paese dal primo colpo di stato baathista del marzo 1963, solo per sostituirlo con leggi di “lotta al terrorismo”, spostandosi quindi da una forma di quello che Agamben chiama uno stato di eccezione a un altro. La mossa era semplicemente la continuazione di una guerra sterminatrice contro organizzazioni politiche e iniziative indipendenti.

La Siria di oggi, è governata dalla famiglia Assad da mezzo secolo, lo stato privatizzato ha chiesto a potenze straniere di proteggere la sua proprietà del paese, vi sono non meno di cinque occupazioni: israeliana; iraniana; americana; russa; e turca. Ci sono anche molti attori sub-statali: Hezbollah, che è un satellite libanese dell’Iran; ulteriori milizie islamiste sciite provenienti da Iraq e Afghanistan; il PYD curdo, che è il ramo siriano del PKK in Turchia; il ramo di al-Qaeda attualmente noto come Hay’at Tahrir al-Sham; e altri piccoli gruppi salafiti-jihadisti. Nel suo periodo di massimo splendore tra il 2014 e il 2017, lo Stato islamico / Daesh è riuscito ad attirare jihadisti tra le sue fila da quasi la metà dei paesi del mondo, rivaleggiando con l’ONU e le sue organizzazioni in quanto organismo internazionale. Il jihadismo è una sorta di internazionale islamica, il cui immaginario è ossessionato dagli spettri degli imperi musulmani transnazionali del passato.

Parte del mondo si trova in Siria e fino a 6,5 milioni di siriani (poco meno del 30% della popolazione) sfollati fuori dal paese, sparsi in tutto il mondo, l’attuale Siria è una nazione denazionalizzata, una non patria. Se intendiamo l’internazionalismo come una denazionalizzazione progressiva e positiva del mondo, la curiosa situazione della Siria dovrebbe essere un punto di partenza analitico. Il Paese è un microcosmo di un mondo che è diventato una macro-Siria. Comprendere la Siria ci aiuta molto a capire il mondo di oggi, e credo che il fallimento della comprensione e dell’analisi sia peggiore del fallimento della solidarietà verso il paese. Non voglio essere duro, ma la maggior parte dell’analisi prevalente è veramente patetica, mostra rari livelli di semplificazione eccessiva e povertà di conoscenza: pura ignoranza, in breve. Non si può non rimanere stupiti dall’assenza del mondo che ha determinato la sorte dei ribelli siriani: sentirsi dire che la protezione della Russia putinista di un regime genocida è legittima; o sentire la solidarietà espressa per un serial killer come l’iraniano Qassem Soleimani, piuttosto che per le vittime sul cui sangue ha camminato vittoriosamente ad Aleppo e in molte altre parti della Siria. Questi sono solo due degli innumerevoli esempi di disumanizzazione di persone alle quali è stato detto per quasi un intero decennio che sono irrilevanti, anzi ostracizzate dal mondo. Questo è il motivo per cui credo che una nuova internazionale che ignori o emargini il crimine internazionale più grave di questo secolo fino ad ora, o che non metta in discussione queste condizioni di assenza del mondo e travisamento sia nella teoria che nella pratica, sia destinata al fallimento.

Per molti di noi siriani di sinistra e democratici è stato uno shock vedere che la nostra lotta per la democrazia, la giustizia e la dignità sia stata respinta dagli antimperialisti in Occidente, e a livello globale. Sembra che la narrativa del regime sia stata accettata da molti. I saggi arrivarono per convincersi che non c’erano “bravi ragazzi” laggiù; uno slogan formulato da quell’amico intimo del micidiale mukhabarat siriano, il giornalista britannico Robert Fisk (la cui conoscenza dell’arabo, dopo oltre 40 anni di vita nella regione, è tale da fargli credere che la parola sia “muhabarat”). Questo è peggio di un errore. Sostituisce la conoscenza del presente con un ricordo, persino nostalgia, per il passato; in parole povere, si attacca ai primi modi di pensare e giudicare della Guerra Fredda. Questa è la ricetta per una internazionale vecchia e reazionaria, non nuova e progressista. La Siria è uno stato privatizzato, appartiene ad una feroce dinastia di mafiosi, il cui obiettivo più alto è rimanere al potere per sempre, anche a costo di uccidere centinaia di migliaia di persone e consegnare il paese a crudeli “protettori” come Iran, Russia e i loro satelliti.

Il completo fallimento delle forze internazionali, incluse quelle antimperialiste, nei confronti della principale lotta di questo secolo è sintomatico di una crisi ancora più grande: il loro disorientamento e la mancanza di una visione e di un progetto.

Abbiamo bisogno, a livello globale, di quello che potremmo chiamare un terzo movimento di solidarietà. Il primo è venuto dopo Bandung ed è sopravvissuto per circa due decenni. Il suo centro di gravità erano i paesi di recente indipendenza, dove le idee di solidarietà afro-asiatica, o le popolazioni del “Tricontinente”, erano ampiamente condivise. Era il tempo della decolonizzazione e dell’ideale socialista. Questa prima solidarietà è avvenuta tra i governi nazionalisti del Terzo mondo e si è risolta negli anni ’80 con l’ascesa di regimi oligarchici brutali in molti paesi asiatici, africani e latinoamericani e il graduale declino dagli anni ’70 in poi del blocco comunista e socialista che ha sostenuto il non allineamento contro il nemico comune; l’Occidente capitalista.

Alla fine degli anni ’80, il capitalismo aveva ottenuto la sua più grande vittoria del secolo. Negli anni ’90 iniziò a manifestarsi in Occidente un secondo movimento di solidarietà con le vittime dell’oppressione, della dittatura e della discriminazione contro le minoranze. Le persone di mentalità progressista hanno adottato cause del “Terzo mondo” o comunità oppresse nella stessa Europa, hanno costruito organizzazioni e reti per sostenere questa o quella causa, di solito in modo paternalistico. Le politiche di solidarietà sono state atomizzate, non sono stati fatti sforzi per riunire le diverse cause. Forse i sostenitori della causa palestinese, ad esempio, potrebbero cooperare con gli attivisti contro il razzismo, ma in generale le cause e i movimenti di solidarietà ad essi collegati sono separati, intellettualmente e organizzativamente. Si scorge facilmente un rapporto di potere ineguale nelle attività di solidarietà, per cui le cause degli oppressi e dei loro agenti sono patrocinate dalle reti di solidarietà occidentali, ed emerge un “mercato” di cause, con tendenze oligopolistiche. Come molti siriani, ho avuto esperienze infelici con questo tipo di attivismo di solidarietà in Turchia e in Europa, sulle quali ho riflettuto nel mio articolo, “Una critica della solidarietà”(https://www.aljumhuriya.net/en/content/critique-solidarity)

Ora, quindi, è il momento di un terzo movimento di solidarietà su scala globale. Dovrebbe essere più affermativo, mirato al cambio di regime globale. Contrapporre le cause l’una all’altra, garantire una certa solidarietà ignorando le altre, non è affatto una politica progressista. Occorrono analisi più sistematiche che mostrino le radici dei problemi del razzismo e della povertà e delle crisi della salute e dell’ambiente. Lo scontro di vittimismo a cui era suscettibile la seconda struttura di solidarietà va evitato, anzi condannato. Il palcoscenico di questa terza solidarietà è il mondo. Gli ideali internazionali sono inconciliabili con visioni e visualizzazioni eurocentriche. Ciò che ci unisce è un partenariato basato sull’uguaglianza e l’equità, sebbene le temporalità asimmetriche e le diverse autonomie di lotta siano principi fondamentali per un’ internazionale decentralizzata e radicalmente democratica.

La Progressive International può essere un attore attivo in questa terza solidarietà. Avrei preferito un nome diverso per l’iniziativa; un giovane amico ha suggerito “Planetary Dignity”, che trovo più creativo e progressista. Il nome si riferisce alla casa di umani e non umani che sono esistenzialmente minacciati dal capitalismo e dall’adorazione del potere e del profitto. La dignità è il valore che racchiude altri valori e che richiede rispetto per noi stessi, per tutti gli altri e per la vita stessa. Indipendentemente da ciò, credo che ci stiamo davvero dirigendo verso una nuova ondata di movimenti internazionali e di mentalità planetaria. La pluralità è necessaria all’interno di ogni movimento, poiché è essenziale per un mondo più democratico.

Possiamo noi essere partner nella lotta per una vita migliore per gli esseri umani e una migliore umanità per la vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...