Io ricorderò…

Screenshot_20200716_192815

ICCHIKU YAMADA(qui l’originale)

Traduzione di Marina Centonze

 

Dopo 3 anni di ricerca e stesura della tesi, ho finalmente conseguito un master presso l’Università di Tokyo, specializzandomi in studi sul genocidio. Il mio trattato di 184 pagine in giapponese, ” Uno studio sul meccanismo del genocidio all’interno del concetto più ampio: il caso degli atti di sterminio contro i civili nella rivoluzione siriana ” è una dedica a tutti i siriani che credono nella libertà, nella giustizia e nella dignità.

Ora sono diventato un “esperto” del sistema di tortura siriano e del suo meccanismo … questo è il momento più felice e più triste della mia vita. Vorrei cogliere l’occasione per esprimere i miei sentimenti dopo aver trascorso 3 anni in questo orribile campo di ricerca. Ciò che mi ha dato è un dolore estremo ma anche un’enorme quantità di speranza e dignità. Questo è un post lungo; tuttavia, spero che ognuno di voi lo leggerà.

 

La persona nella fotografia che sto tenendo in mano si chiama Ayham Ghazzoul. Avrebbe compiuto 33 anni lo scorso aprile. Sono passati 7 anni da quando il mondo lo ha perso. Fu ucciso sotto la sistematica tortura del regime di Assad quando aveva 25 anni. Fu un omicidio brutale, disumano e inimmaginabile. Si è alzato in piedi per chiedere libertà, giustizia e dignità, come hanno fatto numerosi siriani nel 2011; ha difeso i diritti umani e si è opposto al regime autoritario. Sì, la ragione per cui è stato torturato a morte è semplicemente quella di aver seguito il suo senso di umanità. Il 15 novembre 2012, è stato catturato all’Università di Damasco, torturato con strumenti barbarici ed elettricità per oltre 4 ore di fila, trascinato in una delle migliaia di prigioni sotterranee del regime, lasciato morire in una cella oscura della prigione mentre soffriva per il dolore. Il suo cadavere è ancora sotto il controllo degli autori, il regime di Assad. Questo è il paese chiamato Siria.

Ayham stava facendo la sua formazione di specializzazione come dentista all’Università di Damasco, allo stesso tempo era un membro attivo dell’organizzazione siriana per i diritti umani e i media, SCM. Era amato da tutti; dai suoi studenti di cui era mentore, dai suoi colleghi e la sua famiglia. Era il figlio più giovane della famiglia ed era sempre gentile, divertente, bello ed era una gioia per la famiglia come mi spiegava sua madre Mariam. Amava veramente la bellezza della rivoluzione siriana ed i suoi valori di libertà. Il viso di Ayham si illuminava ogni volta che tornava a casa dalle manifestazioni . Il caso di Ayham è uno dei soli 8 casi che ho incluso nella mia tesi di dottorato dando uno sguardo all’umano dietro l’orribile massacro. Questo rende il mio studio diverso e unico rispetto a molti altri rapporti sui diritti umani sul caso di Ayham. Inoltre, questo rende la mia tesi molto controversa. Ho ricevuto molte critiche da professori: che sono di parte come accademico. Tuttavia, non c’è delusione per me. Perché sono un essere umano prima di un accademico. Sin dall’inizio, volevo che questa indagine facesse luce sul “lato umano” di ciò che sta accadendo in Siria, non solo analizzando i dati. Probabilmente sono un “cattivo accademico”. Eppure, giustamente e con orgoglio, non considero la mia tesi solo come una ricerca. Questo è un atto di resistenza contro i criminali più atroci del mondo, l’impunità in corso e la fine della nostra umanità.

In Giappone, quasi non si conoscono i casi di tortura in Siria. È la prima volta che la si spiega e analizza; inoltre, gli 8 resoconti personali e il memoriale dettagliato delle torture e delle prigioni siriane sono stati trasmessi in Giappone.

Ho sempre considerato questi episodi legati alla tortura in Siria come un atto di sterminio. La tesi mira a rivelare il meccanismo degli atti di sterminio compiuti dal regime siriano nell’ambito degli studi sul genocidio. All’interno di questo spettro, la mia ricerca mette in discussione quanto segue: chi è il gruppo colpito e come viene condotta la violenza? Alla domanda si risponde attraverso le testimonianze delle famiglie delle vittime, nonché di sette ex detenuti che avevo raccolto da agosto 2018 a ottobre 2019. La tesi ha concluso che gli atti di violenza hanno preso di mira civili che avevano simpatia per la rivoluzione (mi riferisco a loro come “Revolution Sympathizers”). Ciò include anche coloro che “sembravano” avere compassione, collocando la parola “genocidio all’interno del concetto più ampio”.

Usando questa teoria e questo quadro, ho trovato una spiegazione a quello che è successo e succede ancora in Siria; la prigionia da parte del regime dei “simpatizzanti della rivoluzione” non è solo una grave violazione dei diritti umani. Non è la violenza di routine nelle zone di guerra, ma lo sterminio intenzionale e sistematico su scala industriale attraverso una chiara catena di comando. È un genocidio. Quindi, la mia analisi ovviamente mette in discussione l’attuale legge internazionale e le sue limitazioni.

Spiego in questi punti nel capitolo centrale della mia tesi come segue:

(1) Cosa è successo in Siria: la vita sotto l’autocrazia

(2) Cosa è successo in Siria: lo spirito e la memoria di Thawra

(3) La brutalità in Siria e la reazione della comunità internazionale: le foto di Caesar

(4) Otto testimonianze: Immagine completa degli Atts of Extermination

(5) Cosa sta succedendo nelle segrete del regime: arresto, sparizione, tortura e morte

(6) Rivelare il meccanismo degli atti di sterminio: analizzare la catena di comando e il quadro giuridico e politico in Siria

(7) Rivelare il meccanismo degli atti di sterminio: l’intenzione dei perpetratori e le caratteristiche della tortura nell’ambito del concetto più ampio di genocidio

(8) Nuova frontiera della giustizia internazionale: prospettive di persecuzioni e approccio incentrato sulle vittime

 

Chiaramente, non potevo finire la mia tesi da solo senza il generoso e fermo sostegno dei miei cari amici. Voglio cogliere l’occasione per ringraziare tutti – mi concentro sui siriani qui – che mi hanno aiutato e supportato durante la mia ricerca perché tutto il merito dovrebbe essere loro.

Nella sezione rivoluzione, ho citato molto uno dei più importanti pensatori rivoluzionari Yassin al-Haj Saleh , che ho avuto il privilegio di incontrare in Germania. Inoltre, grandi intellettuali e rivoluzionarie come Robin Yassin Kassab e Leila al Shami . Spero di avere la possibilità di incontrarli di persona per scambiare più idee in futuro. Inoltre, Samar Yazbek mi ha ispirato in molti modi mentre scrivevo questo capitolo. Ho fatto molte gite sul campo con i suoi libri come portafortuna. Voglio inoltre ringraziare tutti i siriani che hanno contribuito alla testimonianza della rivoluzione. Dato che la rivoluzione siriana non è stata una rivolta guidata dall’élite, ho voluto assicurarmi che le voci provenienti dalle strade e dal fronte fossero incluse nella mia ricerca. Sfortunatamente, non posso menzionare il nome di tutti, ma ringrazio Abdulrahman Asfari , Nour Kormosh , Dilsoz Bilal , Amjad Haj Khouder , Fras Mhammad , Mohannad Alnajjar , Salman Syr , Basel Aljunaidy . Vorrei dedicare un momento a Mohamed Bakhouri, che mi ha davvero ispirato attraverso la sua testimonianza emotiva. La sua dichiarazione ha portato infinite lacrime di tristezza e gioia ai miei occhi quando ha finito:

 

“Sono sopraffatto dal dolore per la distruzione nel mio paese. Il prezzo per la libertà è sempre elevato, ma un essere umano che ci crede ne conosce i costi. Gli umani possono sacrificare tutto per la libertà e questo è ciò che i siriani stanno facendo. Dopo tutte queste lotte e sofferenze, il sole della libertà può sorgere. Credo che Dio darà un futuro glorioso a tutti i siriani … ”

Inutile dire che la potente testimonianza di Lina Shamy si è conclusa con lo sguardo verso una resistenza sta avanzando per essere pronta per il prossimo capitolo della rivoluzione. Un sacco di gratitudine anche per يوسف موسى . 

Massicci riconoscimenti a هادي العبدالله Hadi abdullah , Tamer Turkmane , Fadi Al-halabi , Baraa AL Halabi e Ibrahim Almooalem per il loro materiale fotografico essenziale e di ispirazione.
Inoltre, ho avuto la fortuna di ottenere supporto empatico da Mayada Issa ; il cui amore per i rivoluzionari è incondizionato e la sua testimonianza è un resoconto significativo di come le madri siriane abbiano reagito alla rivoluzione.

I contributi dei siriani non riguardavano esclusivamente il capitolo della rivoluzione.
حسين حمادة حمادة è un ex giudice della Corte di cassazione in Siria e un grande intellettuale rivoluzionario. Certamente non avrei potuto finire la mia analisi senza il suo supporto incondizionato e la conoscenza approfondita delle sue esperienze professionali nelle operazioni legali e politiche della Siria.
Senza incontrare il caro amico Talal Derki , oggi non sarei qui – gli sono per sempre grato.
Ringrazio anche il Team di volontariato Molham di فريق ملهم التطوعي (in particolare أحمد أبو الشعر , عاطف نعنوع e Shabab a Gaziantep , nonché il Martyr Molham Traifi), Vi amo così tanto. Grazie alla fantastica difesa civile siriana – anche il team White Helmets (in particolare, Radi Saad, Assad Hanna e Moneer Mostafa ).
Ultimo ma non meno importante, non posso apprezzare abbastanza tutti i sopravvissuti delle carceri di Assad, le famiglie delle vittime e le organizzazioni di supporto per la loro enorme assistenza e il più profondo sostegno alla mia ricerca. Ovviamente, non avrei potuto nemmeno iniziare questo progetto senza di loro. Il mio sincero apprezzamento va a due delle madri più meravigliose. Mariam Alhallak che è la madre del martire Ayham Gahzzoul , e Fadwa Mahmoud la madre di Maher Tahan e anche moglie di Abdulaziz Al-Kheir (entrambi sono ancora forzatamente scomparsi). Mariam e Fadwa mi hanno reso testimonianze significative e strazianti. Tuttavia, soprattutto, mi hanno dato una speranza eccezionale. Siete la rappresentazione delle famiglie di tutte le vittime e il simbolo dello spirito indissolubile dei siriani. Ayham e Maher devono essere molto orgogliosi di avervi come loro madri. Sono fortunato di avervi conosciuto, e sono davvero onorato di poter percorrere il cammino futuro verso la giustizia insieme a entrambe.
Grande apprezzamento per la fantastica e stimolante collaborazione piena e straordinaria di Mansour Omari . Ringrazio anche coloro che mi hanno dato testimonianze vitali; Muhannad Ghabbash , Bashar Wanli (anche Rasha Alsham ), ياسمين مشعان , e non dimentichiamo quei coraggiosi siriani che mi hanno dato testimonianze segretamente e anonimamente . Ciascuno dei sopravvissuti che ho incontrato mi ha insegnato l’importanza della vita con dignità e il significato di essere umano. Sento che siete la speranza per questo mondo che crolla a pezzi.
Allo stesso modo, coloro che hanno reso possibile la mia ricerca con amorevoli aiuti, Karim Al Afnan , Berivan Ahmad , Wassim Mukdad, Mariana Karkoutly , Houssam Al Deen , Majid Albunni .
Autentica gratitudine per il Centro siriano per i media e la libertà di espressione ( Yousef Wehbe , Ben Lydon ), Rete siriana per i diritti umani – Rete siriana per i diritti umani , ( Fadel Abdul Ghany ) Associazione Famiglie Caesar , Famiglie per la libertà(Families for Freedom) e Associazione fotografica Caesar ( Ibrahim Alkasem ).

Ho sentito Ayham molto vicino al mio cuore mentre stavo conducendo le mie ricerche, forse perché quando ho iniziato a parlare con Mariam avevo la sua età quando è morto. Oggi non riesco a smettere di pensare a come sarebbe il mondo con Ayham. Sarebbe più gentile, più coraggioso e più bello. Forse, avrebbe potuto insegnarmi come fare Origami (in quanto giapponese non sono bravo a farlo) poiché Ayham era uno specialista e questo è un altro lato umano di lui … Durante la stesura della mia tesi, era il mio compagno, il mio amico, e il mio coautore che non ho potuto incontrare di persona. Dato che Ayham era lì per me, anche altri erano lì. Abdul Basset al Sarout , Razan Zaitouneh , Ghiath Matar , Osama Al Habali (fratello di Sawsan Homs ) e Mohammed Nour Matar (fratello del caro amico Amer Matar ). Non ho semplicemente appeso le loro foto nel mio appartamento per riconfermare lo scopo del mio lavoro, ma ho anche sentito la loro anima ogni giorno. Ogni frase della mia tesi riavvolge i loro spiriti e i loro battiti del cuore. Ci sono stati alcuni giorni in cui mi ero quasi arreso a questa ricerca. Ho spesso pianto e mi sono sentito senza speranza nella realizzazione della enormità della dura realtà delle carceri. Sono sempre stati lì per me e mi hanno detto “ andrà tutto bene”. La maggior parte di loro è serena nel cielo e spero che stia sorridendo per il fatto che ho finalmente finito le mie ricerche. A Razan e Mohammed credo fermamente di poter raccontare un giorno del mio piccolo risultato di persona. La realtà che non sono in grado di ringraziare e di celebrare la conclusione della mia ricerca con tutti questi straordinari esseri umani, tittp ciò mi fa battere il cuore e mi fa capire che questo è in realtà il giorno più triste della mia vita.
“Mentre sto terminando la mia tesi, vorrei affermare che le vittime di questo genocidio non sono numeri: ognuno di loro è un essere umano coraggioso che aveva un nome, un sogno, una famiglia amorevole. Ognuno di loro era alla ricerca di “umanità” e dignità nella sua vita. Redigere questa tesi è stato più difficile di quanto immaginassi. Gestire interviste che avrebbero potuto aprire le ferite dei sopravvissuti e delle loro famiglie, esaminare i dati visivi della tortura e le condizioni delle carceri  mi hanno reso depresso ed hanno fatto sinche mi chiedessi quanto l’essere umano possa essere malvagio con un altro essere umano. Tuttavia, la parte più scioccante è stata il fatto che le persone muoiono nelle carceri della Siria mentre scrivo la tesi … Ho fondato un’organizzazione senza scopo di lucro “Stand with Syria Japan” – SSJ nel 2017 per reagire alla crisi acuta in Siria. Mentre eravamo comunque soddisfatti del risultato, i giovani della mia età venivano torturati a morte. La verità è che non sono riuscito a salvarne nessuno. Non posso essere abbastanza dispiaciuto e questa realtà mi perseguiterà per sempre. Credo che svolgere questa ricerca sia stato un modo per espiare la mia colpa. La mia ricerca non può salvare il resto dei detenuti né cambiare la situazione. Tuttavia, sento di aver realizzato qualcosa di più alto valore nella mia vita rispetto a qualsiasi momento precedente: se coloro che leggono questa ricerca riuscissero a sentire anche una frazione dell’agonia delle vittime e diventassero testimoni virtuali della storia di questi uomini e donne coraggiosi che hanno sacrificato tutto per la liberazione, allora forse avrei contribuito a un futuro più giusto, più luminoso per tutti ”.
Il paragrafo sopra è una parte della nota finale della mia tesi. Questa sensazione non è ancora cambiata. In questo preciso istante, mentre sto ancora scrivendo e stai leggendo questo post, i siriani sono incatenati nelle carceri in condizioni spaventose, torturati, affamati, violentati, senza tuttavia rinunciare alla speranza di ricongiungersi con i loro cari. Le famiglie pregano ogni giorno per la sicurezza dei loro cari se sono “fortunate” o, in caso contrario, cercano disperatamente i cadaveri per seppellirli finalmente in pace. Ricordiamo il loro dolore, la rabbia, la sofferenza, l’esaurimento … assicuriamoci che non dimenticheremo mai i loro sogni.
Voglio terminare questo post con alcune parole positive perché mi sento un pò più fiducioso rispetto al momento in cui ho finito di scrivere. Il movimento per assicurare giustizia in Siria sta accelerando ovunque. Il processo in corso a Coblenza (Al-Khatib Trial),  iniziato il mese scorso in Germania, è il caso chiave per ritenere il regime responsabile della tortura sistematica per la prima volta nella storia. Molti di coloro che hanno contribuito a questa ricerca testimonieranno presso il tribunale tedesco. Rabbrividisco nel rendermi conto che sto assistendo a uno dei momenti più storici della nostra epoca in fatto di giustizia e soprattutto responsabilità. Il fatto è che questo processo è il risultato degli innumerevoli sforzi di decine di migliaia di persone. Soprattutto i sopravvissuti, le famiglie delle vittime, gli avvocati e gli attivisti e i siriani che stanno raccogliendo prove segretamente sul terreno con sudore, sangue e lacrime. Hanno dimostrato al mondo che la giustizia prevarrà. Come ho spiegato alla fine della mia tesi, questo approccio centrato sulle vittime per la giustizia è una nuova frontiera per la giustizia di transizione, ed è già un risultato incredibile per tutti i siriani. Stanno plasmando la storia.
Per quanto riguarda la mia ricerca, credo che sia davvero come una piccola goccia nell’oceano. Tuttavia, non c’è niente di più onorevole se lo studio potesse svolgere un piccolo ruolo di supporto in questo cammino di giustizia. Ho iniziato le mie ricerche con la speranza di contribuire alla giustizia per tutti i siriani e anelo il giorno in cui la giustizia non sarà più una chimera ma una realtà per le vittime.
È feroce quello che porto sulle spalle in questo momento. Mi sento senza speranza e debole ogni singolo giorno. Vedo le facce scarne e sento l’urlo delle carceri nel cuore della notte. Non sarò mai più lo stesso di prima della ricerca. Ma sai una cosa? Non c’è rimpianto. In realtà, sono anche grato perché ho potuto conoscere gli esseri umani più coraggiosi. I sopravvissuti e le famiglie delle vittime siriane che continueranno ad andare avanti, indipendentemente dagli ostacoli che dovranno affrontare. Se non si arrendono loro, come posso rinunciare io? Come umano che ha deciso di condividere il dolore delle vittime, desidero fare tutto ciò che posso fino al mio ultimo respiro.
La fine della tesi è un nuovo inizio per me. So che è una strada lunga e difficile da percorrere, ma sono anche consapevole che il sole della libertà potrebbe sorgere per tutti noi. Saremo liberi insieme dopo tutta questa sofferenza.
Il mio destino è con un dolore insondabile, ma pieno di speranza, bellezza, dignità.

“Dimenticare i morti sarebbe come ucciderli una seconda volta.”
di Elie Wiesel nel 1960, sopravvissuto al genocidio nazista.
La mia ricerca e la mia laurea sono una pura dedica alle vite incatenate nelle prigioni più buie della Siria. Possano tutti loro tornare da noi.
La mia ricerca e la mia laurea sono una pura dedizione ai fratelli e le sorelle che sono morti in un’ orribile agonia sotto la sistematica tortura di Assad. Possa la vostra anima non soffrire mai. Per favore, riposate in pace.
Ricorderò ognuno di voi per l’eternità e non lascerò mai che accada una “seconda volta” .
30.06.2020, Icchiku Yamada

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...