Invito alla formazione di una rete transnazionale socialista-umanista di solidarietà

Internatinal-SolidarityCare amiche, Cari amici:

Ci sono sviluppi critici in tutto il mondo che ci costringono alla creazione di un nuovo tipo di rete socialista e anti-autoritaria di solidarietà transnazionale.

Oggettivamente, stiamo affrontando la crescita di governi capitalisti autoritari, una crescente competizione economica e militare tra Stati Uniti e Cina e le conseguenze nefaste della disgregazione climatica. Inoltre, ci troviamo sempre più spesso davanti a formazioni organizzate di bianchi suprematisti e altri movimenti etno-nazionalisti razzisti che, come l’ISIS nelle loro opinioni estremiste, sono disposti a impiegare violenza di massa contro i musulmani, gli ebrei,  altre persone e gruppi emarginati.

Soggettivamente, una nuova generazione di giovani si sta interessando al socialismo perché la disumanità e lo sfruttamento del capitalismo non gli offrono un futuro migliore.

Il movimento Me Too che ha creato una sfida travolgente contro gli abusi sessuali sta crescendo tra le donne di tutto il mondo e ha come obiettivo l’abuso delle donne nel governo, in tutti i campi di lavoro e nella famiglia. Il movimento Black Lives Matter, emerso negli Stati Uniti in risposta a omicidi perpetrati dalla polizia e forze dell’ordine e contro i neri, ha toccato una corda a livello internazionale. Non mancano le proteste popolari e gli scioperi in tutto il mondo, dal Sudan, dall’Algeria, dall’Iran e dalla Palestina all’Europa, dalla Cina e dall’India all’America Latina, ad Haiti e agli Stati Uniti. Tuttavia, alcune di queste lotte vengono schiacciate da varie forze autoritari e imperialiste, e altri rischiano di essere stravolti  dal populismo di destra.

In risposta a queste lotte, la sinistra internazionale è stata deludente. La rivoluzione siriana non è stata solo schiacciata dal regime di Assad con l’aiuto della Russia e dell’Iran. E’ stata anche abbandonata o rifiutata dalla maggioranza della sinistra internazionale. Le povere e affamate masse in Iran e Venezuela vengono raccontate da supposti “socialisti” e attivisti per la “pace e giustizia” che sostengono che le loro miserie sono causate solo dall’imperialismo americano e che devono accettare e vivere con regimi autoritari come la Repubblica islamica o lo stato di Maduro, proposti come il “male minore”.

Non vi è dubbio che l’imperialismo americano e il colonialismo del passato e del presente sono la causa di molte miserie e morte nel mondo, entrambe attualmente e storicamente nelle azioni dell’amministrazione Trump. Però, quello degli Stati Uniti non è l’unico potere capitalista-imperialista che sfrutta e opprime l’umanità. Viviamo in un mondo con diverse rivalità imperialiste e sub-imperialiste. In particolare, l’imperialismo cinese e russo sono in competizione con l’imperialismo statunitense per il dominio globale.

Di fronte a questa realtà, tuttavia, molte persone di sinistra stanno razionalizzando e giustificando le azioni di regimi autoritari come quelli di Putin in Russia, Assad in Siria, Khamenei in Iran, Ortega in Nicaragua e Maduro in Venezuela – semplicemente perché questi governi usano la retorica di essere contro l’imperialismo statunitense. Alcuni osservatori socialisti hanno chiamato questa razionalizzazione o sostegno all ‘“alleanza rosso-marrone” che segue l’approccio “campista” di dividere il mondo in campi militari in competizione, e di negare il ruolo della classe operaia e dei popoli oppressi all’interno di quei “campi”.

Data la storia palesemente sordida e sanguinosa dell’imperialismo americano, molti esponenti della sinistra occidentale si sono appropriati legittimamente della dichiarazione di Karl Liebknecht, fatta nel 1915 durante la prima guerra mondiale, dichiarazione secondo la quale “il principale nemico è a casa”. Liebknecht esprimeva ciò che pensava dovesse essere la posizione dei socialisti in una guerra inter-imperialista. Però, la sua dichiarazione non dovrebbe essere usata come scusa per abbandonare le lotte della classe operaia in tutto il mondo. Purtroppo, oggi, molti a sinistra hanno distorto questo principio per minimizzare o negare gli attacchi di armi chimiche ben documentati da parte del regime di Assad in Siria; omicidi di manifestanti in Russia, Venezuela e Iran; campi di concentramento di massa-internamento come quelli nei quali sono  detenuti un milione di musulmani uiguri nella regione cinese dello Xinjiang; e altri attacchi atroci di violenza di Stato compiuti da regimi che pretendono di essere contro l’imperialismo statunitense. Tali punti di vista violano enormemente i principi etici fondamentali dell’umanesimo, dell’egualitarismo e della solidarietà umana con i popoli oppressi, e confondono le lotte dei lavoratori e degli oppressi contro il capitale e lo Stato con intrighi interimperialisti.

Abbiamo bisogno di una rete di solidarietà socialista e antiautoritaria transnazionale che rompa con tali concezioni pigre e indifferenti del mondo e si ponga invece l’emancipazione umana, non la rivalità inter-imperialista, come  obiettivo. Dobbiamo creare una rete che offra analisi approfondite, solidarietà socialista di base autentica e forum per elaborare soluzioni reali – come alternative al capitalismo, affrontare il collasso climatico e per superare il patriarcato, il razzismo, l’omofobia, la transfobia e la xenofobia.

Crediamo che l’essenza del socialismo sia l’umanesimo, l’idea che gli esseri umani abbiano il potenziale per usare la loro capacità di ragionamento per andare avanti, stabilire intercomunicazioni e relazioni prive di dominio e servitù.

I firmatari di questo appello  includono una varietà di umanisti socialisti e marxisti, anarchici e anti-autoritari. Respingiamo i sistemi esistenti nell’ex Unione Sovietica e nella Repubblica popolare cinese in quanto autoritari. Ci opponiamo al capitalismo sia in forma privata che statale, oltre che al razzismo, al sessismo e all’eterosessismo. Cerchiamo alternative ecologiche umanistiche, intersettoriali e sostenibili all’oppressione e all’ecocidio.

Vi preghiamo di unirvi a noi nel tentativo di creare una rete di solidarietà socialista-umanista transnazionale e antiautoritaria con l’obiettivo iniziale di organizzare opportunità di condividere e sviluppare i nostri sforzi per le lotte e di costruire un database di oratori con un sito web correlato finalizzato a proporre:

  1. Espressioni concrete di solidarietà con le continue lotte popolari progressiste e rivoluzionarie sulla base dell’opposizione al capitalismo, al razzismo, al sessismo, all’eterosessismo, alla transfobia e alla xenofobia.
  1. Autentico dialogo e dibattito sulle alternative umanistiche al capitalismo, visioni di una società libera e sostenibile, liberazione delle donne e persone LGBT, diritto all’autodeterminazione e impegno per la verità, la ragione e l’emancipazione umana.

Proponiamo un database di oratori che offrirebbe una lista di risorse di oratori / argomenti e coordinerebbe le interventi e eventi che riunirebbero problemi e lotte locali, nazionali e internazionali.

Questo è uno sforzo internazionale finalizzato a un lavoro concreto di solidarietà e al dialogo sulle questioni scottanti dei nostri giorni, e spera di dimostrare che l’idea della solidarietà socialista emancipatrice può essere credibile sia nella teoria che nella pratica.

Se sei d’accordo con queste idee e vorresti essere parte di questo sforzo per formare una Rete Transnazionale Socialista-Umanista di Solidarietà, ti preghiamo di contattarci all’indirizzo transnationalsolidarity@protonmail.com

Firmatari:

Abou Jaoude, Elias, Sofware Developer, Lebanon

Alliance of Middle Eastern Socialists

Afary, Frieda, Producer of Iranian Progressives in Translation, member of Alliance of Middle Eastern Socialists, U.S.

Afthinos, Pantelis, Internationalist revolutionary socialist website, e la liberta, Greece

Al-Saadi, Yazan, Syrian Canadian Writer

Amina, Syria solidarity activist, U.S.

Ayoub, Joey, Writer, editor and researcher, IFEX, Global Voices, Scotland

Independent journalist and activist, Argentina

Castro, María, Professor of Spanish and French Studies, U.S.

Chelliah, Lalitha, Maternal and Child Health Nurse – Socialist, Australia

Cuffy, Robert, Socialist Workers’ Alliance, Guyana

Dehkordi, Sara, Manjanigh Collective, Germany

Fareid Eltayeb, Amgad, Spokesperson of Sudan Change Now movement & producer of Sudan Seen blog

Fischer, Dan, Graduate worker, U.S.

Galyon, Shiyam, Syrian American feminist and campaigner

Hensman, Rohini, Writer, independent scholar and author of Indefensible, India

Hirsch, Michael, New Politics Editorial Board member, U.S.

Kousinatas, Kostas, Internationalist revolutionary socialist website, e la liberta, Greece

La Botz, Dan, Teacher, writer, co-editor of New Politics, U.S.

Language professor, Seattle, U.S.

Lopez, Rocío, Mexican-American writer, U.S.

LeFage, Shanelle, Climate activist, U.S.

Leonard, Ralph, Writer and student, U.K.

Maria, Eva, Independent Venezuelan Socialist Feminist, U.S.

Masjedi, Fatemeh, Iranian feminist and history scholar, Europe

Melcher, Thorne, transgender activist, writer and coder, U.S.

Munif, Yasser, Syrian Sociology Professor, U.S.

Noor, Yalda, Psychologist, U.S.

Petersen-Smith, Khury, Socialist and geographer, U.S.

Quiquivix, Linda, Community scholar and farmer, U.S.

Ram, Joshua, Writer, U.S.

Ramírez, Krys Méndez, Disability Justice organizer and Ethnic Studies scholar, U.S.

Reid Ross, Alexander, geography professor, and author of Against the Fascist Creep, U.S.

Reimann, John, Former Recording Secretary of Carpenters’ Local 713 and current producer of OaklandSocialist.com blog, U.S.

Rizzo, Mary, Editorial Staff of Le Voci de la Libertà, Italian blog for the Syrian Revolution, Italy

Ruder, Eric, socialist and journalist, U.S.

Saravi, Jose, writer and translator, Argentina

Schulman, Jason, New York City Democratic Socialists of America

Sethness, Javier, Family Nurse Practitioner and author, U.S.

Shurmand, Azadeh, Iranian women’s studies scholar, Europe

Sloughter, Tristan, Denver Democratic Socialists of America, U.S.

Soeller, Peter, Anti-fascist activist and writer, U.S.

Smith, Ashley, Socialist writer and activist, U.S.

Weston, Matt, Social Worker, U.S.

Wind, Ella, Middle East Studies scholar and member of Democratic Socialists of America, U.S.

Zekavat, Sina, Alliance of Middle Eastern Socialists, Germany

Zuur, Cheryl, former president, American Federation of State, County and Municipal Employees, Local 444, U.S.

Originale: https://www.allianceofmesocialists.org/call-for-the-formation-of-a-transnational-socialist-humanist-solidarity-network/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...