I palestinesi rifiutano di ritornare a Yarmouk sotto il regime di Assad

yarmouk new arabMolti palestinesi non torneranno a Yarmouk sotto il regime di Assad.

The New Arab tradotto da Mary Rizzo

I palestinesi respingono il presunto invito del regime siriano a tornare nei campi profughi distrutti.

Dopo che le forze del regime siriano hanno distrutto la maggior parte del campo di Yarmouk, fuori Damasco, casa  di un  gran numero dei profughi palestinesi, l’amministrazione del presidente Bashar al-Assad sta chiedendo ai rifugiati di tornare.

“Ci sono Paesi che ancora ostacolano il ritorno dei rifugiati siriani e palestinesi, nonostante il governo siriano faciliti il loro ritorno, e ci sia un piano per organizzare il ritorno dei rifugiati,” ha affermato Faisal al-Miqdad, vice ministro degli Affari esteri del regime siriano.

Il gruppo politico e militante di sinistra, il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina – Comando Generale, che è alleato del regime siriano, è d’accordo. “Abbiamo ufficialmente informato la Siria del ritorno di persone a Yarmouk,” ha dichiarato Anwar Raja, appartente al gruppo.

Tuttavia, molti altri rimangono scettici sul fatto che il regime sia davvero favorevole al ritorno dei profughi palestinesi.

“Il regime sta cercando di nascondere la propria responsabilità nella distruzione dell’80% delle case e della infrastruttura nel campo,” ha dichiarato al The New Arab Ayman Abu Hisham, coordinatore generale di Fatah.

Verso la fine del 2012, il regime siriano aveva cominciato a prendere di mira il campo, cosa che aveva portato al (secondo) trasferimento coatto del 75% della sua popolazione. Durante un assedio durato cinque anni, molti altri abbandonarono il campo, fuggendo verso il nord della Siria – dove erano soggetti ai bombardamenti russi. [ndt: per ulteriori informazioni, vedi Yarmouk: a Palestinian Tragedy Plays out in Syria “L’errore più grande che una persona possa fare è di rimanerci, nonostante quello che [il governo siriano] dica per convincere la gente a rimanere. Chiunque abbia con sè una macchina fotografica, o ad un punto nella vita sia stato un’attivista… o abbia disertato l’esercito o dovrebbe arruolarsi, non deve assolutamente rimanerci,” dice Hameed. “E intanto, quelli che vanno via vanno verso un futuro sconosciuto.”]

“Il regime sta cercando di nascondere la responsabilità di questi crimini, sostenendo di accogliere il ritorno dei profughi palestinesi,” ha detto Abu Hisham.

“Ma come possono tornare ad un campo distrutto per il quale non è previsto nessun piano di ricostruzione? Un nuovo decreto emesso dal governo siriano all’inizio di quest’anno vuole porre fine alla designazione dell’area come campo palestinese. Le fazioni [palestinesi] che accolgono l’annuncio del regime sono complici dei suoi crimini.”

Una volta c’erano dieci principali campi profughi palestinesi in Siria. Ora sono quasi tutti distrutti.

“…la verità è che il regime ha fatto un enorme danno alla causa palestinese”.

“Più della metà delle persone del campo sono state sfollate fuori dalla Siria, e questa dichiarazione fa si che il regime siriano venga dipinto come alleato della resistenza, solidale con la causa palestinese,” continua Abu Hashim. “Ma la verità è che il regime ha fatto un enorme danno alla causa palestinese”.

Ha poi sottolineato che un processo simile stava accadendo a Dera’a, dove i palestinesi erano stati costretti a lasciare i campi profughi, ma ora sarebbero stati invitati a tornare.

“C’è un reale e forte desiderio di tornare al campo, ma ci sono molti ostacoli: chi lascia la Siria non si sente sicuro di tornare in quelle zone sotto il controllo del regime, per paura di persecuzioni, arresti e omicidi. Il regime è responsabile dell’arresto e l’uccisione di migliaia di palestinesi. Le persone non si sentono sicure.”

“Anche per i rifugiati all’interno della Siria, la maggior parte delle case sono distrutte e i rifugiati non hanno mezzi finanziari per ricostruire le loro case. Il regime sa che queste cose impediranno a molti rifugiati di tornare, ma sta ancora usando la questione dei rifugiati. La soluzione per risolvere la questione del ritorno dei palestinesi nei loro campi e la ricostruzione dei campi distrutti è di far cadere il regime che è diventato il principale ostacolo in Siria, sia per i palestinesi che per i siriani,“ ha detto Abu Hisham.

“Per ricostruire una patria siriana libera per tutti e per i rifugiati palestinesi in grado di vivere in pace con i loro fratelli siriani … loro [i profughi palestinesi] credono nel proprio diritto al ritorno in Palestina, ma la Siria è una patria a loro cara”.

Ha aggiunto che, nonostante l’attaccamento dei palestinesi alla Siria, sotto il regime ci sarebbero sempre problemi per i rifugiati, citando la presa del campo di Yarmouk da parte del gruppo dello Stato islamico nel 2015, prima che il regime riprendesse il controllo, sostenuto dall’aeronautica russa.

Il rifugiato palestinese Noureddine Mohamed, che ora vive nel nord della Siria, è d’accordo con i sentimenti di Abu Hisham.

“Abbiamo lasciato le nostre case e ora non abbiamo più nulla”, ha detto. “Abbiamo amato il campo come amavamo la Palestina, ma è stato distrutto dal regime di Assad. Partire è stata per noi la soluzione migliore, quindi quelli dei nostri fratelli che sono stati uccisi – il loro sacrificio non sarà in vano. Non possiamo tradire il sangue che hanno versato stringendo la mano al criminale che li ha uccisi.”

Karam Ali, 45 anni, non ha intenzione di tornare al campo sotto il governo del regime di Assad:

“Qualunque sia la ricompensa offerta ai palestinesi, e la tentazione della pace, alla fine per i palestinesi arriva solo la morte”.

The New Arab su Twitter: @The_NewArab

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...