Gli insegnanti di Idlib parlano della lotta impossibile per educare i loro studenti

675C4535-D7E1-4347-B785-E7D7D320864C

(Nella foto Abdulkafi Alhamdo. Insegnante di Aleppo ora rifugiato nella provincia di Idlib)

In una città sotto assedio, lo studente realizza esami pubblici nelle cantine per sfuggire ai bombardamenti e le lezioni avvengono attraverso WhatsApp. Gli insegnanti descrivono come gestire una scuola in una zona di guerra.

Abdulkafi Alhamdo è un insegnante di inglese in Siria. Ama Coleridge e Shakespeare e attualmente sta insegnando “Heart of Darkness” di Joseph Conrad ai suoi studenti. Nel 2016 è stato evacuato dal cuore stesso dell’oscurità siriana, Aleppo, dove ha insegnato in rifugi ed edifici bombardati durante l’assedio a studenti traumatizzati, anche quando avevano fame. Ora vive e lavora nella provincia nord-occidentale di Idlib controllata dai ribelli, dove lui ei suoi colleghi insegnamenti,con poche risorse e sostegno, si sforzano di educare la prossima generazione, coloro che saranno il futuro della Siria.

Idlib, la provincia più vasta della Siria ancora fuori dal  controllo del regime del presidente Bashar al Assad, ha visto un graduale aumento della violenza negli ultimi mesi dovuto ai bombardamenti aerei russi e siriani; c’è stato poi l’arrivo di profughi da altre zone devastate dalla guerra, questo, secondo Alhamdo, rende ancora più necessario il fatto che gli insegnanti siriani continuino a portare avanti il loro lavoro.

“Vogliamo continuare a portare avanti l’educazione  affinché questi bambini o giovani studenti si allontanino dalle armi”, aggiunge. “Senza scuole, porterebbero le armi, ma andando a scuola sono studenti”.

Secondo Anna Nolan, direttrice del gruppo per i diritti umani di The Syria Campaign, almeno 2,5 milioni di locali e rifugiati sono ora confinati in Idlib, già descritta come una “scatola delle uccisioni”. C’è un bisogno umanitario urgente e non c’è educazione statale, ma secondo Nolan, sono notevoli gli sforzi sul terreno per preservare la società civile, con insegnanti che organizzano le loro scuole e classi universitarie, a volte lavorando volontariamente senza essere pagati per costruire una straordinaria rete educativa DIY, Do it Youself(“fai da te”).

Alcuni hanno istituito i propri club scolastici nei quali offrono lezioni formali, arti creative e formazione professionale, mentre altri, che sono stati espulsi dagli edifici da parte di gruppi armati di ribelli, stanno dando lezioni all’aria aperta e attraverso WhatsApp. “C’è una vera determinazione”, dice Nolan. “Quello che ascoltiamo qui, una volta e poi un’altra ancora, è che sanno che l’istruzione è la chiave per il futuro e questa è la generazione che ricostruirà la Siria. La profondità e la creatività dei servizi forniti è incredibile. ”

D9711B08-F04E-4931-8AFC-9BA50C61C6CB

( Primo giorno di scuola al Maarat al-Nu’man nella provincia di Idlib.  Fotografia: Anadolu Agency/Getty Images)

Molti degli insegnanti che lavorano ora a Idlib sono loro stessi sfollati, incluso Alhamdo, che è fuggito da Aleppo con sua moglie e sua figlia piccola senza nient’altro. A Idlib, le bombe cadono ancora, “Ci sono sempre bombardamenti. “Questa è la nostra vita “dice Alhamdo, ma non è paragonabile alla sua esperienza ad Aleppo. “Aleppo era qualcosa di anormale”, dice. “Ogni giorno andavo a scuola per vedere i miei studenti, sono come i miei figli, verificavo chi era assente, chi era ancora vivo e chi no, e poi iniziavo le lezioni. Ci siamo fermati molte volte a causa dei bombardamenti . Per una o due ore, andavamo ai rifugi e poi, quando i bombardamenti si fermavano tornavamo alle lezioni e insegnavamo. Se il bombardamento era molto intenso, lasciavamo andare gli studenti  “.

Nell’aprile 2015, la scuola di Saad Al Ansari, dove Alhamdo stava insegnando, è stata colpita da un razzo. Stava tornando dal parco giochi quando un’esplosione ha spazzato via l’edificio, uccidendo quattro insegnanti e ferendone a dozzine. “Il cuore mi è saltato fuori dal petto”, ricorda. “Ho visto gli studenti correre, i loro volti insanguinati. Erano traumatizzati, urlavano: “Hai visto il mio fratellino? Hai visto mia sorella? Non sapevano cosa fare. La maggior parte è fuggita senza scarpe, senza i  libri. Sono entrato e ho visto sangue dappertutto. ”

Da quel momento in poi, hanno lasciato le  scuole grandi e gli insegnanti hanno organizzato le loro lezioni in scuole piccole e improvvisate nel vicinato, per non far percorrere grandi distanze ai bambini per andare a scuola;nel caso fossero stati attaccati da un altro razzo il numero di potenziali vittime sarebbe stato più basso.

“Quando insegni in circostanze simili, devi fare più da psicologo che da insegnante”, dice Alhamdo. “Devi stare attento ai loro traumi e alle storie personali. Quando c’è un bombardamento pesante, dici ai bambini che sono eroi perché anche cosi stanno continuando ad imparare . È stato un lavoro molto, molto difficile.

I bambini, traumatizzati dalle loro esperienze, hanno trovato difficoltà a concentrarsi ma gli insegnanti hanno cercato di salvaguardare un pó di normalità. Si stavano presentando per i loro esami ufficiali, nascosti in scantinati lontani dai bombardamenti. “Le condizioni erano molto, molto difficili, ma non potevamo permettere alla guerra o alle loro circostanze personali di danneggiare il loro sviluppo. Per noi sono il futuro della Siria “.

E90ED7ED-C636-4D3F-9BBF-CACAFA134BDB

(Ragazzi che giocano con i fucili giocattolo nei sobborghi di Idlib. Foto: Omar Haj Kadour/APF/Getty Images)

Ora a Idlib, insegna Linguistica e Romanzo moderno alla Libera Università di Aleppo, nella campagna di Idlib, agli studenti che sono fuggiti dalle aree controllate dal regime. L’università è stata aperta nel 2016 ed è uno dei pochi centri di istruzione superiore rimasti nel paese. Nei giorni in cui il bombardamento è intenso e il pericolo è troppo grande, le lezioni sono tenute via WhatsApp e alcuni studenti di medicina hanno lezioni online con medici degli Stati Uniti. “Sono orgoglioso dei miei studenti e sono orgoglioso di insegnare … I miei studenti sono i miei eroi”, dice Alhamdo.

In un recente incidente, studenti e professori hanno resistito al tentato sequestro dell’università da parte della fazione militare armata Hay’at Tahrir al-Sham (HTS). Quando hanno rifiutato di firmare il trasferimento nelle loro mani dell’università, HTS ha minacciato l’università e impedito loro di usare l’edificio per insegnare, così Alhamdo ei suoi colleghi hanno dato le lezioni all’aperto. “Forse come insegnante non è sicuro per me, ma non possiamo arrenderci.”

Ad Atma, un villaggio nel nord  di Idlib, vicino al confine turco, Sawsan Abbar ha aperto una scuola elementare per bambine “Leggere e Crescere”. 120 bambine frequentano la scuola, anche loro hanno dovuto lasciare le loro città natali a causa della guerra. Ci sono poche risorse educative, così Abbar ei suoi colleghi devono essere creativi, avere internet e stampare materiali per i loro studenti.

In assenza di molte altre cose, la scuola ha assunto un ruolo educativo fondamentale nella vita dei bambini. “Alcuni chiamano me e altri insegnanti, mamma o zia”, ​​dice Abbar, aggiungendo: “ciò che mi tiene sveglia di notte è il bombardamento aereo. A volte non possiamo andare a scuola ed è molto preoccupante “.

7114AE0F-51AB-4E6D-861D-5FC744D829FA

(Bambine a scuola ad Idlib. Foto: Aimen al Halabi)

 

Nel frattempo, nella città di Maarat al-Nu’man, sempre  nella provincia di Idlib, l’insegnante Mariam Shirout ha messo in piedi un gruppo  extrascolastico per ragazzi e ragazze della zona. Al mattino insegna nelle scuole della città che ancora lavorano e che erano una volta scuole statali, ma sono state prese dalle ONG, e nel pomeriggio apre le porte della sua scuola per bambini dai quattro ai quindici anni. Si chiama Bilelem Nartaqi, che significa “con educazione, avanziamo”. È iniziato a poco a poco nel 2013, ma è cresciuto e oggi educa dai 150 ai 200 bambini da tutta la città.

“L’educazione è la spina dorsale dell’area”, dice. “Qualunque cosa accada, continuerò a lavorare fino all’ultimo minuto. Quando vedo i bambini che arrivano al centro sotto le bombe perché vogliono passare il tempo con i loro amici e me, non posso pensare di fermare tutto questo , mai. ” Shirout e cinque colleghi insegnano a leggere, scrivere, matematica, inglese e arabo. Offrono anche attività extracurriculari tra cui teatro e canto e formazione professionale come il cucito. “La mia scuola offre anche supporto psicologico e sociale ai bambini per aiutarli a gestire le esperienze traumatiche che stanno vivendo.”

1856D5BB-877F-4BDB-A3C2-A910DF587BBF

(Bambine che giocano tra le rovine della loro scuola ad Idlib. Foto: Omar Haj Kadour)

“Il bombardamento può davvero influenzare il tuo lavoro”, dice. “Stanno cercando di essere ambiziosi e credono di poter continuare con il loro dovere, ma a volte devono fermarsi per qualche giorno perché il bombardamento è insopportabile. Hanno molta paura. A volte la scuola chiude per 10 giorni o un mese a causa dei pesanti bombardamenti “.

“Mi preoccupo sempre per i miei studenti, non solo per la loro sicurezza fisica ma anche per la loro salute mentale e il loro futuro. I servizi educativi disponibili non sono sufficienti, è come mettere una toppa. Se la situazione continua così, il futuro della maggioranza degli studenti è perso.

“I miei studenti non sono più bambini. Non possiamo chiedere loro cosa vogliono essere in futuro. Il futuro è sfocato. ”

 

L’originale qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...