Per comprendere la Ghouta Orientale in Siria

il

Scritto da Aron Lund, tradotto da Giovanna De Luca

L’ONU dice che quasi 400.000 civili sono intrappolati nella periferia orientale della Ghouta, a Damasco, l’ultimo campo di battaglia di una serie di sanguinosi combattimenti nelle città siriane. Le forze del presidente siriano Bashar al-Assad e i suoi alleati russi sembrano pronti per una grande offensiva di terra nell’enclave insorta assediata. Cosa sappiamo?

Qual è l’enclave della Ghouta orientale e perché è importante?

La Ghouta è una regione agricola che circonda Damasco, parte di essa negli ultimi decenni ha ceduto all’espansione urbana e agli alloggi dei bassifondi. Nella Ghouta orientale, i ribelli anti-Assad sono assediati dall’esercito siriano dalla primavera del 2013. Secondo recenti stime dell’ONU hanno la popolazione dell’enclave è di circa 393.000 persone, l’alto funzionario delle Nazioni Unite in Siria, Ali al-Za’tari, afferma che 272.500 abitanti hanno bisogno di assistenza umanitaria. Circa un terzo della popolazione della Ghouta orientale è composto da sfollati interni, comprese le persone che sono fuggite da Damasco.

Queste cifre rimangono incerte e le precedenti stime ONU della popolazione riguardo le aree assediate in Siria si sono talvolta dimostrate troppo alte, in particolare nella parte orientale di Aleppo. Comunque anche se le fonti lealiste o dell’opposizione siriana possono fornire numeri più o meno alti, i documenti delle Nazioni Unite rimangono le uniche cifre ampiamente riconosciute disponibili.

L’area è importante per il governo siriano, poiché comprende le periferie orientali della capitale. È una zona ampia, ben difesa, e da lì i mortai possono raggiungere il centro di Damasco, dove la Città Vecchia e altri quartieri hanno subito i bombardamenti dei ribelli; la Ghouta orientale è stata per anni qualcosa di duro ed irritante per il campo lealista.

I civili possono lasciare l’enclave?

Lasciare l’enclave è stato a lungo impossibile per la maggior parte degli abitanti, anche se ci sono delle eccezioni. Un piccolo numero di abitanti, inclusi dipendenti pubblici, secondo quanto riferito, può entrare e uscire da un check point concordato e controllato a due a Wafideen, vicino a Douma, sebbene sia un passaggio rischioso a causa delle mine antiuomo, del fuoco dei cecchini e del comportamento aggressivo e imprevedibile sia del governo che delle forze ribelli.

Le autorità siriane hanno recentemente lanciato volantini sulla Ghouta orientale dicendo ai civili di lasciare l’area, ma in passato non hanno lasciato passare le persone che cercavano di uscire.

Ad esempio, l’ONU ha cercato per otto mesi di evacuare dalla Ghouta orientale 500 civili gravemente ammalati o feriti, compresi alcuni bambini. Il governo si è rifiutato di farli uscire dall’enclave, 22 di questi pazienti hanno perso la vita fino ad ora.

ghouta_4Un gruppo più piccolo di circa 35 pazienti è stato fatto uscire a dicembre, anche se ciò è avvenuto nell’ambito di uno scambio negoziato con i ribelli che in cambio hanno rilasciato alcuni detenuti, e non per rispetto del diritto umanitario.
Entrambe le parti hanno preso l’abitudine di usare prigionieri di guerra e ostaggi civili nelle loro trattative.

I critici di al-Assad che stanno pensando di andarsene hanno anche paura di essere arrestati dalle sue forze di polizia, che alle loro spalle hanno una storia lunga decenni fatta di arresti arbitrari, abusi sui detenuti ed esecuzioni illegali. Molti di coloro che sono apolitici o disposti a rischiare con il regime sono comunque preoccupati che i loro parenti di sesso maschile possano essere arruolati nell’esercito.

Anche i ribelli restringono il movimento dei civili. Amnesty International ha notato che l’Islam Army (Esercito dell’Islam), che controlla il lato dell’opposizione del checkpoint Wafideen, consente solo a determinati civili di uscire e in alcune occasioni ha arrestato gente che aveva semplicemente chiesto il permesso di andare.

Secondo il REACH, un’iniziativa sostenuta dall’ONU che lavora sull’informazione umanitaria, i gruppi di opposizione hanno vietato alle donne, ai bambini e agli uomini in età da combattimento di lasciare l’enclave, impedendo così alle famiglie di uscire insieme anche se alcuni membri sono riusciti ad uscire.

Come entra il cibo nella Ghouta orientale?

Le condizioni umanitarie all’interno della Ghouta orientale sono estremamente critiche. I bombardamenti del governo, le lotte intestine e il malgoverno da parte di gruppi armati dell’opposizione ne sono il motivo , ma la ragione più importante è il blocco dell’entrata di cibo e di assistenza umanitaria imposta dall’esercito siriano.

La durezza dell’assedio è variata nel corso degli anni. I convogli di aiuti dell’ONU e della Mezzaluna rossa siriana che sono autorizzati ad entrare prevengono l’inedia vera e propria, ma i permessi sono rari e irregolari. Funzionari che hanno distribuito aiuti affermano che non è consentito consegnare ovunque la quantità di cibo necessaria, e che le forniture mediche vengono spesso rubate o rimandate ai posti di controllo del governo.

Rifiutando gli aiuti umanitari, il governo ha spinto verso l’alto i prezzi dei generi alimentari e gonfiato i margini di profitto di un uomo d’affari legato al regime con diritti di monopolio per il commercio attraverso il valico di Wafideen, forse in cambio della condivisione dei profitti con l’entourage del presidente. Alcuni gruppi ribelli hanno partecipato all’accordo: sia le figure del regime che i comandanti insorti si sono arricchiti tassando il cibo a spese dei civili locali.

TunnelDal 2014 fino al 2017, attraverso i tunnel di contrabbando controllati dai ribelli sono state introdotte merci il cui passaggio non è consentito attraverso Wafideen, comprese armi e munizioni, ma anche cibo, medicine e carburante, necessario per alimentare generatori elettrici, pompe dell’acqua e altre infrastrutture di base. Nella primavera del 2017, l’esercito siriano ha bloccato i tunnel. Da allora, l’accumularsi di problemi economici e infrastrutturali ha diminuito la capacità della zona di far fronte alle privazioni.

Qual è l’attuale situazione umanitaria?

Nonostante la scorsa estate i principali gruppi ribelli abbiano siglato accordi di de-escalation mediati dalla Russia che li aveva portati a promettere un miglioramento riguardo l’entrata di materiale umanitario, i militari siriani hanno iniziato a rendere più duro l’assedio verso la fine del 2017.

A settembre, il governo ha messo fine anche al commercio di cibo a scopo di lucro precedentemente concesso attraverso Wafideen. Da allora, una manciata di convogli di aiuti organizzati dalle Nazioni Unite sono stati fermati dalle autorità, questo ha portato a una grave crisi sanitaria.

I recenti rapporti del Programma Alimentare Mondiale indicano che i prezzi nell’enclave sono cresciuti del 140% dalla chiusura di Wafideen e sono ora sei volte superiori alla media nazionale. Secondo REACH, un sacchetto di pane, che è un alimento base in Siria, ora costa 94 lire siriane a Damasco, e 1.500 lire siriane nella Ghouta orientale.

Anche prima che gli effetti dell’attuale crisi fossero pienamente avvertiti, i funzionari umanitari avevano descritto i livelli di malnutrizione della Ghouta orientale come i peggiori mai registrato durante la guerra siriana. Un sondaggio delle Nazioni Unite del novembre 2017 ha rilevato che l’11,9% dei bambini sotto i cinque anni soffriva di malnutrizione acuta e che il 36% soffriva di una crescita stentata.

Per Paulo Pinheiro, a capo della Commissione d’inchiesta internazionale indipendente, incaricata dalle Nazioni Unite sulla Repubblica araba siriana, la negazione dell’accesso agli aiuti da parte del governo equivale a “far soffrire deliberatamente di inedia la popolazione civile”.

Chi sono i ribelli nella Ghouta orientale?

L’insurrezione della Ghouta orientale è dominata da due fazioni rivali, la cui relazione reciprocamente ostile è stata modellata da un lungo, aspro e polarizzante processo di consolidamento delle suddette fazioni attraverso lotte interne.

La città settentrionale di Douma e le parti orientali dell’enclave sono gestite dall’Islam Army, un grande gruppo islamista di ispirazione salafita. I sobborghi di Damasco, nell’enclave sud-ovest, sono dominati da Failaq al-Rahman, un gruppo dell’esercito siriano che ha alcuni legami con i Fratelli Musulmani.

Entrambe le fazioni governano le loro aree in modo autoritario, facendo rispettare le leggi religiose conservatrici e reprimendo i dissidenti che mostrano sostegno per il governo o per i loro rivali locali.

Ci sono anche due fazioni islamiste più piccole, entrambe opportunamente allineate con Failaq al-Rahman a causa di una storia comune di conflitto con l’Islam Army.

Nella parte nord-occidentale dell’enclave, il quartiere di Harasta è gestito da un’appendice locale di Ahrar al-Sham, una fazione salafita la cui principale area di influenza è nel nord della Siria.

Anche il gruppo jihadista Tahrir al-Sham, che è emerso dalla franchigia di al-Qaeda in Siria, è presente nell’enclave. Sebbene sia la più potente fazione ribelle nel nord della Siria, l’ala Tahrir al-Sham della Ghouta sembra piccola rispetto all’Islam Army o a Failaq al-Rahman. Per sopravvivere, opera nelle aree dominate da Failaq al-Rahman dopo essere stato violentemente attaccato dall’Islam Army l’anno scorso.

Nelle interviste con IRIN, i funzionari di Failaq al-Rahman hanno negato qualsiasi alleanza con Tahrir al-Sham e si sono verificati scontri tra i due gruppi. Tuttavia, ci sono segnali che indicano una qualche forma di patto difensivo tra questi due gruppi contro l’Islam Army.

A causa del suo programma anti-occidentale e delle designazioni del terrorismo, a Tahrir al-Sham si tende a dare un’importanza eccessiva nella retorica del campo pro-Assad, come quando il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha recentemente affermato che Tahrir al-Sham “commanda” nella Ghouta orientale.

Cosa accadrà ora?

La scorsa settimana, la campagna aerea contro Ghouta orientale ha raggiunto livelli senza precedenti, con centinaia di morti nell’enclave mentre i ribelli hanno mortai contro Damasco.

Il quotidiano pro-governo siriano, al-Watan, afferma che una grande offensiva di terra potrebbe iniziare nella prossima settimana.

Le reazioni in Siria sono, come sempre, profondamente polarizzate.

I simpatizzanti dell’opposizione condannano gli impetuosi attacchi aerei, e il Consiglio locale di Douma chiede protezione internazionale contro quella che definisce una “campagna di genocidio“.

Per molti sostenitori del governo, tuttavia, un’offensiva per liberare la Ghouta orientale dai ribelli non avrà luogo a breve.

“Questo è un legittimo processo di liberazione che è da tempo dovuto”, ha detto il membro del parlamento siriano Fares al-Shehabi, che ha parlato all’IRIN giovedì pomeriggio. “Niente più jihadisti di al-Qaeda vicino alla nostra capitale!”

In che modo i civili sono interessati dall’escalation?

Anche se la Ghouta orientale è il centro del conflitto militare sul territorio – non, come si potrebbe presumere dagli infervorati commenti della stampa, un’esecuzione di massa in stile Srebrenica – i civili stanno subendo il peso della violenza.

Fonti ONU hanno documentato 346 morti e 878 feriti dall’inizio di febbraio, senza contare i combattenti. Si ritiene che la cifra reale sia più alta e i bombardamenti aerei stiano aumentando rapidamente.

Secondo Linda Tom, una portavoce di Damasco per l’organismo di coordinamento degli aiuti d’emergenza delle Nazioni Unite, OCHA, ci sono state segnalazioni di oltre 200 morti e più di 500 feriti nell’enclave solo tra martedì e mercoledì.

Secondo un bilancio dell’opposizione visto da IRIN, altri 71 civili hanno perso la vita nella Ghouta orientale giovedì e una fonte medica che ha parlato con IRIN ha elencato 24 attacchi a ospedali, cliniche e centri della Mezzaluna Rossa dal 18 febbraio, a Douma, Saqba, Jisreen, Harasta, Kafr Batna e Beit Sawa.

Gli attacchi alle strutture sanitarie sono particolarmente distruttivi, dicono le organizzazioni umanitarie internazionali.

“Le vittime ferite stanno morendo solo perché non possono essere curate in tempo”, ha osservato Marianne Gasser, capo della delegazione del CICR in Siria, in una dichiarazione del 21 febbraio in cui chiedeva l’accesso per le squadre del CICR.

Anche se i ribelli hanno meno potenza di fuoco della parte pro-regime, il loro lancio di mortai e razzi su Damasco sembra altrettanto indiscriminato. Linda Tom dell’OCHA ha detto a IRIN che le Nazioni Unite hanno ricevuto segnalazioni di 13 morti e più di 50 feriti in bombardamenti dei ribelli martedì. I media statali siriani hanno riportato altri tre morti e 22 feriti ieri a causa dei mortai.

Come finirà?

Gli obiettivi immediati del governo non sono chiari. Riuscire a riconquistare l’intera enclave potrebbe essere l’ambizione finale, ma le forze di al-Assad probabilmente perseguiranno obiettivi intermedi come la conquista di aree specifiche, la decimazione di una particolare fazione o l’alternanza di assalti militari con cessate il fuoco temporanei e accordi di evacuazione.

Come sempre quando si profila un’offensiva governativa, le cause ufficiali stanno nella presenza di Tahrir al-Sham.

La Russia ha condotto i colloqui lo scorso autunno per costringere i jihadisti a evacuare la Ghouta orientale a Idlib, seguendo un modello visto in diverse altre aree assediate in cui i combattenti armati possono scegliere tra arrendersi o accettare passaggi sicuri su autobus verso territori ribelli nel nord, accompagnati da civili e familiari che vorranno unirsi a loro. In cambio, Failaq al-Rahman avrebbe chiesto un nuovo valico commerciale vicino a Mleiha o Harasta per ridurre la dipendenza da Wafideen controllato dall’Islam Army. Ma questi colloqui sono falliti e l’attuale offensiva sembra puntare molto più in alto.

Secondo il quotidiano filo Assad, al-Akhbar, di Beirut, il governo ora vuole che sia Tahrir al-Sham che Failaq al-Rahman vengano inviati a Idlib. Secondo quanto riferito, i negoziatori russi ed egiziani hanno cercato di ricucire un accordo in questo senso, con la Russia che avverte che sosterrà un’offensiva di terra a meno che non venga raggiunto un accordo. Ma nonostante i negoziati “maratona“, sembra non esserci stata alcuna svolta.

“L’esperienza acquisita ad Aleppo, quando è stato raggiunto un accordo con i militanti sul loro esodo organizzato, può essere utilizzata nella Ghouta orientale”, ha detto Lavrov all’inizio di questa settimana.

Gli eventi di Aleppo, che si distinguono piuttosto come un modello da evitare, sembrerebbero meno gravi rispetto a quello che sta accadendo nella Ghouta orientale . I ribelli di Aleppo e i loro sostenitori internazionali hanno respinto tutti i discorsi di un passaggio di consegne negoziato per mesi, nonostante fossero per lo più schiacciati. Solo dopo che le difese dell’opposizione si erano sgretolate e i civili fuggivano in tutte le direzioni accettarono un accordo, il che portò a un’evacuazione frettolosa, criptata e caotica sia dei combattenti ribelli che di circa 30.000 civili rimanenti, a molti dei quali apparentemente non fu mai permesso di scegliere se rimanere o partire. In seguito è stato descritto dalla Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite come “spostamento forzato” che è crimine di guerra.

Il destino dell’enclave della Ghouta orientale sembra essere segnato. Una soluzione di uscita sicura per i ribelli armati e altri che rifiutano o non sono in grado di vivere sotto al-Assad possono quindi essere la soluzione meno dannosa per i civili. Tuttavia c’è una linea sottile tra quel risultato e la violenza di una possibile espulsione di massa.

Anche se la sconfitta dell’opposizione nella Ghouta orientale alla fine sembra certa, ci sono ancora molti percorsi militari e politici a tal fine, alcuni veloci, alcuni lenti e altri più dannosi di altri per gli innocenti.

Questo lavoro è stato supportato in parte da una borsa di studio della Fondazione Harry Frank Guggenheim.

Originale: http://www.irinnews.org/analysis/2018/02/23/understanding-eastern-ghouta-syria

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...