Samar Haddad: I libri sono la libertà e la lettura è ciò che ci libera

Leggendo in tempi di agitazione, il mantenimento di una casa editrice siriana, e i libri come oggetti d’arte

Abbiamo incontrato Samar Haddad, la donna alla guida della storica casa editrice Dar Atlas a Damasco. Dal 1950, Dar Atlas ha pubblicato, tra le altre cose, ciò che Haddad descrive come “bei libri” sia dentro che fuori. “Il vero editore, sia di case editrici piccole, medie o grandi dimensioni, è il combattente per la libertà del nostro tempo. Come editrice, io sono una combattente della resistenza in quest’ epoca di consumismo “.

Articolo pubblicato il 22 aprile 2022 su Syriauntold , scritto da Mohie Aldini Malak.

(Traduzione di G.De Luca)

Una scala mi porta al seminterrato di un vecchio edificio appena fuori al-Abed , via di Damasco. Un arioso trasparente buio avvolge il corridoio e l’intera casa editrice, abbastanza per farmi gioire. Quando vedo una pila di libri, non mi interessa come gli autori abbiano trovato le loro passioni o giocato le loro carte; vedo solo il loro lavoro notevole.

“Vogliamo esprimere qualcosa di complesso e grandioso, e alla fine tutto ciò che diciamo è: ti amo”, come disse una volta lo scrittore argentino-canadese Alberto Manguel, che nutre l’arte del leggere. È un qualcosa di complesso . Questa è la gioia che si mantiene rigenerante nel mio cuore, in movimento e in crescita. Una gioia che ho trovato nel contenuto dei libri che ho letto.

Samar Haddad mi guida nel suo ufficio, che contiene oggetti, fotografie, articoli sulla sua vita. Mi racconta delle persone che si sono avvicendate e i cui fantasmi sono rimasti qui, alla deriva. Sento i suoni, ma non capisco tutto. Non ho il tempo di creare il mio piccolo mondo; sono troppo occupato nel raccontare la storia Dar Atlas per Syriauntol; Dar Arles è la casa editrice che Samar ora dirige a Damasco, dopo averla ereditata dal padre. Come avrà fatto, Dar Atlas, fondata nel 1950, a rimanere a galla? Come intende affrontare nuovi progetti, alcuni dei quali si sono avvicendati in un lampo e altri che sono scomparsi del tutto?

So che la persona migliore per parlare di questa stanza, le sue pareti accatastate con piccole carte e vecchie fotografie, la vita di tutti i libri e i loro viaggi attraverso le frontiere, è Samar Haddad. Le sue parole scorrono, una marea di tristezza e riflessioni, ricordi che hanno tenuto in vita quei libri. “Un libro è la vita”, dice. “Deve rimanere, nonostante tutto.”

Tra la crisi economica in Siria e gli ebooks in aumento, stanno sparendo i libri in formato cartaceo?

Questa domanda è problematica, e piuttosto pesante. E ‘una domanda che ci siamo fatti 20 anni fa. Immagina! Da 20 anni diciamo: Il libro dovrebbe essere morto.. Ma non lo è. Si ritorna sempre invece alla sua gioventù, sfidando il suo destino. Trascende per diventare una rivelazione, qualcosa che il mondo vede e legge.

Per esempio: esistono ancora fiere del libro cartaceo. Ogni fiera ha decine, centinai di stands di libri. Questo è solo un esempio di quanto il libro sia vivo.

Quando dico “libro, è quello che voglio dire. Non tutti i libri meritano di essere chiamati cosi. Capisci cosa intendo? Ci sono molti libri, e enormi quantità di denaro sono stati spesi per loro. Non voglio fare nomi, ma ci sono fiere del libro qua e là che si distinguono solo per il loro aspetto: l’edificio, l’architettura, il design, le installazioni e l’arredamento. Un libro sui loro scaffali può uguagliare il mio budget per un anno intero. Un solo libro, senza sostanza. Senza forma, senza uscita. In breve, si tratta di un brutto quadro. Questa è una cosa molto, molto triste.

Decorazioni esagerate, celebrazioni, feste per far firmare o libri agli autori. I lettori che si affollano per comprare, disegni di lusso e sostanza vuota prodotta dalla natura del presente. Il risultato: nessuna informazione culturale o intellettuale, ma piuttosto un trend che va verso l’appiattimento, accorciando, distorcendo. Forma senza sostanza.

L’interno di Der Atlas

Non hai detto che solo un po ‘di tempo fa i libri aprivano un mondo e una vita di conoscenza per voi?

Questa è la sostanza alla quale mi riferisco : la trascendenza completa della realtà culturale amara attraverso i libri fisici.

Questa è la sostanza alla quale mi riferisco : la trascendenza completa della realtà culturale amara attraverso i libri cartacei.

I libri sono la libertà e la lettura è ciò che ci libera. Il vero editore, sia esso piccolo, medio o grande, è un combattente per la libertà del nostro tempo. Come editore, io sono una combattente della resistenza in questa epoca di consumismo.

Qualsiasi piccolo editore (me compresa) soffre di vari contenziosi, le sanzioni, la crisi di energia elettrica, e delle cose più semplici che si presentano nella vita. Tutte queste cose provocano un senso di shock e delusione nella tua anima a causa della rottura irrazionale e la distorsione che ci ha colpito. Nonostante tutto, il risultato della stampa, la pubblicazione e il mercato bei libri (belli nella forma e nella sostanza), ha qualcosa che ci rende orgogliosi. Naturalmente, lo stesso vale per molti dei miei colleghi sia all’interno che all’esterno della Siria. Abbiamo la capacità di andare avanti.

E così, anche se si ascolta più e più volte che “il libro fisico sta morendo,” Io continuo a dire: “No è cosi.”  Cioè, fino a quando ci saranno  persone esigenti  che sapranno far la differenza tra  libri fisici buoni e cattivi, e libri elettronici.

Youssef Abdelke, Mouneer al-Shaarani e altri, progettano le copertine per i nostri libri. Non accetto che un libro con buon contenuto appaia senza un altrettanto buon design, così come non accetto eventuali errori all’interno del libro. Il libro in questo senso è una forma d’arte, ed è all’interno di questa verità artistica che il libro dura.

Durante la nostra conversazione precedente, ho citato il libro Les Célibataires de l’Art, e gli errori all’interno di esso. Ero arrabbiata. Prima di tutto facciamo tre turni di modifiche su ciascuno dei nostri libri, e poi arriva la correzione di bozze. In sostanza, il libro passa dall’autore o traduttore (sua prima stesura) per l’editor e poi per il correttore di bozze. Se ci sono ulteriori commenti, allora il libro ritorna all’autore, che ha il diritto di respingere tutto ciò che ritene opportuno, al di fuori di errori sintattici o grammaticali. Tutto questo avviene prima che il libro vada in stampa; queste molteplici riletture.

Galleria d’Arte Zawaya, Damasco

Ci sforziamo per raggiungere la perfezione nella misura in cui siamo in grado, per soddisfazione intellettuale e bellezza. Nessuno fa questo. Pochissimi editori in lingua araba lavorano hanno questo approccio, avendo rispetto per i lettori seri. Nonostante il nostro metodo, le nostre vendite all’interno della Siria sono in perdita. Questo perché noi siamo, in primo luogo, una casa editrice siriana e dall’inizio ci siamo orientati verso i lettori siriani.

Ho detto “perdita”, perché non siamo in grado di aumentare i prezzi dei nostri libri. La ragione è, semplicemente, che la gente muore di fame. Cerchiamo di compensare queste perdite attraverso le nostre mostre di libri all’estero.

In breve, non sono d’accordo con l’idea che i libri cartacei stiano morendo, indipendentemente da quanto sia profondamente deteriorata la nostra realtà.

Parlami della diversità dei libri che pubblicate. Quali sono le storie di questi libri in termini di scrittura, stampa e pubblicazione?

Si dice che tutti i libri di tutti i tipi abbiano la propria parte di presentazione e di marketing. Questo è vero per tutti i libri commerciali, siano essi libri di cucina, guide, oroscopo o gialli, l’editore ha il diritto di agire per conto del lettore, di indovinare ciò che il lettore vuole, ama, ciò che non vuole e che non gradisce.

Questo è bibliodiversità, che ci porta ad un altro argomento, quello della giustizia, di espressione contro la libertà di espressione. La libertà di espressione dà e mostra le voci più forti ai lettori più forti a scapito di voci emarginate. Nel frattempo, la giustizia di espressione dà luce a tutte le voci, comprese quelle dei libri pubblicati da case editrici indipendenti o che si autofinanziano.

Scelgo il catalogo bibliografico che mi si addice, e a causa della censura alle volte è difficile ottenere i diritti di pubblicazione senza eliminare o aggiungere alcune parti.

Stiamo continuando a produrre libri, e stiamo pensando a progetti futuri. Stiamo lavorando su un libro intitolato “L’ enciclopedia della calligrafia araba” con l’aiuto del calligrafo Mouneer al-Shaarani, e un altro libro di brani tratti da Ibn Arabi. Questo libro è stato tradotto anche in altre lingue (francese, inglese e spagnolo) e comprende opere d’arte e un’introduzione di Mouneer. Ci sono anche quattro libri tradotti in arabo dal tedesco, catalano e inglese.

Cito questi progetti per dire che non credo che i libri siano morti.

Per te sembra implicito che l’obiettivo di pubblicazione dei libri non è a scopo di lucro. Lo scopo, è, quindi, cercare la conoscenza? Come è possibile continuare in questa direzione, senza scopo di lucro?

Come ho detto in precedenza, ci siamo orientati fin dall’inizio verso il pubblico siriano e il lettore siriano. Cioè, prendiamo il lettore siriano in considerazione.

Il padre di Samar Haddad, fondatore di Der Atlas

I prezzi dei libri al di fuori della Siria sono diversi da che quelli si vendono all’interno della Siria?

Sì, molto diversi. Partecipiamo in almeno otto fiere del libro all’anno. Il guadagno ottenuto grazie alle vendite durante quegli eventi al di fuori della Siria ci aiuta a stare a galla qui. Contiamo anche grazie a borse di studio per tradurre libri da varie lingue in arabo come parte di ciò che si potrebbe chiamare “promozione culturale”: promuovere francese, catalano, spagnolo e tedesco, per esempio. Queste sovvenzioni sono almeno il 70 per cento del nostro progetto.

È raro sentire qualcuno, il proprietario di un’organizzazione, dare più importanza a valori culturali e intellettuali piuttosto che ai profitti e al reddito.

È cosi, come editore, mi occupo di cultura prima di pensare al lucro. La pubblicazione è, alla fine, una questione di affari, e privarla di preoccupazioni culturali non la priva della sua solennità. Se avessimo voluto, avremmo potuto attirare la vostra attenzione puntando più sul lato commerciale delle cose per poter fare grandi profitti.

Ti preoccupi che i libri tradotti da Dar Atlas in arabo siano colpevoli di “tradimento” linguistico attraverso una traduzione? Come editore, siete preoccupati che il testo tradotto corrispondente all’originale? Come sapete, la traduzione serve ad accogliere lo straniero; traduzione è dialogo e l’interazione con l’ altro. Che ne pensa di traduzione in questo quadro?

Ovviamente. Senza dubbio, cerco di ottenere una traduzione che sia fedele all’originale il più possibile. Tuttavia, non ci può essere “tradimento” nel vero senso del termine. Piuttosto, ci sono alcune scelte che il traduttore ritiene appropriate nel contesto.

Fare queste scelte viene dalla natura della traduzione stessa, o dal punto di vista personale del traduttore?

Dalle esigenze del testo, o la struttura.

Questo si applica a tutti i traduttori?

No. Non c’è traduzione che sia al 100 per cento perfetta. Piuttosto, v’è un codice etico per la traduzione. Per esempio:

Adnan Jamous ha tradotto il Diario di Dostoevskij ed ha fatto un lavoro incredibile. Quando ho letto la sua traduzione, era come leggere il libro nella sua lingua madre. Adnan ci ha messo quasi un decennio a tradurre il libro ed ora ha 80 anni. E così, non posso dire che abbia tradito Dostoevskij. Devo anche aggiungere che siamo molto interessati a lavorare con traduttori altamente qualificati, nonostante le loro tariffe elevate.

Un altro esempio: Nabil al-Huffar è tra i più importanti traduttori, sia in Siria che all’estero. Traduce dal tedesco all’arabo. Le sue traduzioni sono, in sostanza, la “prospettiva della distanza”, una bella frase che prendo in prestito da un poeta chiedendo di descrivere espressività morale ed estetica di Nabil.

Infine, ho letto un testo di Amin Maalouf in lingua originale e ho notato la differenza: Il testo tradotto non ha lo stesso grado di bellezza e lucentezza dell’originale.

Forse siamo fortunati ad avere traduttori con una buona conoscenza della lingua, la trasmissione, la cultura e l’interazione con gli altri.

Parlami della recente mostra del libro nella Zawaya Art Gallery di Damasco, dove i libri erano accanto a prodotti artigianali provenienti da varie regioni della Siria. Qual è il rapporto tra i libri fisici e artigianato?

Abbiamo voluto mettere in evidenza le dimensioni culturali di vari progetti sociali e collocarli nel loro contesto. Abbiamo fornito la possibilità, agli amministratori di questi diversi progetti, (che, guarda caso, erano tutte donne) di parlare delle loro esperienze all’interno dell’atmosfera mista, con i libri, che sono portatori di cultura e conoscenza.

Forse abbiamo limitato le dimensioni del nostro pubblico in un modo o nell’altro, non lo sappiamo. Ma l’esperienza è stata un grande successo, e stiamo pensando di ripeterlo in altre parti di Damasco.

Ti senti delusa in qualche modo per l’attuale scena culturale in Siria?

Ovviamente. Che cosa ci si può aspettare in mezzo a questa realtà che stiamo vivendo?

Mi scuso per questa prossima domanda, ma devo chiedere. Proprio come è stata conservata la missione del vostro defunto padre, di tenere in piedi Dar Atlas, ci sarà qualcuno che non mancherà di raccogliere il testimone quando te ne sarai andata? Qual è il destino di Dar Atlas?

Non c’è nessuno, e nessun erede. Ho pensato a questo per un lungo periodo di tempo.

Anche in questo caso, mi spiace per la delicata questione.

No no, è totalmente calzante. E ‘una cosa naturale da chiedere.

Ci sono diverse opzioni. Vorrei assicurare la casa editrice ad una persona competente e onesta in modo che possa mantenerla a galla. Tuttavia, non c’è nessuno della mia famiglia che possa garantire una successione, dato che né io né mia sorella siamo non sposate. Ho un fratello, ma lui non è coinvolto in Dar Atlas. Tutto il resto della famiglia è nella diaspora, visto che siamo di origine palestinese

Sì, questo problema mi dà fastidio, e sto pensando ad un piano alternativo. Non lo so ancora. Non ho ancora iniziato il processo di consegna Dar Atlas, dato che sono ancora in grado di gestire il tutto e seguirne i progetti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...