Processo di Coblenza: i detenuti raramente ricevevano medicine quando richiesto, venivano piuttosto picchiati

il

Di Luna Watfe. Pubblicato il 25 dicembre 2021 su sl-center .

(Traduzione G.De Luca)

Rapporto su un’udienza di Anwar Raslan il 25/08/2021 quando la corte ha ascoltato il giornalista siriano e YouTuber Firas Al-Shater, che era li come parte civile e anche come testimone. Firas ha reso la sua testimonianza in tedesco e ha detto di essere stato arrestato quattro volte, ma avrebbe parlato solo di quella relativa al ramo di Al-Khatib.

Il signor Firas Al-Shater ha detto ai giudici che circa sette membri dei comitati popolari lo arrestarono il 27 giugno 2012 dalla zona di Jaramana, alla periferia di Damasco, e lo portarono in una casa non verniciata in un’altra zona. Lì fu sottoposto a torture, violenze sessuali, sigarette spente sul suo corpo e picchiato con manganelli e prolunghe sanitarie. Fu quindi portato sulla strada dell’aeroporto pensando che intendessero liquidarlo. Gli spararono sopra la testa e fotografarono la situazione che li fece ridere. Fu portato alla filiale di Arbaeen dopo un giorno e mezzo.

Il signor Firas rimase nella filiale di Arbaeen solo un giorno e poiché non aveva mangiato cibo durante il periodo precedente al suo arrivo, chiese all’ufficiale di sicurezza di portargli qualcosa da mangiare. L’ufficiale gli disse che avrebbe dovuto pulire prima il tetto del ramo, e fu così che il testimone si rese conto di essere nel ramo 40 perché poteva vedere l’intera area dal tetto. In serata, fu portato alla filiale di Al Khatib.

Al “ricevimento”, come lo chiamavano i detenuti, il testimone fu colpito al volto con il calcio del fucile, questo gli provocò una ferita alla fronte che poi dovette curare. Tuttavia, a causa delle estese torture a cui era stato sottoposto nei due giorni precedenti, era in pessime condizioni, così uno degli agenti gli disse che sarebbe rimasto lì per un altro giorno e poi sarebbe stato trasferito in ospedale per trattamento e fu posto in una cella di gruppo.

Vicino a questa cella, Firas descrisse come un detenuto stesse morendo, il che spinse gli altri detenuti a chiamare i carcerieri per venire a salvarlo. I carcerieri dissero loro di lasciarlo morire e quando fosse morto di informarli in modo che potessero venire a tirarlo fuori. Infatti, il detenuto morì e questo fu il primo corpo che il testimone vide all’interno della filiale di al-Khatib.

Il giorno successivo, dopo che Firas insistette lo portarono all’ospedale militare di Harasta, al sesto piano. Il testimone vide molti pazienti lì, come ha detto ai giudici, e ha aggiunto che le stanze erano distribuite tra i rami della sicurezza su questo piano, il che significa che la sala del ramo di al-Khatib, ad esempio, conteneva detenuti del ramo di al-Khatib, e anche il personale di guardia provenivano dal ramo di al-Khatib.

All’ospedale di Harasta, nessuno di loro aveva un nome, quindi ogni detenuto doveva memorizzare il suo numero quando veniva chiamato. Il primo giorno lì, mentre andava in bagno, il testimone vide il corpo di un bambino e un uomo adulto davanti alla porta del bagno. Nei giorni seguenti, vide i corpi accatastati l’uno sull’altro nel bagno.

In ospedale, né Firas né nessun altro detenuto ricevettero alcun tipo di trattamento o medicazione, ma solo torture ogni poche ore da parte di uno degli ufficiali, o infermiere che spegnevano le sigarette sui loro corpi.

Il testimone ha detto che la tortura nel settore della sicurezza è spesso finalizzata a estorcere informazioni al detenuto mentre nell’ospedale militare il suo unico scopo è infliggere la tortura.

Il testimone rimase all’ospedale militare di Harasta per una decina di giorni durante i quali vide il medico una sola volta e questo medico comunque non curò nessuno. Nella sua stanza in ospedale, uno dei detenuti morì sul suo letto dopo che avevano rifiutato di dargli le medicine. L’ufficiale di sicurezza confermò la sua morte colpendolo con un cavo. Al non vedere alcuna reazione da parte sua, chiamò il servizio appropriato dicendogli di venire a prendere il corpo. Poi si sedette, accese la sigaretta e iniziò a bere mate, e poi il cadavere venne rimosso.

Dopo diversi giorni, il testimone cominciava a sentirsi un po’ meglio e venne riportato alla filiale di al-Khatib e messo in una cella di gruppo più grande della cella del primo giorno. Nella cella c’erano circa 200 detenuti. Oltre al gran numero di detenuti in questa cella, il testimone ha detto anche di quanto fosse difficile trovare un posto dove sedersi o dormire, e dei rumori di tortura che si sentivano chiaramente nelle vicinanze.

Mentre era nel ramo di al-Khatib, Firas venne riportato al ramo di al-Arbaeen due volte per ulteriori interrogatori. Uno di questi era dovuto alle immagini trovate sulla sua macchina fotografica privata a causa delle quali venne picchiato e torturato ancora una volta. Dopo che l’indagine venne stata completata, fu riportato alla filiale di Al-Khatib.

Quando gli è stato chiesto della situazione nella filiale di al-Khatib, ha risposto che fu interrogato solo una volta, al piano superiore, mentre era bendato, ma poteva vedere un po’. Lì, fu portato nella stanza degli interrogatori dove era stato ovviamente appena completato un interrogatorio con un altro detenuto prima di lui. Il testimone riuscì a vedere evidenti segni di tortura su di lui, e quindi si aspettava che ci sarebbe stata la stessa reazione su di lui dopo che l’avessero fatto entrare. Fu interrogato su cose di cui non sapeva nulla e non era collegato a nulla su cui si aspettava di essere interrogato riguardo alle sue precedenti attività nella rivoluzione siriana. Durante questa sessione di interrogatorio, fu anche sottoposto a torture, maltrattamenti e privazione dell’acqua.

Tra i metodi di tortura praticati sul testimone, al di fuori delle sessioni di interrogatorio, la sua schiena venne bruciata con plastica fusa. A un detenuto che si trovava di fronte a lui venne messo un sacchetto di plastica sulla testa che poi fu dato alle fiamme. Il detenuto stava chiaramente agendo fuori di testa, eppure ciò non ha impedito loro di torturarlo violentemente.

Nella filiale di al-Khatib, il testimone ha visto come i detenuti venivano appesi con il metodo dello shabeh nel corridoio di fronte alla sua cella, con le mani attaccate a un cavo o con un fermaglio di ferro al muro a cui era appeso il detenuto, poi issato e picchiato. Tuttavia, non fu personalmente sottoposto al metodo dello stress shabeh nel ramo di al-Khatib.

Ha visto anche la sedia tedesca in questo corridoio e ha confermato di aver visto due persone che venivano torturate sulla sedia tedesca e di conseguenza non erano in grado di camminare. Ha anche aggiunto di conoscere il metodo di tortura della ruota che solitamente accompagnava la falaqa, la fustigazione delle piante dei piedi, finalizzata a estorcere informazioni al prigioniero, ma ha anche confermato di aver visto detenuti a cui erano state asportate le unghie inserendo un pezzo di ferro con un martello.

Ha anche detto di aver visto donne e bambini nel ramo di al-Khatib. Nella sua cella ce n’era persino uno che non aveva più di sei anni.

Per quanto riguarda i cadaveri nel ramo di al-Khatib, il testimone ha affermato che oltre alla prima persona alla cui morte aveva assistito, non poteva dire esattamente quanti detenuti morti avesse visto personalmente nel ramo di al-Khatib. I detenuti venivano solitamente portati via per l’interrogatorio e poi tornavano con segni di tortura e difficoltà respiratorie e molti di loro in seguito avevano perso la conoscenza. Alla fine, venivano gettati a terra e non venivano più spostati.

Ha notato di aver visto personalmente più di venti persone alle quali era successo questo, ma poiché quindici di loro avevano i loro effetti personali all’interno della cella e non sono mai tornati a prenderli, aveva creduto che fossero morti. In alcuni casi il direttore li riprendeva dopo diverse ore, ma a volte accadeva durante la notte e dovevano aspettare fino al mattino per dirlo al direttore, e in questi casi gli altri detenuti confermavano la sua morte.

Firas ha aggiunto che ha dovuto sottoporsi a cure psichiatriche per diversi anni in modo da poter dimenticare questi dettagli altrimenti non avrebbe potuto continuare la sua vita e il suo futuro.

Il testimone ha parlato anche delle cure mediche nella filiale di Al-Khatib e ha detto che i detenuti feriti erano chiamati e poi portati in una stanza nel seminterrato dove c’era una persona che stava sempre accanto al medico che era responsabile di decidere chi sarebbe stato mandato in ospedale o no.

Il testimone non ha confermato né alla polizia né alla corte che questa persona fosse l'”imputato” Raslan, ma in precedenza aveva detto alla polizia criminale che al vedere la sua foto avrebbe potuto essere lui. Ha anche detto ai giudici che non ricordava se era stato lui a mandarlo in ospedale o meno.

La seconda volta che il testimone è andato dal medico a causa di ferite aperte sulla spalla, la persona che ha visto aveva i capelli grigi e un neo sul viso. Questa volta, la persona gli ha rifiutato il trattamento nonostante la ferita fosse infetta e il sangue scorresse dalla sua spalla. Al contrario, è stato picchiato quando ha chiesto medicine. Apparentemente, questo non era insolito in quanto altri detenuti che avevano trascorso molto tempo in ospedale gli hanno spiegato che raramente ricevevano medicine, piuttosto venivano picchiati. L’interessato era noto per il fatto di decidere di mandare qualcuno in ospedale solo se era prossimo alla morte.

Nel descrivere la posizione di questa persona, il testimone ha detto che gli ufficiali lo chiamavano “signore”. Veniva nel seminterrato due o tre volte alla settimana per decidere chi sarebbe stato mandato in ospedale e chi no; il suo discorso era per lo più sotto forma di ordini e il trattamento non era umano o medico in questi casi, ma solo per mantenere in vita il detenuto.

Il testimone ha descritto come il sovraffollamento, la mancanza di cibo e le alte temperature, oltre a torture e cattive condizioni nelle celle, abbiano portato a casi di perdita di coscienza e follia tra alcuni detenuti, poiché si comportavano come se stessero parlando con qualcuno al telefono , per esempio. Lo stesso signor Firas si trovò davanti ad un caso di follia quando uno dei detenuti si rivolse a lui all’interno della cella per chiedergli di aprirgli la porta del bagno perché sua moglie e suo figlio erano con lui.

Il testimone è rimasto solo nella filiale di al-Khatib per una ventina di giorni, dopodiché fu stato trasferito presso la filiale di Kafr Sousa, dove venne torturato e interrogato ancora una volta ma questa volta venne appeso (al-Shabeh)per due giorni . Trascorse una settimana o due nella filiale di Kafr Sousa e fu sottoposto a diverse forme di tortura ogni giorno.

Al signor Firas è stato chiesto delle tracce di tortura rimaste sul suo corpo e ha detto loro che fino ad ora c’erano alcune tracce leggere sulle sue mani e che soffriva ancora di alcuni problemi alla mano destra. Aveva anche foto di tracce che erano sulla sua spalla sinistra a seguito del pestaggio con il cavo e sulla testa.

Il testimone è stato rilasciato intorno alla metà di settembre, avendo perso circa 30 kg del suo peso durante il periodo della detenzione.

Al termine della seduta, il teste ha risposto a tutte le domande poste dalle parti in causa ma gli avvocati difensori hanno concentrato le loro domande sulle dichiarazioni del testimone alla polizia giudiziaria circa il suo rapporto con l’avvocato Anwar al-Bunni, e fino a che punto quest’ultimo era a conoscenza delle dichiarazioni del testimone prima di presentarsi al tribunale. Il teste ha negato la loro dichiarazione e ha confermato che c’era un errore nella scrittura. Poiché le sue dichiarazioni sono nelle mani della polizia criminale e l’investigatore della polizia criminale può essere convocata per indagare sulla questione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...