Come è stata organizzata la rivoluzione siriana e come si è svolta

Articolo di Zaina Erhain (pluri premiata giornalista), pubblicato il 16 marzo 2021 su NEWLINE Magazine

Traduzione di Giovanna De Luca

Dopo un decennio di conflitto, cosa è successo agli organismi rivoluzionari pionieri che hanno guidato la prima fase della rivoluzione in Siria?

Razan Zaitouneh e Zaina Erhaim, a Damasco, Siria nel 2007 / Foto di Susanne Fischer / Per gentile concessione dell’autore

La rivolta siriana è cominciat all’inizio del 2011, quando gli attivisti hanno iniziato a organizzarsi in tansiqiat (gruppi) nei loro quartieri, villaggi e città per pianificare le proteste e informare poi i media.

Al diffondersi la rivolta in tutto il paese, divenne necessario un coordinamento tra le persone dei diversi tansiqiat nelle varie città, governatorati e in tutta la nazione. È così che sono nati i Comitati di coordinamento locale della Siria (LCC). Sono stata contattata da Razan Zaitouneh, un’ avvocatessa e nota attivista per i diritti umani, per aiutare a pianificare il nascente progetto e l’impegno dela parte mediatica nel 2011.

Zaitouneh era co-fondattice considerata il capo della LCC. La conoscevo da circa quattro anni. Ci eravamo incontrate in un paio di eventi e io avevo usato vari programmi proxy per accedere a Facebook, che allora era bloccato in Siria, per leggere i suoi articoli e lavori pubblicati su siti web anch’essi bloccati. Anche lei stava interagendo con i miei articoli e iniziative femministe critiche, come la prima campagna sui social media che ho condotto nel 2009, che è stata la prima nel suo genere in Siria. Il fulcro della campagna riguardava un progetto di legge misogino sullo status personale che violava i diritti delle donne su questioni quali la custodia dei figli, la legalizzazione del matrimonio precoce per le ragazze, la poligamia e altre questioni. Razan mi inviava messaggi dopo ogni singolo post che inviavo ai membri del nostro gruppo Facebook, incoraggiandomi ad andare avanti e offrendomi aiuto.

Molti dei miei amici a Damasco stavano partecipando ai sit-in davanti alle ambasciate libica ed egiziana per sostenere le rivolte in altri paesi arabi quando le forze di sicurezza attaccarono gli attivisti. Ero a Londra per finire il mio master e, poiché avevo un accesso a Internet senza censure, condividevano ciò che stava accadendo con me in modo che potessi pubblicarlo in arabo e in inglese. Questo è stato un chiaro segnale del mio sostegno alla rivolta, quindi quando sono iniziate le prime manifestazioni della rivoluzione nella città meridionale di Daraa, Razan mi ha contattato per aiutare a raggiungere i media arabi e internazionali. L’ho fatto e, senza alcun accordo formale, liste di attività o ambito di lavoro, sono diventata un membro attivo del team.

Secondo Mazen Darwish, avvocato e uno dei fondatori, il progetto dei LCC in realtà è iniziato prima, dopo la Rivoluzione Verde in Iran nel 2009, condotta contro il furto delle elezioni presidenziali dall’incombente Mahmoud Ahmadinejad. Gruppi online su blog e altre piattaforme si stavano formando in Siria su diversi argomenti e ombrelli, e la loro attività si era intensificata dopo la rivolta tunisina nel 2011.

“Ci stavamo nascondendo dietro i movimenti degli altri, sostenendoli, sapendo che la Siria sarebbe stata la prossima”, mi ha detto Darwish. “Nel febbraio 2011, abbiamo organizzato un incontro con Razan e alcuni partiti curdi per discutere la possibilità di utilizzare l’occasione del Nowruz (il capodanno curdo) come scintilla per la rivoluzione siriana”.

Quando sono entrata a far parte del LCC, sono stato aggiunto a un gruppo Skype generale in cui molti attivisti provenienti da diverse parti della Siria pubblicavano messaggi su ciò che stava accadendo nelle loro aree. Abbiamo creato circa 21 stanze Skype per ogni tansiqiat, una redazione principale di cui ero responsabile e una per le traduzioni che includevano principalmente volontari siriani nella diaspora che avevamo identificato, dei quali ci fidavamo e avevamo invitato.

Solo un paio di account Skype, tra le dozzine coinvolte, riflettevano i veri nomi delle persone. Il mio pseudonimo era Zain e molti pensavano che fossi un uomo, una convinzione che non avevo corretto. Molti di quegli pseudonimi non avevano nemmeno senso come nomi personali, come Cold Mountain, che dovevamo chiamare “Cold” tutto il tempo perché si supponeva che fosse il suo nome di battesimo.

Abbiamo scoperto che si chiamava Hasan Azhari solo quando è stato arrestato a Latakia nel marzo 2012. Successivamente, abbiamo dovuto pubblicare la sua foto tra le notizie sulla nostra pagina del LCC.

“Il nostro membro Hasan è morto sotto tortura nelle carceri del regime”, si legge nel post. “Era al suo quinto e ultimo anno di studi di farmacologia.”

C’erano anche molti nomi “Free” allora, per i quali dovevamo usare il loro nome completo, come Free Douma, o solo il cognome, che di solito era il nome della loro città natale.

A un certo punto, il LCC era diventato una rete di 70 gruppi di coordinamento gestiti da media e attivisti di strada collegati alla rivolta di base all’interno della Siria. Era anti-settario, impegnato nella nonviolenza e contrario all’intervento straniero. Tuttavia, questa posizione è cambiata con l’escalation della violenza del regime e, all’inizio del 2012, il LCC ha iniziato a chiedere alla comunità internazionale di prendere una posizione più forte contro il regime di Assad, pur riconoscendo il ruolo dell’Esercito siriano libero, la forza ribelle che stava iniziando a crearse .

Razan e Mazen erano tra i pochi che usavano i loro nomi completi su Skype e nelle interviste ai media mentre eravamo a Damasco, mentre ci nascondevamo tutti dietro pseudonimi. Tuttavia, alcuni di coloro che stavano lavorando molto si mantenevano anonimi, come la dinamo che gestiva tutte queste stanze Skype e che era conosciuta come Syrian Yasmine. Abbiamo lavorato (su base volontaria) insieme per più di due anni e abbiamo trascorso insieme più di 12 ore al giorno online; non le ho mai chiesto il suo vero nome, e nemmeno lei ha chiesto il mio. Di notte parlavamo delle nostre relazioni personali, disperazioni, paure e persino pettegolezzi dopo aver inviato gli ultimi bollettini e pubblicato tutte le notizie che avevamo per quel giorno. Allora era la persona più vicina a me, insieme a Razan.

Dopo circa quattro anni, sono stata finalmente in grado di dare un nome e un volto a Yasmine. Ho conosciuto Ola Albarazi a Gaziantep, in Turchia, dopo che aveva lasciato il Canada per essere più vicina alla Siria e dopo che avevo già lasciato Londra per tornare in Siria.

“Come ti senti a scrivere questo?” mi ha chiesto mentre le parlavo per questo saggio.

“Non sono sicura – mi sembra di essere un’ estranea per Zain, e quello che è successo sembra essere stato un sogno”, ho risposto. In tutte le interviste, era come se i nostri giorni nel LCC fossero una scatola che non osavamo ancora aprire.

Anche Yasmine / Ola è stata portata al LCC da Razan, dopo essere rimasta colpita dalla sua devozione e dedizione condividendo i dettagli di contatto di tutte le ambasciate siriane in tutto il mondo ed esortando i siriani nella diaspora e altri a chiamare e protestare contro ciò che stava accadendo durante la manifestazioni di Daraa. Dopo aver confermato l’identità di Ola con un paio di fonti attendibili ad Hamah, Razan le ha chiesto di essere maggiormente coinvolta. Ola acconsentì.

“All’inizio mi faceva uno squillo, e quando richiamavo, condivideva le notizie che aveva raccolto e verificato da Daraa. Poi io le traducevo e le pubblicavo sul mio account Twitter “, ha detto Ola. “Dopodiché, diede il mio account Skype agli attivisti sul campo per comunicare direttamente con loro, e finalmente il nostro lavoro sui media è diventato più organizzato e professionale”.

Avevamo un sito web in arabo e in inglese, lanciavamo campagne che enfatizzavano la coesione sociale e la nonviolenza, documentavamo notizie quotidiane su detenuti e vittime e inviavamo resoconti alla fine di ogni giornata, soprattutto il venerdì.

In un tipico venerdì, eravamo tutti online e pronti entro le 9 del mattino per riferire su come le forze di sicurezza bloccavano le strade o venivano dispiegate intorno alle moschee. A mezzogiorno diventavamo macchine, verificando, modificando, traducendo, caricando video su YouTube, inviando bollettini insieme ai video ai media che avevamo individuato in anticipo; e andavamo avanti cosi fino alle 8 di sera, che era quando cominciavamo a ricordarci che non avevamo ancora mangiato, buttandoci fuori a calci a vicenda dalla stanza Skype così avremmo avuto la possibilità di mangiare prima di tornare a concludere il lavoro del giorno.

Avevamo chiaramente background e ideologie diverse. C’erano membri conservatori, atei, laici e moderati. Tuttavia, l’intimità, la fiducia, il sostegno, il calore e la passione che si sentivano chiaramente dietro quegli pseudonimi sono indimenticabili.

Pensandoci ora, non capisco come tali relazioni non siano considerate reali o come siano finite senza conoscere i nomi e alcune informazioni personali gli uni degli altri. Sapevamo tutto riguardo la personalità, le preferenze e le storie d’amore. Le uniche informazioni che non avevamo erano gli indicatori formali con cui inizi una conversazione: il tuo nome, cosa fai e dove risiedi.

Solo pochi membri sono rimasti immutati nel tempo, come Yahya Shurbaji, figura pionieristica del LCC. Visse e morì credendo nei suoi principi di lotta non violenta. Diceva: “Essere ucciso è meglio che essere un assassino”.

Yahya è stato arrestato nel settembre 2011 e ucciso sotto tortura.

D’altra parte, quelle che sembravano differenze ideologiche sottili e sfumate iniziarono ad acuirsi e fondersi man mano che il conflitto diventava si militarizzava. È stato il caso di Free Domair, che si unì al FSA in un sobborgo di Damasco e finì per compiere un attacco suicida contro una barricata del regime vicino alla sua città natale di Domair.

Oppure Yazeed Al Halabi, che era il rappresentante del LCC nel sobborgo di Aleppo di Bza’a, si è unito al gruppo dello Stato Islamico dopo un anno dall’occupazione della sua città natale. Durante il lavaggio del cervello, Yazeed ci ha inviato messaggi per dirci quanto ci amava e ha pregato che Allah ci guidasse sulla strada giusta. È stato surreale vedere i video sul suo canale YouTube delle campagne del LCC che chiedevano l’unità dopo che aveva cambiato la sua immagine del profilo con la bandiera del gruppo dello Stato Islamico.

Secondo Ola, è stato ucciso mentre combatteva con loro. Non sappiamo se stesse combattendo il regime o i ribelli.

Altri sono scomparsi, come il giornalista Jihad Jamal, che conoscevamo come Milan, da quando era stato arrestato nel marzo 2012. Il Comitato per la protezione dei giornalisti ha confermato lo scorso anno che è morto sotto la custodia del governo. Il suo certificato di morte ha dichiarato che era morto nel 2016.

Nazem Hamadi, Razan Zaitouneh e suo marito Wael Hamada, che conoscevamo come Jalal, erano figure di spicco del LCC e sono stati rapiti in un sobborgo di Damasco nel dicembre 2013 da militanti che si crede appartengano alla milizia dell’Esercito dell’Islam. Da allora non sono più stati visti.

Oltre ai conflitti di identità secolari che hanno iniziato ad acuirsi, c’è stato un conflitto arabo-curdo che ha intrappolato alcuni membri nazionalisti. Ha anche fatto sì che molte figure, principalmente curde, si allontanassero dal LCC e si rifiutassero di essere associate ad esso.

Molti membri se ne andarono disperati e decisero di tornare ai vecchi affari o iniziare nuove attività non legate alla Siria. Alcune pagine web appartenenti al tansiqiat sono diventate spot pubblicitari, i servizi pubblicitari forniti in quelle città.

E c’è chi se ne è andato perché non c’era più niente da fare, come Souri Muftakher (“fiero siriano”), che era un rappresentante del LCC a Daraa. Ho appreso solo mentre scrivevo questo pezzo che si chiamava Alaa Al Fakeer e che è stato sfollato con la forza dalla sua città e ora è un rifugiato in Francia.

E infine, c’è chi ha continuato a essere attivo nelle organizzazioni della società civile, come Mazen, presidente del Syrian Center for Media and Freedom of Expression. Ola è un project manager con The Day After, una CSO per la giustizia di transizione, e Mohammad Al Abdallah è il direttore esecutivo del Syria Justice and Accountability Center. C’è anche Orwa Nyrabia, che ora è il direttore artistico dell’International Documentary Film Festival Amsterdam (IDFA).

Sebbene l’organizzazione di base sia sostanzialmente svanita un paio di anni fa, due dei suoi progetti sono ancora in corso dopo essere sopravvissuti a molti intoppi. Il primo è il Centro di documentazione sulle violazioni, che è iniziato come un foglio Excel prima di svilupparsi in un progetto diverso e più grande e poi in un’organizzazione in piena regola.

Il secondo è Rising for Freedom, una rivista che ha adottato un approccio politico non violento nell’affrontare le preoccupazioni dei cittadini siriani e promuovere i valori dei diritti umani e l’equità di genere. La rivista è stata lanciata nel 2012 ma ha subito alcune interruzioni, tra cui una sospensione di due anni, dopo che il suo ufficio nella Ghouta orientale è stato preso di mira dall’apparato di sicurezza dell’Esercito dell’Islam. La milizia l’ha bandito; ha riaperto un paio di mesi fa.

Il tribunale locale ha accusato la rivista di diffamare l’immagine di Dio e di ferire i sentimenti dei musulmani in Siria e successivamente ha vietato la distribuzione della rivista. L’Esercito dell’Islam controllava il tribunale che ha confermato questa sentenza. Nella sentenza scritta del tribunale, il giudice ha citato un articolo tratto da una legge sulle pubblicazioni del Kuwait per giustificare la sua condanna.

Laila Al Safadi, allora redattore capo della rivista, mi ha detto: “Siamo tornati ora a un numero mensile, ma solo elettronicamente poiché la maggior parte di quelle aree in cui stavamo distribuendo le nostre copie sono tornate sotto il controllo del primo repressore, che è il regime “.

Laila è stata attiva con il LCC sin dall’inizio e ha coordinato molti attivisti sotto il suo ombrello sulle alture del Golan, dove ha sede.

Durante i suoi anni di attività, il LCC ha ottenuto finanziamenti dai governi francese e statunitense, e il denaro era destinato principalmente a coprire il lavoro di aiuto umanitario che i comitati stavano svolgendo. Nonostante fosse uno dei gruppi di opposizione più grandi e meglio organizzati all’interno della Siria, il LCC ha ricevuto la minor quantità di finanziamenti esterni, forse perché c’era un’affiliazione religiosa. Ad esempio, il LCC non ha ricevuto fondi dal Qatar, che ha scelto di sostenere la Commissione generale della rivoluzione siriana (SRGC), una seconda coalizione rivoluzionaria di oltre 40 gruppi di opposizione all’interno e all’esterno della Siria.

La SRGC è stata istituita nell’agosto 2011 e ha riunito persone con ideologie e background diversi, come Suhair al-Atassi e Mohammad Alloush, che erano entrambi membri del suo ufficio politico.

Suhair al-Atassi è un’attivista politica laica laureata in letteratura e istruzione francese presso l’Università di Damasco. Era stata una delle tante donne schiette apparse in Siria nel primo decennio del 21 ° secolo e si è mostrata durante i preparativi per la rivoluzione siriana, così come durante la rivolta.

Mohammad Alloush, invece, si è laureato all’Università islamica di Madinah con un master in scienze bancarie presso il dipartimento di studi islamici dell’Università islamica di Beirut. Con suo fratello Zahran, ha fondato l’Esercito dell’Islam ed è stato un membro di spicco nell’ufficio politico di questo esercito; lo stesso esercito che rapì i leader del LCC, ne attaccò gli uffici e ne bandì la rivista.

Sono sempre state le figure pubbliche laiche o che non si sono dipinte apertamente come islamiche ad affrontare feroci campagne di omicidio di personaggi sui social media negli ultimi dieci anni di guerra. Questi omicidi avrebbero potuto svilupparsi se un attivista non avesse condannato il regime negli stessi termini malvagi che ci si aspettava da esponenti dell’opposizione arrabbiati e avrebbe potuto assumere la forma di un’immagine trapelata, ad esempio di un’attivista che indossa un costume da bagno sulla spiaggia.

Altre miriadi di accuse infondate venivano spesso rivolte a questi attivisti laici che facevano parte della rivoluzione nascente. Questi includono appropriazione indebita di fondi, abuso di potere, scrivere rapporti dannosi su altri attivisti alle autorità, sia al regime, all’opposizione, alle ambasciate o ai governi delle zone vicine e così via.

“In un conflitto così complicato come il nostro, è normale che tale distruzione avvenga a tutti i livelli”, ha detto Mazen. “Qualsiasi comunità nella nostra situazione avrebbe ottenuto gli stessi risultati di settarismo, divisione, razzismo, lealtà alle ideologie e ad altri paesi, quindi tutto ciò che stiamo attraversando è normale”.

Nessuno di quelli percepiti e apprezzati come eroi all’inizio della rivolta, che sono ancora vivi e fuori dalla detenzione, sono considerati legittimi, fidati o apprezzati ora. Nel regno dell’opposizione frammentata e fratturata della Siria, si lotta con sforzi incessanti per screditarli e minare la loro eredità. A un decennio dall’inizio della rivoluzione che hanno contribuito a innescare, sono dispersi,disuniti, il loro movimento è senza leader. Il regime non avrebbe potuto fare un lavoro migliore nel rompere i vari aspetti del movimento pacifico siriano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...