No! Idlib non è un “enclave terrorista”

Articolo del 24 settembre 2018 di Sina Zekavat, pubblicato su Mangal Media

Traduzione di Giovanna De Luca

5B593ADC-3477-410A-8AE2-BC7A45E9E12D

Foto Anas Alshami 

Mentre la Turchia e la Russia avanzano verso l’implementazione di una “zona di de-militarizzazione” di 15-20 chilometri tra Idlib e le aree circostanti detenute dal regime, i media tradizionali e le forze dello status quo sono decisi a considerare Idlib come un’ “enclave terrorista” mentre le persone all’interno di Idlib sono  determinate a spazzare via quest’immagine falsa e pericolosa.

Giorni dopo la ripresa dei bombardamenti aerei  su Idlib parte della Russia e del regime di Assad, la deputata democratica Tulsi Gabbard ha definito Idlib una “roccaforte di Al Qaeda” in un video messaggio pubblicato sul suo account Twitter.  Nello stesso tweet, ha definito Idlib una “città controllata da Al Qaeda”.  Una settimana dopo, durante un discorso rivolto ai membri del Congresso degli Stati Uniti, affermava che a Idlib c’erano “tra 20.000 e 40.000 membri di al-Qaida e altri jihadisti”, un numero che supera ampiamente le cifre riportate dalle Nazioni Unite e persino dalle  piattaforme di propaganda pro-regime.

David Duke, l’ex leader del Ku Klux Klan (e sostenitore di Trump e Gabbard) ha anche twittato a sostegno della Russia e del bombardamento di Idlb da parte di Assad.  Affermava che era per “proteggere i bambini di Idlib”, sottintendendo che quei bambini, presi di mira da Assad e dagli attacchi aerei russi sono “falsi attori della crisi” e meritevoli di morte, perché colpevoli di aver creato disinformazione presso il pubblico americano.

Vijay Prashad, un eminente accademico nei circoli della sinistra, si è unito al coro proponendo ritratti pericolosi e stereotipati di Idlib.  Nel suo ultimo articolo(link non disponibile ndt) Prashad scrive che è “intollerabile per il governo di Damasco permettere che ci sia un’enclave di ribelli di al-Qaeda all’interno del paese – ed è per questo che la battaglia principale deve essere lì, a Idlib”. Chiama la campagna militare contro  Idlib di Assad e dei suoi alleati, “brutta” ma “inevitabile”.  Dopo aver normalizzato questo orribile scenario, Prashad termina il suo pezzo consigliando a tutti quelli che sono ad Idlib di “mettere sul tavolo un accordo prima che inizi il terribile massacro.  Questo bombardamento non è il primo colpo nella battaglia finale, ma l’ultimo tentativo di negoziazione. “

Idlib come spazio di lotta per la sicurezza e l’auto-determinazione

Totalmente assente dall’immagine di Idlib presentata da Gabbard, Duke, Prashad e molti altri è la presenza di oltre 3 milioni di civili (circa 1 milione di bambini secondo l’UNICEF) intrappolati tra il confine militarizzato della Turchia e le aree controllate dal regime.  Secondo quanto riferito, 1,5 milioni di questa popolazione è composta da persone sfollate forzatamente dalla Ghouta orientale, da Aleppo e da altre zone della Siria.  Queste aree sono state occupate dal regime di Assad, dalla Russia, dall’Iran e da Hezbollah attraverso una barbara campagna di attacchi aerei, assedi, insediamenti e sfollamenti forzati.  Ma al di là di questa catastrofica situazione umanitaria, la provincia di Idlib è anche sede di un centinaia di resilienti organizzazioni della società civile e consigli locali che sono stati istituiti durante la rivoluzione.  Negli ultimi 8 anni, questa rete civile di base è stata in prima linea  nello sfidare le politiche settarie, repressive ed egemoniche di entrambi i gruppi estremisti salafiti, nonché del regime di Assad. Come riporta Leila Al Shami :

“Ci sono oltre 150 consigli locali nella provincia di Idlib, molti dei quali hanno eletto democraticamente i loro membri in quelle che sono state le  prime elezioni durante i quarant’anni di governo di Assad … L’esistenza di gruppi militanti estremisti nella provincia di Idlib è la giustificazione data dal  regime e dal suo alleato russo per continuare il loro assalto aereo. Eppure sono proprio questi attacchi aerei, che di solito colpiscono aree residenziali e infrastrutture civili vitali, e che mutilano e uccidono uomini, donne e bambini, a creare il caos e la disperazione in cui prosperano i gruppi estremisti.

La presenza di tali gruppi fornisce anche la motivazione per il ritiro dei finanziamenti dei donatori alle organizzazioni della società civile per timore che possano finire nelle mani sbagliate.  Tuttavia, la resistenza all’estremismo arriva con maggior successo dalle comunità locali che hanno forti reti nella società civile e, le donne i cui diritti sono maggiormente minacciati, vi partecipano attivamente. Una seria politica anti-estremista richiederebbe la fine del bombardamento di civili, rifornimento di fondi e sostegno per i gruppi delle donne della società civile “.

Lontano dall’essere un’ “enclave di Al-Qaeda”, Idlib è attualmente al centro di una complessa rete di interessi politici in competizione, con attori che vanno dagli stati nazione imperialisti alle milizie reazionarie e una fragile ma resiliente rete di organizzazioni della società civile.  In una recente dichiarazione collettiva firmata da più di 20 organizzazioni locali della società civile, Idlib è stata descritta come un potenziale “nucleo di una nuova Siria libera dal volto della tirannia e dell’estremismo”.

I popolari raduni contro la guerra di Idlib

Assente dalle analisi di Gabbard, Duke e Prashad sono le popolari e pacifiche manifestazioni di massa contro la guerra, la dittatura e l’estremismo che si sono svolte ogni venerdì nelle ultime tre settimane.  Ogni manifestazione è stata organizzata secondo uno specifico slogan popolare.  La prima, del 7 settembre(2018 ndt)è stata organizzata con lo slogan di # خيارنا_المقاومة(“La resistenza è la nostra scelta”), la seconda del 14 settembre (2019 ndr)con lo slogan di # لا_بديل_عن_إسقاط_النظام(“Nessuna alternativa alla caduta del regime “), E l’ultima il 28 (settembre 2018 ndr)# نظام_الأسد_مصدر_الإرهاب” (il regime di Assad è la fonte di tutto il terrorismo “).  In due occasioni il gruppo salafita Tahrir al-Sham (HTS) ha attaccato le proteste popolari con pistole, tentando di porre fine ai raduni disperdendo la folla, ma le persone sono rimaste unite e hanno risposto con lo slogan “questo è Idlib! Regime e teppisti, andate via”.

Migliaia di uomini e donne di tutte le età hanno preso parte a queste manifestazioni popolari con insegne e cartelloni fatti a mano di eccezionale bellezza ed espressività.  Molti dei segni di protesta si sono concentrati sulla falsa rappresentazione dei media di Idlib descritta come “enclave terrorista”, l’immagine irresponsabile e riduzionista che la maggior parte degli esperti occidentali e dei politici di ogni estrazione politica hanno continuato a diffondere.  “Vogliamo la libertà, non siamo terroristi”. Uno indicava: “Questa è la nostra terra, non andremo via”, sono state anche scambiate lettere di solidarietà(link non trovato ndt) tra le manifestazioni di Idlib e la Marcia di Ritorno settimanale di Gaza.

Malcolm X, razzializzazione e “guerra al terrore”

È ironico che Gabbard[1], Duke, Prashad e molti altri che apparentemente si oppongono alla guerra senza fine di Israele contro i palestinesi (o alle guerre senza fine dell’America attraverso  MENA) adottino cinicamente e ripetano il discorso disumanizzante e anti-musulmano di Israele di “roccaforte di terroristi “, “scudi umani “e” diritto all’autodifesa “del regime locale.  Queste sono le stesse terminologie che il regime israeliano ha promosso nei media mainstream per giustificare il suo bombardamento di scuole, ospedali e mercati nei quartieri residenziali di Gaza e in Cisgiordania.

Tuttavia, questa retorica mediatica letale e armata precede la sistematica cancellazione israeliana dei palestinesi.  Questa terminologia è un cimelio dell’arsenale coloniale.  Nel suo discorso del 1964 all’ Unione degli Studenti dell’Università di Oxford, Malcolm X affrontò in modo approfondito questo storico fenomeno:

“Se guardi indietro alla storia delle diverse guerre, ogni volta che un paese vuole entrare ingiustamente e invadere la proprietà di qualcun altro, usa la stampa per far sembrare che l’area che sta per invadere sia piena di selvaggi,  o piena di persone che sono impazzite, o stanno stuprando donne bianche, molestando suore, usano la stessa vecchia tattica anno dopo anno … I poteri che usano la stampa per creare un’immagine angelica del diavolo e far sembrare un diavolo colui che è davvero angelico. Fanno si che l’oppressione e lo sfruttamento e la guerra in realtà assomiglino ad atti di umanitarismo … di nuovo attraverso la manipolazione delle immagini. Quando vogliono che pensiate a una certa area o ad un certo gruppo coinvolto in azioni di estremismo, la prima cosa che fanno è proiettare su quella persona l’immagine di un estremista “.

Attraverso le sue osservazioni e analisi anti-autoritarie, Malcolm X ha decostruito gli stessi meccanismi di rappresentazione che consentono il terrore sistematico e la cancellazione delle comunità di colore nere e non nere, sia all’interno che all’esterno degli Stati Uniti.  Il discorso sulla “guerra al terrore” che il regime di Assad e molti altri stati autoritari utilizzano oggi, è semplicemente la continuazione e la globalizzazione del meccanismo americano di rappresentazione della razza.

La retorica della cancellazione degli abitanti locali e il ritratto di qualsiasi geografia, che si tratti di Idlib, Aleppo, Afrin, Gaza, Kashmir, Hodeida o Ferguson come “enclave estremista” (o “cuore di Al Qaeda” come preferiscono Max Blumenthal e Ben Norton) è  la continuazione della secolare storia della violenza rappresentativa suprematista, colonialista e imperialista bianca.  Una forma di violenza che utilizza l’islamofobia, la stereotipizzazione, la razzializzazione e l’omogeneizzazione al fine di produrre immagini criminalizzate di un intero territorio e dei suoi abitanti, per preparare un totale sterminio.  Possiamo resistere a tali immagini violente, riduttive e odiose dando voce alle comunità civili resilienti che lottano per la sicurezza collettiva, la dignità e l’autodeterminazione.

[1] Nonostante abbia ricevuto fondi da lobby  filo-israeliane  e anche appoggio da personalità religiose filo-israeliane di destra come il rabbino Shmuley Boteach, Gabbard ha cercato di ottenere punti extra “progressisti” sfruttando la lotta palestinese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...