Il problema con i miti di sinistra riguardo la Siria

scritto da Loubna Mrie tradotto da Rina Coppola

f880dc8808764bd5b6e0553b4e85f5e5_18

Perché le voci di sinistra giustificano ancora i bombardamenti indiscriminati del regime siriano nella Ghouta orientale?

Mentre il bilancio, nel sobborgo della Ghouta orientale di Damasco, ha raggiunto quasi 700 vittime in due settimane e continua a salire, molte cosiddette voci progressiste continuano a giustificare la carneficina. Molti sono profondamente convinti che il regime stia combattendo al-Qaeda – che usa i civili come scudi umani nella Ghouta orientale – quindi le centinaia di morti non sono in realtà causate del regime.

Un gran numero di persone di sinistra in Occidente e in Medio Oriente si sono bevute per anni la propaganda del regime. Dall’accademico australiano Tim Anderson, che ha affermato che Bashar al-Assad non sia coinvolto in massacri di civili ed è semplicemente demonizzato dall’imperialismo occidentale, ai giornalisti britannici e statunitensi Robert Fisk e Seymour Hersh che sostengono che il regime non abbia mai usato armi chimiche nei vari attacchi contro i civili. Le figure pubbliche di sinistra continuano a credere che la dittatura di Assad sia un bastione anti-imperialista nella regione e debba essere sostenuto.

Rifiutano di accettare che oltre 500.000 persone siano state uccise durante la guerra, la stragrande maggioranza dal regime, che, a differenza dei ribelli, possiede e usa indiscriminatamente la forza aerea (compresi i barili bomba, notoriamente distruttivi, lanciati dagli elicotteri).

Sebbene ci siano ragioni storiche per questi malintesi da parte di ampie sezioni della sinistra, nel mezzo dell’attuale atroce distruzione e della perdita di vite umane in Siria, loro sono semplicemente imperdonabili.

Per me, è inconcepibile che chi ha difeso la giustizia sociale e i diritti umani in tutto il mondo continui a sostenere un regime che ha sfruttato la sua popolazione economicamente e torturato e ucciso civili innocenti nei modi più orrendi.

Da quando sono fuggita dalla Siria nel 2014, ho sentito ripetere due comuni miti di sinistra riguardo ciò che sta accadendo nel mio paese. Voglio illustrarli entrambi di seguito.

È un complotto di cambio di regime contro un governo legittimo.

Molte persone che non hanno seguito la Siria nel 2011 e nel 2012 potrebbero non rendersi conto che l’attuale conflitto è iniziato con una vera rivolta nel paese. Nel marzo 2011, i siriani, inclusa la sottoscritta, si sono uniti alla primavera araba e avevamo tutte le ragioni per farlo.

Abbiamo sognato cambiamenti politici e socio-economici, elezioni giuste e uno stato che rispettasse noi e i nostri diritti. E nessuno può dirci, specialmente nessuno dal “mondo libero”, che la nostra rivolta non fosse giustificata.

L’attuale presidente, Bashar Al-Assad, è salito al potere nel 2000. No, non attraverso elezioni o persino consultazioni con partiti o consenso di leader comunitari e religiosi. Semplicemente “ha ereditato il trono” da suo padre, Hafez, dopo la sua morte. Anche Hafez non era srato eletto: arrivò al potere nel 1970 con un colpo di stato militare. I siriani della mia età e le tre generazioni più grandi di me non hanno mai votato nella loro vita adulta. L’unica cosa che ho votato è stata “Arab Idol”.

La Siria della mia infanzia era uno stato di polizia repressivo. Sono cresciuta credendo che i muri avessero orecchie e che non si potesse criticare il regime, neppure a casa propria.

Nelle scuole, venivamo sottoposti al lavaggio del cervello ogni giorno. Ho frequentato le scuole baathiste, dove il ritratto del presidente adornava ogni muro. Durante il saluto alla bandiera ogni mattina, chiedevamo l’immortalità di Hafez al-Assad prima di andare in classe. Dovevamo memorizzare le canzoni, lodando il Partito Baathista e recitare i suoi discorsi. Lui era il nostro capo e padre. Quando Hafez è morto nel 2000, avevo 9 anni. Ho pianto perché la persona che mi dicevano sempre essere immortale era morta come un normale umano.

Il paese apparteneva alla famiglia Assad. Non puoi fare affari senza passare da loro. I parenti e gli stretti collaboratori di Assad avevano il controllo diretto su tutte le licenze di importazione e i contratti governativi. Il cugino di Bashar, Rami Makhlouf, è l’uomo più ricco in Siria. Makhlouf controlla la principale compagnia di telefonia mobile, i canali TV, i giornali pro-governativi ed era solito controllare l’industria petrolifera e del gas del paese prima della guerra.

Prima del 2011 non erano consentite attività politiche, nella misura in cui persino partecipare a riunioni politiche poteva farti imprigionare e torturare per anni. Dopo la breve “primavera di Damasco” nei primi anni 2000, dove osavamo sperare che le cose cambiassero sotto Bashar, e il successivo giro di vite, ci siamo resi conto che sarebbe stato proprio come suo padre.

Lui si è rivelato essere addirittura peggiore.

Così, nel marzo 2011, quando abbiamo visto tunisini ed egiziani ribellarsi e far cadere i loro dittatori, abbiamo pensato che avremmo potuto anche noi chiedere un cambiamento. Nonostante tutta la repressione e la propaganda istituzionalizzata, i siriani continuarono a correre il rischio e a scendere nelle strade. Persone di ogni ceto sociale e background hanno aderito alle proteste: cristiani, drusi, musulmani, sunniti, alawiti, ismailiti, palestinesi, circassi, ecc. Giovani, anziani e donne hanno chiesto il cambiamento.

Sapevamo che il prezzo per il cambiamento sarebbe stato alto, ma non avevamo idea che sarebbe stato tanto alto. I manifestanti sono stati uccisi con vere munizioni . Ho perso molti dei miei amici, hanno sparato anche a me. Ho visto persone essere colpite alle spalle dai cecchini e dalla polizia. La gente ha cominciato a sparire in massa, per non tornare mai più; alcuni sono stati riconsegnati ​​alle famiglie,morti dopo gli arresti. Ed è in quel momento che Bashar ha perso qualsiasi piccola legittimità che avrebbe potuto avere come dittatore.

Quindi no, questo non è un cambio di regime imposto dall’Occidente. Questa è una rivolta contro un dittatore illegittimo. Abbiamo avuto e abbiamo ancora tutte le ragioni per chiedere un cambiamento.

Non ci riguardava dove gli Stati Uniti si sarebbero posti in relazione alla nostra lotta. Il cambio di regime quando è richiesto dalle persone, che hanno sofferto sotto l’autoritarismo, è legittimo. Il fatto che i vari poteri, come gli Stati Uniti e i loro alleati nel Golfo e in Turchia, siano stati coinvolti nel conflitto (e di fatto, militarizzato) non delegittima la nostra lotta. E ci aspettiamo che i movimenti di sinistra internazionale ci sostengano e che non ci ignorino o si prendano gioco di noi.

I Jihadisti si nascondono nella Ghouta. Il regime siriano sta combattendo contro di loro.

Come in ogni conflitto caotico, la radicalizzazione ha trovato terreno fertile nella lotta siriana. Quando le persone sono esposte a tremende pressioni e ingiustizie, tragicamente alcune si radicalizzano.

Il fatto che ci siano alcuni che hanno intrapreso un percorso più radicale negli ultimi sette anni, non significa che tutti coloro che sono anti-Assad siano anche terroristi.

In Siria – in particolare in Ghouta – abbiamo gruppi armati come Jaish-al Islam e Failaq al Rahman, Ahrar al-Sham, Hay’et Tahrir al-Sham (che ha una presenza molto ridotta, nonostante ciò che Assad potrebbe farvi credere) e altri – tutti i quali hanno commesso violazioni dei diritti umani.

Tuttavia, questo non significa che la Ghouta sia popolata da terroristi. Moltissimi siriani, non solo a Ghouta ma anche nelle zone ribelli, hanno resistito all’estremismo e all’oppressione da ogni parte. Un buon esempio sono gli attivisti Razan Zeytouneh e Samira al-Khalil, nella Ghouta orientale, che stavano documentando violazioni commesse da tutte le parti coinvolte, per le quali sono state minacciate sia dal regime che dai gruppi armati nella zona. Sono state rapite a dicembre 2013 e da allora non sono più state viste; le loro famiglie hanno ritenuto responsabile Jaish al-Islam.

Quindi sì, ci sono state violazioni da parte dei gruppi armati, e sì, hanno anche bombardato aree civili a Damasco. Ma guardando gli abusi di una sola parte, non cogliete il punto: in primo luogo, la popolazione generale nella Ghouta orientale – che soffre di più – non sta combattendo; due, il regime sta uccidendo su larga scala. Il bombardamento da parte dei ribelli ha ucciso 64 civili a febbraio in tutta la Siria, mentre i bombardamenti di regime hanno ucciso 852. Anche il regime ha arrestato, fatto sparire, torturato e giustiziato decine di migliaia di persone.

E le accuse russe secondo le quali i gruppi armati tengano prigionieri i civili come scudi umani suonano fin troppo familiari. Ogni volta che gli israeliani bombardano Gaza, cadono nella stessa narrativa; anche quei 1500 civili che morirono nell’estate del 2014 erano tutte “vittime degli scudi umani”. Anche gli Stati Uniti hanno detto lo stesso riguardo alle quasi 1.000 persone che hanno perso la vita durante l’offensiva su Raqqa. 
Arabia Saudita, Qatar, Turchia, Stati Uniti e Israele sono tutti coinvolti in questo conflitto, ma anche Russia e Iran. I gruppi ribelli hanno ucciso civili, e così anche il regime – su larga scala. Non puoi condannare i crimini di una parte senza condannare i crimini dell’altra e pensare ancora di essere un sostenitore della giustizia. 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...