Il conflitto siriano entra nel nono anno: c’è una generazione di bambini che non ha mai conosciuto la pace

Di Tracey Shelton.Pubblicato il 15 marzo 2019 su ABC

Traduzione di Giovanna De Luca

07E305E7-AB40-402C-952D-ABF768D3EDDA

FOTO Alcuni bambini siriani non sono mai stati a scuola, mentre altri hanno perso anni di studio.
REUTERS: ALA AL-FAQIR

Nonostante la mancanza di energia, i rifornimenti limitati e il suono occasionale di armi da fuoco lontane, i fratelli ridacchiavano felici mentre scherzavano e giocavano con i loro genitori all’interno di una dimora in pietra a Idlib, in Siria.

Punti Chiave

•Molti bambini siriani hanno vissuto la loro intera vita in zone assediate

•2,8 milioni di bambini siriani hanno perso tutto o una parte significativa della loro istruzione

•Gli effetti collaterali del trauma potrebbero includere problemi di attaccamento, di apprendimento e comportamentali che potrebbero durare per tutta la vita

“Certo che mi spavento quando c’è un bombardamento, ma mio padre e mia madre ci incoraggiano e sollevano il morale”, ha detto Fatma, che aveva sette anni quando è iniziata la rivolta il ​​15 marzo 2011.

B45BD7B5-0C02-4429-A4F2-C44A85578844

FOTO Fatma aveva sette anni quando è iniziato il conflitto in Siria, nella foto è con suo fratello Omar ABC NEWS: Tracey Shelton

Mentre la crisi siriana entra nel suo nono anno, ci sono milioni di bambini che non hanno mai conosciuto la pace.

I combattimenti hanno causato più di mezzo milione  di vittime e i bambini rappresentano circa un quarto di tutte le morti tra i civili, secondo l’agenzia l’UNICEF.

Molti altri sono stati feriti, sono stati testimoni della morte di familiari e amici, hanno visto le loro case distrutte, sono fuggiti a causa di un bombardamento, hanno sofferto malattie o malnutrizione.

“Sono i bambini del paese che hanno sofferto di più e che hanno più da perdere”, ha detto lunedì il direttore esecutivo dell’UNICEF, Henrietta Fore.

“Ogni giorno che il conflitto continua è un altro giorno rubato alla loro infanzia”.

Gli effetti psicologici possono essere profondi e duraturi, ma gli esperti dicono che i genitori possono giocare un ruolo chiave nel ridurre l’impatto del danno sui bambini all’interno di una zona di guerra.

Perdita e separazione  

676CCF27-03FC-43D2-BEAE-1DED8BFCDB2C

FOTO Il trauma nell’infanzia può inibire lo sviluppo del cervello, la funzione cognitiva e la capacità di apprendimento per il resto della vita di un bambino. REUTERS SAAD ABOBRAHIM

Lo psichiatra siriano Mohammad Abo-Hilal ha detto che i bambini in Siria stanno vivendo un trauma dovuto a più fattori, molti conoscono solo la vita in zone sotto assedio.

“Provano sentimenti di perdita e separazione, perdono il senso della coesione familiare e la vita della comunità che fornisce loro protezione e sicurezza”, ha detto ad ABC.

Ha detto che gli effetti collaterali possono includere intensa paura, problemi di attaccamento, possono portare a fare pipì a letto, riluttanza a giocare, difficoltà di apprendimento, problemi comportamentali ed emotivi e mancanza di autostima.

La neuroscienziata e psicologa infantile Stacy Drury ha aggiunto che il trauma nella prima infanzia può inibire lo sviluppo del cervello, la funzione cognitiva, i sistemi di risposta alle crisi di impatto, la capacità di apprendimento, i processi di invecchiamento e il sistema immunitario per il resto della vita di un bambino.

D011F789-1A07-43B1-817A-D1550CC29AE8

FOTO: Statistiche dell’Unicef ABC NEWS Jarrod Frankhauser e Tracey Shelton

Più piccolo è il bambino, maggiore è l’impatto, i bambini sotto i tre anni si trovano ad affrontare il rischio maggiore.

” Le esperienze sono quelli che avranno più impatto sul loro sviluppo”, ha detto ad ABC la Dr Drury, ricercatrice della Tulane University in Louisiana.

“Nei bambini piccoli, tutti i loro sistemi sono in via di sviluppo, quindi c’è un rischio molto maggiore di impatto sulla loro crescita “.

Ma Dr Drury ha detto che è importante notare che la resilienza varia drasticamente – alcuni bambini non sono significativamente influenzati da un’esperienza traumatica, mentre altri lo sono.

64A07B92-1611-4AFF-83E5-231D13D3110F

FOTO Ci sono 11,8 milioni di rifugiati, la metà sono bambini ABC NEWS Tracey Shelton

“Ho perso la mia educazione quando siamo fuggiti dalla Siria”

I combattimenti hanno provocato oltre 11,8 milioni di sfollati , più della metà dei quali bambini, secondo un rapporto del 2019 di World Vision.

Alcuni non sono mai stati a scuola, mentre altri hanno perso fino a otto anni di apprendimento, rendendo estremamente difficile il loro recupero.

“Non puoi mettere un bambino che manca da scuola da tanto tempo in un ambiente dove ci sono altri bambini della sua età [quando tornano a scuola] e aspettarti che facciano bene o che siano allo stesso livello degli altri “, ha detto Dr Drury.

“Hai bisogno di costruire non solo i blocchi di istruzione mancanti, ma anche quelli sociali ed emozionali, le interazioni tra pari -. Tutte queste cose rendono possibile l’apprendimento”

DA055DE9-F261-4F76-AC18-8011CB4A4D60

FOTO Alaa aveva nove anni quando la famiglia lasciò la loro casa ad Aleppo. SUPPLIED

Alaa al-Haj Hussain aveva nove anni quando la sua famiglia fuggì in Turchia per sfuggire ai combattimenti nel loro quartiere di Aleppo nel 2012.

“La parte più difficile sono state le dure condizioni di vita, e ho perso la mia educazione quando siamo fuggiti dalla Siria”, ha detto ad ABC.

Anche per coloro che sono riusciti a rimanere nelle loro case, l’istruzione è stata limitata poiché migliaia di scuole sono state costrette a chiudere.

4AE8C173-9390-43B1-8A78-B8EB19E88ED7

FOTO Alaa e la sua famiglia fecero la pericolosa traversata in mare verso l’Europa. SUPPLIED

 

La Global Coalition to Protect Education from Attack ha riferito l’anno scorso che il 63% delle scuole siriane sono state distrutte o danneggiate, mentre centinaia di altre sono state utilizzate come caserme militari, centri di detenzione o per ospitare famiglie di sfollati.

Ma le condizioni stanno lentamente migliorando.

Alcune scuole hanno riaperto quest’anno in aree in cui i combattimenti si sono placati  e molti studenti sfollati come Alaa – che ora vive con la sua famiglia in Svezia – sono riusciti a migrare verso paesi stabili e ricominciare la loro educazione, inclusi circa 4.350 studenti che ora vivono in Australia .

“È difficile dopo aver perso tre anni in Turchia e un anno in Svezia senza scuola – lontano da qualsiasi tipo di sistema educativo – e tornare a studiare”, ha detto Alaa, che ha compiuto 16 anni.

“Ciò che rende più facile le cose però, è il supporto che ottengo dalla mia famiglia e dagli insegnanti a scuola”.

“Ci sono ostacoli, ma la mia volontà è forte e riuscirò a superare questo.”

“Non puoi dire che non succederà niente di male”

ACDF675B-7EF1-449C-BC8F-369F3A10A9E2

FOTO I genitori possono contribuire a far sì che i bambini si sentano protetti, anche in momenti difficili. ABC NEWS Tracey Shelton

La Dr Drury si riferisce ai genitori come “l’ultima bolla protetta” nella quale i bambini si rifugiano dal caos della guerra.

“Sono assolutamente critici – probabilmente la parte più critica, soprattutto per i bambini piccoli”, ha detto, aggiungendo che il ruolo di caregiver potrebbe essere colmato da un altro adulto solidale.

I bambini hanno bisogno di una sensazione di sicurezza e di routine per svilupparsi, ha detto.

Mantenere la struttura, i pasti in famiglia, festeggiare le vacanze, ma anche mantenere le aspettative come le faccende domestiche e il tempo di studio “per mostrare che si pensa che siano capaci”, sono tutti modi in cui i genitori possono creare un “luogo sicuro” per i bambini all’interno della casa.

“In situazioni come questa non si può dire che non accadrà nulla di brutto”, ha affermato Dr Drury.

“Avere un piano di sicurezza non è solo pratico, ma dà ai bambini la sensazione che ci sia qualcosa che possono fare per affrontare questa paura imprevedibile.”

Questo include dove andare durante i raid aerei o gli scontri di strada.

‘Abbiamo capito la situazione in cui vivevamo’

Durante il culmine di una battaglia vicino alla sua città natale nel 2014, l’atmosfera nella casa di Fatma è rimasta calma e felice.

E298BBBE-4CD2-4995-BC89-8036D52E673A

FOTO Omar, Houda e Fatma giocano nella loro casa nel 2013. ABC NEWS Tracey Shelton

I rapporti all’interno della famiglia erano visibilmente forti, poiché i quattro fratelli giocavano e scherzavano insieme ai loro genitori, che mantenevano anche la struttura e l’educazione per i bambini, nonostante il caos che li circondava.

“Abbiamo capito la situazione in cui vivevamo e il bisogno di non portare ciò che stava accadendo fuori in casa e ai bambini”, ha detto il padre di Fatma ad ABC.

“Ecco perché l’atmosfera della casa era sempre gioiosa nonostante tutto il pericolo che li aspettava fuori.”

E87EF8C3-8B83-454B-8D66-18BE1D87BA46

FOTO Il fratello di Fatma mette una collana intorno al collo della sorella mentre giocano. Dice che la famiglia è ciò che l’ha mantenuto forte.ABC NEWS Tracey Shelton

Fatma ha ora 15 anni e la famiglia vive ancora all’interno di un’area contesa della Siria.

“La solidarietà della nostra famiglia allevia la paura nel mio cuore”, ha detto.

“L’atmosfera divertente che i miei genitori provano a creare in casa mi aiuta a diventare più forte.”

Ma in Siria anche gli adulti soffrono.

La Dr Drury ha detto che i “momenti di interazione di qualità” e “normalità” erano fondamentali, ma i genitori avevano anche bisogno di prendersi del tempo per se stessi.

“Va bene dire ai tuoi figli che sei turbato, spaventato, frustrato dalla situazione”, ha detto, aggiungendo che dire a un bambino che hai bisogno di “time out” ha fornito un modello sano per affrontare i sentimenti normali.

Il tentativo di nascondere i sentimenti potrebbe comportare il fatto che il bambino  “li interiorizzi e pensi di essere la causa del disagio”, accade in particolare si bambini più piccoli, ha affermato.

“Empowering survivors”: crescita post-traumatica.

5675725C-F5DB-4E66-B6F1-A123AA2A0059

FOTO Il dottor Abo Hilal tiene sessioni terapeutiche per bambini, singoli o in gruppo, in Siria. SUPPLIED SYRIA BRIGHT FUTURE

Il dott. Abo-Hilal, psichiatra, ha affermato che i programmi di trattamento devono concentrarsi su “potenziare i sopravvissuti” piuttosto che “sostenere le vittime”.

È fermamente convinto che il trauma possa essere incanalato in qualcosa di positivo, e lo ha fatto nella sua stessa vita.

All’inizio del conflitto, è stato arrestato e torturato in prigione per 70 giorni prima di fuggire in Giordania, lasciandosi alle spalle la sua pratica e le sue proprietà.

Di fronte alle difficoltà, il Dr Abo-Hilal ha iniziato a creare programmi per aiutare altri rifugiati, e in seguito ha co-fondato il Syria Bright Future, un’organizzazione che opera attualmente in Giordania, Turchia e Siria per aiutare nella guarigione psicologica le famiglie colpite dal conflitto.

“Cerchiamo sempre di non concentrarci solo sugli aspetti negativi [causati dal trauma], ma anche sui punti di forza e sulle risorse su cui costruire il bambino”, ha affermato.

Il gruppo gestisce una serie di programmi gratuiti, dalle sessioni di terapia personale alle attività di gruppo e alla formazione dei genitori.

“Affinché qualsiasi programma sia efficace, deve mirare ai genitori oltre ai bambini”, ha affermato.

Il ripristino della routine quotidiana dei bambini, inclusa l’educazione e le attività ricreative, è fondamentale, ha aggiunto.

I bambini imparano anche strategie per controllare “reazioni anormali correlate al PTSD” e per impegnarsi in attività comunitarie.

“Il supporto psicologico e la terapia aiutano i bambini a liberarsi dei loro sintomi ed a ripristinare le loro funzioni”, ha detto il dott. Abo-Hilal.

“Ciò significa che ripristinano il gioco e l’interazione con altri bambini migliorando il rendimento scolastico e la capacità di gestire meglio le proprie emozioni.”

6F28330A-A51E-4C09-A779-079CBF18CA58

FOTO La routine quotidiana, tra cui l’educazione e il gioco, sono fondamentali per lo sviluppo dei bambini piccoli. ABC NEWS Tracey Shelton

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...