Come i Caschi Bianchi siriani sono diventati vittime di una macchina di propaganda

La campagna mediatica sostenuta dalla Russia per collegare i soccorritori volontari con al-Qaeda espone le radici delle teorie della cospirazione: “È come una fabbrica”

SCRITTO DA OLIVIA SOLON TRADOTTO DA RINA COPPOLA

I soccorritori siriani volontari conosciuti come i Caschi Bianchi sono diventati l’obiettivo di una straordinaria campagna di disinformazione che li classifica come un’organizzazione terroristica legata ad Al Qaeda.

“The Guardian” ha scoperto come questa contro-narrativa è propagata online da una rete di attivisti anti-imperialisti, teorici della cospirazione e troll, con l’appoggio del governo russo (che fornisce sostegno militare al regime siriano).

I “White Helmets”, ufficialmente conosciuti come la Syria Civil Defense, è un’organizzazione umanitaria composta da 3.400 volontari – ex insegnanti, ingegneri, sarti e vigili del fuoco – che corrono a salvare gente dalle macerie quando le bombe piovono sui civili siriani. È stato attribuito loro il salvataggio di migliaia di civili durante la continua guerra civile del paese.

Hanno anche mostrato, attraverso filmati di prima mano (amatoriali), crimini di guerra tra i quali un attacco chimico ad Aprile.

Il loro lavoro è stato oggetto di un documentario Netflix vincitore di un Oscar e di due nomination al premio Nobel per la pace.

Nonostante questo riconoscimento internazionale positivo, c’è una contro-narrativa spinta da una rete di individui che scrivono per siti di notizie alternative contrastando l’agenda di MSM (Main Stream Media). Le loro opinioni si allineano con le posizioni della Siria e della Russia e attirano un enorme pubblico online, amplificato da personalità di alt-right di alto profilo, apparizioni sulla TV di stato russa e un esercito di bot su Twitter.

Il modo in cui la macchina di propaganda russa ha preso di mira i Caschi Bianchi è un case study accurato nelle guerre di informazione prevalenti. Espone solo come voci, teorie cospirative e mezze verità siano in balia degli algoritmi di ricerca di YouTube, Google e Twitter.

“Questo è il cuore della propaganda russa. Ai vecchi tempi avrebbero cercato di ritrarre l’Unione Sovietica come una società modello. Ora si tratta di confondere ogni problema con così tante narrazioni che le persone non possono riconoscere la verità quando la vedono”, ha detto David Patrikarakos, autore di War in 140 Personaggi: come i social media stanno rimodellando i conflitti nel 21° secolo.

(La prima pagina di risultati per “White Helmets” su Youtube mostra come le teorie della cospirazione sono in bolla ai motori di ricerca. Photo: Youtube)

GUERRA IBRIDA

La campagna per screditare i Caschi Bianchi è iniziata nello stesso periodo in cui la Russia ha messo in atto un intervento militare in Siria nel settembre 2015, sostenendo l’esercito del presidente Bashar al-Assad con attacchi aerei che bombardavano le aree detenute dall’opposizione. Quasi immediatamente, i media statali russi come RT e Sputnik hanno iniziato, erroneamente, a sostenere che l’ISIS fosse l’unico obiettivo e gettava dubbi sugli attentati alle infrastrutture e ai siti civili. La stessa macchina di propaganda raccolse attivisti anti-americani, blogger e ricercatori che credono che i Caschi Bianchi siano terroristi, dando loro una piattaforma sulla TV di stato e amplificando i loro articoli attraverso i social media. Non ci sono prove che suggeriscano che questi attivisti e blogger diffondano consapevolmente disinformazione, sebbene le storie siano spesso di provenienza limitata. Scott Lucas, professore di politica internazionale presso l’Università di Birmingham, descrive la campagna generale come “propaganda dell’agitazione”, ma ha affermato che alcuni dei suoi partecipanti non si rendono conto che vengono usati come pedine.

“La propaganda più efficace è quando trovi qualcuno che ci crede e poi dà loro il supporto – non li crei da zero”

Perchè i Caschi Bianchi?

I Caschi Bianchi svolgono due ruoli in Siria. Il primo è il loro lavoro di soccorso: fornire un servizio di ambulanza, vigili del fuoco e ricerca e soccorso in aree di conflitto in cui le infrastrutture sono state decimate. Il secondo ruolo è la documentazione di ciò che sta avvenendo all’interno del paese tramite videocamere portatili e da casco.

“Questa è la cosa che ha infastidito non solo il regime di Assad e le autorità russe, ma molti propagandisti che vivono nella loro orbita” ha detto Kristian Benedict, manager di Amnesty International, responsabile delle crisi e specializzato in Siria.

Il loro filmato ha aiutato organizzazioni come Amnesty e il Centro per la giustizia e la responsabilità in Siria a confermare le testimonianze ricevute dalle persone in Siria via telefono, Skype e WhatsApp. Permette loro di verificare le conseguenze dei raid aerei per vedere se i civili sono stati presi di mira e se ci sono stati presenze o checkpoint militari.

“Questo è stato davvero dannoso per la narrativa di guerra di Siria e Russia”, ha detto Benedict.

(Raed Al – Saleh capo dei “White Helmets”)

È stato il filmato dei White Helmets a documentare l’attacco chimico a Khan Sheikhoun in aprile, che uccise almeno 83 persone, un terzo dei quali bambini. In seguito, gli investigatori dei crimini di guerra delle Nazioni Unite hanno concluso che l’attacco è stato eseguito dal regime siriano contro il suo stesso popolo.

I media statali russi e una rete di siti di notizie alternative di supporto continuano a mettere in dubbio i risultati degli investigatori, descrivendoli come “illogici” e “deliberatamente messi in scena” dai militanti. https://www.rt.com/news/399848-syrian-chemical-probe-shaykhun/

Il sito di alt-right “Info Wars”, ha ripetuto la teoria del complotto, sostenendo che l’attacco fosse staro messo in scena dai White Helmets, che sono stati descritti come un “gruppo affiliato di al-Qaida finanziato da George Soros“. https://www.infowars.com/report-soros-linked-group-behind-chemical-attack-in-syria/

I White Helmets non hanno mai ricevuto finanziamenti da George Soros o da nessuna delle sue fondazioni.

Alcuni degli scettici più influenti delle indagini dell’ONU comprendono la blogger Vanessa Beeley, figlia di un ex diplomatico britannico che ha visitato la Siria per la prima volta a luglio 2016; un docente universitario dell’Università di Sidney, Timothy Anderson, che ha descritto l’attacco chimico di aprile come una “bufala”; e Eva Bartlett, una scrittrice e attivista canadese che ha detto che i White Helmets hanno messo in scena salvataggi usando vittime riciclate – un reclamo che è stato sfatato da Snopes e Channel 4 News.

“Stanno praticamente scusando l’imperdonabile”, ha detto Lucas.

“Hanno una vasta gamma di siti web che pubblicheranno qualsiasi assurdità e Russia Today li avrà in TV”, ha aggiunto. La strategia russa ha avuto molto successo nel plasmare la conversazione online sugli elmetti bianchi. Giocando gli algoritmi dei social media con una marea di contenuti, potenziati da bot, account di burattini e una rete di agitatori, i propagandisti sono in grado di creare un “consenso costruito” che conferisce legittimità a visioni marginali.

Anche i canali ufficiali della Russia, come i suoi account Twitter dell’ambasciata del Regno Unito, postano memo che screditano l’organizzazione.

(Immagine usata da @RussianEmbassy su Twitter per screditare la difesa civile siriana dopo la vittoria agli Oscar.)

“Se si scorrono i tweet sui White Helmets, praticamente ogni conversazione li identifica con ISIS, definendoli terroristi. Sembra che siano i cattivi”, ha detto Sam Woolley, che studia propaganda computazionale all’Università di Oxford. “Fa tutto parte dello sforzo di delegittimare gli sforzi occidentali per stabilizzare la Siria”, ha affermato. La sua collega Samantha Bradshaw aggiunge: “Più c’è confusione, più semplice è manipolare le persone”.

La ricerca che mostra il collegamento

The Guardian ha parlato con diversi ricercatori che hanno studiato la diffusione della disinformazione e della propaganda online che hanno trovato prove di una campagna di influenza russa mirata contro i Caschi Bianchi.

Fil Menczer, un professore di informatica alla Indiana University, ha sviluppato uno strumento chiamato Hoaxy per tracciare la diffusione della disinformazione online. La ricerca dei “Caschi Bianchi” rivela che una manciata di fonti ha generato centinaia di storie sull’organizzazione. “È come una fabbrica”, ha detto.

La stessa manciata di persone viene definita “esperta” in articoli che vengono riconfezionati e interconnessi per creare un corpo di contenuti le cui richieste di cospirazione ottengono una parvenza di legittimità.

La società di analisi Graphika ha trascorso anni ad analizzare una serie di campagne di disinformazione russa, comprese quelle relative alle fughe di Macron e allo scandalo del doping russo. Nella ricerca commissionata dal gruppo per i diritti umani, “The Syria Campaign”, è emerso che gli schemi nella rete online dei 14.000 utenti di Twitter che parlavano di White Helmets sembravano “molto simili” e includevano molti account troll pro-Cremlino noti, alcuni dei quali erano stati chiusi in relazione alle indagini sull’ingerenza russa nelle elezioni americane. Altri account sembravano generare più di 150 tweets al giorno (più di 70 sono visti da studiosi che studiano i bot come sospetti).

(Una mappa di “Graphica” che mostra le conversazioni online a proposito degli elemetti bianchi. Photo : Graphica)

Graphika ha anche trovato prove di coordinamento dei tempi e della messaggistica intorno a eventi significativi nel ciclo di notizie relativi ai Caschi bianchi. Separatamente, sia lo strumento Hoaxy di Graphika che quello di Menczer identificano Beeley, il blogger britannico, tra i più influenti divulgatori di contenuti sui Caschi Bianchi. Le loro scoperte sono anche in relazione con il lavoro svolto da Kate Starbird dell’Università di Washington a Seattle, il quale afferma che Beeley e il sito di notizie alternative 21st Century Wire hanno dominato la conversazione su Twitter dei White Helmets negli ultimi mesi, insieme a Sputnik e RT. com.

Beeley critica spesso i White Helmets nel suo ruolo di editore del sito web 21st Century Wire, creato da Patrick Henningsen, che è anche editore di Infowars.com.

Nel 2016, Beeley ha avuto un incontro di due ore con Assad a Damasco come parte di una delegazione del Consiglio di pace degli Stati Uniti, che ha descritto su Facebook come il suo “momento più orgoglioso“.

Fu anche invitata a Mosca per riferire sulla “sporca guerra in Siria”; lì, ha incontrato alti funzionari russi tra cui il vice ministro degli esteri Mikhail Bogdanov e Maria Zakharova, direttore dell’informazione e della stampa presso il ministero degli affari esteri della Russia.

LA MANNEQUIN CHALLENGE

Per comprendere la macchina della propaganda in azione, basterebbe solo osservare quello che è successo quando i White Helmets hanno pubblicato la loro versione della “Mannequin Challenge”, una tendenza virale di video su internet in cui le persone si filmavano da sole a metà azione. Il gruppo di soccorso si è filmato in un salvataggio graduale e ha condiviso il video sui social media con l’hashtag #MannequinChallenge.

Il video, pubblicato nel novembre 2016 dall’Ufficio stampa della Forza rivoluzionaria della Siria, è stato immediatamente privato del suo contesto e ricondiviso come prova che l’organizzazione usa “attori della crisi” in salvataggi programmati progettati per far sembrare cattivi gli eserciti russo e siriano.

(Immagini tratte dalla “Mannequin Challenge” messa in atto dai White Helmets https://youtu.be/3HCFol7g-FU)

Un utente di Twitter, ritwittato centinaia di volte, ha dichiarato: “Incredibile! Dovete guardare il video che mostra la falsificazione dei White Helmets.”

RT ha riferito dell’incidente, compresi alcuni dei tweet, e ha citato Beeley come ricercatore indipendente affermando che il video alimentava il sospetto sulla “già discutibile credibilità” dell’organizzazione.

Il giorno seguente Beeley ha scritto una storia su 21st Century Wire in cui sosteneva che il video causava “un diffuso dubbio, anche tra i sostenitori irriducibili, sulla veridicità dei loro report video chiari e molto modificati”.

I Caschi Bianchi in seguito hanno rilasciato delle scuse, dicendo che speravano che il video virale avrebbe creato una connessione tra l’horror o la Siria e il mondo esterno, ma ha riconosciuto che si trattava di un “errore di giudizio”.

“E ‘stata una cosa stupida da fare”, ha detto Eliot Higgins, fondatore del collettivo investigativo Bellingcat, “ma è stato poi completamente abusato da persone che hanno un agenda“.

Un anno dopo e il video di sfida dei manichini dei Caschi Bianchi è ancora ampiamente diffuso come prova che mettono in scena i salvataggi.

Tuttavia, ci sono stati attori canaglia isolati all’interno dei Caschi Bianchi che sono abituati a screditare l’intero gruppo. Un ex dei Caschi Bianchi è stato licenziato dopo che è stato filmato per assistere i militanti armati nello smaltimento dei cadaveri mutilati di combattenti pro-Assad, e altri sono stati fotografati con le pistole, nonostante si siano dichiarati disarmati.

Vi sono anche filmati di Caschi Bianchi che portano via un corpo da un’esecuzione eseguita da militanti ribelli, che i critici sostengono dimostra che stanno “assistendo” alle esecuzioni.

“Questi sono incidenti isolati a livello di volontari – non c’è mai stato nessun tipo di incidente che coinvolga nessuno nella leadership”, ha aggiunto al-Saleh, il capo dei Caschi Bianchi, guardando il suo telefono mentre riceveva una notifica di notizie su un britannico politico che si dimette per le accuse di molestie sessuali. “Nessuno sta dicendo che il governo del Regno Unito è un’organizzazione predatoria proprio a causa di questo incidente”.

Nel frattempo, l’influenza di Beeley continua. Nell’aprile 2017, ha tenuto un discorso in una conferenza a fianco dei ministri del gabinetto di Assad (che ha parlato tramite videoconferenza) intitolato “White Helmets: Fact or Fantasy?”. Il suo briefing e le diapositive sull’argomento sono state poi presentate al Consiglio di sicurezza dell’ONU e Assemblea generale delle Nazioni Unite dal governo russo come “prova” contro i caschi bianchi.

“Questi documenti trapelati offrono la prova schiacciante che il governo russo sta facendo il possibile per elevare Vanessa Beeley come protagonista nella sua campagna di propaganda”, ha detto James Sadri, direttore esecutivo della ”Syria Campaign”. “Una blogger per un sito Web di Truther dell’11 settembre che ha visitato la Siria per la prima volta lo scorso anno non dovrebbe essere preso sul serio come esperto imparziale del conflitto”.

Il Guardian ha contattato Beeley diverse volte chiedendo un commento e lei ha rifiutato di rispondere a domande specifiche, dicendo che le domande poste a lei erano “una vergogna” che conteneva “fatti non pertinenti e ricordano un interrogatorio McCartista”.

The Guardian ha anche contattato Eva Bartlett, che ha detto di non avere “alcun interesse a partecipare alla tua “storia chiaramente già decisa” (un termine strano per un giornalista da utilizzare per un articolo).

Poco dopo le richieste di commenti, Beeley è apparsa su un video YouTube di 40 minuti nel quale ha discusso le richieste via email per i commenti e ha criticato la copertura del The Guardian riguardo la Siria, riferendosi a “falsi rapporti” basati su filmati forniti da “affiliati di al-Qaida”, i caschi bianchi. Beeley disse che il “consenso della maggioranza” era che i White Helmets fossero un’organizzazione terroristica fraudolenta.

Articolo originale https://www.theguardian.com/world/2017/dec/18/syria-white-helmets-conspiracy-theories?CMP=Share_iOSApp_Other

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...